Home / Economia  / Gli impianti sciistici non riapriranno oggi

Gli impianti sciistici non riapriranno oggi

I lavoratori del mondo della montagna sono delusi e infuriati. Prima era arrivato l'ok per la ripartenza degli impianti sciistici fissata al 15 febbraio, poi tutto bloccato dallo stop dell'ultimo momento del ministro Speranza, fino

I lavoratori del mondo della montagna sono delusi e infuriati. Prima era arrivato l’ok per la ripartenza degli impianti sciistici fissata al 15 febbraio, poi tutto bloccato dallo stop dell’ultimo momento del ministro Speranza, fino al prossimo 5 marzo.

 

Per titolari di baite, rifugi, hotel e altre strutture, questo tira e molla è devastante. Tanto più che numerose strutture avevano già registrato le prime prenotazioni in questi giorni e si erano organizzati con il personale, in qualche caso anche richiamandolo dalla cassa integrazione, riscaldando gli ambienti e procurandosi quanto necessario per i proprio ospiti.

 

La riapertura era anche un segnale di speranza; questa ennesima proroga delle chiusura provoca invece un danno incalcolabile.

 

L’unica magra consolazione è che, considerando la mole di neve caduta, una volta riaperto si prevede di poter lavorare fino a Pasqua, cercando di recuperare una minima parte degli incassi persi.

Questo giornale è gratuito ma, se vuoi, puoi sostenerlo donando un piccolo contributo di 1 euro al mese, impostando un pagamento periodico a questo link.

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni