Slide-mainVenezia

Architettura, l’assessore Mar all’ultimo incontro del ciclo di conferenze “Fuori Padiglione Venezia”

1 minuti di lettura
Si è concluso nel pomeriggio di oggi, 17 novembre, il ciclo di conferenze “Fuori Padiglione Venezia”, organizzate nell’ambito della Biennale Architettura 2021 con l’obiettivo di promuovere il dibattito tra le istituzioni che si occupano di architettura in città. Il quarto e ultimo appuntamento della serie, svolto in collaborazione con l’Ordine e la Fondazione degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Venezia, è stato ospitato negli spazi della Fornace Orsoni, a Cannaregio. All’evento, dal titolo “Uomo e Natura: Earth Stations Many Hands – Architetture monumentali realizzate con tecniche artigianali”, erano presenti, tra gli altri, la curatrice del Padiglione Venezia, Giovanna Zabotti; il segretario dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Venezia, Valentina Fanti e l’assessore alla Promozione del territorio Paola Mar, intervenuta in rappresentanza dell’Amministrazione comunale. “Rringrazio l’architetto De Lucchi e Giovanna Zabotti per aver dato alla città un Padiglione Venezia di cui siamo profondamente orgogliosi e che abbiamo potuto promuovere per la sua qualità e la sua visione, che è quello di cui abbiamo bisogno – ha detto l’assessore Mar – Oggi qui parliamo di dialogo tra uomo, natura, architettura e artigianato. L’ambiente influenza l’architettura e ci condiziona, anche se spesso non ne siamo coscienti. Se giriamo il mondo ci rendiamo conto che l’uomo quando costruisce utilizza il materiale che ha a disposizione e si adatta al luogo geografico dove vive.  Le opere dell’architetto De Lucchi – ha proseguito la Mar – hanno voluto reinterpretare l’architettura in chiave più sostenibile. A Venezia abbiamo un’architettura sostenibile e anche resiliente.  All’interno di questa reinterpretazione c’è anche l’artigianato, che nella nostra città ha delle peculiarità di cui spesso ci si dimentica, ma che poi ci ricordiamo quando entriamo in luoghi come quello dove ci troviamo oggi”. Dopo i saluti istituzionali, l’architetto Michele De Lucchi, protagonista del Padiglione Venezia con le sue Education Stations, ha dialogato con il giornalista Alberto Cavalli, Direttore generale della Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte di Milano, ponendo al centro della discussione proprio i temi rappresentati nelle sue installazioni all’interno del Padiglione. Al termine, i presenti hanno potuto visitare la fornace.  
Articoli correlati
Slide-mainVeneto

Lavoro. Assessore Donazzan incontra CGIL, CISL e UIL del Veneto

1 minuti di lettura
LAVORO. ASSESSORE DONAZZAN INCONTRA CGIL CISL e UIL DEL VENETO. “MASSIMA ATTENZIONE E COLLABORAZIONE PER DIFESA OCCUPAZIONALE DA AUMENTO COSTI DI PRODUZIONE” Si è…
NewsSlide-mainVideo

TG WEB “Il Nuovo Terraglio” – Edizione del 15 gennaio 2022

1 minuti di lettura
Benvenuti alla prima edizione 2022 del TG WEB “Il Nuovo Terraglio”. Vediamo insieme le notizie più importanti di questa settimana.
Slide-mainVenezia

Vaccini anti Covid. Oggi e domenica in Veneto open day per bimbi 5-11 anni

1 minuti di lettura
Week end dedicato alla vaccinazione anti Covid per i bambini dai 5 agli 11 domani, sabato 15, e domenica 16 gennaio in…

    RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!