Home / Posts Tagged "piante"

Giovedì 17 ottobre è iniziato un nuovo ciclo di Salotti Botanici” al Barbazza Garden Center (via san Pelajo, 5) di Treviso.

 

Partecipazione libera e gratuita

La serra storica, familiarmente detta “serretta”, all’ingresso del Garden (la prima serra di produzione della famiglia Barbazza, floricoltori dal 1952), ospiterà nuovamente, tutti i giovedì – sempre alle 18.30 – incontri a tema botanico, spaziando dai consigli tecnici di scelta e manutenzione delle piante alla loro storia, dai valori non solo estetici delle piante ornamentali ai legami della botanica con la farmacopea, la decorazione e le varie espressioni artistiche che a fiori e piante si ispirano.

 

Appuntamenti settimanali che il Garden Barbazza propone con cicli d’incontri primaverili e autunnali – quello che inizia è il dodicesimo – che hanno già proposto oltre cento appuntamenti, in un crescendo di partecipazione e di interesse da parte del pubblico.

 

Nelle atmosfere vintage della serretta di metallo bianco e vetri, si alterneranno quindi i tecnici specializzati della floricoltura Barbazza, ma anche numerosi ospiti che porteranno la loro esperienza in ambiti diversi ma comunque legati a fiori e piante.

 

Gli appuntamenti al Garden Barbazza

Il primo “Salotto”, inaugurato giovedì 17 ottobre, si è dedicato a “Le piante in casa: istruzioni e soluzioni”. Sono state presentate non solo numerose piante d’appartamento e le loro esigenze, ma anche la loro straordinaria capacità di purificare l’aria degli ambienti domestici.

 

Il Salotto di giovedì 24 ottobre sarà dedicato all’orto, che in questa stagione offre le ultime raccolte e inizia il suo riposo, ma per il quale è necessario già progettare le nuove colture.

Giovedì 31 ottobre si parlerà, invece, del riposo invernale del giardino, e di come prepararlo per la stagione fredda.

Giovedì 7 novembre ritornerà nel “Salotto” Barbazza Carolina Pupo, la studiosa trevigiana che già tanto successo ha riscosso con la sua visita guidata al giardino di Villa Ninni-Carisi della scorsa primavera. E poiché quello dei giardini pubblici trevigiani è un tema cui sta dedicando i suoi studi, li condividerà con il pubblico con il suo intervento intitolato “Treviso è un giardino”.

Il 14 novembre il tema saranno le spezie, con la partecipazione di Teresa Martinelli, erborista e titolare della Drogheria Foresti, che illustrerà proprietà terapeutiche e gustative di queste preziose alleate della cucina e della salute.

Giovedì 21 novembre, si parlerà invece di musica e botanica con il maestro Stefano Trevisi, musicologo esperto di musica antica che ripercorrerà gli storici intrecci di “fiori musicali”.

Gli ultimi due appuntamenti in programma affronteranno, invece, entreranno nel clima natalizio: il 28 novembre con “Tutto il bello delle bacche” e il 5 dicembre con “Corone, candele e colori dell’Avvento”.

 

BARBAZZA GARDEN CENTER
Treviso, via san Pelaio 5 –  Tel. 0422.308301
Treviso, via Terraglio 81/a –  Tel. 0422.348169
[email protected] – www.barbazzagarden.it

L’amministrazione comunale casalese ricorda alla cittadinanza che, come previsto dall’Art.29 del Codice della Strada, va assolutamente curata la manutenzione di piante e siepi private confinanti con strade e aree pubbliche.

 

I proprietari hanno l’obbligo di mantenere le siepi in modo da non restringere o danneggiare la strada e di tagliare i rami delle piante che si protendono oltre il confine stradale, che nascondono la segnaletica o che compromettono visibilità e sicurezza stradale.

 

Sarà intensificata la vigilanza: chi viola tali disposizioni è soggetto a sanzioni amministrative.

Finalmente il giardino all’italiana che incornicia Villa Querini ritorna a essere verde, fiorito e curato, grazie a 350 nuove piante di bosso, il restyling delle aiuole di rose, il ripristino dell’impianto d’irrigazione a goccia, e la sistemazione dei vialetti di ghiaia e del manto erboso. L’intervento, che ha avuto un costo complessivo di 10mila euro, è stato reso possibile grazie al Rotary Club Venezia Mestre, che ha voluto restituire un angolo di bellezza alla città in occasione del 50. compleanno del Club.

 

L’inaugurazione si è svolta ieri pomeriggio alla presenza dell’assessore all’Ambiente Massimiliano De Martin, alla Coesione sociale Simone Venturini, e della presidente del Rotary club Venezia Mestre Tiziana Agostini accompagnata da una rappresentanza di soci.

 

 

“Il Rotary – ha spiegato Agostini – è un’associazione internazionale composta da professionisti che dedicano parte del loro tempo e delle loro risorse per migliorare la comunità. Quest’anno l’attività del Rotary a livello internazionale è stata improntata da una forte coscienza ambientalista: sono stati piantati oltre 1 milione e 200mila alberi; abbiamo tuttavia valutato che nella nostra città non ci fosse bisogno di nuove piante, perché Mestre è ricca di parchi e aree verdi, ma che fosse necessario manutenere le aree esistenti, ripristinando uno degli angoli più belli di Mestre. Abbiamo quindi restituito questo spazio e lanciamo un messaggio di sensibilizzazione a tutti i cittadini affinché ne abbiano cura e lo valorizzino”.

 

Nel ringraziare l’associazione a nome dell’Amministrazione comunale, l’assessore De Martin ha sottolineato: “È un intervento che merita di essere ammirato e non solo per la sua composizione. Ora è importante far vivere questo parco con famiglie, giovani e bambini, così come è avvenuto al parco del Piraghetto che pullula di iniziative e attività. Il parco di villa Querini si trova proprio a due passi dell’emeroteca, il cui cantiere inizierà a breve, e dell’M9 che aprirà a Natale”.

 

Con l’occasione, l’assessore ha voluto esprimere anche un ringraziamento agli uffici comunali che si occupano di manutenzione del verde pubblico e curano la potatura degli alberi, garantendo la sicurezza. “Questa città aveva l’indice di verde pubblico per mq più basso di tutta Europa. In questi decenni sono stati fatti numerosi interventi”.

 

Anche l’assessore Venturini ha espresso riconoscenza al Rotary club “per essere riuscito a mettere in risalto un simbolo di Mestre, che si colloca in quello che sarà il chilometro della cultura e del turismo. Il fatto che la città possa offrire un bel biglietto da visita alle persone che alloggeranno in terraferma dà una dimensione di internazionalità che prima mancava”.

 

“È il modo migliore – ha detto Venturini rivolto ad Agostini, che oggi concluderà il mandato di presidente del Rotary club – di consegnare alla città un testimone che i cittadini dovranno portare avanti e gestire sia nella bellezza dell’operazione che nel messaggio educativo che avete lanciato”.

 

Per l’occasione è stata anche predisposta una cartolina che riproduce un’opera di Ernani Costantini dedicata in forma artistica alla restituzione del luogo.

 

    

La tradizionale Festa dei Fiori di Mogliano si svolgerà nei giorni 11, 12 e 13 maggio.

Come ogni anno, la festa si terrà nel parcheggio dello stadio via Ferretto e sarà organizzata dalla Pro Mazzocco.

Oltre a una vastissima esposizione di fiori, piante e tutto per il giardinaggio, saranno presenti stand gastronomici dove si potranno gustare specialità locali.

La giornata di sabato 12 sarà dedicata al BIO “Qualità del cibo, Qualità della vita”. Appuntamento dalle ore 11 in poi presso stand gastronomico in piazzale dello Stadio.

Martedì 1 maggio a Casale ritorna la tradizionale manifestazione “Fiori e Colori, un giardino a Casale”: una mostra mercato di fiori e piante, artigianato e hobbistica, attrezzature e prodotti per giardinaggio e orticoltura, organizzata dal Gruppo Amici per Casale.
Con oltre 150 espositori, l’evento arriva quest’anno alla 28^ edizione e trasformerà il centro storico di Casale sul Sile in un vero e proprio giardino fiorito che, dalla rotatoria di Ponte Stella proseguirà lungo le vie del centro fino all’ex Supercinema: un intero chilometro da vivere e condividere in compagnia di familiari e amici. Qui l’evento su Facebook.

Da giovedì 19 a domenica 22 si è svolto il corso di agricoltura sinergica nei terreni limitrofi al nostro comune, che ha visto la partecipazione di alunni provenienti da tutto il triveneto.
Il corso è stato tenuto dall’insegnate Dara Janneke Gisolf della Libera Scuola di Agricoltura Sinergica Emilia Hazelip, con la preziosa sponsorizzazione di Agricenter Pistollato di Mogliano Veneto.
I principio cardine di questa filosofia è il non fare o per meglio dire il lasciare che faccia tutto la natura.
I corsisti, nel corso dei quattro giorni, hanno studiato flora, fauna, clima e atmosfera del territorio, hanno progettato l’orto e imparate le tecniche di autofertilità del terreno e la sinergia che si crea usando la consociazione delle piante.
Dopo di che si è passati alla formazione pratica dell’orto, che attualmente ospita 6 tipi di fiori, piante aromatiche e una decina di ortaggi. Tutti nati da semi antichi del territorio Veneto.
Ora che il corso è finito, Officina dispone di un orto tutto suo, dove i prodotti che cresceranno verrano serviti nei punti ristoro del summer Nite, della sede a Zerman e dello Skatepark, creando un circuito totalmente bio e autosostenibile.
Un’altra parte dei prodotti verrà invece devoluta alle mense dei poveri e ai gruppi di acquisto solidale.
Si spera di poter ampliare questo settore importante delle nostre attività, esportandolo quanto prima su un terreno pubblico, dove dare la possibilità ai cittadini di potersi avvicinare a questa splendida filosofia e di riappropriarsi del rapporto con la propria terra.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni