Slide-mainVenezia

Avvocati, Corte d’Appello e Procura: ecco le linee guida del futuro

1 minuti di lettura

È stato siglato alle 11 di oggi, nella sede della Corte d’Appello di Venezia, un protocollo di intesa tra la stessa Corte d’Appello, la Procura e i Coa (Consigli degli ordini degli avvocati) del Veneto. Il provvedimento prevede l’adozione di alcune linee guida processuali utili a uniformare l’attività giurisdizionale penale della Corte d’Appello veneziana, fino al 31.12.2022.

Questi i punti principali che saranno toccati:

  • In seguito alla firma, le udienze saranno scaglionate per fasce orarie a partire dalle 9 con differenziazione tra le udienze a trattazione partecipata (a cui sarà fornita precedenza) e quelle scritte.
  • I legali difensori dovranno presentare le conclusioni entro cinque giorni rispetto alla data di fissazione dell’udienza. Sarà possibile derogare, quindi depositare le conclusioni nel caso in cui Procura e Cancelleria della Corte d’Appello non rispettino i termini previsti per l’invio delle conclusioni del Procuratore Generale (dieci giorni).
  • Le stesse conclusioni dei legali difensori saranno inviate a mezzo pec sia alla Cancelleria della sezione, che alla Procura.
  • Si preferirà la trattazione orale nel caso in cui il difensore ritenga di presentare la richiesta di concordato ex art 599 bis del c.p.p..
  • L’imputato che desideri partecipare all’udienza dovrà richiederlo entro 15 giorni attraverso il proprio difensore. Nel caso di conflitti tra richiesta di trattazione cartolare e richiesta di presenza, sarà preferibile la trattazione orale per garantire la tutela della volontà dell’imputato.
  • Ai fini della liquidazione del patrocinio a spese dello Stato le conclusioni scritte saranno equiparate alla partecipazione diretta, quindi la liquidazione non subirà decurtazioni alla voce partecipazione all’udienza.

«Siamo molto contenti per il lavoro svolto, quanto sarà stabilito è frutto di un tavolo comune in cui tutti i Coa del Veneto hanno partecipato attivamente. Grande contributo è stato fornito dalla nostra vice presidente Fabiana Danesin, che ha coordinato le operazioni e per questo la ringraziamo», ha esordito Federica Santinon, presidente dell’Ordine veneziano.

La rappresentante lagunare ha quindi proseguito: «È un passaggio molto importante perché sono state accolte tutte le istanze degli avvocati, le udienze saranno trattate con puntualità e sarà disciplinato in caso di trattazione scritta anche lo scambio delle note scritte (evitando accessi in cancelleria). Abbiamo anche avviato una collaborazione per velocizzare le liquidazioni dei patrocini a spese dello Stato, il tavolo tra le parti resterà aperto per tutti i temi di interesse e in particolare per il patrocinio a spese dello Stato».

Articoli correlati
Slide-mainSport

Asia D’Amato scrive la storia: è la nuova campionessa d’Europa all-round

1 minuti di lettura
Ginnastica artistica. Asia D’Amato come Vanessa Ferrari, 15 anni dopo. Era dal 2007 che un’italiana non vinceva la medaglia d’oro agli Europei…
Slide-mainSport

Italia prima nel medagliere. La staffetta 4x200 sl è argento

1 minuti di lettura
“Spinti dal pubblico di Roma ma spinti anche tra di noi”: la staffetta azzurra 4×200 stile libero è argento. Il romano Lorenzo…
Slide-mainSport

400 misti: Razzetti oro. Il vicentino Matteazzi bronzo

1 minuti di lettura
Non importa se vi piaccia il nuoto o no, quando un azzurro scende in vasca l’adrenalina sale. Per chi ama lo sport,…

    RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!