AttualitàSlide-mainZero Branco

Zero Branco. Liberazione con Paola Del Din, Medaglia d’oro al Valor Militare

2 minuti di lettura

Una testimonianza d’eccezione aprirà le celebrazioni per il 77esimo Anniversario della Liberazione a Zero Branco. Sarà infatti la voce di Paola Del Din, classe 1923, staffetta partigiana nella Resistenza, paracadutista, patriota militante nelle fila della Brigata Osoppo dal 1943 al 1945 e insegnante di lettere, già insignita della Medaglia d’oro al Valor Militare, la protagonista dell’incontro dal titolo Il diritto di parlare organizzato dall’Amministrazione Comunale di Zero Branco per sabato 23 aprile, alle 16.30, in Villa Guidini.

“Alimentare occasioni di confronto, ma in questo caso soprattutto di ascolto, rappresenta un dovere essenziale per un’Amministrazione pubblica. A maggior ragione in un periodo storico come l’attuale, in cui parole quali democrazia e libertà sono messe in profonda discussione, la ricorrenza del 25 aprile ci invita a fermarci e a riflettere, senza dare nulla per scontato” sottolinea Luca Durighetto, sindaco del Comune di Zero Branco, “poter incontrare ed ospitare a Zero Branco la voce di Paola Del Din, donna della Resistenza partigiana, sono convinto rappresenti un’occasione straordinaria per avviare al meglio le celebrazioni di questo 77esimo anniversario dalla Liberazione del nostro Paese dal nazifascismo”.

Paola Del Din è nata a Pieve di Cadore il 23 agosto 1923. Si era appena laureata in Lettere all’Università di Padova quando, sopravvenuto l’armistizio, entrò nelle file della Resistenza veneta con il fratello Renato, di un anno più vecchio di lei e che sarebbe caduto pochi mesi dopo a Tolmezzo, durante una temeraria azione contro una caserma della milizia fascista. Dopo la morte del fratello, Paola s’impegnò ancor più nella lotta antifascista. Con il nome di “Renata” assolse numerosi e rischiosi incarichi, come staffetta ed informatrice, sino a che non riuscì a raggiungere fortunosamente gli Alleati a Firenze, latrice d’importanti documenti.

Una volta nell’Italia liberata, la ragazza chiede di frequentare un corso per paracadutisti, per poter tornare più facilmente al Nord, ancora occupato dai nazifascisti. La sua determinazione è tale che viene accontentata ed addestrata a San Vito dei Normanni. “Renata” prende parte ad undici voli di guerra. Chiede ed ottiene che gli inglesi liberino e facciano tornare in Italia il padre Prospero, ufficiale degli alpini prigioniero in India. Alla vigilia della Liberazione si fa portare in aereo su una zona del Friuli, dove deve prendere contatto con una Missione alleata; tocca terra in malo modo, si frattura una caviglia, ma riesce faticosamente a raggiungere i partigiani e a consegnare a chi di dovere i documenti che ha con sé.

Negli ultimi giorni della guerra di liberazione, ancora claudicante, Paola Del Din attraversa a più riprese le linee di combattimento, per portare messaggi ai reparti alleati in avanzata. Dopo la Liberazione, vinta una borsa di studio, se ne va negli Stati Uniti. All’Università di Pennsylvania consegue il titolo di “Master of Arts”. Tornata in Italia, la Del Din si dedica all’insegnamento nelle scuole medie.

Nel 1957 riceve la massima ricompensa militare italiana, nella cui motivazione si legge: “Bellissima figura di partigiana, seppe in ogni circostanza assolvere con rara capacità e virile ardimento i compiti affidatile, dimostrando sempre elevato spirito di sacrificio e sconfinata dedizione alla causa della libertà”.

Nella giornata di lunedì 25 aprile, a partire dalle 9.30, le celebrazioni proseguiranno tra il capoluogo – dove dopo l’Alzabandiera avverrà la consegna della Medaglia d’Onore ai familiari di Lucio Peruz (internato in Germania dal novembre 1943 al dicembre 1944, presenzierà la nipote Silvia Costetti) – e le frazioni, presso luoghi e monumenti posti a memoria dei Caduti.

Il programma:

  • Ore 9.30, Inquadramento, alzabandiera in Piazza Umberto I. A seguire consegna Medaglia d’Onore e intervento del Sindaco Luca Durighetto
  • Ore 9.45, Deposizione corona al Monumento ai Martiri di Cefalonia
  • Ore 10, Deposizione corona al Monumento ai Caduti di Zero Branco, a seguire deposizione mazzo di fiori al Monumento Caduti Lager
  • Ore 10.30, Deposizione corona al Monumento ai Caduti di Sant’Alberto
  • Ore 11, Deposizione corona al Monumento ai Caduti di Scandolara

Presenzieranno autorità civili e religiose, rappresentanti delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma, gruppi locali, rappresentanti di associazioni sociali e di volontariato. La Banda Cittadina “Luise&Scattolin” accompagnerà le celebrazioni. È invitata la cittadinanza.

Articoli correlati
Slide-mainSportVeneto

Sciabola, Alessandra Nicolai campionessa italiana U17. Fioretto e spada, bronzo per Matilde Molinari, Greta Collini e Dario Benetti

3 minuti di lettura
Si sono aperti ieri a Catania i Campionati Italiani Cadetti e Giovani con le prime tre gare dedicate alle prove di fioretto…
Slide-mainTurismoVeneto

Alto Sile by Bike: 5 Comuni insieme per promuovere il turismo e la scoperta delle bellezze naturalistiche con una biciclettata aperta a tutti

2 minuti di lettura
L’unione fa la forza…ma anche il divertimento. È questo lo spirito della prima edizione di Alto Sile by Bike in programma per…
SaluteSlide-mainVeneto

IOV mondiale: parte REGOMA2, il primo studio al mondo per attaccare e curare il glioblastoma

4 minuti di lettura
Regorafenib associato alla terapia standard. Ecco la nuova frontiera per la cura di uno dei tumori cerebrali più aggressivi. La sperimentazione, che…

    RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!