Home / Posts Tagged "esodo"

Ricordare il martirio e il sacrificio del popolo istriano, giuliano e dalmata è un impegno e un imperativo dovuto alla memoria di migliaia di morti e ai 350.000 italiani che, dal settembre 1943, furono costretti dall’odio etnico ad abbandonare le loro case, i loro beni e il loro lavoro, per disperdersi come esuli in varie parti di Italia e del mondo intero.

 

Il 10 febbraio sarà celebrato il Giorno del Ricordo per non dimenticare, e anzi, per far conoscere alle nuove generazioni il sacrificio di tanti innocenti connazionali. Quest’anno le celebrazioni saranno sostenute e amplificate da un grande evento: il prossimo 5 febbraio, in cento sale cinematografiche di altrettante città italiane sarà proiettato Red Land – Rosso Istria, l’intenso film firmato da Maximiliano Hernando Bruno, che narrando la vita e il martirio della giovane studentessa istriana Norma Cossetto, racconta in un tragico affresco quei drammatici giorni, e lo fa in un crescendo epico di dolore, paura e disperazione.

 

Il film voluto, prodotto e distribuito da Venicefilm, con il sostegno della Regione del Veneto e della Regione Lazio, in collaborazione con Rai Cinema, ANVGD (Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia) e FederEsuli, si avvale dell’interpretazione di star internazionali come Franco Nero e Geraldine Chaplin. La giovane Norma ha il volto dolce ed espressivo della brava Selene Gandini e Romeo Grebensek dipinge con grande efficacia l’odio, la rabbia e la ferocia del carnefice titino.

 

 

Il progetto sostenuto dalle associazioni degli esuli, da amministratori comunali e regionali, da senatori e deputati, convinti della forza di penetrazione del grande schermo, avrà l’indiscutibile merito di rinnovare e conservare la memoria ma soprattutto di far conoscere alle nuove generazioni la tragedia e l’esodo di un popolo.

 

Ogni proiezione sarà  introdotta da un breve dibattito con le testimonianze di esuli e dei loro discendenti, interventi di istituzioni, rappresentanti del mondo politico, storici e associazioni, alla presenza – dove sarà possibile – del cast e del regista.

 

Ospite al Cinema Careni di Pieve di Soligo sarà il Presidente della VI Commissione Consiliare, il dott. Alberto Villanova, che da subito si è preso a cuore la questione e l’ha portata in Consiglio Regionale, dove ieri è stata approvato all’unanimità la mozione da lui presentata, affinché il film Red Land – Rosso Istria sia proiettato in tutto il territorio regionale.

 

“Ritengo sia importante trasmettere e portare all’attenzione delle giovani generazioni ciò che è successo e ciò che hanno vissuto i nostri fratelli nell’allora terra veneta. La VI Commissione Consiliare (che si occupa di Attività culturali, Istruzione, Ricerca scientifica, Sport, Turismo) si riunirà il prossimo 6 febbraio per commemorare il Giorno del Ricordo. In questa occasione ha esteso l’invito a due classi. Questo in via del tutto eccezionale, perché di solito l’evento è chiuso al pubblico”.

“Un plauso alla trasmissione Linea Verde Estate, che nella puntata odierna dedicata al Carso triestino, non ha dimenticato il ruolo educativo della tv pubblica e, accanto alla valorizzazione delle bellezze naturalistiche e gastronomiche, ha affiancato la conoscenza di una delle pagine più terribili della storia d’Italia, quella delle foibe e dell’esodo”.

Così l’assessore regionale all’Istruzione del Veneto, Elena Donazzan, commenta i contenuti della puntata della trasmissione Rai Linea Verde Estate andata in onda qualche giorno fa.

 

“Far conoscere a tutti gli italiani, che ancora oggi non sanno della pulizia etnica contro gli italiani di Istria, Fiume e Dalmazia, è un dovere delle istituzioni tutte – commenta l’Assessore, che nel 2007 sostenne e diffuse nelle scuole venete un ausilio alla didattica su questi argomenti, – perché che nei sussidiari di storia i nostri ragazzi non avevano la possibilità di trovare un solo rigo che parlasse di quelle di quel dramma orribile. Un dovere che come veneti sentiamo profondo, come il legame che strinse quelle terre di là dell’Adriatico con la storia di Venezia e dell’unità d’Italia e che portò, durante i giorni terribili dell’esodo degli italiani, ad accogliere molti di loro a Treviso, Vicenza, Verona, Padova, Venezia”.

 

“Lo stesso senso di giustizia e di verità aggiunge la Donazzan – che ha portato la Regione a contribuire alla produzione del primo film su Norma Cossetto, giovane studentessa dell’Università di Padova, istriana violentata e uccisa infoibata dai partigiani comunisti slavi , insignita della Medaglia d’Oro nel 2005 dal Presidente Ciampi, presentato venerdì in anteprima al Festival di Venezia”.

 

Mi auguro che la Rai, che ha dato oggi spazio a queste pagine di storia misconosciute con garbo e sensibilità anche in una fascia di intrattenimento leggerà – conclude la Donazzan – possa ospitare il film Red Lan – Rosso d’Istria in prima serata. Questo è vero servizio pubblico”.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni