SaluteSlide-mainSocialeTreviso

All’ospedale Ca’ Foncello arriva la “Stanza dei sogni”

2 minuti di lettura

Ad accogliere i bimbi che hanno bisogno di sedazione nel corso di procedure dolorose all’ospedale Ca’ Foncello di Treviso ci sarà, in futuro, una “Stanza dei sogni”. Accanto al Pronto soccorso pediatrico sarà ricavato, infatti, un ambiente colorato e familiare, nel quale i baby pazienti verranno sedati mentre guardano i “cartoni” con, accanto, i genitori. 

La novità rientra nel progetto, frutto della collaborazione tra Ulss 2 e associazione “Per Mio Figlio”,  illustrato ieri mattina dal direttore generale dell’Azienda Sanitaria, Francesco Benazzi, dal presidente della Onlus, Andrea Rizzo, e dal primario di Pediatria, Stefano Martelossi

“I bambini che vanno in ospedale possibilmente non devono soffrire e, dunque, tutte le iniziative che vanno in questa direzione sono straordinarie – ha sottolineato Benazzi –. All’associazione “Per Mio Figlio”, nostra partner in moltissime attività, rivolgo dunque un sentito ringraziamento per la sensibilità dimostrata anche in questa occasione”.

“Il bambino deve poter affrontare una procedura dolorosa nel modo migliore possibile, senza così conservare un ricordo spiacevole dell’esperienza vissuta che possa condizionarlo negativamente qualora debba sottoporsi a nuove cure – ha precisato il dr. Martelossi -. Particolare attenzione deve essere indirizzata a bambini con patologie croniche che devono essere sottoposti, purtroppo, a numerose manovre invasive (bambini con tumori, malattie croniche). La “Stanza dei sogni” sarà ricavata accanto al Pronto soccorso pediatrico dove predisporremo un ambiente familiare e colorato nel quale fin dall’arrivo il bambino proverà meno ansia rispetto all’asettica stanza ospedaliera”.

La “Stanza dei sogni” accoglierà i bambini con patologia dolorosa o i bambini ricoverati in Pediatria o Chirurgia pediatrica che necessitano di cure o manovre dolorose. 

La presenza della nuova area dedicata ridurà la necessità di utilizzare le sale operatorie pediatriche per l’analgosedazione lieve/moderata, limitando i tempi di attesa e le difficoltà organizzative.

Nei nuovi spazi sarà anche effettuato un programma di formazione del personale sulla gestione in sicurezza delle urgenze pediatriche e l’analgosedazione con simulazione ad altà fedelta grazie all’utilizzo di manichini. 

L’adeguamento strutturale dell’area dedicata a “Stanza dei sogni” sarà a carico dell’ Ulss 2 mentre l’associazione “Per Mio Figlio” si occuperà dell’acquisto di arredi e strumentazione: complessivamente l’investimento sarà di circa 110 mila euro. 

Parte dei fondi destinati alla realizzazione della nuova area saranno raccolti grazie a un evento dedicato: il Concerto di Natale, in programma mercoledì 7 dicembre alle 20.00 al Teatro del Monaco di Treviso.

L’evento, organizzato dalla Onlus e dall’Azienda Sanitaria, in collaborazione con il Teatro Stabile del Veneto e il Comune di Treviso, vedrà la presenza al Comunale, per la prima volta, del Coro di voci bianche dell’Accademia del Maggio fiorentino. In apertura si esibirà anche il Coro di voci bianche dell’Associazione musicale Manzato di Treviso

Chi volesse contribuire alla realizzazione della “Stanza dei sogni” destinata ai bimbi malati, porà farlo acquistando un biglietto per il concerto, al costo di 15 euro, alla biglietteria del Teatro Comunale di Treviso oppure on line al seguente link https://www.teatrostabileveneto.it/treviso/.

Articoli correlati
Slide-mainVeneto

Selva di Cadore, 3,1 milioni di euro per la sicurezza del territorio

2 minuti di lettura
L’Assessore al Dissesto Idrogeologico Gianpaolo Bottacin si è recato a Selva di Cadore, nel bellunese, per un sopralluogo a due cantieri curati…
EconomiaSlide-mainVeneto

Industria: Veneto Est a densità da primato

3 minuti di lettura
Energia, inflazione e guerra zavorrano la crescita, ma i dati di produzione ed export confermano la resistenza. Dalla manifattura di Padova Treviso…
AnimaliArte, Cultura, Storia e ArcheologiaDiari di ViaggioSlide-mainVideo

Là dove scorre il Nilo bianco (VIDEO)

8 minuti di lettura
Lo dico sempre. Quando si viaggia in Africa le partenze sono all’alba o addirittura quando è ancora buio. Le ragioni sono diverse ma tutte…

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio