Italia MondoSaluteSlide-mainSociale

Giornata mondiale del Sorriso: 190mila sorrisi donati grazie alla Fondazione Dottor Sorriso

3 minuti di lettura

Straumann Group e Fondazione Dottor Sorriso donano sorrisi e cure ai bambini fragili. Oltre 190.000 sorrisi, 72 ore di terapia del sorriso e 2.100 bambini visitati nelle strutture ospedaliere italiane grazie all’iniziativa “Un sorriso vale doppio”.

L’attenzione verso il prossimo e i piccoli gesti solidali possono avere un impatto importante, specialmente sulla vita dei più deboli. A ricordarlo, in occasione della Giornata mondiale del volontariato è Straumann Group – leader globale nell’implantologia e nelle soluzioni ortodontiche che ripristinano il sorriso e la fiducia – che all’inizio del 2022, nell’ambito del progetto annuale “Un sorriso vale doppio”, ha deciso di creare una sinergia con Fondazione Dottor Sorriso – prima onlus a portare la clown-terapia in Italia – con l’intento di portare più sorrisi ai bambini in difficoltà e con disabilità.

Nel corso dell’anno, infatti, sono state supportate cinque strutture ospedaliere, istituti di disabilità e hospice pediatrici dislocati al Nord, Centro e Sud Italia, per un totale di 190.000 sorrisi e 72 ore di clown-terapia a favore dei piccoli ricoverati, oltre a cure e aiuti per 2.100 bambini fragili. Tra le strutture sanitarie che hanno beneficiato della collaborazione tra Straumann Group e Fondazione Dottor Sorriso si annoverano la Società Cooperativa sociale “Il Seme” di Cardano al Campo (Varese), che offre servizi socio-sanitari e educativi per bambini con disabilità e per le famiglie; l’ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda di Milano, in particolare per il pre e post operatorio; e l’Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo (Foggia), per il reparto di oncoematologia. Per ognuna sono stati coinvolti e visitati 350 bambini, con 30.000 sorrisi regalati e 12 ore di terapia del sorriso offerte. Anche il reparto di oncoematologia dell’ospedale di Modena riceverà lo stesso supporto durante il mese di dicembre.

I benefici dell’iniziativa sono diversi. Infatti, è stato dimostrato che la terapia del sorriso è un valido aiuto per la gestione e la cura della malattia: riduce l’utilizzo di analgesici (-20%)[1], i tempi di degenza (fino al 50% in meno)[2] e i tempi di miglioramento clinico (-1,6 giorni)[3]; inoltre, aumenta le difese immunitarie (+94%) migliorando le condizioni cliniche e il livello delle endorfine (+90%) con conseguente innalzamento della soglia del dolore[4]. Anche i medici e le strutture ospedaliere possono trarre vantaggi diretti dalle attività della Fondazione: alcuni studi hanno dimostrato che il personale medico vive uno stress minore e lavora con maggiore efficienza e che si possono ottenere risparmi sui costi per l’ospedale[5].

I contributi devoluti a Fondazione Dottor Sorriso arrivano direttamente dall’operato di Straumann Group, che ha moltiplicato il valore dei sorrisi che ha restituito ai pazienti negli studi dentistici (grazie al lavoro dei propri clienti): parte dei ricavi della vendita delle sue soluzioni implantari e ortodontiche sono stati infatti destinati alla onlus che opera nelle strutture sanitarie.

Questa iniziativa virtuosa continuerà anche nel prossimo futuro: “Siamo felici di poter annunciare che la collaborazione con Fondazione Dottor Sorriso è stata pianificata anche per il 2023: crediamo nel valore dei singoli gesti di solidarietà che, nel tempo, possono fare la differenzaha commentato Davide Marchini, General Manager e AD Straumann Group Italia Come Straumann Group, ci impegniamo ogni giorno per restituire il sorriso alle persone, donando loro autostima e fiducia. Proprio la forza e la potenza che un sorriso può donare è un assunto a cui crediamo fortemente e che condividiamo con la Fondazione, che offre sorrisi e aiuti concreti a chi ne ha più bisogno”.

Con Straumann Group, che ringraziamo per il sostegno, si è creata una sinergia speciale, figlia dei valori e della missione di portare sorrisi che ci legano ha dichiarato Cristina Bianchi, Direttore Generale Fondazione Dottor Sorriso OnlusIniziative di questa tipologia sono fondamentali per noi e per l’erogazione delle nostre attività a supporto di bambini, famiglie e personale medico”.


[1] Fonte: Proposta di legge Formisano sull’introduzione della figura Istituzione dell’animatore di corsia ospedaliera.

[2] Fonte: ricerca realizzata nel 2003 presso l’Ospedale San Camillo di Roma.

[3] Fonte: ricerca realizzata nel 2003 presso l’Ospedale San Camillo di Roma.

[4] Tesi evidenziata nelle ricerche effettuate da Mario Farnè, medico e psicoterapeuta, professore di Psicologia medica presso l’Università di Bologna e nei documenti contenuti nel saggio “Is laughter the best medicine?” autrici Laura Vagnoli, Maria da Conceicao Pinto Atunes, Morgana Masetti e Susana Caires.

[5] Saving Costs for Hospitals Through Medical Clowning: A Study of Hospital Staff Perspectives on the Impact of the Medical Clown. Jack Gomberg, Amnon Raviv, Eyal Fenig and Noam Meiri; 2020.

Articoli correlati
Slide-mainTutela del CittadinoVenetoViabilità

Cinque incidenti tra mezzi pesanti in A4: un ferito

1 minuti di lettura
Vigili del Fuoco impegnati dalle 16.00 di oggi, martedì 7 febbraio, per cinque diversi incidenti tra mezzi pesanti in A4 dal km…
AttualitàEsteriSlide-main

Un Veneto tra i dispersi del terremoto in Turchia

2 minuti di lettura
Si chiama Angelo Zen e i familiari non hanno sue notizie da domenica scorsa, 5 febbraio. Continua ad aggravarsi il bilancio delle…
LavoroMarca TrevigianaSlide-main

Carabinieri: tre attività sospese nel settore dell’edilizia in provincia di Treviso

2 minuti di lettura
Il Nucleo Ispettorato Carabinieri del Lavoro di Treviso, in collaborazione con le articolazioni territoriali del Comando Provinciale Carabinieri, ha svolto nei giorni…

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio