Home / Regione  / Non autosufficienti: nuove regole per 366 strutture in Veneto

Non autosufficienti: nuove regole per 366 strutture in Veneto

Da case di riposo a centri di servizi. Non è solo un cambio di nome per le 366 strutture residenziali di assistenza per anziani e persone disabili. Ma un cambio di regole e di filosofia

Da case di riposo a centri di servizi. Non è solo un cambio di nome per le 366 strutture residenziali di assistenza per anziani e persone disabili. Ma un cambio di regole e di filosofia indotto dai nuovi accordi contrattuali, negoziati tra Regione Veneto, associazioni dei gestori e dei dipendenti, aziende sanitari. Una trasformazione che interessa i 32 mila ospiti accolti (di cui 24 mila con impegnativa regionale di residenzialità) e i loro familiari, nonché i 20 mila operatori (tra personale sanitario, sociosanitario, amministrativo e tecnico) che li assistono.

 

“A distanza di 14 anni dalle ultime convenzioni, datate 2004, la Regione Veneto ha varato nuovi accordi contrattuali”, ha spiegato l’assessore regionale al sociale, insieme al direttore regionale alla sanità e al sociale, incontrando, nel padiglione Rama presso l’ospedale dell’Angelo di Mestre, i gestori degli istituti pubblici e privati di assistenza, i direttori generali e sociali delle Ulss, i rappresentanti dei distretti e dei dipendenti delle strutture assistenziali, presenti anche sindaci e amministratori locali.

 

“L’obiettivo è aggiungere un altro tassello alla riorganizzazione del nostro sistema sanitario e assistenziale, perché sia sempre più qualificato e accessibile e al tempo stesso sostenibile, a fronte del crescente invecchiamento della popolazione e dell’incidenza di cronicità e non autosufficienza – ha spiegato l’assessore alla platea di ‘addetti ai lavori’. “Oggi il 90 per cento degli ospiti delle nostre strutture assistenziali non è più autosufficiente e manifesta patologie croniche sempre più invalidanti, come demenze e Alzheimer”.

 

“Dopo il piano sociosanitario 2012-2016, la riorganizzazione degli ospedali e delle Ulss e i nuovi atti aziendali entrati in vigore nel 2017 che stanno reimpostando la sanità territoriale – ha contestualizzato l’assessore – ora è la volta delle ex case di riposo, chiamate sempre più ad essere ‘poli della salute’, ‘centri di servizi’ specializzati, ‘ponte’ tra ospedale e domiciliarità”.

 

Perno dei nuovi accordi contrattuali è il potenziamento dell’assistenza medica. “La Regione investe 5 milioni di euro l’anno in più – ha sottolineato l’assessore – per migliorare l’assistenza medica agli ospiti dei centri di servizi. Le strutture assistenziali possono scegliere se avvalersi dei medici di medicina generale o di una o più figure mediche di propria scelta, ma i medici incaricati dovranno essere presenti dal lunedì al sabato e garantire 22 ore di assistenza settimanali ogni 60 pazienti (lo standard precedente era di 18 ore settimanali, dal lunedì al venerdì), agevolando i familiari con incontri al sabato. La spesa regionale per l’assistenza medica aumenta, a conti fatti, del 25 per cento: da 48,5 euro mensili per assistito a 62. “Abbiamo voluto privilegiare il criterio della libera scelta e la centralità dei diritti dell’ospite – ha sottolineato il direttore regionale della sanità e del sociale – La scelta del medico non può essere dettata dalle sigle sindacali, ma spetta ai centri di servizi, in una logica di migliore offerta e di competizione qualitativa”.

 

Tra le novità introdotte spicca la nuova figura del medico coordinatore, un dirigente sanitario dipendente dell’azienda sanitaria incaricato di tenere i rapporti tra azienda e struttura, di garantire prestazioni specialistiche all’interno dei centri di servizio,  di coordinare i piani assistenziali per gli ospiti e di essere il garante dell’appropriatezza delle cure. Viene introdotta di prassi la figura del coordinatore infermieristico e valorizzata la figura dello psicologo-psicoterapeuta, la cui prestazione diventa parte costitutiva dell’attività riabilitativa nell’ambito delle Sezioni Alta Protezione Alzheimer. Inoltre, all’interno dei centri di servizi, sono previste prestazioni odontoiatriche e di igiene dentale; l’assistenza riabilitativa viene potenziata (il contributo regionale passa da 2 euro pro capite per giornata a 2,10); l’assistenza farmaceutica e l’erogazione di ausili e di presidi chirurgici ospedalieri vengono estese anche agli ospiti privi di impegnativa, garantendo così un servizio uniforme su tutto il territorio regionale, con un sicuro risparmio per il sistema sanitario e le famiglie.

 

Anche la formazione del personale sarà gestita (e pagata) in collaborazione tra strutture residenziali e aziende sanitarie. Le aziende sanitarie garantiranno, attraverso rimborsi concordati,  prestazioni di assistenza specialistica in materia di sicurezza del lavoro al personale dei Centri di servizi.

 

In cambio, il sistema sanitario chiede maggior competenza e responsabilità ai medici e al personale dei centri di servizi, scoraggiando i troppi ricoveri ospedalieri: il rimborso delle giornate di degenza in ospedale scende infatti dal 75 al 50 per cento della quota regionale pro capite.

 

I nuovi accordi contrattuali (già in vigore) sono stati accolti dal presidente veneto di Uneba, Francesco Facci, come “una scelta coraggiosa”, e dal presidente di Uripa, Roberto Volpe, come un “atto convenzionale che non ha paragoni nel resto d’Italia”, raggiunto “con un grande lavoro di confronto e negoziazione” che ha superato diversità e disparità locali.

 

“In Veneto, dopo anni, abbiamo voluto intraprendere un nuovo percorso, coinvolgendo tutte le parti interessate, per qualificare le strutture residenziali – è stata la chiave di lettura proposta dall’assessore-  offrire più assistenza, intensificare  l’integrazione tra sanità e sociale nel territorio con l’obiettivo di migliorare quelle che sono ormai le ‘case famiglia’ degli ultimi anni della vita”.

 

Il percorso non è completato: restano da definire i nuovi criteri di assegnazione del budget alle strutture (la spesa complessiva della Regione è di circa mezzo miliardo di euro) e da superare le diversità di trattamento tra strutture pubbliche e strutture private attuando la riforma delle Ipab. “La rivisitazione della normativa che regola le Ipab sarà completata entro il 2018 – ha promesso l’assessore – i tavoli tecnici sono già al lavoro. Intanto, con i nuovi accordi contrattuali, la strada è aperta: i centri di servizi sono parte costitutiva del sistema veneto di assistenza e cura”.

 

 

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni