Home / Posts Tagged "Toniolo"

È iniziato il ciclo di Consciamente – i cicli di iniziative culturali promosse dalla Cooperativa di Conscio – con la interessantissima e partecipata serata di venerdì scorso dedicata ai bambini e alla tecnologia.

 

Venerdì 25 ottobre, sempre dalle 18 alle 19.30 con spritz finale, la serata sarà dedicata alla cura e ai comportamenti da tenere con il cane. Con la presenza del veterinario Dott. Cattarossi. Da non perdere.

 

 

Inoltre, la giornata di domenica 27 ottobre sarà dedicata alla filiera del pane, con esposizione di macchine ed attrezzature d’epoca a cura degli amici del gruppo GATE (Gruppo amici trattori d’epoca) in Piazza Borsa a Treviso. Passeggiata in città da non perdere!

Scarica qui la locandina.

Nell’ambito del ciclo CONSCIAmente, si avvicina l’appuntamento dal titolo “Anche l’occhio vuole la sua parte”.

 

Come suggerisce il titolo, l’incontro di venerdì 22 marzo, dalle 18 alle 19.30, alla Cooperativa Toniolo di Conscio, sarà dedicato all’occhio e andrà ad approfondire i disturbi visivi e le possibili soluzioni.

 

La serata vedrà il prezioso contributo dell’esperto Matteo Michielan di Ottica 2M e conterà della collaborazione di “Glamour ottica”, di via Peschiere.

 

Seguirà come sempre lo spritz in compagnia.

 

Io Sono Danza torna al Teatro Toniolo sabato 2 marzo alle ore 21 con Smashed, un omaggio a Pina Bausch e al suo Tanztheater, con la direzione artistica di Sean Gandini, Kati Yla-Hokkala. Uno spettacolo di danza contemporanea unico creato presso le residenze di National Theatre of London, La Breche, Cherbourg.

 

Con Smashed – che segna il ventennale dalla fondazione della compagnia – Sean Gandini approda al suo lavoro più teatrale e compiuto. Smashed nasce in concomitanza con la residenza della compagnia al National Theatre di Londra e rappresenta il culmine di una continua indagine di Sean Gandini sul rapporto tra giocoleria, danza e teatro, in questo coadiuvato anche dalla lunga collaborazione con il coreografo Gill Clarke.

 

Lo spettacolo è un omaggio a Pina Bausch e al suo Tanztheater attraverso un Tanzjonglage per nove straordinari giocolieri che ricreano una serie di immagini dal sapore cinematografico ispirate alle coreografie della Bausch. Sean Gandini ha sempre riconosciuto il suo debito verso la grande coreografa tedesca, creatrice del teatro-danza, e questa influenza attraversa lo spettacolo con chiari echi di 1980 e Kontakthof. Gesti quotidiani in perfetto unisono, ripetuti minuziosamente con precisione ipnotizzante, artisti che sfilano sul palco in parata, sedie, tacchi alti, momenti di arguzia e umorismo ironico.

 

Questi e altri elementi del repertorio di Pina Bausch sono stati liberamente presi in prestito da Sean Gandini e dalla sua compagnia di straordinari performer, per creare un nuovo ibrido di giocoleria e Tanztheater, definito dalla stampa inglese come “Tanzjonglage”. Introdotto da un centinaio di mele che adornano il palco in una griglia attentamente formata, Smashed apre con un corteo molto “bauschiano”, su una registrazione (opportunamente gracchiante) di uno standard del musichall “I’ve always wanted to dance in Berlin”, che dichiara subito il “playful mood” dello spettacolo.

 

The Gandinis – come sono affettuosamente chiamati dalla stampa britannica – “giocano” al Tanztheater, alternando crudeltà, umorismo e senso dell’assurdo, per condividere con il pubblico un’esperienza di complicità e divertimento che celebra l’unione perfettamente riuscita tra giocoleria e danza.

 

Sean Gandini è ampiamente riconosciuto come uno dei più formidabili jongleur del mondo. Ha trascorso gli ultimi vent’anni nella ricerca, sviscerando tutte le possibili funzioni della “giocoleria”, contaminadola felicemente con altre forme espressive come la danza e il mimo. Creatore originale e prolifico di materiale di “manipolazione”, il suo lavoro, grazie alla co-direzione artistica con Kati Yla-Hokkala, spazia dalla coreografia, al virtuosismo, alle mille sfumature di quest’arte così spettacolare. Considerato dai connoisseurs dell’arte circense come “il migliore” per creatività e destrezza, il lavoro dei Gandini Juggling, durante l’ultima decade, è andato dalla ricerca sperimentale sulle funzioni più convenzionali della manipolazione, ai grandi spettacoli-evento in stadi, teatri e chapiteaux.

Il secondo appuntamento di “Note Italiane”, progetto curato dal settore Cultura del Comune di Venezia in collaborazione con Dal Vivo Srl che, per la 22ma edizione, porterà sul palcoscenico del Teatro Toniolo alcuni tra i protagonisti della musica italiana

 

Giovedì 14 febbraio 2019 (ore 21.00), Morgan sarà protagonista del Teatro Toniolo di Mestre con un omaggio intimo e personale all’arte poetica e alla musica di Fabrizio De André, a 20 anni dalla scomparsa.

 

Con piano e voce, Morgan affronta un percorso ricercato attraverso le note e i testi del cantautore genovese, vestiti di nuove interpretazioni che tessono con filo raffinato l’affascinante alternarsi e copresenza di stili.
Ad accompagnare Morgan, l’amico e collega Daniele Dupuis, in arte Megahertz, musicista elettronico e polistrumentista che dal 2003 collabora con Morgan in progetti live e di studio.

 

Da artista trasformista, sopra e dentro le righe, estroso e colto musicista, Morgan si immerge nel pathos e nei personaggi delle canzoni, celebri e emblematici come il soldato Piero o il musicista Jones, e l’amore stesso, che viene e va, o perduto per sempre. Con eleganza e originalità affronta i temi e i sentimenti cari a Faber: la spiritualità e la guerra, la follia e gli amori, riflessi di un universo musicale e poetico variegato e ricco di un’umanità a cui De André ha saputo dare voce, elevando la canzone a prestigiosa forma d’arte, alla stregua dell’opera sinfonica, o il romanzo o la pièce teatrale.

 

Grande studioso e interprete della canzone d’autore italiana, Morgan si approccia a De André con l’ammirazione del collega e la riverenza di chi riconosce la potenza espressiva del genio. Il Pirata della canzone e il Poeta si erano già incontrati nel 2005, alla seconda incisione da solista di Morgan, quando sotto l’egida di Dori Ghezzi l’album di Fabrizio De André Non al denaro non all’amore né al cielo era tornato in vita ad opera del fondatore dei Bluvertigo.

 

Come sempre, le esibizioni dal vivo di Morgan sono autentiche lezioni spettacolo che nell’esecuzione del modello innestano affascinanti evocazioni e rimandi.

 

Musica e parola, dunque: talento ed estro visionario innescano un dialogo tra artisti uniti da assonanze esistenziali, irriverenti giullari e insieme poeti cortesi, anime barocche, come le nuvole, che per una notte si re-incontrano ri-creando la magia di un’emozione poetica senza tempo.

 

Biglietti

1 Platea € 40,00 + diritti di prevendita
2 Platea € 35,00 + diritti di prevendita

Galleria € 30,00 + diritti di prevendita

 

Prevendite

Biglietteria Teatro Toniolo Mestre, dalle 11.00 alle 12.30 e dalle 17.00 alle 19.30 (chiuso il lunedì)

Circuiti Ticketone e Vivaticket (punti vendita e internet)

Riparte la stagione di Io sono Danza del Teatro Toniolo. Sabato 2 febbraio alle 21 sul palcoscenico sono gli inventivi e passionali Pockemon Crew, una delle compagnie hip hop tra le più titolate al mondo.

 

Nata dalla creatività di Riyad Fhgani, alla fine degli anni novanta sul piazzale davanti all’Opera di Lione, la formazione continua a girare il mondo con un successo travolgente.

 

Al Toniolo portano lo spettacolo #Hashtag 2.0: i danzatori esplorano l’origine di alcuni movimenti dell’hip-hop compiendo allo stesso tempo un’indagine sulla realtà odierna, fortemente influenzata dal mondo dei social network. Si muovono nella penombra, con i visi illuminati soltanto dagli schermi degli smartphone: con agili e spettacolari sequenze di passi danno forma all’ansia sempre più diffusa di essere continuamente reperibili e “online”, ricordandoci che il mondo è popolato da persone, non da macchine controllate da altre macchine.

 

Se non tagghi, non esisti!

L’allusione è naturalmente ai social network, che occupano ormai un posto tanto debordante nella vita di ognuno e che ispirano al gruppo alcune interessanti riflessioni che vengono tradotte in danza.

 

#Hashtag 2.0 contiene uno studio su certi movimenti dell’hip-hop, ma il corpo, il movimento la coreografia possono essere strumento per tradurre il reale e quindi ecco che i danzatori traducono in danza alcuni atteggiamenti oggi assai frequenti e legati proprio all’uso esagerato dei socials. Assecondando l’invenzione del coreografo Riyad Fhgani tutti gli interpreti sembrano impegnati in un “selfie” dell’epoca contemporanea popolata da gente che tiene fisso lo sguardo sullo schermo dell’iPhone.

 

Perché abituarsi a ignorare qualcosa di così bello e mutevole come il mondo reale? I danzatori di Pockemon Crew rilevano anche l’accelerazione temporale causata dal web , raccontano la nostra ansia di essere sempre reperibili, sempre connessi.

 

Sul palcoscenico nudo, aiutati da magiche proiezioni video propongono al pubblico uno spettacolo emozionante, una danza dove ci si mostra, ci si esprime, si duella e ci si rispetta per ricordare a chi è presente in sala che il mondo è popolato da persone, non da macchine controllate da altre macchine.

 

Maggiori info su: www.culturavenezia.it/toniolo.

 

 

“Lucio! a teatro” è il nuovo omaggio di Ron a Lucio Dalla, che andrà in scena mercoledì 23 gennaio (ore 21) al Teatro Toniolo di Mestre per la prima edizione della rassegna “On stage”, firmata dal settore Cultura del Comune di Venezia e da Veneto Jazz.

 

Dopo uno splendido tour estivo culminato con la prima serata Canale 5 andata in onda ad agosto dal Teatro Romano di Verona, Ron porta in teatro il tributo all’amico Lucio Dalla, a cui è stato legato da un lungo sodalizio artistico e che nel 2018 avrebbe compiuto 75 anni.

 

Il concerto sarà l’occasione per celebrare, a poco più di sei anni dalla scomparsa, il talento di uno dei maggiori fenomeni musicali dell’Italia contemporanea, capace di farsi ricordare per sempre dai fan e dal panorama musicale e artistico del nostro Paese. Oltre al brano “Almeno pensami” presentato a Sanremo 2018, proporrà molti successi intramontabili di Dalla – tra cui “Tu non mi basti mai”, “Canzone” e “Attenti al lupo”, “Anima”, “Anna e Marco”, “Futura”, “Henna” e altri celebri brani del cantante bolognese, rivisti e riarrangiati con sonorità vicine al mondo Ron, senza per questo snaturarne l’originale bellezza.

 

Nel corso del concerto, inoltre, ripercorrerà i mille volti della carriera di Lucio Dalla, svelando aneddoti e storie inconsuete legate alla vita del cantautore in uno spettacolo ricco di emozioni.

 

 

Prossimi eventi

“On stage” continua quindi con una programmazione dedicata alle diverse anime del panorama musicale contemporaneo, abbracciando cantautori, rappresentanti del jazz e della world music, autori della scena musicale indipendente. Nel programma il tributo ad Ennio Morricone dell’Ensemble Symphony Orchestra (13 febbraio); la cantante Noa con il nuovo disco “Letter to Bach” prodotto da Quincy Jones (12 marzo); il rock raffinato dei Massimo Volume (11 aprile).

I concerti iniziano alle 21.00.

La rassegna “On stage” è organizzata da Veneto Jazz e dal settore Cultura del Comune di Venezia, in collaborazione con Regione del Veneto, Ministero dei Beni e le Attività Culturali.

 

Informazioni biglietti

intero 30€  + diritto di prevendita ridotto 25€  + diritto di prevendita (riservato under 30 anni, over 65 anni)

Prevendite Ticketone (on line e punti vendita) Vivaticket (on line e punti vendita)

Biglietteria del Teatro Toniolo: orario dalle 11.00 alle 12.30 e dalle 17.00 alle 19.30. Lunedì chiuso.

Tel. 041.971666

www.culturavenezia.it/toniolo

Dopo l’appuntamento di ieri, Marco e Pippo (l’unico duo che è un trio) si preparano a tornare sul palco del Teatro Toniolo di Mestre, questa sera alle 21, con il loro spettacolo“Assai in pace”.

 

 

Hai letto bene il titolo? Bene. Ora rileggilo. ASSAI IN PACE. Fallo un’altra volta. ASSAI IN PACE.

Molto bene, ora hai certamente capito! È un gioco di parole, una frase doppia, un calembour polisemico, in dialetto significa una cosa, in italiano un’altra… ma di cosa parlerà questo spettacolo?!?

Marco, Pippo, Gaetano e i loro personaggi ci porteranno in un viaggio comico nel nostro territorio veneto, pieno di bellezze e di contraddizioni, di punti di vista diversi, strani e distorti sulla realtà che viviamo ogni giorno.

Ma in questo grande caos, un’unica certezza: tutti gli individui di questo mondo vorrebbero essere “ASSAI IN PACE”!

 

 

COSTO BIGLIETTI

platea e galleria € 20

PREVENDITE BIGLIETTI
Biglietteria Teatro Toniolo, piazzetta Cesare Battisti, MESTRE
aperta dalle 11.00 alle 12.30 e dalle 17.00 alle 19.30
Chiusa il lunedì

CIRCUITO VIVATICKET
www.vivaticket.it
vendita telefonica tel. 899666805

 

INFO
www.teatrotoniolo.info
tel. 041.971666

[email protected]

POST TAGS:

Continuano gli eventi delle “Città in Festa”, il ricco programma che coinvolge, con svariate iniziative, Venezia, le isole e la terraferma:

 

Questi gli eventi di domani, domenica 6 maggio:

VENEZIA MURANO BURANO
– 6° edizione Festival del Vetro “Arts’Connection 2018”, presso Padiglione del Vetro, dal 6 maggio al 23 settembre

MESTRE CARPENEDO
– concerto GOM (Giovane Orchestra Metropolitana), ore 18, Teatro Toniolo
– pedalata ecologica, a cura dell’Ass. culturale “La Fornace”
– VI Raduno delle 500, Forte Marghera, dalle ore 9
– festa della Fragola, Asparago e Ciliegia, mercatini e animazione, in Piazzetta Coin, via Lazzari e via Allegri
– Forte Carpenedo: “MESTRE in GRIGIOVERDE”. Rievocazione storica “Sentinelle del Lagazuoi”. Campi dimostrativi della vita militare durante la guerra del 15-18
– Viva Piraghetto, “Festival del riuso”, Parco Piraghetto.

FAVARO
– torneo ciclistico regionale BICILAGUNA

 

Per tutte le iniziative in programmazione al Centro Culturale Candiani, consultare la pagina: www.culturavenezia.it/candiani
Per maggiori informazioni, si invita comunque a consultare i seguenti siti: live.comune.venezia.itwww.culturavenezia.it

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni