Home / Posts Tagged "premi"

Sana e golosa. La Latteria Perenzin di San Pietro di Feletto (TV) ha presentato alla 9ª edizione di Formaggio in Villa a Santa Maria di Sala (VE) l’ultima sfiziosa novità tutta da gustare: ricotta e confettura bio in tre varianti, “Fragolosa”, “Albicoccola” e “Mirtilla”. Un progetto nato in collaborazione con Lazzaris Srl, azienda di Conegliano (TV) specializzata in mostarde, salse, marmellate e confetture di alta qualità.

 

«Abbiamo pensato a questo nuovo prodotto – ha dichiarato la titolare Emanuela Perenzin – per invogliare le persone a consumare di più la ricotta e andare incontro ai nuovi gusti della clientela che vuole cibi leggeri e salutari, senza per questo dover rinunciare al gusto. Con appena 185 calorie per 100 grammi è ideale per una merenda, uno spuntino spezza-fame o per un pranzo leggero. La ricotta è un latticino a ridotto contenuto di grassi e ricco di albumina che si presta molto bene a essere addizionato ad altri ingredienti. È sano perché è bio, è prodotto con latte di vacca veneto proveniente da allevamenti biologici certificati».

 

Bio sono anche le confetture di fragolealbicocche e mirtilli dell’azienda Lazzaris, che rendono ancora più golose le nuove ricotte. La ricetta è quella di famiglia che rievoca il gusto delle cose buone fatte in casa. Il segreto? «La qualità della materia prima – ha spiegato Alberto Lazzaris -. Le nostre confetture contengono solo frutta italiana di altissima qualità in una percentuale pari all’80%, zucchero di canna e succo di limone e non usiamo pectina».

 

 

Il caseificio trevigiano alle finali dell’Italian Cheese Awards 2019

Tra le novità presentate a Formaggio in Villa anche il “Panino San Pietro Raclette” a base di formaggio San Pietro fresco, di produzione propria, che viene fatto fondere e “raschiato” con un coltello direttamente dalla forma di fronte al cliente e adagiato morbidamente all’interno del pane caldo, abbinato alla salsa dolce piccante di cipolle di Lazzaris. Un’esperienza originale, divertente e gustosa che i clienti possono provare tutte le sere, su prenotazione, dall’aperitivo, al Cheese Bar di San Pietro di Feletto.

 

 

A Formaggio in Villa, la Latteria Perenzin si è aggiudicata le fasi finali del premio Italian Cheese Awards 2019 con l’Anniversary Bianco di vacca: l’aromatizzato creato dal caseificio trevigiano per rendere omaggio al professor Luigi Manzoni della Scuola Enologica di Conegliano a 50 anni dalla sua morte. 3 i formaggi per categoria che hanno ricevuto la nomination. I nomi dei vincitori saranno resi noti nel mese di ottobre.

 

Nove Onorificenze per meriti speciali sono state consegnate stamane a Venezia, nella sede della Giunta regionale di Palazzo Balbi, dall’assessore al territorio e alla sicurezza Cristiano Corazzari ad altrettanti operatori della Polizia locale del Veneto.

 

Questo riconoscimento, attribuito con decreto del Presidente della Giunta veneta, Luca Zaia, è riservato al personale di Polizia locale distintosi per azioni particolarmente meritorie nei confronti della cittadinanza.

 

“Non si tratta di un tributo meramente simbolico – ha detto Corazzari –: tutti noi vi siamo debitori e riconoscenti per l’impegno e il senso del dovere che quotidianamente esprimete con il vostro operato, con grande sacrificio personale e mettendo costantemente a rischio anche la vostra stessa incolumità. Vi esprimo pertanto il nostro corale e sincero ringraziamento, con l’impegno a sostenere concretamente e supportare i vostri sforzi, e quelli delle Amministrazioni locali, per rafforzare il sistema regionale di sicurezza territoriale e, con esso, la coesione sociale e il senso di appartenenza ad un unico ‘Corpo’ sociale”.

 

 

Questi i riconoscimenti consegnati:

 

anno 2013

Polizia locale del Comune di Arzignano (Vi)

Il Presidente della Regione del Veneto conferisce la medaglia d’oro per Meriti Speciali

Per aver con sprezzo del pericolo impedito o contrastato il verificarsi di azioni criminose” a:

Agente di Polizia locale, ora Vice Istruttore, Damiano Vignaga;

Assistente di Polizia Locale, ora Vice Istruttore, Claudio Rigoni;

motivazione: “Evidenziando spiccate capacità professionali, non comune senso del dovere e sprezzo del pericolo, durante un servizio di ricognizione, effettuato in data 26 aprile 2012, si ponevano all’inseguimento di un veicolo in fuga riuscendo a bloccare il mezzo e a immobilizzare il guidatore, responsabile di un efferato omicidio avvenuto presso la comunità di Arzignano, impedendone così la fuga e assicurando il colpevole alla giustizia”.

 

 

 

 

 

anno 2014

Polizia locale del Comune di Valeggio sul Mincio (Vr)

Il Presidente della Regione del Veneto conferisce la medaglia d’oro per Meriti Speciali

“Per aver reso salva la vita altrui in situazioni di emergenza o pericolo” al

Vice Istruttore Giampiero Amara;

motivazione: “Con generoso slancio, sprezzo del pericolo e non comune senso del dovere, in data 21 settembre 2013 interveniva con tempestività in occasione del tentativo di suicidio messo in atto da un uomo che, in stato di grave prostrazione, minacciava di gettarsi dal ponte Visconteo nel Comune di Valeggio sul Mincio, riuscendo a bloccarlo e a convincerlo a desistere dall’attuare l’insano proposito”.

 

 

Consorzio di Polizia locale dell’Alto Vicentino (Vi)

Il Presidente della Regione del Veneto conferisce la medaglia d’oro per Meriti Speciali

“Per aver reso salva la vita altrui in situazioni di emergenza o pericolo” a

Agente scelto Elena Rigotto;

Agente Damiano Domenico Valente;

motivazione:Con generoso slancio, ferma determinazione e cosciente sprezzo del pericolo, durante un servizio di ricognizione effettuato in data 1 luglio 2012, notata la presenza di fumo e fiamme nell’area circostante l’Eremo di Meda nel Comune di Velo d’Astico, non esitavano a  introdursi nella zona interessata da un violento incendio, prodigandosi per l’evacuazione delle persone intrappolate e traendo in salvo numerosi adulti e bambini”.

 

    

 

 

anno 2015

Polizia locale del Comune di Vittorio Veneto (Tv)

Il Presidente della Regione del Veneto conferisce la medaglia d’oro per Meriti Speciali

“Per aver reso salva la vita altrui in situazioni di emergenza o pericolo” a

Agente scelto Giuliana Faganello;

motivazione: “Con generoso slancio, sprezzo del pericolo e non comune senso del dovere, in data 5 marzo 2013 interveniva con tempestività in occasione del tentativo di suicidio messo in atto da una donna che minacciava di gettarsi dal terzo piano del palazzo delle Poste del Comune di Vittorio Veneto, riuscendo a bloccarla e a convincerla a desistere dall’attuare l’insano proposito”.

 

 

anno 2017

Polizia locale del Comune di Bassano del Grappa (Vi)

Il Presidente della Regione del Veneto conferisce la medaglia d’oro per Meriti Speciali

Per aver con sprezzo del pericolo impedito o contrastato il verificarsi di azioni criminose” a:

Assistente Claudio Fabbro;

motivazione: “Dimostrando alto senso del dovere, coraggio non comune ed esemplare senso civico, pur avendo terminato il turno di servizio in data 11 marzo 2016, non esitava ad affrontare un uomo che, in stato di alterazione psico-fisica, minacciava l’autista di un autobus mettendo a repentaglio l’incolumità dei passeggeri. Dopo violenta colluttazione, che gli causava lesioni permanenti all’occhio destro, non desisteva dall’inseguire l’uomo riuscendo a fermarlo e scongiurando più gravi conseguenze”.

 

 

 

anno 2018

Polizia locale del Comune di Caorle (Ve)

Il Presidente della Regione del Veneto conferisce la medaglia d’oro per Meriti Speciali

Per aver con sprezzo del pericolo impedito o contrastato il verificarsi di azioni criminose” a:

Comandante Armando Stefanutto;

Agente Scelto Mariafrancesca Mior;

motivazione: “Dimostrando spiccate capacità professionali, acume investigativo e alto senso del dovere, nel corso del 2017 partecipavano con l’unità cinofila a diverse operazioni di polizia giudiziaria finalizzate al contrasto dello spaccio di stupefacenti sulle spiagge e nell’entroterra del Veneto Orientale, contribuendo al sequestro di importanti quantitativi di droga, all’arresto di 8 persone e alla denuncia a piede libero di altre 5 persone”.

 

Sono stati consegnati allo stadio Penzo di Venezia dal presidente del Venezia Football Club, Joe Jacopina, gli abbonamenti per la stagione calcistica 2018-2019 destinati ai primi tre classificati alla regata dei giovanissimi su pupparini a due remi: nell’ordine di arrivo, Matteo Zaniol e Tommaso MorettiRocco Rumonato e Luca VenchieruttiFabio Maresca Anthony Vianello.

 

 

All’evento erano presenti anche il Consigliere Delegato alle Tradizioni del Comune di Venezia, Giovanni Giusto, e l’Amministratore Unico di Vela Spa, Piero Rosa Salva.

La giuria del premio di scrittura “Le città di Berto” proclamerà i vincitori della 29esima edizione del concorso aperto agli studenti delle scuole superiori delle province di Treviso, Venezia e Vibo Valentia

 

Grande attesa tra i giovani scrittori in erba che hanno concorso al premio di scrittura “Le città di Berto” per la cerimonia finale di venerdì 25 maggio, nella quale saranno proclamati i vincitori della sua ventinovesima edizione.

La scrittura continua ad appassionare i giovani. Lo dimostrano gli oltre cento elaborati giunti anche quest’anno per essere selezionati dalla giuria del Premio. Come prevede il regolamento del concorso, al quale hanno partecipato studenti delle scuole superiori delle province di Treviso, Venezia e Vibo Valentia, i generi di scrittura ammessi sono il racconto lungo, il racconto breve e la poesia.

Il Premio è promosso dal Liceo Statale di Mogliano Veneto, con il patrocinio dell’Associazione culturale Giuseppe Berto, della Regione Veneto, della Provincia di Treviso, del Comune di Mogliano Veneto, e con il sostegno del Lions Club di Mogliano Veneto e del Professional Financial Planner di Banca Generali, Alessandro Barbon. Dal gemellaggio che lega le due città di Berto, Mogliano Veneto dove egli nacque e Ricadi dove visse a lungo e fu sepolto, ha avuto origine la fattiva partecipazione al Premio, da parte del Liceo Scientifico di Vibo Valentia, anch’esso intitolato allo scrittore.

In palio per le prime tre opere classificate di tutte le sezioni ci sono premi in denaro (400 euro al primo, 250 al secondo e 150 al terzo). Inoltre, i vincitori della sezione “racconto lungo” parteciperanno alla selezione del prossimo Concorso Campiello Giovani.

Le opere dei concorrenti sono state valutate dalla giuria, presieduta da Emilio Lippi, Direttore delle Biblioteche e dei Musei di Treviso, e formata da Patrizio Rigobon, docente di Catalano all’Università Cà Foscari, Luciana Ermini, direttrice dell’Eco di Mogliano e dai docenti Diego Bottacin (membro esterno), Giorgio De Conti, Alessandra Visentin e Stefano Stringini (membri interni). Segretaria del premio è la professoressa Gabriella Ferman.

Finalisti e vincitori di questa edizione saranno proclamati e premiati venerdì 25 maggio, nel corso di una cerimonia che si svolgerà alle 20.30 nell’Aula Magna del Liceo Berto di Mogliano, recentemente intitolata all’ex-preside Giancarlo Bertapelle, venuto a mancare proprio un anno fa. Figura molto stimata nei decenni di attività di preside in questa scuola, fu proprio lui ad avviare i lavori di questo Premio di scrittura interprovinciale. La presentatrice sarà Ann Marcoleoni, ex studentessa del Liceo Berto, ora laureanda in Conservazione dei beni e delle attività culturali presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia.

Ritorna anche quest’anno il concorso di carattere internazionale per cantanti “Toti dal Monte”, che si svolgerà al Teatro Comunale Mario Del Monaco di Treviso, dal 25 al 30 giugno 2018.

 

 

L’opera a concorso quest’anno è Le nozze di Figaro di Wolfgang Amadeus Mozart, mentre i ruoli, nello specifico, sono:

il conte di Almaviva – baritono

la contessa di Almaviva – soprano

Susanna – soprano

Figaro – basso

Cherubino – soprano

Marcellina – soprano

Bartolo – basso

Basilio / Don Curzio – tenore

Barbarina – soprano

 

 

La prova semifinale del Concorso si terrà al Teatro Comunale Mario Del Monaco di Treviso giovedì 28 giugno, a partire dalle ore 11.00. L’ingresso è libero.

Altrettanto libero sarà l’ingresso per la prova finale, che si terrà invece sabato 30 giugno alle ore 17.00, sempre presso il Teatro di Treviso.

 

 

Premi:

 

Ai vincitori del Concorso sarà corrisposto, per ogni recita, il compenso lordo di € 2.500 per i ruoli de: il conte di Almaviva, la contessa di Almaviva, Susanna, Figaro, Cherubino, Basilio/Don Curzio; di € 2.000,00 per i ruoli di Bartolo e Marcellina; di € 1.200 per il ruolo di Barbarina.

 

Verrano corrisposte anche delle borse di studio da € 300,00 lordi a € 1.000,00 lordi ciascuna nelle seguenti modalità:

• 1 borsa di studio da € 600, offerta dalla Famiglia Bruzzolo in memoria del dott. Renzo Bruzzolo, da assegnare a un concorrente italiano

• 1 borsa di studio da € 300, offerta da SUONOVIVO S.r.l. – Noleggio e vendita camere acustiche per orchestra

• 1 borsa di studio da € 1.000, offerta da Teatri e Umanesimo Latino S.p.A.

• 1 borsa di studio da € 1.000, offerta da Fondazione Teatro Comunale di Ferrara

• 1 borsa di studio da € 1.000, offerta da Fondazione PergolesiSpontini di Jesi.

 

Il premio Belcanto di Bellussi, del valore di € 5.000, sarà destinato al miglior interprete scelto tra i vincitori del suddetto Concorso, secondo il parere del pubblico presente alle rappresentazioni dell’opera realizzare al Teatro Comunale Mario Del Monaco di Treviso.

 

 

Info e iscrizioni:

bando

scheda iscrizione 2018 (da consegnare alla segreteria del Concorso)

Si ricorda che la domanda di iscrizione, corredata dei documenti necessari indicati nel bando, dovrà pervenire entro sabato 16 giugno 2018. Si ricorda inoltre che il limite di età per partecipare al Concorso, è fissato in anni 35. Inoltre, all’atto d’iscrizione, i concorrenti che a fine Concorso ne risulteranno vincitori si impegnano a presenziare alle prove e a tutte le successive recite che si terranno nei diversi teatri, a partire da fine settembre a inizio novembre 2018 e, successivamente, a inizio maggio 2019. (Coloro che verranno meno ai loro obblighi contrattuali saranno tenuti a versare una penale pari al doppio del compenso stabilito.)

 

 

Storia del Concorso:

Sorto nel 1969, per volontà di Antonio Mazzarolli e del soprano Toti Dal Monte, il Concorso Internazionale per Cantanti Toti Dal Monte si impose subito all’attenzione del mondo musicale internazionale per prestigio e singolarità di concezione. Fu, infatti, il primo concorso in Italia e nel mondo a offrire ai vincitori non un semplice premio in denaro, bensì il debutto in palcoscenico negli stessi ruoli dell’opera oggetto del concorso.

Il Concorso, che a partire dal 1975 fu intitolato alla scomparsa Toti Dal Monte, ha premiato fino ad oggi ben 253 cantanti, molti dei quali hanno in seguito intrapreso prestigiose carriere calcando le scene dei maggiori teatri al mondo.

 

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni