Italia MondoSlide-mainSociale

Nave ITALIA: a bordo del brigantino più grande del mondo per non profit, scuole e ospedali

2 minuti di lettura

l brigantino più grande del mondo è a disposizione di enti non profit, scuole e ospedali per esperienze di terapia dell’avventura, all’insegna dell’inclusione. Il 14 ottobre scade la prima fase delle preselezioni dei progetti di solidarietà.

Mentre la campagna 2022 di Fondazione Nave ITALIA è ancora in pieno svolgimento, c’è tempo fino al 14 ottobre per poter avanzare le richieste e poter navigare nella stagione 2023 a bordo del brigantino più grande del mondo affiancati all’equipaggio della Marina Militare, così da scoprire come la terapia dell’avventura influisca positivamente sul benessere di chi vive un disagio o una disabilità. 

Da inizio maggio ad oggi Nave Italia ha navigato toccando diversi porti italiani e ha portato a bordo 19 delle 27 associazioni protagoniste dei progetti di questa stagione.

Le associazioni interessate a partecipare alle preselezioni per la stagione 2023 possono presentare il proprio progetto entro il 14 ottobre 2022, compilando il modulo online sul sito www.naveitalia.org al link https://www.naveitalia.org/progetti/presenta-il-tuo-progetto/.

Le associazioni e gli enti che avranno superato le preselezioni accederanno alle selezioni finali sviluppando il progetto per l’ammissione definitiva, che avverrà entro il 16 dicembre 2022. 

La mission della Fondazione è contribuire al superamento dei pregiudizi sull’esclusione sociale e sulla disabilità attraverso la scoperta di potenzialità ancora sconosciute. La campagna 2022 è ancora in corso, dopo due anni di attività ridotte a causa della pandemia da Covid -19, siamo tornati a navigare a vele spiegate con un ricco calendario che ci ha portato fino in Sicilia e che al 31 di ottobre vedrà protagoniste 27 associazioni. Anche il 2023 si prospetta altrettanto positivo, anno per il quale abbiamo l’ambizioso obiettivo di consolidare scientificamente la nostra Terapia dell’avventura” ha ricordato Giorgio Lazio presidente di Fondazione Tender To Nave ITALIA Onlus

Nave Italia è a disposizione di enti non profit, scuole e ospedali che desiderino realizzare un’esperienza a bordo del brigantino più grande del mondo, un luogo dove non esistono differenze, dove ogni persona arricchisce l’altra con la propria originalità e dove le emozioni si trasformano in ricordi indelebili nel tempo. Possono partecipare anche servizi sociali, aziende pubbliche o private che promuovano azioni inclusive verso i propri assistiti e le loro famiglie. 

Fondazione Tender To Nave Italia è una Onlus costituita il 10 gennaio 2007. La Fondazione promuove la cultura del mare e della navigazione come strumenti di educazione, formazione, riabilitazione, inclusione sociale e terapia. I beneficiari sono associazioni non profit, Onlus, scuole, ospedali, servizi sociali, aziende pubbliche o private che promuovano azioni inclusive verso i propri assistiti e le loro famiglie. La Fondazione Tender To Nave Italia Onlus ha a disposizione una nave a vela di 61 metri: Nave Italia, il più grande brigantino a vela del mondo. Dal 2007 Nave Italia ha imbarcato oltre 5000 persone tra passeggeri speciali, operatori e volontari dedicati e ha realizzato 300 progetti. In questi anni i progetti sono cresciuti di numero e qualità fornendo ai beneficiari percorsi formativi e riabilitativi davvero unici

La Fondazione è sostenuta dai Promotori Benemeriti che credono in questa grande iniziativa di solidarietà. Oltre ai Promotori Benemeriti la Fondazione è sostenuta da Partner sostenitori e da donatori privati.

Articoli correlati
MoglianoSlide-mainSpeciale 25 novembre contro la violenza sulle Donne

Continuano gli eventi a Mogliano Veneto per dire NO alla violenza in ogni sua forma

2 minuti di lettura
L’annuale Staffetta lungo il Terraglio termina quest’anno con l’inaugurazione di un’opera in memoria di tutte le vittime di violenza Nell’ambito delle molte…
AmbienteCulturaSlide-mainVenezia

Venezia e i cambiamenti climatici all'Ateneo Veneto

1 minuti di lettura
Venezia è un patrimonio tanto inestimabile quanto fragile e ha mostrato tutta la sua fragilità nel novembre 2019, quando l’acqua alta ha…
Slide-mainVeneto

Selva di Cadore, 3,1 milioni di euro per la sicurezza del territorio

2 minuti di lettura
L’Assessore al Dissesto Idrogeologico Gianpaolo Bottacin si è recato a Selva di Cadore, nel bellunese, per un sopralluogo a due cantieri curati…

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio