Home / Posts Tagged "teatro del monaco"

Il Teatro Stabile del Veneto ha pubblicato sul proprio sito un avviso per la selezione di personale di biglietteria da impiegare presso il Teatro Mario del Monaco di Treviso. Contratto a tempo determinato di 12 mesi, tempo pieno per 39 ore alla settimana, qualifica di impiegato/a, ruolo di addetto di biglietteria.

 

Il termine entro il quale inviare la propria candidatura secondo le modalità indicate nel bando è il 6 febbraio 2020.

 

Il candidato che risulterà primo in graduatoria verrà inserito nell’organico del Teatro Stabile del Veneto – Area Teatro Mario del Monaco di Treviso.

Alla conclusione del periodo indicato, lo Stabile del Veneto valuterà attraverso una apposita commissione se ricorrono le condizioni per l’eventuale prosecuzione a tempo indeterminato del rapporto di lavoro.

Si rinnova la collaborazione di Veneto Jazz con il Teatro Stabile del Veneto con una nuova programmazione al Teatro Mario Del Monaco di Treviso. La rassegna “Dal Vivo”, che ha portato con successo importanti nomi della musica al Teatro Goldoni di Venezia, si estende al palcoscenico trevigiano per ora con tre appuntamenti di altissimo livello:
Dervisci rotanti “Galata Mevlevi Ensemble” (6 febbraio);
• Noa con Letters to Bach (18 febbraio);
• Paolo Fresu Trio con Tempo di Chet (21 aprile).

 

Dichiarati Patrimonio dell’Unesco, i dervisci rotanti “Galata Mevlevi Ensemble” del maestro Sheik Nail Kesova rappresentano il simbolo del misticismo orientale, che prende origine nel tredicesimo secolo.  Vestiti di una tunica bianca come un sudario, un copricapo che richiama le pietre tombali dei paesi musulmani, le braccia aperte verso il cielo, lo sguardo rivolto al cuore, diversi uomini danzano piroettando e girando intorno al loro maestro. Uno spettacolo inteso, emotivamente e spiritualmente, che cattura il pubblico lasciandolo senza fiato.

 

Nuova tappa del fortunato tour e progetto discografico Letters to Bach di Noa, una delle voci internazionali più emozionanti, un’artista unica capace di cambiare ed evolversi in ogni progetto, mantenendo sempre il suo tratto distintivo elegante e raffinato. Nel disco, prodotto dal leggendario Quincy Jones, Noa riprende 12 brani musicali del compositore tedesco Johann Sebastian Bach e li arricchisce con le sue parole, grazie ai testi in inglese ed ebraico, ispirati a temi che spaziano dalla sfera personale a una più universale. Con lei, in scena, lo storico collaboratore Gil Dor (chitarra e direzione musicale), Or Lubianiker (basso elettrico), Gadi Seri (percussioni).

 

Nato dall’avventura teatrale del progetto Tempo di Chet – La versione di Chet Baker, il trio, voluto dallo stesso Paolo Fresu con Dino Rubino (piano e flicorno) e Marco Bardoscia (contrabbasso) propone le musiche che appaiono anche sul cd Tempo di Chet, pubblicato da Tǔk Music, etichetta discografica del trombettista sardo, fondamentalmente dedicata ai nuovi talenti italiani. Un dialogo a tre voci raffinato, di grande impatto emotivo e intellettivo che si compone del suono caldo e corposo e della mente vivida e creativa di Fresu, delle linee potenti e coinvolgenti del contrabbasso di Bardoscia e del pianismo elegante e vibrante di Rubino.

 

Biglietti

I biglietti sono disponibili in prevendita nel circuito Ticketone e alla biglietteria del Teatro Del Monaco.

 

6 febbraio 2020 – ore 20.45
Dervisci rotanti “Galata Mevlevi Ensemble”

Platea 28€ + diritto di prevendita

Palchi I, II, III ordine centrali 28€ + diritto di prevendita

Palchi I, II, III ordine laterali 24€ + diritto di prevendita

Palchi IV ordine 24€ + diritto di prevendita

Loggione 20€ + diritto di prevendita

Loggione scarsa visibilità 10€ + diritto di prevendita

 

18 febbraio 2020 – ore 20.45
Noa Letters to Bach

Noa – voce e percussioni
Gil Dor – chitarra e direzione musicale
Or Lubianiker – basso elettrico
Gadi Seri – percussioni

 

Platea 40€ + diritto di prevendita

Palchi I, II, III ordine centrali 40€ + diritto di prevendita

Palchi I, II, III ordine laterali 35€ + diritto di prevendita

Palchi IV ordine 35€ + diritto di prevendita

Loggione 30€ + diritto di prevendita

Loggione scarsa visibilità 12€ + diritto di prevendita

 

 

 

 

21 aprile 2020 – ore 20.45
Paolo Fresu Trio
Tempo di Chet

Paolo Fresu – tromba, flicorno, effetti
Dino Rubino – piano e flicorno
Marco Bardoscia – contrabbasso

 

Platea 35€ + diritto di prevendita

Palchi I, II, III ordine centrali 35€ + diritto di prevendita

Palchi I, II, III ordine laterali 30€ + diritto di prevendita

Palchi IV ordine 30€ + diritto di prevendita

Loggione 25€ + diritto di prevendita

Loggione scarsa visibilità 12€ + diritto di prevendita

 

 

 

 

Prevendite

www.ticketone.it

www.teatrostabileveneto.it

 

Biglietteria Teatro Del Monaco

Tel. +39 379 1201100
[email protected]teatrostabileveneto.it

 

Orario

dal martedì al sabato: dalle 10.00 alle 14.00 e dalle 15.00 alle 18.00
domenica e lunedì chiuso
giornate con spettacolo:
dal martedì al sabato: dalle 10.00 alle 14.00 e dalle 15.00 a inizio spettacolo
domeniche con spettacolo: dalle 15.00 a inizio spettacolo

 

Informazioni

Veneto Jazz – [email protected] – mob. (+39) 366.2700299 – www.venetojazz.com

Un viaggio nella storia della musica rock & pop italiana e internazionale condotto dalla voce e dall’energia di uno dei maggiori protagonisti del panorama musicale italiano di tutti i tempi, Red CanzianTestimone del tempo è il concerto-evento di Natale, di e con lo storico cantante e bassista dei Pooh, che dopo il debutto al Teatro Goldoni di Venezia (18 dicembre – ore 21.00) il Teatro Stabile del Veneto ospiterà il 21 dicembre (ore 21.00) sul palco del Del Monaco di Treviso per raccogliere fondi in favore della Fondazione Città della Speranza. 

 

In un alternarsi continuo di musica e racconti, accompagnati da video e foto, Red Canzian, narratore, cantante e bassista, insieme a Chiara Canzian, voce, cori, armonica, percussioni e basso, Phil Mer, batteria e direzione musicale, Daniel Bestonzo, piano, organo, tastiere e cori, e Alberto Milani, chitarre e cori, condurrà il pubblico in un viaggio attraverso le tappe più significative della storia della musica dagli anni ’50 ad oggi riscoprendo i successi dei più grandi protagonisti. Si partirà dal rock’n’roll di Little Richard per poi passare al sound dei Beatles e di Bob Dylan, e arrivare alle canzoni di grandi autori italiani come Luigi Tenco, Gino Paoli e Lucio Battisti o ancora ai brani di Elton John e dei Pink Floyd, solo per citarne alcuni.

 

Immancabili i brani che hanno segnato la carriera dei Pooh e la vita del pubblico in sala come Chi fermerà la musica o Piccola Katy insieme ad alcune canzoni legate alla tradizione natalizia reinterpretate per l’occasione.

 

La collaborazione con Città della Speranza

Il ricavato dello spettacolo sarà interamente devoluto alla Fondazione Città della Speranza, da 25 anni impegnata a migliorare le condizioni di cura e assistenza dei bambini con patologie oncoematologiche e a finanziare la ricerca pediatrica, tanto da aver realizzato il più grande polo europeo in questo ambito: l’Istituto di Ricerca Pediatrica Città della Speranza.

 

“Siamo contenti che tra gli amici con cui festeggeremo il Natale quest’anno ci sia anche Red Canzian – afferma Massimo Ongaro, direttore del Teatro Stabile del Veneto -. Porteremo sui palcoscenici di Venezia e di Treviso uno show che vede la musica, quella dei più grandi, riproposta da un interprete d’eccezione, al servizio della solidarietà. Da subito abbiamo aderito al progetto che Red porta avanti da tempo e abbiamo accordato a lui e al suo team il nostro totale supporto”.

“Red Canzian è un amico di Città della Speranza. Dopo la positiva esperienza del Concerto di Natale 2018, quest’anno proporrà addirittura due date. L’organizzazione sarà a costo zero affinché l’intero ricavato possa essere destinato alla ricerca scientifica. Con questa doppia iniziativa, infatti, contiamo di poter sostenere il lavoro di un ricercatore per un anno”, afferma Stefania Fochesato, referente per il fundraising della Fondazione Città della Speranza.

 

“La collaborazione con la Città della Speranza è nata un anno fa, quando sempre nel periodo di Natale abbiamo realizzato a Venezia il primo concerto il cui intero ricavato è stato donato ai loro ricercatori. Il successo è stato talmente grande che quest’anno abbiamo deciso di raddoppiare salendo sui palcoscenici di Venezia e Treviso per sostenere chi sta cambiando il futuro dei nostri figli e dei nostri nipoti – spiega Red Canzian – Testimone del tempo racconta la storia della musica  mia e non solo mia, le canzoni che mi hanno fatto innamorare della musica. Un viaggio supportato da due ore di video e immagini in compagnia dalla mia family band”.

“Ci definirono persino barbari accusandoci di voler chiudere il Teatro di Treviso. Oggi siamo qui a presentare un rilancio senza precedenti, con il Mario Del Monaco inserito da luglio nella rete virtuosa del Teatro Stabile del Veneto e con un cartellone 2019-2020 di estrema qualità, oltre che innovativo. Come dico sempre, forse correndo da soli si fa più strada, ma facendo squadra si arriva più lontano. Regione Veneto, Comune di Treviso, Teatro Stabile del Veneto e Teatro di Treviso hanno saputo unire le forze e questa nuova offerta culturale di strada ne farà tantissima. Di certo Treviso sta vivendo un nuovo rinascimento”.

 

Lo ha detto il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, intervenendo, oggi a Treviso, alla presentazione della nuova stagione della stagione di prosa, danza e lirica 2019/2020 del Teatro Mario Del Monaco di Treviso, assieme, tra gli altri, al Sindaco di Treviso, Mario Conte, al Presidente del Teatro Stabile del Veneto, Giampiero Beltotto, e al Direttore, Massimo Ongaro.

 

Il cartellone 2019-2020, accompagnato dal logo “Una Stagione Spaziale” raffigurante un astronauta ritratto con, sullo sfondo, la platea e il palco del teatro, conta su 25 titoli per oltre 50 serate di spettacolo e tante novità in arrivo nei prossimi mesi. La stagione sarà aperta il 25 ottobre con la messa in scena di Madama Butterfly con  l’Orchestra Filarmonica Marchigiana. La stagione teatrale partirà con Marco Paolini che, da 22 al 24 novembre, torna sul palcoscenico trevigiano con il suo ultimo spettacolo, “Nel tempo degli dei” per parlare dell’oggi attraverso il mito di Ulisse. E poi tanti grandi nomi, come Umberto Orsini, Sebastiano Lo Monaco, Ale e Franz, Giorgio Alberti e Barbara Bobulova, Corrado Abbati, e le registe e attrici Serena Sinigaglia e Teresa Mannino.

 

“Anche se nella classificazione dei teatri a Roma non se ne sono accorti, ma faremo in modo che rimedino in fretta – ha detto poi Zaia – questo è un cartellone di caratura nazionale. Accettiamo la competizione nazionale nella quale sapremo dire la nostra in termini di qualità e di organizzazione, augurandoci che il Ministero, assegnando il Fondo Unico per lo Spettacolo, voglia tenere conto della qualità e non della spesa storica”. 

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni