Home / Posts Tagged "Comune Mogliano"

Con la distribuzione gratuita di sacchetti di compost ai cittadini, l’amministrazione comunale, in collaborazione con Veritas, promuove a partire da sabato 6 aprile una nuova iniziativa tesa a incentivare una buona raccolta differenziata.

 

L’iniziativa

I sacchetti saranno in distribuzione agli utenti che si recheranno all’Ecocentro di via Ronzinella negli orari di apertura e precisamente il martedì, venerdì e sabato dalle 13.00 alle 17.00. Il compost deriva dal trattamento della frazione organica, separata dagli stessi cittadini.

 

“L’obiettivo dell’iniziativa è perseguire l’obiettivo dell’economia circolare ovvero di rigenerare i nostri rifiuti reimmettendoli nel ciclo biologico. In questo modo dimostriamo concretamente ai cittadini che il loro sforzo per differenziare i materiali non è vano, sfatando così il più classico dei luoghi comuni secondo il quale i rifiuti raccolti separatamente sarebbero poi rimescolati”, spiega l’assessore all’Ambiente Oscar Mancini.

 

 

Di cosa è costituito il compost

La frazione organica è costituita dalla parte umida dei rifiuti (scarti di cucina, avanzi di cibo, frutta e verdura, pane vecchio; fondi di caffè e filtri di tè; alimenti avariati e scaduti, gusci d’uovo; tovagliolini di carta; lettiere di piccoli animali domestici) e da fiori recisi, piante domestiche, sfalci e potature di parchi e giardini. Inoltre costituisce una parte molto rilevante dei rifiuti differenziati dai cittadini: una famiglia di quattro persone che vive in una casa con un giardino di 500 mq produce ogni anno 2.500 kg di frazione organica (tra frazione umida, verde e ramaglie) che una volta trattati diventano 1.200 kg di compost.

 

“Il recupero della frazione organica riveste, quindi, un ruolo strategico per la salvaguardia dell’ambiente. Solo separandola bene sarà possibile rispettare l’ambiente e ridurre i rifiuti, contenendo i costi di smaltimento. È molto importante fare bene la differenziata perché basta una piccola quantità di materiale estraneo per inquinare tutto il resto e renderlo non più riciclabile o riutilizzabile”, sottolinea Mancini.

 

 

I processi di lavorazione

Durante il compostaggio le diverse componenti organiche vengono decomposte dai microrganismi (fase di biossidazione), in condizioni di umidità e aerazione controllate. La temperatura si alza e supera i 70°C, igienizzando così il materiale organico.

 

Altri microrganismi avviano poi la fase di maturazione, che si conclude con la creazione di un terriccio scuro che odora di sottobosco: il compost. Si tratta di un ottimo ammendante, da utilizzare in agricoltura, orticoltura, frutticoltura, florovivaismo e per creare parchi, giardini, aree verdi e naturalistiche. Il compost di qualità inferiore viene invece utilizzato per bonifiche e interventi di recupero ambientale.

Ridurre, riusare e riciclare sono gli obiettivi dell’amministrazione comunale di Mogliano. Dopo aver conseguito buoni risultati in materia di riciclaggio, consentendo di tenere bloccata la tariffa rifiuti negli ultimi 5 anni, ecco un nuovo progetto presentato da Veritas, d’intesa con l’amministrazione comunale.

 

 

Le caratteristiche

Presso l’Ecocentro di via Ronzinella, sorgerà il nuovo centro del riuso, dove materiali non più utilizzati, ma ancora in buono stato, potranno trovare nuova vita senza diventare rifiuti; un antidoto alla cultura dell’usa e getta che ha preso piede in una società molto orientata ai consumi. Una prassi basata su principi di tutela ambientale e di solidarietà sociale; questo aiuta a ridurre la quantità di rifiuti prodotti, consentendo alle fasce più deboli della popolazione di ottenere a titolo gratuito beni non nuovi ma ancora in grado di essere utilizzati.

 

Tante le novità che cambieranno radicalmente l’Ecocentro. Veritas ha presentato un progetto di ampliamento e riqualificazione, rispondendo alla necessità di dotare servizi e operatori di spazi più adeguati; ciò presenta modalità innovative di conferimento dei vari rifiuti avviati al recupero e di rendere adeguate alle quantità conferite alcune linee di raccolta.

 

 

L’opinione di Veritas

“Gli Ecocentri sono tra i cardini della nostra attività. Questo Ecocentro a Mogliano, con il suo ampliamento e riqualificazione, con il miglioramento della viabilità e dell’agevolazione per il conferimento, sarà di ulteriore stimolo per un suo maggiore utilizzo da parte dei cittadini. Un tassello importante per rafforzare quel principio di responsabilità dei cittadini su cui è importante puntare; questo in modo che le persone comprendano che i rifiuti sono qualcosa che loro stesse producono”. Evidenzia il direttore generale di Veritas, Andrea Razzini.

 

 

Il progetto

Il progetto prevede la rivisitazione dell’attuale area di conferimento attraverso l’installazione di idonei compattatori scarrabili – Mod. Falcor MK3 – di nuova generazione posizionati a raso in luogo dell’attuale sistema in quota con accesso attraverso l’utilizzo di rampe; questo rendendo più agevole il conferimento, e eliminando le code. Nell’edificio esistente troverà destinazione un’area R.U.P. i rifiuti urbani pericolosi (barattoli di colore, vernici, colle, solventi, pile, batterie auto esauste, farmaci scaduti e contenitori con residui di medicinali, cartucce d’inchiostro e toner, bombolette spray, solventi chimici di uso domestico (es: trielina), antiparassitari, insetticidi, topicidi di uso domestico, olio esausto da cucina e da motori; inoltre ci sarà un adeguato spazio ad uso deposito RAEE,  apparecchiature elettriche ed elettroniche ed anche un’area lavaggio mezzi.

 

Un nuovo edificio sarà costruito in collegamento all’edificio esistente, attraverso un portico; ciò avverrà con uno sviluppo longitudinale, una superficie totale coperta lorda di circa 323 mq. di cui 125 per spogliatoi, 75 per uffici, 28 per magazzini. Ad est del fabbricato è prevista un’area a parcheggio mezzi di mq.700 e un’area di mq. 382  destinata a deposito contenitori.

 

La società di gestione Veritas ha acquisito la proprietà di un’area contigua alla sede dell’Ecocentro di via Ronzinella; proprio su questa si svilupperà l’ampliamento.

 

L’impegno congiunto di cittadini, Amministrazione e Veritas, ha permesso di raggiungere a Mogliano una quota di differenziata del 74 %; tutto questo con una discreta qualità del conferito.

Con il ritorno del caldo si ripresentano le zanzare, da lunedì 25 marzo il Comune di Mogliano Veneto promuove la disinfestazione larvicida biologica. Resta indispensabile la collaborazione dei cittadini, poiché la zanzara prolifera ovunque ci siano degli accumuli d’acqua stagnante.

 

Nei giorni del mercato settimanale di lunedì 8 e 29 aprile 2019 il Comune di Mogliano, insieme a SGD Group, distribuirà gratuitamente del prodotto liquido pronto uso per il controllo ecologico delle zanzare. Questi saranno disponibili presso il gazebo situato davanti al Monumento ai Caduti, in Piazza dei Caduti.

 

 

“Con l’approssimarsi della stagione estiva e in base all’emergenza sanitaria regionale del 2018 per il virus West Nile, occorre quindi prepararsi già con anticipo ad affrontare il problema della proliferazione di questo insetto, in modo da arginarne il più possibile la diffusione”. Queste le parole del Sindaco Carola Arena e l’Assessore e dell’Ambiente Oscar Mancini.

 

 

Come in passato, si provvederà alla consegna di un prodotto da utilizzare nei ristagni d’acqua di pozzetti, griglie e scarichi dei pluviali presenti. Il liquido, riconosciuto e registrato come “Eco Friendly” servirà ad impedire il proliferarsi delle zanzare di ogni specie, evitando che queste possano pungere l’uomo.

 

Naturalmente è necessario attenersi alle istruzioni ed informazioni contenute in etichetta e nella confezione.

Di seguito pubblichiamo una lettera di interpellanza della Consigliera comunale del gruppo misto Rita Fazzello, rivolta alla Presidente del Consiglio comunale, al Sindaco e alla Giunta del Comune di Mogliano.

 

 

Oggetto: Convenzione Vega (Società cooperativa di distribuzione merci) e Comune di Mogliano V.to
Opere compensative per la frazione di Bonisiolo
Tutela dell’ambiente

 

Premesso che:
– la convenzione in oggetto è stata stipulata dalla precedente Amministrazione nel mese di aprile 2013, sulla base di una compensazione molto consistente, destinata al Comune per opere utili, pari a cinque milioni di euro
– la convenzione di cui trattasi ha richiesto la trasformazione di un terreno agricolo ( di fronte alla zona SPZ all’inizio della frazione di Bonisiolo) in area produttiva, dove è attualmente in costruzione una piattaforma logistica da 40.000 metri quadri per Vega, società cooperativa di distribuzione merci, attiva nel Triveneto da 50 anni e fondata a Mogliano

– nel programma di mandato di questa Amministrazione non si fa alcun cenno alla convenzione di cui sopra, né alle deliberazioni della Giunta Azzolini, fortemente contrastate dai gruppi consiliari dell’epoca

 

 

Considerato che:
i lavori per la prima opera perequativa, cioè la riqualificazione di via Zermanesa sono in stato di avanzamento veloce e così pure l’edificazione del nuovo mega polo logistico VEGA a Bonisiolo, nella zona compresa tra via Altinia, via Casale sul Sile fino al distributore ENI

 

La sottoscritta chiede al Sindaco e alla Giunta che venga illustrato, nella sede del Consiglio comunale, l’intervento perequativo che verrà realizzato a Bonisiolo, con la precisazione dei tempi prefissati. In particolare chiede se vi sia già a disposizione il progetto definitivo e quindi la certezza che la frazione di Bonisiolo non venga penalizzata.

 

Chiede altresì conferma che i lavori siano quelli concordati nella riunione con l’Associazione di frazione, in data 13 novembre 2017, presso le ex scuole elementari di Bonisiolo, presenti l’Assessore Catuzzato e l’architetto Sist.

 

Inoltre fa riferimento all’accordo preliminare del 18 – 07 – 2011 prot. N. 20472 cat. 8 class. 4, per cui VEGA si impegna a fare le opere a Bonisiolo nei punti di protocollo 3 e 4 per un importo di 1.500.000 euro.

 

Elenco dei lavori, comprensivi delle osservazioni da parte dell’Associazione di frazione Bonisiolo:
– sistemazione di via Altinia, lato sud, dalla rotatoria SPZ alla nuova rotatoria nei pressi del Cimitero, con la realizzazione e implementazione delle reti tecnologiche ( ADSL, illuminazione pubblica, rete scolo acque ecc.) marciapiedi e pista ciclabile
– messa in sicurezza idraulica dell’area, con la pulizia del canale Carmason
– opere di mitigazione ambientale: terrapieni con installazione di alte barriere fonoassorbenti ( 4 o 5 metri), per proteggere le case dei residenti a poca distanza, attenuando i rumori derivanti dal notevole traffico, in particolare nella zona Nord-Est, dove è previsto anche un parcheggio per la sosta degli automezzi pesanti.
– piantumazione di Lagerstroemie, piante che crescono e sporcano poco, non creano danni con le radici e fioriscono nel periodo estivo.
– realizzazione di un nuovo collettore fognario, per collegare le abitazioni di via Altinia non ancora allacciate ( il nuovo collettore potrebbe essere collegato a quello esistente, già realizzato per l’ex cantiere del Passante, attuale sede della Protezione civile, nei pressi della rotatoria per Marcon).
– sistemazione della strada che va dalla rotatoria per Marcon al cimitero, con segnaletica orizzontale e verticale
– riasfaltatura di via Altinia, dalla rotatoria per Marcon fino alle ex scuole elementari, compreso il tratto, di circa 100 metri, dall’ambulatorio medico verso nord.

 

 

Chiede infine:
– se l’Amministrazione abbia previsto di sollecitare l’Impresa per la pulizia periodica, onde evitare possibili incidenti, a seguito del continuo transito dei mezzi nel cantiere, per cui si depositano giornalmente sassi, terra e detriti vari in via Altinia
– se, a lavori ultimati, sarà ripulito il fosso e verranno ripristinati i confini della strada bianca a est dell’area e se quest’ultima verrà sistemata e rullata.

 

 

In attesa di riscontro, ringrazia vivamente per l’attenzione e la disponibilità.

Rita Fazzello

Il Comune di Mogliano Veneto ha avviato il rilascio della nuova carta di identità elettronica. D’ora in avanti, alla scadenza della carta di identità tradizionale (a partire dal 180° giorno prima della scadenza), e nei casi di smarrimento e furto, denunciati all’autorità giudiziaria, o di deterioramento, i cittadini moglianesi riceveranno la tesserina elettronica. Le carte di identità cartacee sono valide fino a scadenza naturale.

 

Per velocizzare le operazioni di rilascio è possibile prenotare un appuntamento sul sito agendacie.interno.gov.it, nel quale, previa registrazione, si ottiene l’accesso all’agenda degli appuntamenti del comune di Mogliano. Per dare un servizio in più a coloro che hanno poca dimestichezza con queste procedure informatiche, il comune ha messo a disposizione anche un numero verde 800 738 980, tramite il quale prenotare l’appuntamento, attivo lunedì-mercoledì-venerdì, dalle 12 alle 14, e martedì-giovedì, dalle 14 alle 16. La modulistica è disponile nel sito di Punto Comune (http://puntocomune.comune.mogliano-veneto.tv.it/home/modulistica~Anagrafe~Carta-di-identit–e-passaporto~Carta-di-identit-~.html).

 

All’anagrafe, con un macchinario collegato con il sistema centrale, verranno raccolti i dati anagrafici, impronte digitali e foto del richiedente. La nuova carta di identità sarà poi recapitata entro 6 giorni lavorativi a cura del Ministero dell’Interno direttamente presso l’indirizzo indicato dall’interessato al momento della richiesta, che può essere suo o quello di un suo delegato espressamente indicato.

 

I cittadini che lo desiderino, al momento del rilascio della carta di identità elettronica, possono esprimere la propria volontà in merito alla donazione di organi.

 

“Abbiamo deciso di aderire senza ulteriori indugi al progetto che porterà gradualmente in tutti i comuni le nuove procedure, perché crediamo nelle opportunità che darà ai cittadini ed alla pubblica amministrazione questo processo di digitalizzazione. La nuova carta, inoltre, incrementerà i livelli di sicurezza dell’intero sistema di emissione attraverso sia la centralizzazione della personalizzazione del supporto sia l’adeguamento delle sue caratteristiche ai più avanzati standard internazionali di sicurezza in materia di documenti elettronici”, ha commentato il Sindaco Carola Arena.

 

La nuova Carta di identità elettronica è realizzata in materiale plastico, dalle dimensioni di una carta di credito e dotata di sofisticati elementi di sicurezza e di un microchip a radiofrequenza (RF) che memorizza i dati del titolare. La foto è stampata al laser in bianco e nero, per garantire un’elevata resistenza alla contraffazione.  Sul retro della Carta il Codice Fiscale è riportato anche come codice a barre.

 

Oltre all’impiego ai fini dell’identificazione, la nuova Carta di identità elettronica può essere utilizzata per richiedere una identità digitale sul sistema SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale). Tale identità, utilizzata assieme alla CIE, garantisce l’accesso ai servizi erogati dalle pubbliche amministrazioni.

 

La validità della carta di identità elettronica varia a seconda all’età del titolare ed è di 3 anni per i minori di età inferiore a 3 anni, 5 anni per i minori di età compresa tra i 3  e i 18 anni e 10 anni per i maggiorenni. Il costo della carta è di 22,20 euro per nuovo rilascio o rinnovo e di 27,35 euro per duplicato a seguito di smarrimento o deterioramento e comprende anche le spese di spedizione. Lo Sportello Punto Comune è disponibile per informazioni nel consueto orario di apertura al pubblico.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni