Home / Posts Tagged "business"

Il Green Marketing è diventato una delle strategie aziendali più di tendenza e in voga negli ultimi anni per molte aziende: un tentativo di catturare il mercato in crescita dei consumatori attenti all’ambiente a livello globale, implementando una serie di pratiche rispettose per il nostro pianeta.

 

Il Green Marketing comporta essenzialmente la vendita di prodotti e servizi in base ai loro benefici ambientali. Sebbene questi sforzi di marketing coincidano con la responsabilità sociale delle imprese, evidenziano comunque in positivo le sfide che molte aziende ecologiche devono affrontare.

 

Questa tipologia di marketing può essere complicata perché i consumatori possono essere diffidenti nei confronti di alcuni marchi che percepiscono come non autentici. D’altra parte, è più probabile che le persone acquistino il prodotto o servizio se credono che sostenga una causa che supportano.

 

Quanto è Green il tuo businness?

Esistono molti modi in cui le aziende possono impegnarsi nel marketing ecologico. Possono attuare misure di controllo, riduzioni dei rifiuti e delle emissioni, utilizzare imballaggi riutilizzabili, usare materiali biodegradabili e modificare i processi di produzione per renderli più rispettosi dell’ambiente, magari approfittando di Internet e le potenzialità dei Social Network… Queste e altre pratiche attente all’ambiente rafforzano l’impegno di un marchio nel “diventare green”.

 

Come rendere più ecologica la tua strategia marketing

1. Focus sulla cultura

Uno dei modi più efficaci per comunicare l’approccio ecologico del tuo marchio è quello di enfatizzare la tua cultura green.

Ogni aspetto della tua attività dovrebbe riguardare il modo in cui implementi le pratiche ecologiche e il modo in cui ti sforzi di operare in modo più rispettoso per l’ambiente. A questo scopo puoi sfruttare i Social Network, sfruttando la loro capacità di amplificare i messaggi concentrandosi sui valori del segmento ecologico del tuo pubblico.

 

2. Sostieni la community

Una cosa molto utile è quella di essere coinvolti con la comunità locale e coinvolgere le persone chiave e le organizzazioni locali nei propri sforzi ecologici. Potresti sponsorizzare eventi a beneficio di enti ambientalisti o lanciare iniziative rispettose dell’ambiente con l’aiuto della città o del consiglio comunale.

 

3. Mostra le tue azioni

Ricorda di promuovere il coinvolgimento della tua azienda nelle campagne ecologiche locali documentando eventi con foto e video. Pubblicando questi sui tuoi canali Social e sul Blog del tuo sito web, questo rinforzerà la tua immagine aziendale come una società coinvolta creando un efficace booster di credibilità. Le organizzazioni della comunità inoltre apprezzeranno l’esposizione aggiuntiva che fornirai tramite il web.

Brevi video esplicativi possono essere molto utili per mostrare i tuoi sforzi a sostegno della sostenibilità ambientale. Puoi condensare argomenti abbastanza complessi in termini semplici e comprensibili, trasmettendo il tuo messaggio tramite un video facile da comprendere che il pubblico troverà coinvolgente e avvincente. Ricorda che il 95% degli spettatori conserva le informazioni dei video in modo più efficace rispetto ai messaggi di testo, con questo metodo quindi hai maggiori possibilità di connetterti con il tuo pubblico di destinazione.

 

4. Dare priorità alla trasparenza e alla comunicazione

Immagine e reputazione sono tra i maggiori punti di forza di un’azienda.

È sempre importante stabilire e conservare una buona reputazione, ma è particolarmente cruciale quando ci si impegna nel Green Marketing. Dato che l’impegno ecologico è intrinsecamente legato ai valori, vorrai che il tuo marchio rimanga coerente a questi valori.

È altrettanto importante essere trasparenti sulle tue operazioni per creare fiducia con il tuo pubblico. Le persone rispondono ai marchi che percepiscono come autentici, quindi costruire un’immagine di trasparenza e comunicazione aperta sono fondamentali.

Troverai utile comunicare con le persone tramite i Social Network in modo che il pubblico disponga di una piattaforma comoda e accessibile su cui tenere traccia dei tuoi sforzi in ambito ambientale.

 

Esempi di aziende rispettose dell’ambiente

Tre società che hanno fatto progressi significativi nel Green Marketing: sono Patagonia, Ikea e Seventh Generation.

Patagonia è un marchio di abbigliamento sportivo e di avventura con una Mission che si concentra sulla produzione dei migliori prodotti per l’outdoor, non causando danni inutili all’ambiente e utilizzando le imprese per ispirare e implementare soluzioni alla crisi ambientale. Per raggiungere questi obiettivi, l’azienda utilizza solo cotone organico che soddisfa lo standard biologico globale. Oltre il 56% dei suoi tessuti è certificato e la maggior parte sono realizzati con tessuti riciclati.

Contrariamente alla maggior parte delle altre aziende di abbigliamento, Patagonia incoraggia i suoi clienti a riparare e riutilizzare i loro prodotti invece di fare nuovi acquisti.

Ikea è il più grande rivenditore di mobili al mondo, con oltre 400 negozi in diversi paesi, una forza lavoro di oltre 170.000 dipendenti e oltre 915 milioni di clienti ogni anno. La società sta attualmente operando secondo il piano “People & Planet Positive”, tra gli obiettivi ci sono l’ottenimento di tutti i materiali in legno, carta e cartone da fonti più sostenibili, l’utilizzo del cotone solo da altre fonti ugualmente sostenibili e il miglioramento della sostenibilità del 90% dei propri prodotti.

Seventh Generation Inc. è un produttore con sede negli Stati Uniti di prodotti per la pulizia, la carta e la cura della persona, è la più grande azienda di forniture per la pulizia ecocompatibile del mondo. Utilizzando trasparenza e realizzando prodotti ecologici di alta qualità, l’azienda è tra le prime al mondo nell’aiutare ad innalzare gli standard di sostenibilità dell’industria manifatturiera.

 

Sei un imprenditore? Inizia anche tu a fare un gesto buono per l’ambiente, le strategie di Green Marketing possono iniziare in qualsiasi momento: dall’uso di energie rinnovabili alla scelta responsabile dei materiali, fino allo sviluppo di un piano di comunicazione online che promuova la tua nuova Mission colorata di verde!

“È in momenti come questi che si pongono le basi per riorganizzare la propria attività imprenditoriale in modo che, superata la crisi, sia pronta a ripartire cogliendo le nuove opportunità che si presenteranno. È oggi che ci si gioca il futuro”. Ne è convinto Matteo Busato, ingegnere, fondatore e amministratore di Make Group Srl, società che tramite i brand Make Consulting, Nuovi Talenti e LaFirma, eroga servizi per l’innovazione e lo sviluppo delle imprese con sede a Scorzè. Per questo, senza perdersi d’animo, dopo averne parlato con il suo team ha dato vita alla community “Imprenditore del futuro – insieme si vince”.

 

Oltre al suo team, ha coinvolto avvocati specializzati in diritto del lavoro e diritto societario, commercialisti, esperti di comunicazione, commercianti con grande esperienza nel settore vendite, professionisti nel mondo del credito e del fisco, imprenditori. “Si tratta di una community aperta a cui ciascun imprenditore può partecipare. Ci ritroviamo giornalmente su Facebook e in differita su Linkedin per offrire attraverso delle dirette occasioni di formazione. Lo stile – spiega Busato – non è quello della lezione, perché non siamo docenti. Preferiamo il confronto, suscitare domande, scambiando idee e proposte che si fondano sull’esperienza professionale di cui ciascuno di noi è portatore”.

 

La partecipazione a questo spazio di formazione e condivisione è gratuita e aperta a tutti: basta iscriversi al gruppo Facebook “IDF – Imprenditore del futuro”.

 

 

Il programma delle dirette prevede due appuntamenti ogni giorno, sabato compreso, alle ore 14.00 e alle ore 20.00 in cui un professionista a turno si confronta per circa mezz’ora in diretta, offrendo spunti e raccogliendo domande e proposte. I temi sono vari: da come rendere il bilancio più efficiente al saper fare rete d’impresa; dallo Smart Working al rilancio del proprio brand; dalla sicurezza in azienda allo sviluppo di prodotti innovativi.

 

“Mai avrei pensato di raccogliere così tante adesioni. Questo è il momento di dare perché domani si possa ancora ricevere. E il condividere esperienze diverse può essere la strategia vincente. Se le richieste di aiuto e adesioni al gruppo “Imprenditore del Futuro” continuano a crescere, abbiamo già pensato di ampliare il numero degli interventi Live su Facebook e LinkedIn”. Una community aperta e solidale. Busato infatti con la società Make Group Srl è tra i sostenitori delle campagne di raccolta fondi da destinare ai nostri ospedali. “Perché prima di tutto c’è da vincere la battaglia sanitaria. Aiutando i tanti professionisti, medici e infermieri, che in questi giorni sono in prima linea” conclude.

Per un’azienda il valore più importante sono le persone, anche se oggi, nel nostro Paese, solo un quinto degli adulti riceve formazione sul posto di lavoro, vale a dire la metà della media dei paesi Ocse.

Tuttavia, un team aggiornato è un team pronto a reagire al flusso di novità con cui l’azienda è chiamata a confrontarsi tutti i giorni.

 

Alcuni effetti positivi che dà una formazione ben congegnata sono generati da proattività al cambiamento, lavoro di squadra e raggiungimento degli obiettivi attraverso nuove prospettive.

 

In tutti i settori e in tutte le funzioni aziendali, dalle posizioni base alle più avanzate, sono richieste competenze digitali, il peso delle skills digitali continua a crescere di anno in anno.

 

Come posso portare traffico di qualità al mio sito? Quali canali portano maggiori risultati? Come si progetta una Social Media Strategy? Come posso integrare le diverse strategie di marketing con i diversi canali digitali al fine di sviluppare brand awareness e acquisire nuovi lead e clienti?

 

Attraverso un’adeguata formazione è possibile conoscere tutte le funzionalità e le opportunità di marketing che il digitale può offrire alla tua azienda.

La provincia di Treviso si prepara ad accogliere una settimana dedicata al business e alla creatività, con eventi da Castelfranco a Conegliano

 

Con la Treviso Creativity Week decolla la settimana dedicata al genio creativo e al business con la presentazione del Premio Creativity Startup, che celebrerà la start up più creativa del Veneto. La notizia viene diffusa in contemporanea all’annuncio delle date attraverso le quali si svilupperà il festival della creatività promosso da Innovation Future School e finalizzato a mettere al centro i giovani innovatori creativi del Veneto.

 

Si inizia giovedì 11 ottobre presso Ground Control Coworking in centro a Treviso insieme agli studenti del “PigrecoT-The entrepreneur Club di Ca’ Foscari con il “Faccia a faccia con l’imprenditore. Sveliamo le storie che si nascondono dietro un’impresa di successo”, venerdì 12 ottobre a Castelfranco al Teatro Accademico con “La cultura come leva di rilancio del territorio”, si prosegue il 13 ottobre a Treviso al Maggior Consiglio con un incontro organizzato con Ca’ Foscari Alumni e MARKETERs Academy dedicato alle nuove visioni e nuove leve imprenditoriali.

 

La settimana successiva si riparte il 15 ottobre con un doppio appuntamento: “ridisegnare le strategie con il design thinking” negli spazi di T2i – trasferimento tecnologico in piazza delle Istituzioni a Treviso e quindi “e-shop e user experience, come vendere gestendo al meglio l’omnicanalità” nella sede di Evologi srl a Meolo, nel Veneziano, in collaborazione con Be.Family. Martedì 16 alla Secco Spa di Preganziol, dopo la study visit risverata agli Alumni di Ca’ Foscari si parlerà poi di design, cultura e tradizione e il giorno dopo all’ex convento San Francesco di Conegliano ecco “Food e turismo, come valorizzare queste leve”; il 18 nella sede di UNIS&F Unindustria a Treviso “A spasso tra creatività e tecnologia”. Nel fine settimana il gran finale: il 19 ottobre il premio per le start up all’auditorium Sant’Artemio, nella sede Provincia di Treviso, il sabato invece in centro a Treviso il premio dedicato alla donna trevigiana dell’anno.

 

Nell’attesa della settimana degli eventi, è già boom di iscrizioni al concorso, sono infatti molti gli startupper interessati al bando del “Premio Creativity Startup del Veneto”, che mette in palio 2.500 euro in denaro al primo classificato e 10.000 euro in servizi e benefit per lo sviluppo dei progetti per gli altri classificati. Le candidature per il premio dedicato alle start up vanno inviate entro domani martedì 18 settembre; entro venerdì 4 ottobre la giuria selezionerà le dieci semifinaliste del premio per la finalissima. Tre le categorie nelle quali ci si può candidare: hi-tech & digital, fashion, food and forniture (le tre “F” del made in Italy) e innovazione sociale & cultura.

 

“Il Premio Creativity Startup intende premiare e dare visibilità a tutti i giovani creativi e innovatori veneti che vogliono investire su sè stessi e sul territorio avviando una startup”, spiega l’organizzatore, Gianpaolo Pezzato. “Ma tutta la settimana di eventi è finalizzata a mettere al centro i giovani innovatori creativi premiando le più interessanti idee imprenditoriali del territorio, stimolando il dialogo e il confronto tra gli attori dell’ecosistema dell’innovazione territoriale. Gli appuntamenti saranno occasione di divulgazione tramite gli interventi di personaggi di spicco e il racconto di best practices, con interazione tra relatori e pubblico per stimolare il dialogo e il confronto e per raccogliere i progetti da presentare nella startup competition”.

 

Per info:

Gianpaolo Pezzato, 333 2034010

[email protected]trevisocreativityweek.it.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni