LavoroSlide-mainVeneto

FpCgil. Smart Working, strumento utile da ripristinare com ripresa emergenza

2 minuti di lettura


Indagine della Fp Cgil su 4500 lavoratori delle Funzioni Locali
L’Aumento dei contagi, in particolare nella nostra provincia, dovrebbe determinare la
ripresa immediata dello strumento dello smart working per contribuire al
distanziamento e ridurre la possibilità che il virus circoli – dichiara Daniele Giordano
Segretario Generale Fp Cgil.
Sappiamo tutti che la stretta adottata dal Governo sul “super green pass” è dovuta
alla preoccupazione per la ripresa dell’emergenza sanitaria e le regole imposte, ad
esempio per l’accesso ai mezzi pubblici, saranno di non semplice attuazione.
Le pubbliche amministrazioni sono in forte ritardo anche sulla definizione dei POLA,
Piano operativo lavoro agile, tant’è che la gran parte, nonostante siano previsti da un
anno, non li ha ancora definiti.
Molte amministrazioni hanno sposato la logica del Ministro Brunetta, a partire dal
Comune di Venezia, come se lo smart working non sia lavoro ma una specie di
vacanza per i lavoratori. Peccato che le numerose indagini degli ultimi sei mesi
condotte dalle Università dimostrino l’esatto contrario.
Come Cgil non chiediamo che tutti i lavoratori vengano messi in smart working ma
che si rimetta in campo lo strumento adottando una modalità “mista” che permetta sia
di affrontare meglio la ripresa dei contagi che per migliorare le condizioni di lavoro.
Sono a sostegno di queste considerazioni i risultati dell’indagine che abbiamo condotto
tra i lavoratori delle Funzioni locali dei comuni della città metropolitana di Venezia
dove emerge in modo chiaro che la stragrande maggioranza non chiede uno smart
working al 100% ma una modalità mista che permette, come rilevato anche dalle
recenti indagini del Politecnico di Milano, di aumentare la produttività delle persone.
Sono i risultati del sondaggio della FP Cgil di Venezia rivolto ai circa 4,500 lavoratori
delle Funzioni Locali (Comuni, Unioni dei Comuni, Città Metropolitana ed altri Enti
locali) dell’Area Metropolitana di Venezia a cui ha riposto il 9% del personale
rappresentando un campione molto rappresentativo.
Emerge infatti che da casa si lavora meglio e ci si sente più motivati e per molti
rappresenta un modo per conciliare i tempi di vita con quelli di lavoro, anche se a
volte il lavoro è aumentato rispetto al lavoro in ufficio. I lavoratori rappresentano
difficoltà di tipo tecnico (in primis la strumentazione non fornita dal datore di lavoro),,
un’organizzazione un po’ improvvisata ed altre questioni aperte sul tema dello smart
working, tra le quali la mancanza di una vera regolamentazione.
Sono 8 lavoratori su 10 quelli che preferirebbero alternare lo smart working con il
lavoro in presenza.


CGIL Funzione Pubblica Metropolitana di Venezia
www.fpcgilvenezia.it | twitter @FpCgilVenezia | facebook @fpcgilvenezia2
Se l’82% dei lavoratori dà un giudizio positivo sullo smart working svolto in questo
anno e mezzo, solo il 12% lo sceglierebbe come modalità di lavoro. Una percentuale di
poco inferiore a chi preferirebbe tornare in ufficio (14%) mentre il 72% opterebbe per
una modalità mista.
Le risorse del PNRR chiedono una pubblica amministrazione più smart, che investe
sulle competenze digitali, sulla formazione del personale e su processi innovativi per
offrire servizi ai cittadini.
Dobbiamo purtroppo costatare come in molte realtà tutto questo sia solo sulla carta e
che le pubbliche amministrazioni rischiano di perdere sia la sfida dell’innovazione che
della capacità di attrarre gli investimenti del PNRR.
Senza un piano chiaro che faccia rete tra i Comuni della nostra provincia, dato che la
città metropolitana è stata completamente annientata nelle sue funzioni dal Sindaco, il
nostro territorio pagherà cara la scarsa capacità di innovazione e cambiamento che è
determinante per non essere il fanalino di coda del Veneto.

Articoli correlati
22-21-EVENTIArteAttualitàCulturaSlide-main

Comfort Zone

1 minuti di lettura
All’interno della splendida e puntuale kermesse Treviso Comic Book Festival andata in scena lo scorso weekend e che proseguirà fino al 9…
EconomiaLavoroSlide-mainVeneto

Primo passaggio generazionale al Gruppo Pro-Gest

2 minuti di lettura
Presentato alla convention di Asiago il nuovo organigramma. Il fondatore Bruno Zago alla Presidenza del Gruppo, le deleghe saranno assunte dai figli…
MusicaSlide-mainVenezia

A Venezia il Festival Massenet

1 minuti di lettura
Sei concerti in programma: inaugurazione sabato 1° ottobre alle 19.30 alla Scuola Grande S. Giovanni Evangelista con “Dal salotto alla scena”, arie…

    RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!