Home / Posts Tagged "funerali"

“Quando parliamo di Marcinelle non possiamo dimenticare che i minatori in Belgio erano manodopera inviata in cambio di quintali di carbone per l’Italia: praticamente uomini barattati con materie prime, sulla base di precisi accordi. Quel giorno del 1956 il Veneto pagò quello scambio con cinque caduti. Li ricordiamo con affetto e riconoscenza perché sono il simbolo di un Veneto che, contrariamente a quello che qualcuno vuole far credere con scopi politici, ha conosciuto la povertà e il sacrificio e non è insensibile alle difficoltà altrui”.

 

Alla vigilia del 63° anniversario della tragedia mineraria di Bois du Cazier a Marcinelle, divenuto giornata dedicata al lavoro italiano nel mondo, il Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia ricorda i corregionali che, insieme ad altri 136 italiani, persero la vita: Giuseppe Corso da Montorio Veronese, Dino Dalla Vecchia da Sedico, Giuseppe Polese da Cimadolmo, Mario Piccin da Codognè, Guerrino Casanova da Montebelluna.

 

“Erano lavoratori seri e impegnati – aggiunge il Governatore – che affrontarono l’impossibile per garantire dignità alle loro famiglie. Come altre migliaia di Veneti, si fecero conoscere e rispettare perché nei paesi dove giunsero non andarono a bighellonare o riempire le carceri. Lavorarono duramente, portando benessere e sviluppo nel paese che li ospitava e in quello dove avevano lasciato affetti e radici”.

 

“Marcinelle è un simbolo che ci impone di tenere viva la memoria su questa tragedia – conclude il Presidente Zaia –. Un monito a non dimenticare tutta la storia della nostra emigrazione e, sulla strada di quello che è già un nostro preciso impegno, a garantire sempre maggior sicurezza nei luoghi di lavoro affinché nessuno debba più rischiare la vita nell’assicurare una vita dignitosa alla sua famiglia”.

 

 

Photo Credits: Archivio Cgil

Venerdì è improvvisamente morto Virgilio Boccardi, di 91 anni.
Virgilio Boccardi era il decano dei giornalisti veneziani ed è stato per quaranta anni inviato speciale della Rai.
Ha scritto molti libri ed era amato e rispettato per la sua professionalità e cultura.
I funerali si terranno domani, alle 11.30 nella chiesa della Bragora.
Il cordoglio della redazione del nostro giornale va alla famiglia.

Grande il cordoglio della Cisl Belluno Treviso per la scomparsa di Moustapha Ndiaye, operaio alla 3B di Salgareda, dove era stato eletto RSU per conto della Filca Cisl, collaboratore della Cisl di Venezia e volontario molto attivo tra le fila dell’Anolf trevigiana e del Veneto Orientale, l’associazione della Cisl avente come obiettivo la crescita della fratellanza tra i popoli nello spirito della Costituzione italiana.

 

L’uomo, 55 anni, è spirato lo scorso 8 settembre all’ospedale Ca’ Foncello di Treviso, dove era ricoverato per una malattia fulminante. Ndiaye è stato uno dei primi senegalesi a impegnarsi per l’emancipazione e l’integrazione degli immigrati del Basso Piave, fondando l’associazione Ande Dieuf. Nei primi anni 2000 è stato anche vicepresidente della Consulta Regionale per l’Immigrazione del Veneto.

 

Arrivato in Italia nel 1992, di cui è diventato cittadino, risiedeva da tempo a Zenson di Piave con la sua famiglia: la moglie e cinque figli. Era occupato come operaio alla 3B di Salgareda dove era stato eletto RSU nella lista della Filca Cisl.

 

Domenica prossima 16 settembre dalle 17.15 alle ore 18.40 si svolgerà a Paderno di Ponzano (sala parrocchiale di piazza Chiesa 1) la cerimonia di saluto. La salma di Moustapha Ndiaye è partita ieri per il Senegal dove sarà sepolto nel cimitero della città santa di Touba.

Grave lutto a Casier ed in tutto il trevigiano, per la morte di Sergio Secco, titolare delle conosciutissima azienda Sile Caldaie.

La Sile Caldaie è famosa anche all’estero per la produzione di impianti da riscaldamento e di piccole caldaie.

L’azienda è giunta ad avere anche 500 dipendenti negli stabilimenti di Lughignano di Casale, Fossalta di Piave e Casier.

 

Sergio Secco aveva 83 anni ed era da tempo malato.

 

 

 

Lutto anche a Mogliano Veneto, dove si è spento all’età di 75 anni Franco Viotto, noto fumettista e curatore per anni del Cinema Teatro Busan.

Viotto lascia la moglie due figli.

I funerali si svolgeranno mercoledì 2 maggio, alle 10, nel Duomo di Santa Maria Assunta.

Fonte: OggiTreviso

È morto Lionello Trabuio, noto artista veneziano. Trabuio, molto conosciuto e stimato per la sua arte, aveva allestito mostre delle sue opere a New York, Londra, Dubai e in Cina.

 

Risiedeva a Monastier e aveva il suo atelier in via Torni a Mogliano.

 

Trabuio aveva 71 anni ed è deceduto a causa del diabete, che da tempo lo afflliggeva.

 

I funerali domani, alle 11, nella chiesa di Gaggio.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni