Home / Economia  / Lavoro  / Fim Cisl Treviso: allarme salari con la cassa integrazione stipendi dimezzati

Fim Cisl Treviso: allarme salari con la cassa integrazione stipendi dimezzati

  Salari dimezzati per almeno 20mila dipendenti del settore metalmeccanico in provincia di Treviso. A lanciare l’allarme è la segreteria della Fim Cisl Belluno Treviso.   “Le richieste di cassa integrazione continuano ad arrivare. Ad oggi siamo

 

Salari dimezzati per almeno 20mila dipendenti del settore metalmeccanico in provincia di Treviso. A lanciare l’allarme è la segreteria della Fim Cisl Belluno Treviso.

 

“Le richieste di cassa integrazione continuano ad arrivare. Ad oggi siamo a quota 850 – spiegano i sindacalisti della Fim Alessio Lovisotto, Massimo Civiero e Antonio Bianchin – Se fino ad oggi veniva fatta richiesta con spirito cautelativo, con la proroga del provvedimento di chiusura delle attività, le aziende inizieranno a utilizzare gli ammortizzatori sociali. Il settore metalmeccanico è praticamente tutto fermo”.

 

Si prospetta un periodo buio per i lavoratori perché con la cassa integrazione a zero ore l’impatto sul reddito è devastante: si può arrivare a perdere anche il 50% dello stipendio. Considerando infatti che il lordo di un operaio di terzo livello è pari a 1650 euro, che la cassa a zero ore paga al massimo 1000 euro al mese e che in cassa non si maturano né ferie né permessi né tredicesima, la perdita per ciascun lavoratore sarà attorno al 50% dello stipendio.

 

“Sulla base delle richieste inoltrate dalle aziende – sottolineano i responsabili della Fim trevigiana – si può ipotizzare che la Cigo sia destinata a coinvolgere metà dei circa 40mila dipendenti delle aziende metalmeccaniche trevigiane. Se da un lato è stato difficile arrivare alla chiusura delle aziende, dall’altro sarà molto più difficile riaprirle”.

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni