MestreSlide-mainVenezia

Centro Candiani: domani alle 18 inaugura la mostra “Invasion,1952-2022 Da Urania a Venezia”

2 minuti di lettura
Centro Candiani: domani alle 18 inaugura la mostra “Invasion,1952-2022 Da Urania a Venezia” per raccontare la storia della fantascienza in Italia rielaborata attraverso la storia della collana Urania e dei suoi curatori     Al Centro Candiani del Settore Cultura del Comune di Venezia arriva la mostra “Invasion,1952-2022 Da Urania a Venezia” che da domani (inaugurazione ore 18) racconterà la storia della fantascienza in Italia rielaborata attraverso la storia della collana Urania e dei suoi curatori. L’esposizione nasce dalla collaborazione con la Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori, la libreria Mondadori, l’Università Ca’Foscari – Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali Comparati e la partecipazione dell’artista Maurizio Ercole e dello scrittore e pittore Renato Pestriniero. Nel 1952 Mondadori lanciò la collana “Urania” e il suo primo curatore, Giorgio Monicelli, coniò il termine “fantascienza”. Fu un successo travolgente, in un Paese che si stava lasciando la guerra alle spalle e cercava nuove idee e nuovi sogni. La collana “Urania” è certamente la più famosa e longeva collana di fantascienza, la sola ad essere ancora attiva dopo quasi 70 anni. Nella mostra che è stata realizzata per celebrare questo successo viene ripercorsa la storia della fantascienza in Italia, rielaborata attraverso la storia della collana Urania e dei suoi curatori. Una storia legata indissolubilmente alla cultura pop della seconda metà del Novecento. Esposte alcune copie di riviste degli albori del genere fantascientifico, quando nel 1926 l’editore Hugo Gernsback lanciò la prima rivista di fantascienza Amazing Stories, e coniò il termine science-fiction, due azioni grazie alle quali è considerato oggi il padre della fantascienza. Inoltre una lunga linea del tempo della fantascienza accompagna il visitatore attraverso un genere nato a fine ottocento e oramai diventato fenomeno di massa, che ha trovato grande spazio anche nel cinema e nei fumetti. Una sezione speciale è dedicata ad uno dei più grandi scrittori di fantascienza: Issac Asimov. Nel corso della sua carriera, ha vinto diversi Hugo e Nebula Awards, oltre ad aver ricevuto vari riconoscimenti da istituzioni scientifiche. Ha dichiarato durante un’intervista televisiva che sperava le sue idee sarebbero sopravvissute alla sua morte. Il suo desiderio si è certamente avverato. Infine viene raccontata anche la storia recente, ma poco conosciuta, della folta pattuglia di giovani appassionati di fantascienza che negli anni ‘50-’60 venne definito il “clan dei veneziani”. Oltre a giornalisti e scrittori questo gruppo annoverava tra le sue fila narratori e cineasti, fumettisti, musicisti e scrittori di teatro. Grazie anche a loro, Venezia diede un contributo originale alla fantascienza nazionale.
Articoli correlati
Slide-mainSpettacoloVenezia

Al Teatro La Fenice il concerto dei finalisti del Premio Venezia

2 minuti di lettura
E’ Davide Ranaldi, nato a Milano nel 2000 e diplomato al Conservatorio Giuseppe Verdi, il vincitore della XXXVII edizione del Premio Venezia, il…
Slide-mainSpettacoloVenezia

San Donà di Piave. Torna Open Circus Festival nel segno di Moira e Brachetti

1 minuti di lettura
Nel mese di dicembre arriva la seconda edizione di Open Circus, il festival di teatro-circo a San Donà di Piave premiato come…
MargheraMestreSlide-mainVenezia

Biblioteca Vez e Archivio Giacomelli: dal 4 dicembre prende vita la mostra fotografica “Ri-locazioni

1 minuti di lettura
Le trame volubili del paesaggio” per raccontare le trasformazioni della città con le immagini     Il 4 dicembre 2021, a partire…

    RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!