Home / Posts Tagged "noleggio auto"

Nel corso degli ultimi anni si è parlato molto di targhe estere, di sanzioni, di divieti alla circolazione, di multe, di furbetti e di noleggio a lungo termine, ma qual è la situazione attuale? Conviene veramente affidarsi a società estere e acquistare o noleggiare automobili immatricolate fuori dall’Italia?

 

Come sappiamo lo scorso anno è stato approvato il decreto sicurezza (Dl 113/2018), voluto fortemente dall’ex ministro Matteo Salvini, che ha modificato l’articolo 93 del Codice della strada con l’obiettivo di ridurre e disincentivare l’utilizzo di automobili immatricolate all’estero.

 

Nello specifico, tale modifica, prevede il divieto per i residenti in Italia da più di 60 giorni di guidare veicoli con targa estera, pena pesanti sanzioni, tra cui la confisca del mezzo se entro 180 giorni dall’infrazione non lo si esporta definitivamente o non lo si reimmatricola con targa italiana (la cosiddetta nazionalizzazione).

 

Questa modifica, molto criticata, è stata argomento di dibattito anche per la presenza di alcune eccezioni: ovvero quelle relative ai veicoli concessi a noleggio a lungo termine o in leasing da operatori che hanno sede in altri Stati della Ue, per questi veicoli infatti non c’è nessuna restrizione e possono essere guidati senza limitazioni da utilizzatori che risiedono in Italia, mentre prima del decreto sicurezza l’articolo 132 del Codice della strada vietava comunque la permanenza per oltre un anno ai mezzi targati all’estero.

 

I rischi

Alla luce di tutto ciò sembra quindi che attraverso il decreto sicurezza lo stato stia spingendo gli automobilisti a cercarsi un contratto di leasing o di noleggio con un operatore straniero, ma conviene veramente?

 

Al netto dei vantaggi offerti da questa formula infatti – come la remota possibilità di sottrarsi alle multe, poiché spesso non vengono notificate all’estero, e i costi inferiori per quanto riguarda assicurazione e bollo – i rischi legati a questa modalità contrattuale continuano ad essere molti.

È bene ricordare infatti che la maggior parte delle auto offerte con formula NLT con targa tedesca, romena e bulgara vengono erogate da piccole società con sede nei rispettivi paesi.

Il rischio maggiore perciò è quello di incorrere in un procedimento penale nel caso in cui le suddette aziende dovessero chiudere o risultare fittizie.

 

Consigliamo dunque di rivolgervi ad aziende presenti sul territorio italiano e con una storia alle spalle, per citarne alcune potete controllare le offerte di noleggio a lungo termine offerte da Arval, Finrent, Brumbrum o Rent365, in questo modo potrete essere più sicuri e non rischiare inutilmente procedimenti penali sicuramente molto più dannosi rispetto al costo di un’assicurazione.

In sintesi, affidarsi ad una società con sede in Italia offre una maggiore garanzia agli utilizzatori, completamente diversa dal “noleggio” con targa straniera sul cui reale funzionamento rimangono ancora molti dubbi e ombre.

 

Conclusioni

Tirando le somme quindi anche al netto dei presunti vantaggi legati al noleggio estero il nostro consiglio è quello di affidarvi a società con sede in Italia poiché offrono maggiori garanzie e un prodotto sicuro e regolamentato. In questo modo la spesa complessiva potrebbe essere leggermente maggiore, ma non dovrete preoccuparvi di altro.

Per ulteriori informazioni in merito di seguito è presente il link con il testo integrale dell’attuale articolo 93 del Codice della strada.

Il settore dell’automobile sta attraversando un ampio processo di cambiamento, sia per quanto riguarda le motorizzazioni utilizzate, sempre più rivolte all’ecologico e all’elettrico, sia per quello che riguarda il modo di acquistare e possedere un’automobile.

 

L’importanza del noleggio

Il noleggio a lungo termine sta prendendo piede nel nostro paese come nuova formula per possedere un veicolo a motore; questo grazie all’ampliamento dell’offerta anche verso i privati.

 

Niente più proprietà, ma un possesso del veicolo attraverso la corresponsione di un canone mensile di noleggio che comprende di molti servizi che altrimenti andrebbero gestiti singolarmente.

 

Il noleggio come soluzione

Grazie a questo, il noleggio a lungo termine si è trasformato da una soluzione pensata esclusivamente per le aziende e professionisti a una nuova formula per vivere la mobilità che attira sempre più l’utenza privata, in grado di offrire soluzioni pensate per ogni genere di esigenza, proprio come quelle disponibili sul portale brumbrum, che offre auto senza anticipo, e soluzioni pratiche e veloci per guidare un’auto sempre nuova.

 

Le soluzioni proposte abbracciano la durata di 36, 48 e 60 mesi, al termine dei quali è prevista la restituzione del veicolo. Potendo così sostituirla con una completamente nuova instaurando un nuovo contratto con la società fornitrice.

 

Un nuovo modo di possedere l’auto che piace agli italiani, che vedono tutte le spese necessarie per utilizzare un’auto incluse in un canone mensile che comprende assicurazione, bollo, manutenzione e molto altro ancora.

 

Tali soluzioni possono prevedere o meno il versamento di un anticipo; oltre alle classiche rate mensili che come detto includono assicurazione RCA, manutenzione ordinaria e il pagamento del bollo.

 

E’ bene verificare quali sono le coperture assicurative previste dal contratto; questo perché le garanzie supplementari, quali furto e incendio, l’esistenza o meno di franchigie, potrebbero generare canoni dal prezzo superiore.

 

La convenienza

Valutare se conviene o no affidarsi a servizi di questo genere corrisponde a sommare i costi di gestione dell’auto obbligatori e frazionati mensilmente. Bollo, assicurazione, manutenzione ordinaria, cambio pneumatici, sono le voci principali da tenere in considerazione; ma assistenza stradale, manutenzione straordinaria, coperture assicurative totali sono altri parametri che possono tracciare un vantaggio superiore rispetto alla normale proprietà.

 

Il noleggio è potenzialmente vincente anche per quanto riguarda la svalutazione, soprattutto per chi vuole cambiare frequentemente il proprio mezzo.

 

Il possesso implica l’utilizzo e nulla più; non si ha nessun bene di proprietà, che comporta una naturale svalutazione con il passare degli anni. Mentre il noleggio è vincente per chi predilige il ricambio periodico del mezzo.

 

I dati raccolti

I dati elaborati da Aniasa, del 2017, mostrano come il 40% degli italiani intervistati è incline a sottoscrivere un servizio di noleggio a lungo termine per l’acquisto della propria nuova autovettura. un segnale che sottolinea quanto sia alto l’interesse nei confronti di questa modalità di possesso; inoltre mostra quanto siano diventate competitive le offerte messe a disposizione sul mercato.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni