Slide-mainSocialeTreviso

Conegliano. Piave Servizi dona un erogatore d’acqua potabile e borracce alla mensa dei poveri

1 minuti di lettura

Il gestore del servizio idrico nei giorni scorsi ha donato un erogatore di acqua potabile e borracce in tritan alla struttura, che ogni giorno ospita per pranzo una ventina di persone in difficoltà. Il presidente di Piave Servizi, Alessandro Bonet: “Un gesto nel solco del nostro sostegno alla comunità”.

Un regalo di Natale anticipato quello di Piave Servizi alla mensa dei poveri al convento dei Frati Cappuccini a Conegliano. Il gestore del servizio idrico, nei giorni scorsi, ha donato un erogatore di acqua potabile (naturale e frizzante) e borracce in tritan alla struttura che, a pochi passi dall’ospedale civile Santa Maria dei Battuti, ospita quotidianamente per pranzo tra le 18 e le 25 persone in difficoltà e in condizioni problematiche.

“La richiesta ci era pervenuta qualche mese fa, così abbiamo deciso di esaudire questo desiderio con piacere, giusto il tempo inserire l’attività negli interventi di liberalità a beneficio del territorio e sbrigare la burocrazia necessaria”, ripercorre il presidente di Piave Servizi, Alessandro Bonet, che si è recato personalmente alla mensa accompagnato dalla consigliera Antonella De Giusti.

dav

“Con questo piccolo gesto – spiega De Giusti – vogliamo fornire il nostro sostegno ad una struttura importante per la comunità e al tempo stesso contenere la produzione di rifiuti, in particolare per quanto riguarda le bottigliette in plastica: considerando una ventina di ospiti giornalieri, sono più di 600 le bottiglie di plastica distribuite al mese: un numero elevato, che assume proporzioni esponenziali moltiplicato nel tempo”.

Senza contare che l’erogatore, non rendendo necessario l’acquisto di scorte d’acqua, consente un notevole risparmio in termini ambientali, ma soprattutto economici. “Per sostituire le vecchie bottiglie di plastica usa e getta abbiamo consegnato ai volontari anche una trentina di borracce in tritan, che la struttura penserà a distribuire alle persone che frequentano la mensa abitualmente – fa sapere il direttore generale di Piave Servizi, Carlo Pesce – Il tritan è un materiale riciclato, ecologico al 100 per cento e praticamente indistruttibile, che si presta ad un riutilizzo infinito”.

Il servizio di cucina e distribuzione dei pasti della mensa dei poveri al convento dei Frati Cappuccini è svolto grazie all’impegno di alcune signore che gratuitamente mettono a disposizione il proprio tempo per aiutare le persone svantaggiate. “Piave Servizi ha voluto contribuire a quest’attività nel solco del sostegno alla comunità, mettendo in pratica, ancora una volta, la sua mission a favore del territorio”, chiosa il presidente Bonet.

Articoli correlati
CulturaItalia MondoSlide-main

A Roma la mummia di Ramses. Il faraone immortale

2 minuti di lettura
Giovedì 9 febbraio, presso la Sala Piacentiniana del Palazzo del Rettorato dell’Università La Sapienza di Roma, si terrà l’inaugurazione della mostra La mummia di…
AmbienteSlide-mainSostenibilità

Paper Week 2023: Comieco cerca i prossimi protagonisti

1 minuti di lettura
Tutti sono protagonisti del ciclo del riciclo di carta e cartone. Parola di Comieco, Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli imballaggi a…
AmbienteItalia MondoSlide-main

Commissione Europea, nuovi rigorosi limiti di residui di pesticidi per proteggere gli impollinatori

1 minuti di lettura
la Commissione Europea ha adottato nuove norme che, una volta applicabili, ridurranno i limiti massimi di residui di due pesticidi negli alimenti….

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio