AmbienteSlide-main

Altri 24 Paesi aderiscono all’impegno mondiale sul metano guidato da UE e Stati Uniti

1 minuti di lettura

Lunedì scorso il vicepresidente esecutivo Frans Timmermans, che guida i negoziati internazionali dell’UE sul clima, e l’inviato presidenziale speciale per il clima John Kerry hanno ospitato una riunione ministeriale virtuale per mobilitare ulteriore sostegno a favore dell’impegno mondiale per la riduzione delle emissioni di metano.

I cooganizzatori e il direttore esecutivo del programma delle Nazioni Unite per l’ambiente, Inger Andersen, hanno affermato l’importanza fondamentale di ridurre rapidamente le emissioni di metano quale strategia singola più efficace per ridurre il riscaldamento globale a breve termine e mantenere raggiungibile l’obiettivo di limitare il riscaldamento a 1,5 gradi Celsius.

Dopo l’annuncio iniziale del sostegno di Argentina, Ghana, Indonesia, Iraq, Italia, Messico e Regno Unito al Forum sull’energia e il clima delle maggiori economie mondiali, 24 nuovi Paesi hanno annunciato che aderiranno all’impegno mondiale per la riduzione delle emissioni di metano.

I nuovi sostenitori sono Canada, Congo-Brazzaville, Costa d’Avorio, Costa Rica, Filippine, Francia, Germania, Guatemala, Guinea, Giappone, Giordania, Israele, Kirghizistan, Liberia, Malta, Marocco, Nigeria, Pakistan, Repubblica centrafricana, Repubblica democratica del Congo, Ruanda, Stati federati di Micronesia, Svezia e Togo.

Partecipano così all’impegno 9 dei 20 maggiori emettitori di metano al mondo, che rappresentano circa il 30% delle emissioni globali di metano e il 60% dell’economia globale.

Il metano è un potente gas serra e, secondo l’ultimo rapporto dell’Intergovernmental Panel on Climate Change, rappresenta circa la metà dell’aumento netto di 1,0 gradi Celsius della temperatura media globale dall’era preindustriale, rendendo l’azione del metano un complemento essenziale di decarbonizzazione del settore energetico.

I Paesi che aderiscono al Global Methane Pledge si impegnano a raggiungere l’obiettivo collettivo di ridurre le emissioni globali di metano di almeno il 30 percento rispetto ai livelli del 2020 entro il 2030 e a passare all’utilizzo di metodologie di inventario delle buone pratiche IPCC di livello più alto per quantificare le emissioni di metano, con particolare attenzione alle fonti ad alte emissioni . Il successo dell’attuazione dell’impegno ridurrebbe il riscaldamento di almeno 0,2 gradi Celsius entro il 2050.

L’Unione Europea, gli Stati Uniti e altri primi sostenitori continueranno ad arruolare altri Paesi per aderire al Global Methane Pledge, prima del suo lancio formale alla COP26.

Articoli correlati
Slide-mainVeneto

Poste Italiane: potenziati da oggi gli orari apertura di 41 uffici postali del Veneto

1 minuti di lettura
Poste Italiane comunica che a partire da oggi lunedì 29 novembre, 41 Uffici Postali in tutte le province del Veneto sono interessati…
AmbienteSlide-mainVeneto

"Cambiamenti climatici: come affrontarli?

2 minuti di lettura
CONFERENZA FINALE DEL PROGETTO LIFE VENETO ADAPT:“CAMBIAMENTI CLIMATICI: COME AFFRONTARLI?GLI STRUMENTI MESSI A PUNTO DAL PROGETTO VENETO ADAPT” Dal Veneto, a disposizione…
Slide-mainTrevisoVenetoVenezia

Tiramisù Global Marathon

1 minuti di lettura
ECCO LE RICETTE “PER IL NOSTRO PIANETA” Dalle 11 alle 19 di ieri la lunga diretta online. Hanno vinto l’Instagram contest: 1°…

    RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!