Home / Posts Tagged "teatro la fenice"

La presidente della commissione Cultura, Giorgia Pea, ha partecipato ieri sera al Teatro La Fenice alla serata finale del “Premio Venezia 2018”

 

Il “Premio Venezia 2018” è un prestigioso riconoscimento che dal 1984 viene assegnato a giovani talenti del pianoforte che si sono distinti a livello nazionale durante i loro studi al Conservatorio o in Istituti musicali pareggiati. Quest’anno a spuntarla è stato Gabriele Strata, 17enne padovano diplomato al conservatorio “Arrigo Pedrollo” di Vicenza, che si è esibito sulle note di S. Prokof’ev al pari dello “sfidante” Giorgio Trione Bartoli, 22enne di Trani diplomato al conservatorio “Niccolò Piccinni” di Bari.

 

Sul palco, assieme alla presidente Pea, che ha consegnato il simbolico leone alato ai primi 3 classificati della kermesse, sono saliti tra gli altri anche il soprintendente del teatro, Fortunato Ortombina, e la promotrice del premio Barbara di Valmarana, presidente della Fondazione Amici della Fenice, realtà che nel 1984 inaugurò il concorso ottenendo negli anni successivi il sostegno del teatro stesso, il quale offre per una settimana sia le Sale Apollineee sia, per le ultime due prove, la Sala grande.

 

Gabriele Strata e Giorgio Trione Bartoli sono giunti alla serata decisiva dopo aver superato altre 3 prove: la selezione alla presenza della sola giuria tecnica, composta da pianisti, musicologi, direttori d’orchestra e compositori; il Concerto dei concorrenti e la Cinquina dei semifinalisti (di cui facevano parte anche Nicola Losito, 23enne di Udine, Greta Maria Lobefaro, 17enne di Acquaviva delle Fonti, Bari, e Claudio Berra, 17enne di Torino). Durante queste fasi, fino ad arrivare all’annuncio del vincitore finale, ai 6 membri della giuria tecnica si è aggiunto anche il presidente della giuria popolare, composta da dieci soci della Fondazione Amici della Fenice. Assegnate ai giovani artisti anche alcune borse di studio per proseguire la loro formazione musicale.

 

Gabriele Strata è nato a Padova nel 1999, si è diplomato in pianoforte al Conservatorio «Arrigo Pedrollo» di Vicenza con la votazione di dieci e lode e menzione d’onore sotto la guida di Riccardo Zadra e Roberto Prosseda. Attualmente frequenta il Master’s Degree alla Yale University con Boris Berman, dove nel primo anno di studi è risultato vincitore del Charles S. Miller Prize in qualità di outstanding pianist dell’anno.

 

Vincitore di numerosi concorsi nazionali e internazionali, nel giugno 2016 è stato invitato dalla presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini a prendere parte alla cerimonia per la Giornata europea della Musica a Montecitorio, in occasione della quale gli è stata conferita la medaglia della Camera per meriti artistici. Si esibisce con regolarità in Italia ed Europa: la stagione concertistica 2018-2019 include recital presso sale come la Royal Concertgebouw di Amsterdam e la Philharmonic Hall di Bratislava. Concerti passati in Germania, Inghilterra, Francia, Portogallo, Olanda, USA, includono la prestigiosa Laeiszhalle di Amburgo per lo Steinway International Piano Festival, la Steinway Hall di Londra, le Sale Apollinee della Fenice, la Morse Recital Hall di New Haven, il Teatro Alighieri di Ravenna, la Fazioli Concert Hall di Sacile.

 

Sabato 8 dicembre un evento straordinario di solidarietà

 

Venezia si stringe attorno a tutte quelle comunità che la terribile ondata di maltempo delle settimane scorse ha ferito indelebilmente. Un gesto di solidarietà che si concretizzerà sabato 8 dicembre alle ore 18.00 quando il sipario del Teatro La Fenice di Venezia si alzerà per lasciare il palcoscenico al concerto “Musica per le nostre montagne”. Un evento di beneficenza a cura di Bepi de Marzi finalizzato a raccogliere fondi che il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, consegnerà poi nelle mani del presidente della Regione, Luca Zaia.

 

“Venezia, nella sua concezione serenissima di Stato da Mar e Stato da Tera, intende dimostrare tutta la propria vicinanza a quei territori abitati da tante comunità che, con orgoglio, si sono già rimboccate le maniche ma che hanno bisogno del nostro concreto aiuto – commenta il sindaco Brugnaro -. Per questo motivo, già nei giorni dell’emergenza, ho voluto dare un segno tangibile dello stretto legame che ci lega aprendo le porte di una tra le nostre eccellenze, il Teatro la Fenice, che, per la prima volta, ospiterà Cori che arrivano proprio da quelle montagne così profondamente colpite. Sarà un evento che sottolineerà direttamente la vicinanza della nostra Città e di tutto il territorio metropolitano a chi è in difficoltà. Venezia dimostrerà tutta la sua generosità anche in questa occasione. Uniti possiamo dimostrare di superare anche le avversità – conclude il primo cittadino – ed è per questo che confido nella vostra sensibilità nel partecipare numerosi ad un evento che, senza ombra di dubbio, resterà indelebile nel nostro cuore”.

 

“Ho raccolto subito l’intuizione del sindaco Brugnaro – spiega il soprintendente Fortunato Ortombina – La Fenice è il tempio del canto e nel tempio del canto non può mancare il canto delle montagne. Il concerto prevede l’esecuzione di arie d’opera e di canzoni alpine, proprio per omaggiare quel patrimonio musicale di intere generazioni, la vita quotidiana sulle montagne e il rapporto delle persone con la natura e la vita. I brani saranno interpretati dal coro femminile Col di Lana diretto da Anna Devich, dal coro misto di Agordo diretto da Roberta Conedera e dal coro maschile Marmolada diretto da Claudio Favret. Inoltre interpreteranno alcune arie il soprano Chiara Isotton e il terone Walter Fraccaro che saranno accompagnati da Ulisse Trabacchin al pianoforte”.

 

La vendita dei biglietti singoli sarà possibile sul sito del Teatro La Fenice o attraverso il canale di Vela Spa.

Un particolare canale sarà riservato alle aziende e società del territorio, alle quali viene rivolto l’invito di acquistare carnet di 10 biglietti ciascuna rivolgendosi a [email protected]; tel. 041.2722699.

 

Inoltre, per aderire alla proposta e ottenere ulteriori informazioni sulla serata, il call center di Vela Spa è a disposizione al numero 041.24.24 tutti i giorni dalle 9:00 alle 18:00.

Questa mattina alle 9.10 è scoppiato un incendio al Teatro La Fenice di Venezia, dove sono intervenuti i vigili del fuoco con due autopompe lagunari e dodici operatori, spegnendolo.

 

L’incendio, per fortuna circoscritto, si è sviluppato all’interno di un locale tecnico dove sono posti i gruppi di continuità UPS.

Nessuna persona è rimasta coinvolta e non risultano danni alla struttura.

 

Entrambe le date hanno registrato il sold-out

 

La leggendaria band che ha scritto la storia del progressive rock arriva a grande richiesta al Gran Teatro La Fenice di Venezia il 27 e 28 luglio (ore 21.00), con due date dell’“Uncertain Times” European Tour, andate subito esaurite.

 

I concerti di Venezia sono gli unici per il nord Italia della band di Robert Fripp: la bellezza della laguna e il fascino unito al prestigio di una location come il Teatro La Fenice creano un connubio magico con la musica dei King Crimson.

 

Per il nuovo tour europeo, la band che ha ispirato i più diversi musicisti contemporanei si presenta con una line-up composta da tre batteristi, Pat Mastelotto, Gavin Harrison e Jeremy Stacey, e con il ritorno del poli-strumentista Bill Rieflin alle tastiere. Robert Fripp, chitarrista e fondatore originale, dice che questa “formazione a doppio quartetto” farà probabilmente “più baccano di sempre”. A completare la formazione di otto elementi, il chitarrista e vocalist Jakko Jakszyk, il bassista e membro di lungo corso Tony Levin e il sassofonista e flautista Mel Collins che è stato un pilastro dei King Crimson dal 1970-1972.

 

Lo spettacolo ripercorre in quasi tre ore tutti i periodi compositivi della band, incluse sei tracce storiche che i Crimson non hanno mai suonato live prima. Spiccano poi i riusciti ri-arrangiamenti di alcuni classici del gruppo (“la musica è nuova in qualsiasi momento sia stata scritta”). Completa il set un’esaustiva incursione nel nuovo materiale, comprese le composizioni per tre batteristi che sono uno dei piatti forti ad ogni esibizione.

 

Ecco alcune delle impressioni della stampa mondiale sul tour dei King Crimson:

Jimi Hendrix li ha visti al Marquee nel 1969 e ha dichiarato che fossero la miglior band del mondo. Sotto molti punti di vista, dopo circa mezzo secolo, lo sono ancora.

ERIC THIESSEN, All About Jazz

 

I Crimson non sono mai parsi più completi o più gioiosi sul palco di quanto siano ora.

JORDAN ZIVITZ, Montreal Gazette

 

La miscela di stati d’animo, melodia, aria e atmosfera ha incantato il pubblico che ha risposto con frequenti standing ovation.

LEE ZIMMERMAN, Goldmine Magazine

Continua l’edizione di “Marghera Estate” 2018. Dopo i primi due concerti, questa sera alle 21 salgono sul palco i Pitura Stail + Marco “Furio” Forieri. Un concerto attesissimo per ballare sulle musiche della band lagunare che si è resa famosa in tutta Italia, i Pitura Freska. I Pitura Stail sono infatti il primo tributo ufficiale ai Pitura Freska, lo storico gruppo nato nella laguna Veneziana che si è fatto conoscere a livello nazionale con le loro canzoni in dialetto veneziano.

 

Insieme dal 2001, la loro musica è dedicata a tutte le età, puntando a valorizzare il canto in dialetto veneto… Sulle note del primo vero gruppo “Reggae da Venexia…” e come diceva El Ciuke: “Non facciamo reggae ma bensì Reggae & Roll!”

I loro veri special ghest doc sono “Marco Furio Forieri”, Sax & Voce dei Pitura Freska, e di tanto in tanto El Duse… chitarra dei Pitura Freska. Il Gruppo è composto da Cris “El Gangia”(voce), Stefano “Jack” Cavallin (tromba e voce), Germano “German” Toncetti (chitarra), Alessandro“Alex” Lazzari(batteria e percussioni), Andrea “Vana” Vanacore (basso), Michele “Matonea” Giacomello (sax tenore e voce), Michele “Kele” Minosso (tastiere e organo).

 

Domani, venerdì 6 luglio, spazio invece al Teatro La Fenice, che porterà in piazza lo spettacolo “Al Chiaro di Luna”. Alle 21, con ingresso sempre gratuito, prende il via il concerto lirico con solisti e strumentisti del Coro e Orchestra del Teatro La Fenice, accompagnati per l’occasione da coreografie a cura di Studio Danza 53. Il programma spazia dal romanticismo tedesco ai nostri giorni, passando per i capolavori del bel canto nostrani e d’oltralpe; così, partendo dalle suggestioni pianistiche del Chiaro di luna di Beethoven, l’excursus toccherà tra gli altri Bizet, Verdi, Massenet, fino a una coreografia particolare studiata per una composizione da camera di Ezio Bosso.

 

Sabato 7 le luci si accendono invece con Gli Amici, la storica band del beat veneziano. Marghera 1964, sono luogo e anno di nascita di questo gruppo in cui si è formato anche il batterista delle Orme Miki Dei Rossi. Gli Amici è uno dei pochi gruppi Italiani che esegue ancora le musiche degli Shadows, la storica band inglese che con il suo sound ha ispirato numerosi gruppi degli anni 60 come i Beatles. In 50 anni di attività il gruppo ha mantenuto intatto lo spirito di quegli anni, fedele all’originale e con il rock di Cliff Richard e il sound degli Shadows. Renato Vianello (chitarra solista), Enzo Ponchiroli (tastiere), Massimiliano Cadamuro (basso), Lino Ballarin (batteria), Gianni Da Re (chitarra), Davide (voce), Germano (tromba), Loris Buoso (sax tenore), Mario Bonicelli (sax baritono) sono i componenti della band.

 

Per agevolare le persone che verranno ad ascoltare la musica in piazza e che vogliono lasciare a casa la macchina, l’amministrazione comunale ha messo a disposizione una corsa straordinaria del tram/bus da piazza Mercato al centro di Mestre.

 

www.margheraestate.it

SAVE THE DATE!

 

Martedì 12 giugno, alle ore 18, il Quartet Eilat si esibirà nelle sale Apollinee del Teatro La Fenice di Venezia, con le musiche di Mozart e Bartholdy.

 

Per gli under26, gli over65, i residenti nel comune e nella città metropolitana di Venezia, il biglietto di ingresso è acquistabile alla tariffa agevolata di € 10.

 

Sarà sufficiente esibire un documento che attesti il diritto alla riduzione presso una biglietteria Vela VeneziaUnica o presso la biglietteria del Teatro La Fenice.

 

Per info: [email protected]

 

Il 2 giugno, 72° anniversario della Proclamazione della Repubblica, sarà celebrato anche quest’anno, sul territorio comunale, con una serie di significativi appuntamenti.

 

A Venezia, in piazza san Marco, la cerimonia prenderà il via alle 9.10, con l’ingresso dei labari delle associazioni combattentistiche e d’Arma, cui seguirà la lettura del messaggio del presidente della Repubblica; alle 9.30 si procederà all’alzabandiera.

 

A Mestre, in piazza Ferretto, le celebrazioni inizieranno alle 10.25, anche in questo caso, con l’ingresso dei labari delle associazioni combattentistiche e d’Arma  e con la lettura del messaggio del presidente della Repubblica, mentre alle 10.45 è prevista la cerimonia dell’alzabandiera.

 

A Favaro, alle 11.15, si terrà invece l’incontro con l’Unione Nazionale Cavalieri d’Italia, che prevede la deposizione di una corona d’alloro al monumento ai Cavalieri dell’Ordine al Merito della Repubblica italiana e, a seguire, un concerto della banda musicale di Tessera.

 

Nel pomeriggio, alle ore 17, al teatro La Fenice, si terrà un concerto straordinario, offerto alla cittadinanza, con la partecipazione del pianista Francesco Granata, in cui saranno eseguite musiche di Scarlatti, Mozart e Debussy.

 

La giornata si chiuderà idealmente alle ore 19, sia in piazza san Marco che in piazza Ferretto, con la cerimonia dell’ammainabandiera.

Musica per tutti i gusti, cinema di qualità e, novità di quest’anno, anche street food: saranno questi gli ingredienti principali dell’edizione 2018 di “Marghera estate”, la tradizionale kermesse che ormai da 38 anni anima il cuore della città giardino.

 

Il ricco calendario della manifestazione è stato presentato questa mattina con una conferenza stampa che si è svolta al Municipio di Mestre alla quale sono intervenuti, tra gli altri, gli assessori comunali alla Coesione sociale, Simone Venturini, e al Turismo, Paola Mar, il presidente della Municipalità di Marghera, Gianfranco Bettin, il dirigente del settore Cultura del Comune, Michele Casarin, l’Amministratore unico di Vela Spa, Piero Rosa Salva e Alessandro Fantini del Teatro La Fenice.

 

Marghera estate – ha esordito Venturini – è la manifestazione estiva per eccellenza della città di Venezia, per la terraferma e per l’intero territorio metropolitano. Un evento nel segno della tradizione ma anche dell’innovazione, nato in un quartiere da sempre ricco di iniziative culturali e fermenti musicali e creativi, che ben si inserisce nel piano delle iniziative promosse dall’Amministrazione comunale per rivitalizzare tutte le zone della città attraverso la cultura e la partecipazione attiva dei cittadini.

 

Due le novità di rilievo di quest’anno per il mese di luglio. La prima è che tutti gli spettacoli, ad eccezione di quelli dedicati alla lirica (13 e 20 luglio) saranno gratuiti; la seconda è il mercato dello street food, per gustarsi prima di ogni evento, a partire dalle ore 19, un buon panino, una frittura di pesce, un gelato, una birra o, perché no, un piatto vegano.

 

“Questa manifestazione – ha aggiunto Mar – è la quintessenza delle Città in festa, un format che migliora anno dopo anno e che si dimostra sempre di più un’idea vincente per la sua capacità di far collaborare in sinergia le forze attive della città e insieme uno strumento efficace per rendere sempre più ampia e variegata l’offerta culturale e di intrattenimento della città che coinvolga non solo i cittadini veneziani e metropolitani, ma anche i numerosi turisti che soggiornano in terraferma”.

 

Protagonista del primo mese di “Marghera estate” sarà anche quest’anno la musica: 14 appuntamenti, tutti con inizio alle ore 21, che spaziano dal jazz alla lirica, dal rock al blues, con un’attenzione particolare al sound “veneto”.

Si parte il 3 luglio – ha spiegato Casarin – con il Trio Bobo, composto dalla sessione ritmica degli Elio e le Storie Tese, mentre ad animare la serata di mercoledì 4 saranno i vincitori del contest della Hybrid Music, il primo concorso musicale che si è svolto nella sala prove del Comune di Venezia.

 

Ad alternarsi sul palco di Piazza Mercato ci saranno quest’anno molti dei nomi più noti nel panorama nazionale della musica Made in Veneto, dai Pitura Stail, cover band dei Pitura Fresca che saliranno sul palco il 5 luglio con Furio, storico saxofonista dei Pitura Freska, a Gli Amici, la storica band del beat veneziano che si esibirà sabato 7 luglio; dai Batistoco, band locale che sposa il dialetto veneziano con la salsa, il mambo e il cha cha (mercoledì 11) alla band chioggiotta dei John see a day, che giovedì 12, dopo l’apertura affidata ai DOLiWOOD e alle loro parodie in dialetto veneto, proporrà brani originali con testi in dialetto, atmosfere circensi e una buona dose di ironia.

 

 

Dopo la tappa dedicata alla moda di martedì 10 luglio, che vedrà il palco trasformarsi in una passerella grazie al concorso “Modella per un giorno”, la terza settimana di musica di “Marghera estate” si aprirà il 17 luglio si aprirà con i Rock Blues Society, che porteranno in piazza Mercato il loro blues, mentre il 18 si esibirà Silverado, la country band italiana più popolare nell’ambito della musica targata “made in USA”. A riempire la piazza il 19 ci penseranno i Los Massadores, pronti a travolgere il pubblico con la loro musica bifolk, ovvero musica popolare a chilometri zero. Martedì 24 luglio sarà protagonista il cantante locale Bruno Siviero con la sua band, la Popolare Eventi, mentre mercoledì 25 sarà la volta del gospel con i Soul Liberation, che riunisce 50 giovani cantanti gospel provenienti da varie parti dell’Africa. Gran finale giovedì 26 con i Rumatera e il loro punk veneto, apertura d’eccellenza del concerto con Herman Medrano. Confermato anche l’appuntamento con la lirica, con due spettacoli da non perdere per gli appassionati del genere venerdì 13, con il Nabucco portato in scena dalla Filarmonica del Veneto e venerdì 20, con l’operetta della Filarmonica del Veneto con La vedova allegra. Non mancherà infine la proposta del Teatro La Fenice che venerdì 6 luglio proporrà lo spettacolo “Al Chiaro di Luna”, eseguito da musicisti e cantanti del celebre teatro veneziano accompagnati da coreografie a cura di Studio Danza 53.

 

Il mese di agosto sarà invece, come da tradizione, all’insegna del cinema di qualità con “Cinema sotto le stelle”, l’ormai consueto appuntamento che ripropone i film più visti nelle sale lo scorso inverno, selezionati da CinemArte e Circuito Cinema. A settembre infine spazio a “Esterno Notte”, per vedere le pellicole presentate alla Mostra del Cinema della Biennale di Venezia nel 2017.

 

“Una manifestazione ormai consolidata, – ha evidenziato Bettin – ma che allo stesso tempo continua ad arricchirsi e a crescere puntando sulla qualità, preceduta quest’anno da un prequel di un intero mese dedicato alle attività sportive”. Di “Marghera estate” come brand ormai affermato ha infine parlato Rosa Salva, sottolineando la ricchezza e la continuità.

“Marghera estate” è organizzata dal Settore Cultura del Comune di Venezia, con il sostegno di VeneziaUnica City Pass, Camera di Commercio di Venezia, grazie alla  collaborazione di Confcommercio di Marghera, Despar, Cooperativa SocioCulturale, Euro Promos, Enel, Pam, Panorama, San Marco Petroli, Vtp, Venezia Terminal Passeggeri, e con il contributo organizzativo del Teatro La Fenice, San Benedetto, Veritas.

La collaborazione tra Comune di Venezia e Fondazione Teatro La Fenice torna per una promozione di primavera riservata ai residenti. Per usufruire dell’offerta promozionale, grazie alla quale sarà possibile assistere agli spettacoli a un prezzo ridotto, basterà ora presentare alle biglietterie di VeneziaUnica di Mestre, Tronchetto, Piazzale Roma e del Teatro La Fenice il coupon che si trova sul sito del Comune di Venezia.

 

Il coupon sarà convertito in due biglietti per La Traviata di Giuseppe Verdi e L’elisir d’amore di Gaetano Donizetti, entrambi al costo di 30 euro per il posto in platea e 20 euro per gli altri settori.

 

La Traviata di Giuseppe Verdi:

– sabato 26 maggio alle ore 15.30

– mercoledì 30 maggio alle ore 19)

 

L’elisir d’amore di Gaetano Donizetti:

– venerdì 25 maggio ore 19

– domenica 27 maggio ore 15.30

– martedì 29 maggio ore 19

– giovedì 31 maggio ore 19

– domenica 3 giugno ore 15.30

– martedì 5 maggio, ore 19.

 

La proposta sarà valida fino a esaurimento dei posti messi a disposizione dal teatro.

Continuano gli eventi delle “Città in Festa”, il ricco programma che coinvolge, con svariate iniziative, Venezia, le isole e la terraferma:

 

Questi gli eventi di oggi, sabato 5 maggio:

VENEZIA MURANO BURANO
La Traviata di Giuseppe Verdi, fino al 1 giugno www.teatrolafenice.it
– concerti del Vespro 2018, alla Basilica San Giorgio Maggiore, ore 18: Roberto Bonetto e Gao Sichen, organo e tenore
– 6° edizione Festival del Vetro “Arts’Connection 2018”: vernissage e apertura Museo del Vetro dalle 18 alle 21
– festa dell’Europa 2018: il patrimonio culturale europeo per i cittadini dal 5 al 31 maggio (numero verde gratuito 800 496200 o [email protected])

LIDO PELLESTRINA
– dal 5 al 6 Maggio corsi di vela Nazionale Dinghy – Associazione Velica Lido Sportiva dilettantistica

 

MESTRE CARPENEDO
– mostra Pittori La Torre, via Mestrina, ore 10 – 18
– Forte Carpenedo: “MESTRE in GRIGIOVERDE”, rievocazione storica “Sentinelle del Lagazuoi”. Campi dimostrativi della vita militare durante la guerra del 15-18
– 100 Barche per l’ambiente, Isola di Campalto dalle 9 alle 18. Pulizia , riordino e gran grigliata. Partenza da punta San Giuliano.

 

Per tutte le iniziative in programmazione al Centro Culturale Candiani, consultare la pagina: www.culturavenezia.it/candiani
Per maggiori informazioni, si invita comunque a consultare i seguenti siti: live.comune.venezia.itwww.culturavenezia.it

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni