Home / Posts Tagged "open day"

Si rinnova come ogni anno l’appuntamento con gli Open Day del Mogliano Rugby 1969, occasione per trascorrere insieme alcune ore di pieno divertimento. Ci fa piacere vedere i ragazzi riprendere a giocare il nostro bellissimo sport, dargli la possibilità di poter invitare i loro amici, e tutti coloro che non conoscono bene il rugby, a provarlo, scendendo in campo per 4 giorni e assaporando tutte le emozioni che il rugby regala.

 

Gli Open Day si svolgeranno da lunedì 7 a giovedì 10 settembre, dalle ore 9.00 alle ore 12.00, presso lo stadio Quaggia di via Colelli 2 a Mogliano Veneto. Se avete tra i 4 (nati nel 2016) e 13 anni, vi aspettiamo qui. Ricordatevi di vestirvi comodi, con abbigliamento sportivo e scarpe da ginnastica e portate con voi uno zainetto con la borraccia per l’acqua e la merenda.

 

Come immaginabile, è attivo un protocollo restrittivo per limitare il contagio da COVID-19 e quindi, per maggiori informazioni, vi chiediamo di scrivere a [email protected].

 

Per semplificare l’accoglienza presentatevi con il Modulo Autorizzazione Allenamenti e l’autocertificazione Protocollo anticontagio COVID-19 già compilati e firmati da un genitore.

 

Il programma giornaliero previsto è il seguente:
8.30-9.00 accoglienza
9.00 inizio attività
10.30-11.00 pausa (merenda al sacco)
12.00 i bimbi tornano a casa.

Sabato 11 e domenica 12 gennaio si terrà un incontro di orientamento alla scelta della scuola superiore presso il centro commerciale Auchan Porte di Mestre.

 

L’evento denominato Open School Day si svolgerà in area Infopoint Infovox ed in piazza Eventi Unieuro, dalle ore 11 alle 19.

 

Gli istituti superiori partecipanti, con i loro professori e i loro studenti, saranno a disposizione dei ragazzi e delle famiglie per dare informazioni e consigli sui percorsi di studio da intraprendere dopo la terza media. La scadenza del 31 gennaio per l’iscrizione alla scuola prescelta incombe: l’Open School Day vuole essere un’ulteriore fonte di approfondimento per guidare i ragazzi nella scelta più adeguata alle loro inclinazioni.

 

Saranno presenti la Scuola di Formazione Professionale Engim, l’IIS Liceo Majorana-Corner, l’IIS Luzzatti, ITS Fondazione Marco Polo, l’ITIS Zuccante e l’ITCS Maria Lazzari. Gli studenti e i professori dei vari istituti presenteranno le proprie attività formative, offrendosi come valide guide alla scelta della scuola superiore per gli studenti delle scuole medie.

 

Oltre ai presidi informativi di ogni scuola superiore presente, sarà operativa anche una postazione dell’associazione AGESC Città Metropolitana di Venezia – associazione di genitori che aiutano ad approfondire i rapporti con la scuola e seguono le famiglie e i ragazzi nel percorso di scelta -, una postazione di Confederex Confederazione Italiana Ex-alunni – e una postazione di Goyonder, agenzia educativa che si occupa di viaggi studio all’estero.

 

La partecipazione all’incontro Open School Day è del tutto gratuita e non vincolante.

 

Domenica 24 novembre, in occasione della quinta edizione di Open Factory, il Gruppo di Marcon (VE) organizza visite guidate e laboratori didattici dedicati ai bambini

 

Una giornata in azienda per scoprire i segreti dei colori, visitare gli impianti e toccare con mano una realtà dove, da oltre ottant’anni, innovazione, ricerca e passione quotidiana sono le chiavi del successo.

 

Domenica 24 novembre, San Marco Group, leader nella produzione e commercializzazione di pitture e vernici per l’edilizia professionale, apre le proprie porte al grande pubblico organizzando attività dedicate ai visitatori: gli adulti potranno prendere parte a tour guidati nei diversi reparti, dalla produzione al reparto Ricerca & Sviluppo, fino alla colorimetria, mentre per i più piccoli saranno proposti dei laboratori didattici pomeridiani.

 

L’evento rientra nell’iniziativa “Open Factory”, importante opening di cultura industriale e manifatturiera per scoprire i segreti del Made in Italy organizzato e promosso dal portale d’informazione ItalyPost e L’Economia del Corriere della Sera che, in occasione della presentazione, hanno premiato le aziende che si distinguono per l’innovazione nei campi della sostenibilità, del design, della tecnologia e di tutti i fattori decisivi per lo sviluppo dell’economia e della società. San Marco Group ha ricevuto il Premio Open Factory 2019 “Mecenatismo culturale”.

 

“Aprire le porte della nostra azienda, per il terzo anno consecutivo, è una dimostrazione di orgoglio ma anche di consapevolezza – commenta Pietro Geremia, Executive Vice President Sales & Marketing San Marco -. Il successo delle precedenti edizioni conferma come il pubblico abbia voglia di scoprire cosa accade in azienda, e noi abbiamo molte storie da raccontare, storie di tradizione, sacrifici e dedizione ma anche di innovazione, tecnologie e applicazioni all’avanguardia”.

 

L’appuntamento del 24 novembre è un’occasione per varcare le soglie di una realtà imprenditoriale fortemente legata al territorio, che dal 1937 ha saputo evolversi in sintonia con le esigenze del mercato, fino a diventare un punto di riferimento riconosciuto, in Italia e nel mondo, con una rete distributiva che oggi tocca oltre 100 Paesi.

L’evento è gratuito ma è necessaria la prenotazione sul portale.

Nuovo appuntamento con gli Open Day del Mogliano Rugby 1969 e nuova occasione per trascorrere insieme alcune ore di pieno divertimento.

 

La società sportiva invita tutti i bambini tra i 4 (nati nel 2015) e gli 11 anni a partecipare! Insieme a loro giocherà anche qualche atleta della Squadra di Top12, con attività nuove e stimolanti.

 

L’appuntamento è presso gli impianti di via Colelli nei giorni di martedì 3, mercoledì 4, giovedì 5 e venerdì 6 settembredalle ore 8 alle ore 12,30.

 

Si ricorda di vestirsi comodi, con abbigliamento sportivo e scarpe da ginnastica e di portare con sé uno zainetto con la borraccia per l’acqua e la merenda.

Inoltre, per semplificare l’accoglienza, sarebbe opportuno presentarsi con il modulo MR autorizzazione allenamenti prova già compilato e firmato da un genitore.

 

Il programma

8:00-9:00 accoglienza
9:00 inizio attività
10:30-11:00 pausa (merenda al sacco)
12:30 i bimbi tornano a casa.

 

I bambini curiosi di conoscere meglio questo sport avranno la possibilità di farlo anche dopo gli Open Day, con quattro lezioni di prova a disposizione.

 

Per maggiori informazioni è possibile scrivere a: [email protected].

Giovedì 30 maggio l’asilo nido comunale “Il Castello” di via Montenero organizza un Open-day serale (ore 19-20).

 

Le educatrici presenteranno in generale le attività svolte all’interno del nido e guideranno gli ospiti nella visita dei locali.

 

La serata si concluderà con un interessante incontro con la psicopedagogista dott.ssa Luigina Boschiero, dal titolo “Emozionarsi per diventare grandi”: una serata formativa rivolta ai genitori per confrontarsi sulle emozioni dei bambini e su come meglio gestirle.

 

 

Photo credit: FB @asilocasaleilcastello

Per un giorno hanno lasciato i banchi di scuola e sono entrati in azienda a scoprire da vicino cosa significa lavorare e che tipo di caratteristiche bisogna avere per intraprendere la professione socio sanitaria e ricettivo turistica.

 

Sono i 70 studenti di quattro scuole superiori del Veneto che hanno partecipato giovedì 14 marzo alla straordinaria apertura per le scuole delle tre strutture Sogedin di Monastier la Casa di Cura “Giovanni XXIII”,  il Centro Servizi “Villa delle Magnolie” che al suo interno ha anche il Micro Nido “La Casa sull’Albero” e Park Hotel “Villa Fiorita”. Si tratta della seconda giornata di OPEN DAY LAVORO che ha visto la partecipazione anche dell’assessore regionale alla Formazione del Veneto Elena Donazzan.

 

Donazzan: “Non guardate solo alle statistiche dei posti di lavoro o ai percorsi di studi per lavorare nel socio-sanitario ci vuole sensibilità”

“La cosa importante è rispondere ai dubbi che ci sono e fare orientamento.  Capire come si sceglie il proprio futuro, vedendo dei contesti lavorativi, come l’esperienza vissuta oggi dalle 4 scuole venete, è la cosa migliore – ha detto l’assessore regionale alla Formazione Elena Donazzan– Oggi i servizi alla persona sia nella fase dell’invecchiamento che nella cura e nella prima infanzia sono servizi importanti che generano posti di lavoro e tanta economia. E’ quindi importante riuscire a fare questo tipo di orientamento. Scuole che vengono in visita e aziende che si aprono è il modo migliore per raggiungere l’obiettivo e il successo.

 

L’assessore Donazzan ha ringraziato Sogedin per la disponibilità ad aprire le porte delle tre strutture mostrando le diverse professionalità: “Dovrete scegliere consapevolmente il tipo di lavoro – ha detto l’assessore agli studenti- Ogni professione ha le sue parti pesanti e le sue parti più leggere. Ma c’è soprattutto bisogno di competenze”.

 

Ad accogliere gli studenti e l’assessore Donazzan anche l’amministratore delegato della Casa di Cura Gabriele Geretto, Emanuela Calvani, Matteo Geretto e Massimo Calvani presidente di Sogedin che in qualità di vice presidente di AIOP Veneto, l’Associazione italiana Ospedalità Privata, vuole proporre iniziative di questo genere anche alle altre strutture simili della regione.

 

“Aprire le strutture a questo tipo di alternanze direi che è strategico – ha detto Donazzan – Prendersi cura di una persona, sia essa una persona anziana o colpita da una malattia o aiutare le famiglie in un accompagnamento, vuol dire anche avere una vocazione e una certa sensibilità. I ragazzi non possono decidere solamente guardando la statistica dei posti di lavoro o il percorso di studi. Devono sentire questa sensibilità perché qui è 100% umano 100% umanità.”

 

 

 

Alcuni commenti degli studenti

La giornata di OPEN DAY è iniziata alle 9 con l’arrivo degli studenti del Liceo Berto di Mogliano Veneto, dell’Istituto Besta di Treviso, dell’Istituto Parini di Mestre ed una rappresentanza dell’Istituto Duca degli Abruzzi di Treviso.

 

Sono stati suddivisi in tre gruppi e a turno hanno visitato, accompagnati da dei “tutor” la Casa di Cura “Giovanni XXIII”, il Centro Servizi “Villa delle Magnolie” e il Micro Nido “La Casa sull’Albero” e il Park Hotel “Villa Fiorita”. Scopo del progetto: illustrare come si è evoluta la professione nel tempo, e le attitudini che dovrebbe avere una persona per svolgere una determinata professione.

 

“Io sto facendo il corso OSS e guardando oggi l’organizzazione in generale e le varie  figure professionali ho capito quello che mi piacerebbe fare in futuro”, ha detto Aziza dell’Istituto Besta di Treviso.

 

Oggi sono state messe in luce le varie attitudini che le persone devono avere per svolgere al meglio la professione; soprattutto è stato messa in evidenza l’importanza del lavoro d’equipe”, ha detto Ilaria del Duca Degli Abruzzi di Treviso.

 

Ci hanno dato tanti consigli utili su come procedere nel nostro percorso universitario e di vita. Ma ciò che personalmente mi ha colpita, anche nel visitare la casa di cura, è stata la passione. Ci vuole passione, empatia e saper comunicare con gli altri per fare questo tipo di lavori”, ha detto Giulia del Liceo Berto di Mogliano.

 

“È stata un’esperienza molto utile. Dopo il diploma sono orientato nell’ambito della riabilitazione motoria degli anziani. E oggi ho avuto modo di confermare i miei progetti”, ha detto Mattia dell’Istituto Parini di Mestre.

 

“Vedo i ragazzi meno sfiduciati. È importante per loro avere un approccio anticipato di quello che potrebbe spettare in seguito”, ha detto la professoressa Maria Josè Amato dell’Istituto PariniQuesto comporta che possano subito rendersi conto da vicino di quello che può loro interessare.

 

Hanno avuto uno stimolo per coltivare i loro obiettivi, i loro sogni e per essere sempre più aperti a lavorare con gli altri” ha detto Meri Santamaria insegnante del Besta che ha accompagnato gli studenti.

 

La giornata di oggi è stata molto utile. Alcuni ragazzi hanno già pensato di prendere contatti con alcune facoltà universitarie”, ha detto la professoressa Paola Fabris del Liceo Berto.

 

“È stato dato modo di incontrare dei professionisti che hanno condiviso il loro personale vissuto, il percorso scolastico. Conseguentemente gli studenti si sono proiettati con più sicurezza verso la scelta universitaria che è imminente” – ha detto la prof.ssa Elisa Moro del Liceo Berto di Mogliano.

 

 

In Casa di Cura gli studenti hanno incontrano i chirurghi testimoni del cambiamento nelle sale operatorie come ad esempio il robot “Da Vinci”. Medici che ora dispongono di strumentazione, come il Mammografo con Tomosintesi, o la TAC a 128 strati o la Risonanza Magnetica da 1,5 Tesla in grado di individuare neoplasie in fase embrionale. Bisogna però saper usare la nuova tecnologia ecco perché è importante specializzarsi in determinate professioni. In risalto il lavoro di equipe, come nel caso dell’attività senologica dove ad operare per la paziente, a cui viene diagnosticato un tumore, vi sono ora figure diverse che lavorano insieme. Dal radiologo, al senologo, al chirurgo, alla psicologa.

 

Figure come l’infermiere professionale o l’operatore socio sanitario devono saper interagire con il medico in modo sinergico per far star bene il paziente. Ecco che chi si appresta a far parte del settore deve, oltre ad avere una competenza professionale specifica, sapersi rapportare sotto il profilo umano. Il paziente ha bisogno di sapere che chi lo segue è un’equipe competente e soprattutto coordinata” ha detto il “tutor” per gli studenti della Casa di Cura Matteo Geretto.

 

Anche il settore odontoiatrico ha visto negli ultimi anni l’affermarsi di figure professionali diverse. Oltre all’odontoiatra, all’odontotecnico e all’assistente alla poltrona è diventata importante la figura dell’igienista dentale che insegna i metodi corretti per mantenere in salute l’apparato orale.

 

Nell’ambito dei servizi alla persona l’accudimento degli anziani è sempre di più una necessità. Il Centro Servizi è una struttura all’avanguardia al livello europeo che offre assistenza alle persone anziane in un ambiente con elevati standard di qualità di servizio, di assistenza e di tecnologia in grado di far sentire l’anziano come a casa propria. La struttura è infatti una piccola “città” nella città. Appena si entra si trova una piazza coperta sulla quale si affacciano bar, chiesa, negozi ed un asilo nido. La “piazza”, insieme ad altri spazi appositamente progettati, accoglie cittadini ed associazioni, rendendo così il centro un luogo di incontro fortemente integrato con l’ambiente circostante. Inserito al suo interno anche il Micro Nido a cui fanno riferimento le famiglie dei dipendenti delle strutture Sogedin ma anche le famiglie del territorio. Gli anziani ospiti e residenti in questo modo vivono dentro alle dinamiche vitali del territorio e interagiscono con i bambini del Nido in svariate attività ed è proprio in strutture come queste che c’è la necessità di avere figure professionali diverse rispetto a quelle di 20 anni fa.

 

Oltre naturalmente all’ infermiere, al medico, all’operatore socio sanitario essenziale è la professione dell’educatore professionale che, nel caso del Centro Servizi, si occupa della riabilitazione psicosociale dell’anziano, mentre nel Micro Nido dell’accudimento dei bambini. “Lo psicologo – ha detto la dottoressa Mara Schiavon “tutor” per gli studenti che hanno visitato il Centro Servizi Villa delle Magnolie – deve essere in grado di gestire sotto il profilo psicologico quelle persone anziane che devono affrontare l’ultima parte della loro vita. Figura che diventa di riferimento anche per gli stessi figli che talvolta non accettano il distacco con i genitori”. Di particolare riferimento anche l’assistente sociale che tiene i rapporti con le famiglie diventando un punto di unione essenziale tra la struttura e l’ambiente esterno.

 

Altre figure di cui necessità l’anziano sono il fisioterapista, ma anche l’amministratore di sostegno o il podologo.

Nell’ambito del settore ricettivo turistico le figure professionali sono molteplici e di molte di queste “nate” di recente” ha spiegato ai ragazzi il “tutor” degli studenti per il Park Hotel Villa Fiorita il diretore Wessam Elsokkari. “Ma la cosa più importante è che bisogna avere voglia di lavorare. Il talento vale l’uno per cento, la fortuna vale l’uno per cento, il rimanente 98% è costanza. Non bisogna mollare” ha detto il direttore Elsokkari parlando agli studenti.

 

Se fino infatti a poco tempo fa quando entravamo in un albergo eravamo abituati a riconoscere la figura dell’addetto alla reception, il facchino o il cuoco o il cameriere ora l’ambiente turistico-ricettivo necessita di altre figure nuove in grado di colloquiare con il mondo. Ecco che al Park Hotel nascono il web marketing, il responsabile privacy, il wedding planner, o ancora il revenue, che si occupa di massimizzare l’occupazione ottimizzando la tariffazione per aumentare il fatturato anche e soprattutto nella bassa stagione.

 

Oggi, giovedì 14 marzo, a Monastier, si tiene la seconda e ultima giornata (per quest’anno) di “Open Day ambienti di lavoro” per gli studenti di 4° e 5° superiore.

 

Medici, infermieri, operatori e tutte le figure professionali delle strutture sanitarie (casa di Cura), socio sanitarie (casa di riposo + micronido) e ricettive (park hotel), si metteranno a disposizione dei ragazzi per aiutarli, si spera, a fare una scelta universitaria, e comunque post diploma, coerente con le proprie attitudini.

 

Mostreranno loro, in particolare, come sta cambiando la sanità anche grazie alla tecnologia e come nascono nuove professioni che fino a poco tempo fa non esistevano.

 

Tre settimane fa c’è stata la prima giornata e i ragazzi sono tornati entusiasti e soprattutto con le idee più chiare e il feedback è stato molto positivo.

Ci si è resi conto dell’importanza di eventi di questo tipo, tant’è vero che oggi presenzierà anche l’assessore regionale del Veneto alla Formazione, Elena Donazzan.

 

Gli studenti che parteciperanno all’Open Day di oggi frequentano:

• il Besta di Treviso

• il liceo Berto di Mogliano

• il Duca degli Abruzzi di Treviso

• il Parini di Mestre.

Stefania Ruggero, presidente dell’associazione moglianese Addolciamo l’autismo, ha scritto alla nostra redazione per comunicare che domenica 10 febbraio al Gris si terrà una giornata aperta alla cittadinanza.

 

A partire dalle 10, i ragazzi dell’associazione lavoreranno alla preparazione dei biscotti, mentre i volontari spiegheranno il progetto e racconteranno le novità previste per la primavera.

 

Con l’obiettivo di sensibilizzare e coinvolgere un numero sempre maggiore di enti, di aziende e di lavoratori sul tema della conciliazione tra lavoro e vita privata, la Regione del Veneto ha promosso la settimana del lavoro agile, programmando una serie di seminari, open day, coworking e workshop gratuiti, a cui è possibile aderire.

 

Per partecipare basta completare il form online, descrivendo sinteticamente l’attività che si intende avviare. Le iniziative selezionate saranno inserite a calendario e promosse attraverso i canali di comunicazione della Regione. 

L’azienda riceverà il materiale di comunicazione promozionale per la diffusione degli eventi.

 

Di seguito, riportiamo l’elenco delle iniziative in programma dal 21 al 25 maggio. Per ciascun evento è possibile consultare il programma dettagliato con l’indicazione su come iscriversi e il link allo streaming online, ove previsto.

 

 

SEMINARI E WORKSHOP

 

21 maggio 2018

 

ore 9.00 – 13.00
FABRICA | Via Postioma, 54/F Catena di Villorba (TV)
Tempi di lavoro e qualità della vita: il futuro delle organizzazioni
programma

 

ore 10.00 – 19.00
SALA AFFRESCHI Palazzo Piloni | Via Sant’Andrea, 5 Belluno
Lavoro Agile: quali strategie per il territorio del bellunese? Il progetto smart work smart life e non solo
programma

 

ore 14.00 –  18.00
SPAZIO CAFFELARTE | Via Postumia, 166/B Paese (TV)
Lavoro Digitale: trucchi e trappole nella gestione del cambiamento organizzativo
programma

 

ore 18.30 – 20.00
Studio Arch. Antonio Barbato & Arch. Ada Tambato | via Brusaura 49/A Sambruson di Dolo (VE)
Be Smart: focus group
programma

 

 

22 maggio 2018

 

ore 9.00 – 13.00
REGIONE DEL VENETO | Palazzo Grandi Stazioni Venezia
Smart working e mobilità nella PA. Il contributo della psicologia delle organizzazioni
programma

 

ore 9.30 – 13.00
PALAZZO CORDELLINA | Contrà Riale, 12 Vicenza
Il lavoro agile: opportunità e prospettive per imprese e lavoratori
programma

 

ore 14.00 – 18.00
PALAZZO CORDELLINA | Contrà Riale, 12 Vicenza
Smart working secondo le mamme 
Elaborazione e restituzione risultati sondaggio e sperimentazione smart
programma

 

ore 14.00 – 17.30
CENTRO PARADIGMA | Viale dell’Industria, 19 Padova
Worklife balance. Il Welfare vincente che coniuga casa e lavoro
> programma

 

 

23 maggio 2018

 

ore 9.30 – 13.00
311 VERONA | Lungadige Galtarossa, 22 Verona
Le sfide del lavoro che cambia: smart working, organizzazione 4.0, lavoro agile
programma

 

ore 9.30 – 13.00
CAMPUS ECONOMICO SAN GIOBBE Università Ca’ Foscari Venezia
Veloce, Leggero, Agile: lo Smart Working nella PA
programma

 

ore 10.00 – 11.30
HOTEL VILLA DUCALE | Riviera Martiri della Libertà 75 Dolo (VE)
Smart Riviera. Lavoro agile e benessere aziendale: nuovi spazi per agire il cambiamento
programma

 

 

24 maggio 2018

 

ore 9.00 – 18.00
IN­FINITEAREA | Via S. Gaetano, 113/a Montebelluna (TV)
Organizzazione per il lavoro agile
programma

 

ore 13.00 – 14.30
Ca’ Foscari Challenge School | VEGA Venezia Mestre
Smart Lunch Speech Tecnologie e strumenti a supporto del Lavoro Agile
programma

 

ore 14.30 – 18.00
PALAZZO TOALDI CAPRA | via Pasubio 52 Schio (VI)
Lavoro agile: caratteristiche e opportunità
programma

 

 

25 maggio 2018

 

ore 9.00 – 13.00 / 14.00 – 18.00
Auditorium Vodafone | Piazzetta Virgilio Bardella, 11 Padova
Smart working day for smart welfare. Conciliare, innovare e competere: tra teoria e pratiche
programma mattina
programma pomeriggio

 

ore 13.30 – 17.30
CRE-TA | Via Cà Baroncello, 6 San Giuseppe di Cassola (VI)
Aziende smart: organizzazioni orientate al cambiamento
programma

 

ore 14.30 – 17.00
Best Western Plus Quid Hotel Venice | Via Terraglio, 15 Mestre Venezia
Riflessioni sullo Smart Working
programma

 

 

 

OPEN DAY – VISITE AZIENDALI

 

23 maggio 2018

 

ore 9.00 – 13.00
LANIFICIO CONTE di Schio | Via XX Settembre Schio (VI)
Smart working e welfare: storie del passato, testimonianze del presente
> programma

 

ore 14.30 – 18.30
FONDERIE DI MONTORSO S.p.A. I Via Valchiampo, 62 Montorso (VI)
Smart working e welfare: storie del passato, testimonianze del presente
programma

 

 

24 maggio 2018

 

Terzo Piano CMB | Via Dante Alighieri, 2/A Preganziol (TV)
> programma

 

 

25 maggio 2018

 

VODAFONE | P.zza V. Bardella, 3 Padova
Visita uffici e spazi dedicati allo smart working

COMUNE DI PADOVA | Via Municipio, 1 Padova

AcegasApsAmga S.p.A. | Corso Stati Uniti 5/a Padova

 

 

 

SPORTELLO INFORMATIVO WELFARE – SMART WORKING

 

21 maggio 2018

 

Sedi Confartigianato del Veneto
La conciliazione che non conosci

 

 

25 maggio 2018

 

c/o Vodafone, Piazza Bardella, 3 Padova
WELFARE BRIDGE

 

 

 

SPAZI CO-WORKING

Dal 21 al 25 maggio saranno aperti gratuitamente su appuntamento i seguenti spazi di co-working:

 

Provincia di Belluno

 

Provincia di Padova

 

Provincia di Rovigo

 

Provincia di Treviso

 

Provincia di Verona

 

Provincia di Vicenza

 

Provincia di Venezia

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni