Home / Posts Tagged "unità cinofila"

Si è svolta tra il 26 e il 27 giugno, nelle stazioni rientranti sotto la giurisdizione del Compartimento Polizia Ferroviaria del Veneto, su disposizione del Dipartimento di P.S. una giornata di controlli straordinari denominata “Rail Action Day – ACTIVE SHIELD” finalizzata ad aumentare ulteriormente i livelli di sicurezza in tutti gli scali ferroviari. In particolare in quelli di Venezia Mestre e Venezia Santa Lucia, caratterizzati da un costante e rilevante flusso di viaggiatori in via di ulteriore aumento con l’inizio della stagione estiva.

 

In questo contesto sono stati eseguiti capillari controlli sia verso i viaggiatori in arrivo ed in partenza che ai bagagli portati al seguito dagli stessi estendendo le verifiche sia all’interno che nelle aree immediatamente esterne agli scali.

 

Detta operazione ha visto impegnato personale del Compartimento Polizia Ferroviaria per il Veneto che, coadiuvato dal Nucleo dei Cinofili anti-esplosivo e antidroga di Padova, ha attuato una serie di mirati controlli su passeggeri e bagagli.

 

74 complessivamente gli agenti impegnati del Compartimento Polizia Ferroviaria per il Veneto; 15 le stazioni sottoposte a controllo; 61 i treni controllati; 325 le persone sottoposte a controlli d’identità; 86 i bagagli controllati; 2 depositi bagagli controllati all’interno delle stazioni e 2 persone denunciate in stato di libertà per possesso di modiche quantità di sostanze stupefacenti  immediatamente sequestrata 

 

Le attività sopraccennate sono state ottimizzate grazie all’utilizzo degli smartphone di ultima generazione in dotazione alle pattuglie per il controllo in tempo reale dei documenti ed estese ai bagagli anche con il ricorso all’ausilio delle unità cinofile e dei metal detector.

Nella serata venerdì 21 giugno 2019, a Venezia, in zona Via Garibaldi, il Commissariato P.S. di San Marco ha condotto un servizio di contrasto al fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti.
Muovendo dalla ricezione di numerose segnalazioni circa la presenza di due locali sospetti, è stato organizzato un servizio mirato di controllo straordinario che ha visto coinvolti sei operatori del Commissariato “San Marco”, di cui quattro in abiti civili, e un’unità cinofila messa a disposizione dall’UPGSP di Padova.

 

L’operazione, che ha dato esito positivo, ha condotto all’identificazione di una decina di persone, molte delle quale gravate da numerosi precedenti penali per reati in materia di stupefacenti e contro la persona, nonché alla segnalazione in Prefettura di un veneziano di 58 anni per detenzione di sostanza stupefacente per uso personale. Addosso a quest’ultimo il cane ha fiutato la presenza di un piccolo quantitativo di sostanza di tipo marijuana, che è stata posta sotto il vincolo del sequestro penale.

Nuovo intervento antidroga della Polizia locale, questa volta a Marghera, all’interno del Bar Sport di via Trieste. Un cittadino tunisino, di 41 anni, con regolare permesso di soggiorno in Italia, è stato arrestato ieri sera per spaccio di cocaina. Il blitz è scattato alle ore 21.30 e ha visto coinvolti otto agenti del Servizio Sicurezza urbana e l’unità cinofila.

 

Da sere gli operatori di Polizia locale tenevano sotto controllo il locale, dove era stata notata una recrudescenza dello spaccio di sostanze stupefacenti e un aumento di soggetti magrebini. L’attenzione degli agenti si era in particolare concentrata su un uomo, già noto alle Forze dell’ordine come spacciatore, che era particolarmente attivo nell’incontrare persone dentro e fuori dal bar, in particolare nel giardino sul retro.

 

Proprio nel giardino è stato sorpreso ieri il pusher, che ha attirato subito l’attenzione del cane antidroga. Sottoposto a perquisizione, l’uomo, lo stesso che da giorni gli agenti monitoravano, è stato trovato in possesso di sei confezioni di cocaina da mezzo grammo ciascuna, già pronte per lo spaccio al minuto, nascoste all’interno dell’involucro di un accendino. Sequestrati dalla Polizia locale anche 650 euro, considerati provento di spaccio.

 

Lo spacciatore è stato quindi dichiarato in arresto e trasferito per la notte nella camera di sicurezza del Comando di Polizia locale. Questa mattina il pusher è stato condotto davanti al giudice per la convalida dell’arresto e il giudizio per direttissima.
Il locale sarà segnalato al Questore di Venezia per gli adempimenti di pubblica sicurezza.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni