Home / Posts Tagged "auto"

Un nuovo modo di affrontare il dramma del vivere in auto che potrebbe essere riproposto per i casi scoperti nella provincia di Treviso

 

Una giovane coppia di Lozzo Atestino, in provincia di Padova, da mesi era costretta a vivere in tenda a causa di problemi lavorativi e familiari. Finalmente ha trovato un alloggio grazie all’impegno del Presidente Nazionale di Più Italia, Fabrizio Pignalberi che aveva richiesto l’intervento dell’amministrazione comunale e delle Forze dell’ordine. Con la sua mediazione si è dipanata un’intricata matassa fatta di problemi economici e non solo.

 

La coppia, a cui si è unita la comunità di Lozzo Atestino, ha inviato un doveroso ringraziamento all’amministrazione comunale, in particolar modo al sindaco Fabio Ruffin, ai servizi sociali, nonché al Comandante dei Carabinieri Donato Recupero, che insieme al dott. Pignalberi, hanno contribuito a risolvere il complesso caso e dare loro un aiuto tangibile.

 

Si è trattato di un perfetto connubio tra famiglia e istituzioni, un protocollo nuovo che presto potrebbe essere riproposto anche in situazioni a noi molto vicine.

 

Silvia Moscati

Alle 6.15, i Vigili del fuoco sono stati chiamati per soccorrere un automobilista finito nel fiume Brenta nei pressi di Piazza Mercato a Mira: deceduto un anziano. Le squadre dei pompieri, arrivate dal locale distaccamento e da Mestre con il nucleo sommozzatori, hanno raggiunto l’auto intanto inabissatesi, riuscendo a tirare fuori la persona. Purtroppo nonostante i tentativi di rianimazione il personale del Suem 118 ha dovuto dichiarare la morte del 83 enne del posto.

 

 

I Vigili del fuoco hanno successivamente recuperato l’auto, issandola con l’autogrù liberando così il corso del fiume. Le cause del sinistro sono al vaglio dei Carabinieri. Le operazioni di soccorso degli operatori sono terminate dopo circa due ore.

Nella giornata di ieri, le volanti hanno rinvenuto nel territorio di Mestre mediante l’utilizzo del “Sistema Mercurio” due automobili rubate.

 

La prima è una Ford Fiesta denunciata lo scorso 19 luglio presso la Stazione dei Carabinieri di Montebelluna. È stata ritrovata in via Nigra e restituita al legittimo proprietario. La seconda, un Fiat Panda, rubata lo scorso 10 luglio è stata rintracciata in via Ferrari. Anche questa, non essendo danneggiata, è stata restituita.

 

Il “sistema Mercurio” è la piattaforma della Polizia di Stato per il controllo del territorio. Installato all’interno della volante, si compone di un tablet con schermo multi-touch da 10 pollici che può essere tolto dall’alloggiamento ed utilizzato all’esterno del veicolo e di un sistema di telecamere dotate di zoom ottico 36x, di cui una collocata sulla plancia del veicolo. 

 

Tramite la videocamera di bordo è possibile effettuare un controllo automatizzato dei veicoli, sia in sosta che in transito, prossimi alla volante in perlustrazione. La camera rileva la targa, il dato viene trasmesso ed elaborato dal sistema che compara la targa con quelle presenti negli archivi di Polizia. Nel caso in cui un’auto quindi risulta rubata o sprovvista di assicurazione o certificato di revisione, un segnale sonoro avvisa immediatamente i poliziotti della volante e la centrale operativa.

 

Nell’ultimo anno si sono registrati nel comune di Venezia 71 furti di veicoli, di questi 28 sono automobili. Grazie alla nuova tecnologia le pattuglie del controllo del territorio ne hanno rintracciate 19. 

Un nostro affezionato lettore ci segnala una situazione paradossale e pone una domanda: “Perché parcheggi ormai pronti per essere usati non vengono aperti vista la carenza di posti auto in centro città?”.

 

“Ad esempio  domenica ci sono state le prime comunioni nel Duomo e l’apertura, anche se temporanea, di questi parcheggi, posizionati vicino alla chiesa, sarebbe stata la salvezza per le numerose persone e famiglie che erano presenti alla cerimonia e non solo”.

 

“Forse perché – conclude il lettore – si vuole inaugurare tutta la zona insieme per dar risalto alla cosa? Non sarebbe meglio pensare soprattutto alle esigenze ed al benessere dei cittadini?”.

 

Il nostro lettore ci ha inviato una serie di foto dei parcheggi in questione a supporto delle sue affermazioni.

 

 

 

 

Ieri, alle 14.30, i Vigili del fuoco sono intervenuti in via Bassa a Jesolo per un automobilista finito con l’auto nel fiume Sile dopo aver perso il controllo della vettura.

 

Il conducente è riuscito autonomamente a venire fuori dalla vettura e a raggiungere la sponda, dove è stata successivamente preso in cura dal personale del Suem 118.

Nel frattempo i Vigili del fuoco, accorsi anche con il nucleo sommozzatori di Venezia, hanno recuperato l’auto dal fiume.

 

La cosa curiosa è che durante le operazioni subacquee di agganciamento della vettura, i sommozzatori si sono accorti della presenza di una seconda auto nel fiume. Recuperata l’auto dell’automobilista finito in acqua oggi, si è provveduto quindi al recupero della seconda vettura che, a vederne le condizioni, sembra fosse in acqua da diverso tempo.

 

Poco dopo le 16.30, i Vigili del fuoco sono intervenuti in piazzale Roma, sulla rampa Santa Chiara, per soccorrere una signora rimasta incastrata con la propria auto tra il tram e new jersey: illesi i passeggeri del mezzo pubblico, controllata dal personale del 118 l’automobilista.

 

I pompieri, arrivati da Mestre con due automezzi tra cui l’autogrù, hanno messo in sicurezza i veicoli e liberato la donna rimasta bloccata all’interno dell’automobile. Nell’urto le vetrate laterali del tram sono andate in frantumi.

 

Al vaglio della Polizia locale le cause dell’incidente che hanno bloccato il traffico tranviario lungo la linea. Le operazioni di soccorso dei vigili del fuoco sono ancora in atto.

 

Il settore dell’automobile sta attraversando un ampio processo di cambiamento, sia per quanto riguarda le motorizzazioni utilizzate, sempre più rivolte all’ecologico e all’elettrico, sia per quello che riguarda il modo di acquistare e possedere un’automobile.

 

L’importanza del noleggio

Il noleggio a lungo termine sta prendendo piede nel nostro paese come nuova formula per possedere un veicolo a motore; questo grazie all’ampliamento dell’offerta anche verso i privati.

 

Niente più proprietà, ma un possesso del veicolo attraverso la corresponsione di un canone mensile di noleggio che comprende di molti servizi che altrimenti andrebbero gestiti singolarmente.

 

Il noleggio come soluzione

Grazie a questo, il noleggio a lungo termine si è trasformato da una soluzione pensata esclusivamente per le aziende e professionisti a una nuova formula per vivere la mobilità che attira sempre più l’utenza privata, in grado di offrire soluzioni pensate per ogni genere di esigenza, proprio come quelle disponibili sul portale brumbrum, che offre auto senza anticipo, e soluzioni pratiche e veloci per guidare un’auto sempre nuova.

 

Le soluzioni proposte abbracciano la durata di 36, 48 e 60 mesi, al termine dei quali è prevista la restituzione del veicolo. Potendo così sostituirla con una completamente nuova instaurando un nuovo contratto con la società fornitrice.

 

Un nuovo modo di possedere l’auto che piace agli italiani, che vedono tutte le spese necessarie per utilizzare un’auto incluse in un canone mensile che comprende assicurazione, bollo, manutenzione e molto altro ancora.

 

Tali soluzioni possono prevedere o meno il versamento di un anticipo; oltre alle classiche rate mensili che come detto includono assicurazione RCA, manutenzione ordinaria e il pagamento del bollo.

 

E’ bene verificare quali sono le coperture assicurative previste dal contratto; questo perché le garanzie supplementari, quali furto e incendio, l’esistenza o meno di franchigie, potrebbero generare canoni dal prezzo superiore.

 

La convenienza

Valutare se conviene o no affidarsi a servizi di questo genere corrisponde a sommare i costi di gestione dell’auto obbligatori e frazionati mensilmente. Bollo, assicurazione, manutenzione ordinaria, cambio pneumatici, sono le voci principali da tenere in considerazione; ma assistenza stradale, manutenzione straordinaria, coperture assicurative totali sono altri parametri che possono tracciare un vantaggio superiore rispetto alla normale proprietà.

 

Il noleggio è potenzialmente vincente anche per quanto riguarda la svalutazione, soprattutto per chi vuole cambiare frequentemente il proprio mezzo.

 

Il possesso implica l’utilizzo e nulla più; non si ha nessun bene di proprietà, che comporta una naturale svalutazione con il passare degli anni. Mentre il noleggio è vincente per chi predilige il ricambio periodico del mezzo.

 

I dati raccolti

I dati elaborati da Aniasa, del 2017, mostrano come il 40% degli italiani intervistati è incline a sottoscrivere un servizio di noleggio a lungo termine per l’acquisto della propria nuova autovettura. un segnale che sottolinea quanto sia alto l’interesse nei confronti di questa modalità di possesso; inoltre mostra quanto siano diventate competitive le offerte messe a disposizione sul mercato.

Torna anche per il 2019, dopo averlo già proposto negli ultimi due anni, il bando per chi decide di acquistare nuovi autoveicoli rottamando il proprio vecchio mezzo inquinante. La Giunta regionale, su proposta dell’assessore all’Ambiente Gianpaolo Bottacin, ha approvato l’iniziativa per l’anno corrente con alcune novità.

 

 

“Dopo aver soddisfatto tutte le richieste pervenute negli scorsi due anni e visto il grande apprezzamento della proposta, abbiamo ritenuto di promuovere un nuovo bando anche per l’anno corrente mettendo a disposizione dei soggetti privati residenti nel Veneto mezzo milione di euro di contributi per la rottamazione di veicoli inquinanti e la loro sostituzione con veicoli a basso impatto ambientale di nuova immatricolazione”. Questo quanto afferma Bottacin.

 

 

Gli incentivi

 

Rottamando le autovetture, benzina Euro 0 ed Euro 1 o gasolio Euro 0/1/2/3/4, si potrà beneficiare di un contributo variabile a seconda del mezzo acquistato. Questo sarà pari a 3.500 euro per autoveicoli elettrici o per autoveicoli ibridi (benzina/elettrica) a classe emissiva Euro 6; a 2.000 euro per autoveicoli bifuel (benzina/GPL o benzina/metano) sempre a classe emissiva Euro 6.

 

 

“Anche quest’anno abbiamo voluto tenere conto della situazione economica dei beneficiari, prevedendo una priorità per le fasce di reddito più basse così da agevolare massimamente chi può averne più bisogno. Tra le novità invece abbiamo introdotto la possibilità di sostituire anche i veicoli alimentati a gasolio di classe emissiva Euro 4; riservando a questa tipologia una quota fino al 10% delle risorse economiche destinate per finanziare l’iniziativa”. Ha aggiunto l’assessore.

 

 

Come fare

 

Le domande, il cui modulo sarà pubblicato sul BUR nei prossimi giorni, dovranno pervenire alla Direzione Regionale Ambiente entro il 31 maggio 2019. Oltre al reddito si terrà conto dell’ordine cronologico di arrivo delle domande, fino ad esaurimento delle disponibilità finanziarie. Le nuove auto dovranno essere acquistate entro il 15 ottobre 2019; mentre per la rottamazione dei vecchi veicoli dovrà essere avvenuta dopo il 2 gennaio 2019 e fino alla data ammessa per l’acquisto.

 

 

Relativamente ai veicoli che beneficiano di un contributo parametrato al numero dei grammi di biossido di carbonio emessi per chilometro (CO2 g/km), secondo gli importi di cui all’art. 1 comma 1031 e seguenti della L. 30.1.2018 n. 145, il contributo regionale è cumulabile con quello nazionale.

 

 

“Parlando della sola sostituzione delle auto private, in meno di due anni abbiamo messo a disposizione dei cittadini quasi due milioni di euro; ma questa è solo una delle tante iniziative dedicate al risanamento dell’aria che comprendono fra l’altro il bando per la rottamazione delle stufe, attualmente e fino al 30 aprile ancora aperto”.

Alle ore 21 circa di ieri sera, i Vigili del fuoco di Treviso hanno ricevuto una segnalazione per l’incendio di due auto a Casale sul Sile, in via Poli.

 

Subito sul posto le squadre dei pompieri, che hanno immediatamente spento le fiamme, mentre le forze dell’ordine ristabilivano la sicurezza nel luogo dell’accaduto.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni