Home / Posts Tagged "Vigili del Fuoco"

Brutta avventura ieri sera intorno a mezzanotte per un signore Trevigiano, a causa dell’avaria del suo natante.
L’uomo ha trascorso tutta la notte fuori, in preda al temporale. Questa mattina il figlio ha avvisato i Vigili del fuoco, che sono subito partiti con le ricerche.
Il Trevigiano è stato ritrovato ancora a bordo della sua barca, chiaramente pieno di freddo e bagnato, ed è stato subito consegnato alle cure del 118.

Ieri sera il maltempo si è fatto sentire e i Vigili del fuoco hanno operato fino alle 3 di notte circa per poi riprendere questa mattina.
Sono usciti una quindicina di volte per taglio piante, una cabina e un quadro elettrico andati a fuoco e la messa in sicurezza di pali Telecom, ecc.
I danni maggiori sono stati registrati in via Roette a Mogliano Veneto, in via Signoria a Fontane di Villorba, a Cappella Maggiore in via Rive, a Santa Lucia di Piave, a Tarzo, a Spresiano, a Conegliano e a Mareno di Piave.

 

Questa mattina, verso le 10.45, si è verificato un incidente in A4 al km 392, tra le uscite Preganziol e Martellago. Il tutto è scaturito da un tamponamento che ha coinvolto 4 mezzi pesanti. Un ferito estratto ed elitrasportato all’Ospedale di Mestre in codice rosso.

 

Sono intervenuti 1aps Mestre e 1 aps Treviso, oltre all’elicottero dei Vigili del fuoco e del Suem 118.

L’intervento di messa in sicurezza è terminato alle ore 12. Traffico in tilt con 6 km di coda in direzione Milano, finché . l’autostrada è stata riaperta al traffico.

La notte scorsa, alle 3.40, i Vigili del fuoco sono intervenuti in via Aleardi a Mestre, per l’incendio di un appartamento in un condominio di 10 alloggi: nessuna persona è rimasta ferita.

 

Il proprietario e i suoi tre ospiti sono stati svegliati dal fumo e dal crepitio delle fiamme proveniente da una stanza dell’abitazione. I Vigili del fuoco arrivarti con due autopompe, un’autobotte, un’auto scala e 16 operatori coadiuvate dal funzionario di turno e dal capo servizio, hanno fatto evacuare un intero condominio e iniziato lo spegnimento delle fiamme. L’appartamento interessato dal rogo è andato completamente distrutto, con danni a quello sottostante. Le cause dell’incendio non sono al momento note e sono al vaglio dei tecnici dei Vigili del fuoco. Sul posto a scopo cautelativo un’ambulanza del SUEM 118 e personale della Polizia di Stato. Alle ore 7 di stamattina le operazioni di soccorso erano ancora in atto.

Questa mattina alle ore 8.40 circa, i Vigili del fuoco sono intervenuti in forze in piazzale Roma a Venezia per l’incendio di autobus del trasporto urbano ACTV: nessuna persona è rimasta ferita. Il bus era arrivato al capolinea quando i passeggeri, scendendo, hanno segnalato all’autista l’odore di fumo. Subito dopo si sono sviluppate le fiamme.

 

 

Un Vigile del fuoco libero dal servizio che si trovava sul posto è prontamente intervenuto utilizzando due estintori, che hanno in parte soffocato l’incendio. Le fiamme si sono così limitate alla sola parte posteriore del pullman. Le tre squadre dei Vigili del fuoco arrivate da Venezia e da Mestre hanno completato l’opera di spegnimento del bus, irrimediabilmente danneggiato. Le operazioni di soccorso sono terminate dopo circa un’ora.

Non curanti delle previsioni meteo decisamente proibitive, un gruppo di sette ragazzi, sabato pomeriggio ha deciso di dirigersi verso l’isola di Burano in kayak lungo il canale di Mazzorbo. Solo grazie all’intervento dei Vigili del fuoco e della Capitaneria di porto si è evitata la tragedia.

 

Stando alla ricostruzione dei fatti, il gruppo si trovava nel canale tra Murano e Burano quando, non riuscendo più a controllare il kayak, una ragazza è finita in acqua. Uno dei compagni, senza dire nulla agli altri, si è tuffato per recuperarla, sparendo anche lui tra i flutti. A quel punto il gruppo ha lanciato la richiesta di soccorso.

 

I Vigili del fuoco e la Capitaneria di Porto hanno fatto partire le ricerche. I primi cinque canoisti sono stati subito recuperati. La ragazza nel frattempo era riuscita a raggiungere a nuoto un isolotto vicino all’aeroporto Marco Polo. Per il suo recupero è dovuto intervenire l’elicottero dei Vigili del fuoco. L’ultimo componente del gruppo, non ancora recuperato e dato inizialmente per disperso, era stato fortunatamente tratto in salvo da un’imbarcazione di passaggio.

Luca Cipriani, di mestiere Vigile del fuoco, ha indirizzato una petizione (di cui riportiamo il testo in versione integrale) a Matteo Salvini, Luigi Di Maio, Stefano Candiani, Fabio Dattilo, per chiedere di far rientrare la propria categoria lavorativa nell’assicurazione INAIL. Ad oggi ha già raccolto 38.216 firme.

 

 

Sono Luca e faccio il vigile del fuoco operativo da 34 anni.
Ho deciso di lanciare questa petizione per un motivo tanto semplice, quanto sconcertante: noi Vigili del Fuoco siamo costretti a pagarci le cure e i presidi sanitari indispensabili a seguito di ricorrenti infortuni professionali, infatti non siamo coperti da assicurazione INAIL per infortuni sul lavoro. 

Sì, avete letto bene.

Un lavoro rischioso come il nostro, difficilefaticoso, usurante che richiede elevate doti professionali abbinate ad altrettanto elevate prestazioni psicofisiche, non è tutelato a livello sanitario dal nostro Stato.

Stiamo parlando di professionisti formati per affrontare ogni tipo di emergenza. Lavoratori turnisti, che sanno quando inizia il loro turno di servizio, ma non sanno se e quando il loro turno finirà. Lavoratori e volontari sempre disponibili a risolvere i tanti problemi che una società sempre più fragile si trova ad affrontare.
Di giorno, di notte, con il caldo o con il freddo, nei giorni festivi e in quelli ferialiSempre. A qualsiasi costo. Talvolta a costo della vita.

La problematica è stata più volte segnalata anche nella precedente legislatura.

Perché i Vigili del Fuoco sono esclusi dall’INAIL?

Perché il Vigile del Fuoco è stato storicamente abbinato ad un modello risarcitorio in uso nei Corpi militari, definito “causa di servizio”, con la differenza che il Corpo dei Vigili del fuoco non ha mai avuto e non potrà mai avere, viste le ridotte dimensioni, una propria struttura medica. Questo nel tempo sta creando un evidente problema, con i Vigili del Fuoco vittime di malattie professionali e infortuni costretti a combattere da soli contro strutture militari o burocratiche.
Riteniamo debbano essere superate le persistenti e ingiustificate esclusioni dei Vigili del Fuoco dall’INAIL.

Per questo chiediamo un puntuale intervento parlamentare: inserire i vigili del fuoco sotto la copertura INAIL.
Siamo uomini e donne che mettono la propria vita a servizio dello stato e di altre persone, la nostra salute conta.

 

Ieri sera i Vigili del fuoco sono intervenuti in via Feltrina n° 23, a Treviso, per il cedimento strutturale di una abitazione.

La strada statale è stata chiusa ai fini di mettere in sicurezza l’abitazione ed evitare pericoli di crollo verso la strada.
Dopo aver recuperato i beni primari, vestiti ecc., le 7 persone che abitano all’interno sono state evacuate e gli operatori hanno provveduto con il Comune a cercare un alloggio per la notte.

 

Sono stati più di 70 – a fronte delle oltre 150 chiamate – gli interventi effettuati dai Vigili del fuoco per il forte nubifragio che dal tardo pomeriggio di ieri ha interessato il territorio veneziano.

 

Molte le chiamate di soccorso da Venezia centro storico per camini, antenne e infissi pericolanti. Danni d’acqua, piante pericolanti, sgombero sedi stradali da ostacoli a Mestre, Venezia Lido, Marcon, Marghera, Scorzè, Spinea, Jesolo.

 

Diverse le auto danneggiate da rami di alberi spezzati. Il dispositivo di soccorso dei Vigili del fuoco è stato rafforzato nella notte con l’apporto di squadre proveniente dai comandi di Padova e Rovigo.

 

Danni per il maltempo anche nel Trevigiano, con circa 20 interventi eseguiti a fronte di circa 50 chiamate. Sono ora in corso nei comandi le verifiche degli interventi non ancora evasi, molti dei quali già risolti in maniera autonoma dai richiedenti.

 

Alle 21.20 di ieri, le squadre dei Vigili del fuoco di Treviso e Mestre sono accorse in autostrada A27 dopo la barriera di Mogliano V.to in direzione Belluno, per un incendio auto a seguito di incidente stradale, con una persona deceduta all’interno.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni