CulturaSlide-mainVenezia

All’Ateneo Veneto inizia il Corso istituzionale di Storia Veneta

2 minuti di lettura

Mercoledì 11 gennaio 2023, nell’Aula Magna dell’Ateneo Veneto, inizia il nuovo Corso istituzionale di Storia Veneta incentrato quest’anno su “Il potere delle immagini. Le immagini del potere. Per una storia del Palazzo Ducale”.

VENEZIA – La lezione inaugurale è tenuta dal direttore, lo storico Alfredo Viggiano, dell’Università di Padova, che illustrerà al pubblico i contenuti delle sei lezioni in cui si articola il Corso di quest’anno.

Al centro dell’indagine politica e artistica il Palazzo Ducale (meta turistica per eccellenza della Venezia contemporanea) che ha costituito – dalle sue origini fino alla caduta della Repubblica, nel 1797 – la sede della sovranità della Repubblica.

Palazzo Ducale è residenza del Doge (figura che nel corso del tempo assume connotazioni sacrali) e luogo di insediamento delle istituzioni politiche più importanti (il Maggior Consiglio, il Consiglio di Dieci, il Senato) e di numerosissime altre magistrature.

Rituali e prassi concrete delle istituzioni collaborano alla presentazione e alla rappresentazione del potere nelle sue diverse dimensioni.

Il Corso di Storia Veneta si propone di mettere insieme i due percorsi di indagine – quello politico e quello artistico – che solitamente vengono tenuti distinti, evidenziandone i possibili intrecci.

Da una parte, come appare immediatamente evidente a chi visita Palazzo Ducale oggi come un tempo, la sequenza delle sale dispiega un programma iconografico di straordinaria ricchezza. Imprese guerresche e atti di pace si susseguono; eventi storici e leggende raccontano per immagini il mito repubblicano. Il progetto iconografico ha coinvolto, come è noto, alcuni dei maggiori pittori veneziani, da Carpaccio a Veronese, da Tiziano a Tintoretto e così via.

Sul versante del governo degli affari, è possibile invece mettere in evidenza la vivacità della vita politica, economica e amministrativa della Serenissima (conflitti, relazioni di potere, retoriche), colta nelle voci dei protagonisti: nobili e avvocati, burocrati e mercanti, sudditi e rappresentanti delle comunità degli stadi da terra e da mar, ambasciatori imperiali, turchi, inglesi, francesi.

Nei corridoi di Palazzo Ducale, accanto a tutte queste figure, se ne  insinuano altre dai tratti più incerti, come spie e informatori, che rendono più fluidi i confini fra interno ed esterno, fra pubblico e segreto.

Il Corso è realizzato grazie alla generosa disponibilità di storici, storici dell’arte ed esperti della materia che hanno accettato l’invito dell’Ateneo Veneto a tenere questo nuovo ciclo di lezioni, tutte ad ingresso libero e gratuito.

Il programma completo del Corso di Storia Veneta 2023

In copertina, La Sala delle Quattro Porte in un quadro di Heinrich Hansen

Articoli correlati
AttualitàPoliticaSlide-mainVenezia

Monumento ai Caduti: ci vuole rispetto

1 minuti di lettura
Ha fatto discutere il posizionamento di palco e giochi a ridosso del Monumento dei Caduti a Mira Mira – “Ma non si…
Intravisti per voiPrima FilaSlide-main

Dall'alto di una fredda torre, il film

1 minuti di lettura
Una famiglia dalla vita normale viene scossa dalla notizia della malattia di entrambi i genitori e solo uno di loro può essere…
ItaliaSlide-mainSport

Italia debutto in rimonta

3 minuti di lettura
Debutto vincente in rimonta per l’Italia di Spalletti. Dopo la rete subita a freddo dopo 23 secondi, gli azzurri recuperano con i…