AttualitàEconomiaLavoroSlide-mainVeneto

Emergenza prezzi del gas naturale per autotrazione, Assogasmetano lancia un grido d’allarme

1 minuti di lettura

Sul tema dei prezzi crescenti dell’energia e del gas naturale in particolare, Assogasmetano, Associazione Nazionale
Imprese Distributrici Metano Autotrazione
lancia l’ennesimo allarme: di fronte a questa escalation, il settore si troverà fuori mercato e rischierà la chiusura.

In questi giorni le quotazioni internazionali del gas, anche a seguito del taglio delle forniture dalla Russia, hanno ripreso purtroppo a galoppare.

Nel mese di giugno, il prezzo medio nazionale è risultato di 1,904 €/kg. I prezzi medi più alti sono stati rilevati in Calabria, Valle D’Aosta, Veneto, Trentino A.A., Basilicata e Piemonte (da 2,152 a 2,008 €/kg). I prezzi medi più bassi si trovano in Molise, Abruzzo, Puglia, Umbria, Toscana e Lazio (da 1,353 a 1,805 €/kg).

Attualmente i prezzi che gli operatori del settore metano per auto si devono affrontare sono circa otto volte quelli di un anno fa e le previsioni non fanno prevedere un ridimensionamento, almeno nel breve periodo. Anche il recente tentativo del nostro Governo di arrivare ad un accordo in sede comunitaria, teso a stabilire un “price cap”, un tetto al prezzo del gas, per evitare speculazioni e quotazioni “impazzite”, è fallito e la discussione sul tema è stata rimandata al prossimo autunno.

È quindi del tutto evidente che, stante la situazione attuale, gli operatori della distribuzione stradale, che da oltre un anno a questa parte subiscono questa situazione, si troveranno presto obbligati a dover ritoccare pesantemente i prezzi di vendita al pubblico del metano per auto, un prodotto da sempre apprezzato soprattutto per la sua economia di esercizio rispetto agli altri carburanti ma poi, se non si troverà presto una soluzione, saranno costretti a chiudere le stazioni di rifornimento.

Inutile dire che, oltre al pesantissimo danno per gli operatori della intera filiera, ciò si tradurrebbe in un enorme danno per gli automobilisti e gli autotrasportatori che hanno scelto il gas naturale per come carburante di riferimento per la sostenibilità dei trasporti.

A questo proposito il Presidente di Assogasmetano, Ing. Flavio Merigo, auspica in un intervento immediato e urgente, da parte del Governo, per trovare una soluzione a questo stato di crisi, che possa evitare l’annichilimento di un settore che tanto ha fatto ed ancor di più potrà fare nei prossimi anni per la transizione ecologica, essendo, di fatto, il ponte verso l’uso del biometano e dell’idrogeno nei trasporti.

Articoli correlati
Slide-mainSportVeneto

Quell'oro che parla in veneto

1 minuti di lettura
Tenere il conto diventa sempre più difficile. Di oro in oro, anche nella vigilia di questo Ferragosto l’Italia e il Veneto regalano…
EconomiaSaluteSlide-mainTutela del CittadinoVenezia

Luglio rovente, per l'aria condizionata le famiglie veneziane hanno sborsato il triplo

1 minuti di lettura
Tre giornate con temperature medie di 30 gradi, cosa mai successa nello stesso periodo del 2021. Poi, 16 giorni con “massime” dai…
LifestyleSlide-mainVenetoVenezia

Miss Colà Terme 2022, due veneziane volano alla finale nazionale

1 minuti di lettura
Jesolo il 12 agosto ha ospitato la Finale Regionale di Miss Colà Terme. In palio il prestigioso titolo di “Miss Colà Terme…

    RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!