Home / Posts Tagged "festival"

Da martedì 23 a venerdì 26 luglio 2019 continuano gli appuntamenti enogastronomici in Piazza Mercato a Marghera con la 5° edizione dell’atteso appuntamento dedicato alla Grecia, I LOVE GRECIA 2019 • Festa della cucina greca. Ben 4 giornate di festa, fra gusto e divertimento, in un’atmosfera unica.

 

Tantissime specialità della cucina greca con pietanze dolci e salate per tutti i gusti, da accompagnare a fresche bevande tipiche dalla Grecia, musiche e danze tradizionali, piccolo mercatino con prodotti tipici, area relax con tavoli, area bimbi con animazione – e molto altro. I servizi bar e ristorazione saranno attivi tutto il giorno, con possibilità di asporto e take away.

 

Il Menù della Taberna Itaca comprenderà diverse specialità della cucina greca come Pita Feta, Pita Hallumi, Suvlaki, grigliata mista, Pita Lukanico, Yogurt greco, Dolmodakia, insalata greca, Pita Gyros, frittura, Baklava, Kataifi, polpettine di ceci, Bastoncini di Feta, Pita Sutsukaki, Salsa Tzatziki – e molto altro.

 

Orari evento

Martedì dalle 18 a mezzanotte; mercoledì, giovedì e venerdì dalle 12.00 a mezzanotte (aperti a pranzo e cena con orario continuato).

 

 

I LOVE GRECIA 2019 • Festa della cucina greca è un evento a ingresso gratuito di International Street Food Italia in collaborazione con Italia on The Road – Cibo Da Strada e Via Audio.

Lunedì 25 luglio primo appuntamento della XVIma edizione del Summer Nite Love Festival, organizzato dal gruppo Officina 31021 al Parco Primavera (ex piscine Rari Nantes) in via Barbero a Mogliano.

 

Sul palco l’armatore e capo missione della Mediterranea Saving Humans, Beppe Caccia insieme a Don Mattia Ferrari, reduce dal suo ultimo impegno sulla nave italiana, lo scorso 10 maggio.
La serata, volta a sostenere l’organizzazione che si occupa del recupero in mare dei migranti, dopo il dibattito previsto per le 20.30, avrà come protagonisti il gruppo musicale Storie Storte e Arianna Favretti con Innocenzo Caprioli in una performance dal titolo: Liberi di salvare.

 

Il festival, che si svolgerà dal 15 al 27 luglio, vedrà martedì 16 una serata dedicata alla luna dal titolo “Guarda che Luna!” protagonisti gli Astrofili Veneti, in collaborazione con il Circolo Galileo Galilei. Seguiranno serate musicali, incontri e dibattiti. L’ingresso è libero.

 

 

Silvia Moscati

Per l’ottava edizione, il festival Sile Jazz 2019 presenta tante e importanti novità: 42 musicisti, 14 concerti in 12 comuni coinvolti, una crociera in laguna e nuovi percorsi di cicloturismo lungo la pista ciclabile che costeggia il fiume.

A tutto questo si aggiunge l’ospitalità dei ristoranti tipici della zona, che proporranno menù ad hoc e prodotti territorio.

 

Iniziato giovedì 13 giugno a Treviso, questa settimana il festival fa tappa al Porticciolo di Casale sul Silesabato 22 giugno si terrà l’esibizione del trio Hang Em High. Un polacco, uno svizzero ed un austriaco uniscono i loro stili jazz per formarne uno tutto nuovo, difficilmente classificabile.

Core Festival Aperol Spritz si presenta al mondo

 

“Core Festival Aperol Spritz”, la tre giorni di musica ed eventi organizzata da Home in collaborazione con Aperol Spritz che si svolge nella zona Dogana di Treviso dal 7 al 9 giugno, porta in scena i migliori artisti made in Italy. Questa è la prima edizione di un progetto totalmente innovativo nel panorama musicale italiano.

 

Core Festival Aperol Spritz è il risultato dell’amore di Home per la sua città natale, il suo cuore: Treviso, un’idea nuova con la musica italiana come fondamenta. Il founder, Amedeo Lombardi, presenta così l’evento: “Sono passati dieci anni e siamo diventati maturi e la maturità porta a naturali cambiamenti, a cercare nuovi e ponderati stimoli, a creare nuove iniziative con saggezza e serietà. Avevamo bisogno di un nuovo progetto ed ecco Core Festival Aperol Spritz, nato dall’amore per la nostra città e pianificato con professionalità ormai decennale. La svolta proporrà infatti un cambio di paradigma, proponendo per la prima volta, a livello nazionale, il meglio delle tendenze musicali italiane, ambientate in uno spazio che avete conosciuto negli anni passati, dove saranno riproposte e rese più brillanti. Questo è un nuovo progetto legato al territorio, ma con un’idea già precisa e pianificata, realizzato grazie alla sinergia con un’azienda, l’Aperol Spritz, con cui condividiamo i valori ed il modo di celebrare Treviso: i residenti, l’amministrazione comunale, le categorie economiche, tutte le persone che da sempre credono in Home”.

 

100 ANNI DI APEROL

Nell’anno del suo centesimo anniversario, Aperol rafforza il proprio sodalizio con Home Entertainment diventando “title sponsor” della prima edizione di “Core Festival Aperol Spritz”. Nato in Veneto nel 1919, Aperol non rappresenta solo l’aperitivo italiano per eccellenza, bensì un mondo fatto di valori ed esperienze. Una storia lunga 100 anni, iniziata dall’unione di diversi elementi che ha creato un sapore unico e inimitabile e che, fin da subito, ha unito le persone diffondendo tra loro la gioia di stare insieme. “In un anno così importante, Aperol desidera ringraziare e celebrare tutti i suoi appassionati consumatori e il territorio di origine, scegliendo di affiancare il proprio nome a un grande evento musicale e contribuendo a dar vita a “Core Festival Aperol Spritz” – commenta Lorenzo Sironi, Senior Marketing Director Campari Group – una manifestazione che farà della qualità il suo tratto distintivo e che si confermerà come una vetrina d’eccellenza per il Veneto a livello internazionale”.

 

L’AREA DEL FESTIVAL E I PALCHI

L’area di sviluppo del Core Festival Aperol Spritz sarà sostanzialmente la stessa dove Home Festival è nato e cresciuto per nove anni. Le novità per il Core Festival Aperol Spritz non mancheranno. La prima è la partnership con Radio Bellla & Monella e Radio Piter Pan che saranno presente con il loro track, che diventerà baricentro di molte iniziative. La seconda, la grande opera d’arte permanente, realizzata grazie alla partnership con Sun68, che porterà la firma dell’artista Zamoc, modenese di 33 anni noto in tutto il mondo. L’opera che nascerà sarà una sorpresa per tutti e sarà svelata solo nei giorni del Festival.

 

Il main stage sarà collocato nella solita zona, si chiamerà Aperol Spritz Stage. In fianco, la struttura sopraelevata dalla quale si possono ammirare i live in prima fila e alla quale si può accedere solo con lo speciale bracciale. Sul lato opposto dell’ex Dogana, da tradizione, sorgerà poi l’enorme struttura circense, il Sun68 Stage, in fianco alla quale sarà predisposto il mini luna park, che tra gonfiabili e giostre da tradizione farà divertire tutti. Terzo palco  presente sull’area l’Harley Davidson Treviso Stage. A contorno,  la press area realizzata da Diadora dove verranno realizzate le interviste per gli artisti e  un’area lounge per tutti i giornalisti  che verranno in visita. La conferma dello stile-Home con la presenza dell’area market, dei punti cibi e bevande di qualità, zone di intrattenimento e molti servizi.

 

LA PROGRAMMAZIONE ARTISTICA GIORNO PER GIORNO

Venerdì 7 giugno il primo headliner a far pulsare i cuori del Core Festival Aperol Spritz è Calcutta, il fenomeno indie pop italiano che colleziona un sold out dopo l’altro. Pseudonimo di Edoardo D’Erme, Calcutta è un giovane cantautore di Latina, classe 1989, che ha raggiunto la fama grazie al singolo Cosa mi manchi a fare, primo estratto dall’album Mainstream (2015), seguito da Gaetano, Frosinone e il disco d’oro Oroscopo, il cui video ha raggiunto un milione di visualizzazioni su YouTube nel giro di un mese. A distanza di due anni, il 25 maggio scorso è uscito Evergreen, anticipato dai tre singoli Orgasmo, Pesto e Paracetamolo, album che ha subito conquistato il primo posto della classifica Fimi.

 

Arriva poi la band più irriverente della nuova musica italiana, i Pinguini Tattici Nucleari. Ad aprile di quest’anno, dopo due anni dall’ultimo album “Gioventù brucata”, la band bergamasca indie rock capitanata da Riccardo Zanotti pubblica “Fuori dall’hype”, il primo album di carriera ad uscire per una major, la Sony, che la impegnerà in un tour estivo con tappa a Treviso. Venerdì presente anche Ghemon, cantautore italiano tra i big selezionati per il Festival di Sanremo 2019. Sulla scena musicale da quasi vent’anni, Ghemon ha pubblicato cinque dischi d’inediti, tra cui l’ultimo Mezzanotte, uscito nel 2017, che contiene successi come Un temporale, Bellissimo e la title track Mezzanotte. E poi lei, la cantante mascherata più famosa della scena, Myss Keta. La rapper che ha conquistato le vette con il suo mix di elettronica e afro, è fresca di album, a marzo infatti è uscito PAPRIKA, per Island/Universal Music Italia, che vede prestigiose collaborazioni, da Guè Pequeno a Mahmood, da Wayne Santana della Dark Polo Gang a Gemitaiz, Luchè e Quentin40. E dopo di lei, ci sono anche I Miei Migliori Complimenti, Postino, il dj e produttore italo-canadese Bruno Belissimo, il pop stravagante di Auroro Borealo, Costiera, Jolly Mare dj set e la band trevigiana La Scimmia.

 

Sabato 8 giugno a tutto rap con Salmo, il rapper di Olbia capace di riempire i palasport. Il suo ultimo album “Playlist” ha conquistato le vette delle classifiche di vendita e di ascolto sulle principali piattaforme digitali, l’album è certificato doppio disco di platino. Impegnato nel “Playlist Tour”, Salmo stupirà il popolo del Core Festival Spritz con uno show unico. A condividere lo stesso palco, c’è Gemitaiz che porta una sferzata di hip hop romano. Attivo dal 2003 con l’etichetta Tanta Roba, l’artista l’anno scorso ha dato alla luce l’album “Davide” impreziosito da svariate collaborazioni con artisti del calibro di Gué Pequeno (con il quale ha inciso il terzo singolo Tanta Roba Anthem), MadMan, Fabri Fibra e Coez.

 

A Treviso arriva anche Achille Lauro, l’artista romano classe 1990 elogiato dalla scena rap nazionale con il primo mixtape “Barabba” (2013) per poi conquistare la fama grazie a “Dio c’è”, “Ragazzi madre” e “Pour l’amour”, nonché per la sua performance al Festival di Sanremo col brano “Rolls Royce” che l’ha incoronato nuova icona rock and roll italiana. Ad aprile è uscito “1969”, il nuovo album che lo vedrà impegnato in un intenso tour, con tappa imperdibile al Core. Ma non finisce qui, ci sono anche il rapper Luché, Ketama126 e gli immancabili amici Rumatera con la loro travolgente energia punk rock in puro dialetto veneto. E poi, il collettivo artistico SXRRXWLAND, Christian Effe, il noto dj resident dell’Home, con le sue evoluzioni sonore, il pop del cantautore Dola e il rap dei Fuera. Sabato ancora potere alla consolle con il dj set di Susum e di Raphael Delaghetto, e infine Halba X Foldino, Giovaneeffe e A.Kawa.

 

Domenica 9 giugno J-Ax prosegue al Core Festival Aperol Spritz i suoi festeggiamenti per i 25 anni di una carriera di grande successo. E lo fa assieme a Dj Jad riunendo gli Articolo 31, band che ha fatto la storia del panorama italiano degli Anni Novanta e che ha fatto scatenare e cantare migliaia di persone con le canzoni simbolo L’italiano medio, La mia ragazza mena, 2030, Così com’è, Ohi Maria, pietre miliari di una generazione intera. Un’occasione unica per rivivere quelle emozioni senza tempo. Non poteva di certo mancare la band rivelazione dell’anno, i Måneskin, che con l’ep d’esordio Chosen (2017) hanno conquistato un disco di platino e, a seguire, il doppio disco di platino con l’omonimo singolo. Dopo aver aperto il concerto milanese degli Imagine Dragons a settembre 2018, nello stesso mese presentano il singolo “Torna a casa” che ottiene il triplo disco di platino, a cui segue ad ottobre l’uscita del loro primo album “Il ballo della vita”, già certificato doppio platino.

 

Emis Killa, artista con oltre 25 certificazioni tra dischi d’oro e platino, oltre 3.000.000 fan sui social, più di un milione di iscritti al canale Youtube, oltre due milioni di ascoltatori mensili su Spotify, con all’attivo un successo editoriale con il suo libro “Bus 323. Viaggio di sola andata”. Il 29enne milanese è fresco del quarto album in studio “Supereroe” per la Carosello Records (2018) certificato disco d’oro. Domenica ad arricchire ulteriormente il cartellone artistico, arrivano altre perle musicali: il cantautore, musicista e producer romano Leo Pari, il romagnolo Duo Bucolico e Davide Petrella, il mago dei tormentoni italiani, autore di canzoni come “Pamplona” e “Vorrei ma non posto”. E poi si vola dalle ambientazioni post elettroniche a graffi retrò di Nostromo al pop sintetico di Fosco17 fino alle sonorità rap del trevigiano Lee Odia; e ancora, la musica del cantautore Bruno Sponchia, l’ensemble dell’eclettica Funkasin Street Band, le sperimentazioni elettroniche degli Holograph e per concludere, le peripezie folk della FGM B-Folk Band.

 

NAVETTE DI MOM E PARCHEGGI GRATUITI

Grazie alla rinnovata collaborazione con Mom, con il supporto del comando della Polizia Locale è stata ottimizzata e realizzata una nuova viabilità. Sono state organizzate delle navette non a pagamento per garantire a tutti parcheggi gratuiti e un servizio in totale sicurezza. Le zone di carico e scarico sono state programmate utilizzando le fermate preesistenti di Mom site, nella zona della Stazione, di Porta San Tomaso e nell’area del Mercato Ortofrutticolo, del Panorama e dell’Appiani con arrivo ad inizio serata e partenza durante tutto il festival in Via Boiago, zona adiacente all’area Dogana. Le navette funzioneranno dalle 15 alle 4. Tutti i giorni ci saranno mezzi ad alta capienza di rinforzo su questo circuito per le ore di punta. Sarà inoltre attivato un mezzo indipendente anche lungo la linea parcheggio scambiatore Stadio Monigo, con carico e scarico in via dei Campi Sportivi.

 

Lato parcheggi, è confermata l’area nelle immediate vicinanze del Festival: qui potranno parcheggiare le donne in stato di gravidanza e i diversamente abili. Le bici, come al solito, potranno sostare vicino all’ingresso del Festival e le moto in via Le Canevare. Da segnalare anche la presenza dei parcheggi a pagamento dell’aeroporto come punti di appoggio più vicini all’area.

 

TURISMO FESTIVALIERO, LA VISITA GUIDATA

Sul fronte della promozione turistica, gli IAT di Treviso (gestito dal Comitato UNPLI Treviso), organizzano in occasione di Core Festival 2019, una visita guidata ad hoc chiamata “Core di Treviso”, sabato 8 giugno alle ore 15.00 (durata 2 ore circa), con partenza dallo IAT Treviso centro (Piazza Borsa, 4). I partecipanti saranno accompagnati da una guida turistica abilitata tra i siti storico-artistici che caratterizzano il centro storico, ossia il “cuore” di Treviso. La quota di partecipazione è 6 euro. Per i partecipanti al Core festival, presentando il biglietto al momento del pagamento, sarà applicata la tariffa speciale di 5 euro. Prenotazione obbligatoria, contattando l’ufficio IAT Treviso centro al telefono 0422.595780 oppure via mail a [email protected].

 

I MEDIA PARTNER e I PATROCINI ISTITUZIONALI

A credere nei progetti dell’organizzazione Home anche quest’anno ci sono media partner di caratura nazionale e internazionale. Per il terzo anno La Stampa, TGCOM24, VH1/MTV, per il quarto anno si confermano Vevo e Spotify. Si aggiungono quest’anno Billboard, Deer Weves, Soundsblog.it e Studentville.it.  Come radio ufficiale Radio Bellla & Monella e Radio Piterpan.

 

Peraltro, i pilastri dell’organizzazione Home sono da sempre l’amore incondizionato per la musica, lo spirito di condivisione e la collaborazione con le realtà del territorio e di settore. I grandi eventi musicali live costituiscono un importante elemento di aggregazione in Europa e FIMI è stata lieta di dare il proprio patrocinio al Core Festival Aperol Spritz, che fa della musica un elemento culturale di unione e di inclusione per i giovani.

 

Il Core Festival Aperol Spritz peraltro offre un’immagine e una cifra perfettamente in linea con l’innovazione in corso nel settore musicale, dallo streaming ai social media, rilanciando la musica come grande protagonista dei consumi dei giovani. Considerandolo una iniziativa importante e meritevole nel panorama della musica live, anche Assomusica ha concesso il patrocinio.

 

GLI SPONSOR

APEROL SPRITZ

Nato in Veneto nel 1919, Aperol Spritz è senza dubbio l’aperitivo più diffuso e comunemente bevuto in Italia: un tradizionale rompighiaccio e un simbolo della vivace atmosfera della città. Legato alla tradizione ma, al tempo stesso, in continua evoluzione, Aperol-Spritz è l’aperitivo perfetto grazie sia all’inconfondibile gusto dolce-amaro, sia alla leggerezza alcolica. Fresco, dissetante e colorato, si è ormai affermato come icona del divertimento e dello stare in compagnia! Informazioni: www.facebook.com/Aperol.Spritz.Italia  e www.aperolspritz.it.

 

SUN68

Sun68Annuncia la sua partnership con Core Festival Aperol Spritz, con una serie di progetti all’insegna dell’accessibilità, della condivisione e dell’arte. Già partner di Home Festival da diversi anni, SUN68 celebra questa prima edizione di Core con l’intervento dell’artista Zamoc (Luca Zanni), che realizzerà un murales di più di 300 mq sul lato principale dell’hangar dell’area ex Dogana. Un intervento di riqualificazione urbana che intende, grazie al contributo artistico di uno degli street artist italiani più quotati, rafforzare ulteriormente il legame con la città dove tutto il progetto del festival ha avuto inizio. Il marchio italiano di abbigliamento casual vestirà inoltre tutto lo Staff per i tre giorni della manifestazione, e sarà presente al Festival con un palco dedicato. Infine, come sempre SUN68 ha riservato un accesso prioritario e un kit di omaggi a chi ha aderito alle promozioni SUN68/Core Festival da Natale 2018 a Febbraio.

 

ITA CLIPPER

La capacità di coinvolgere altre realtà del territorio si riflette anche nella collaborazione con ITA, azienda trevigiana specializzata nella vendita di prodotti per le tabaccherie, che sarà partner col marchio di accendini Clipper. Musica e arte si contaminano grazie a Clipper, che porterà a Treviso l’illustratore spagnolo Oscars Moreno, per personalizzare gli accendini facendoli diventare oggetti da collezione; inoltre presenterà un’edizione speciale dedicata alla crew romana Lovegang e disegnata dagli stessi artisti. Uno dei suoi protagonisti, Ketama126, sarà tra i nomi più attesi sul palco del Core l’8 giugno.

 

TICKETMASTER  ITALIA

Ticketmaster Italia, piattaforma di primary ticketing leader a livello globale e azienda del Gruppo Live Nation  Entertainment, ha da poco annunciato la partnership con Home Entertainment, nata con l’obiettivo di offrire servizi e soluzioni complete per la vendita dei biglietti di tutti i festival e gli eventi del promoter.

 

I clienti avranno la possibilità di accedere alle ultime innovazioni tecnologiche inclusi i biglietti digitali e, durante le due tappe italiane di Home Festival a Venezia e Core Festival a Treviso, Ticketmaster animerà i festival con eventi per il coinvolgimento dei fan e attività creative di marketing.

 

Ticketmaster Italia e Home Entertainment infatti condividono la passione per gli eventi live e l’impegno per offrire la miglior esperienza possibile ai fan: questa nuova collaborazione segna l’inizio di un rapporto lungo e gratificante, con un grande potenziale di crescita futura in Italia e all’estero.

 

DIADORA

Diadora, che da oltre 70 anni ha contribuito a scrivere le pagine più belle della storia dello sport, oggi è sempre più vicino alla musica che, come lo sport, considera un mondo da valorizzare per portare avanti la sua mission di spingere le nuove generazioni a coltivare le proprie passioni ed inseguire i propri sogni. La partnership con Core Festival Aperol Spritz nasce da una naturale sinergia tra il festival e quelli che sono da sempre le caratteristiche distintive di Diadora – quali l’audacia, la passione e l’autenticità – e che sono anche il motore di un Festival che ogni anno sceglie di accompagnare i talenti nella loro ascesa. Con questa partnership, Diadora mira a valorizzare le eccellenze territoriali che rappresentano una tradizione culturale dell’arte del sapere fare che da sempre distingue il nostro paese.

 

HARLEY DAVIDSON TREVISO

La concessionaria della emblematica moto americana, festeggia in contemporanea all’iconico bar di Via Fonderia il 10° anniversario di attività. Per questo Home Rock Bar e Harley Davidson Treviso hanno per l’importante occasione organizzato “WIN YOUR DREAM” ovvero un vera e propria lotteria che darà la possibilità di vivere un’esperienza unica che cambierà la percezione di ciò che lo circonda a colui che si aggiudicherà il premio.

 

 

Stresa Festival, organizzato dall’Associazione Settimane Musicali di Stresa e del Lago Maggiore, è una manifestazione di rilievo nel panorama dei festival europei di musica classica e jazz, all’ interno della quale ogni anno si esibiscono artisti e complessi di fama internazionale.

 

Quest’anno si celebra il grande ritorno a Stresa Maurizio Pollini, un artista che ha fatto la storia della musica.

 

Dopo quasi cinquant’anni torna al Festival per un recital che si preannuncia essere indimenticabile.

Il programma del 2 settembre prevede musiche di Brahms, Nono, Beethoven.

Per l’occasione viene proposto un breve tour di quattro giorni che unisce arte paesaggio e musica.

 

 

Programma 

1° giorno, sabato 31 agosto 2019: Mogliano Veneto – Monza (km 260) – Stresa (o dintorni)

Ore 06.30 Incontro dei Sigg. Partecipanti, Sistemazione in autopullman e partenza per Monza (km 260) con breve sosta lungo il percorso.

 

Ore 10.00 circa, Incontro con la guida nel cortile d’onore di Villa Reale: essa fu edificata alla fine degli anni settanta del Settecento per Ferdinando d’Austria, figlio dell’imperatrice Maria Teresa, come residenza di delizie dove trascorrervi i periodi estivi. Il progetto dell’edificio fu affidato all’architetto Giuseppe Piermarini, e rappresenta uno degli esempi più conosciuti e ammirati di stile neoclassico.

 

Ingresso e visita guidata della durata di due ore al piano nobile con gli appartamenti di Umberto e Margherita ovvero le stanze arredate, ristrutturate nella seconda metà dell’Ottocento per volere dei Savoia. Si proseguirà alla scoperta dei Giardini progettati da Piermarini sul lato orientale della residenza, che rappresentano il primo esempio di giardino all’inglese realizzato in Italia.

 

Adiacente alla Villa Reale si potrà visitare la cosiddetta Cappella Espiatoria, un memoriale di Monza, voluto da Vittorio Emanuele III per commemorare l’assassinio del padre, Umberto I.

Ore 13.00 pranzo in ristorante. Proseguimento per il Lago Maggiore.

In serata sistemazione in hotel a Stresa o dintorni. Sistemazione nelle stanze riservate, cena e pernottamento.

 

2° giorno, domenica 1° settembre 2019: Stresa (o dintorni) Domodossola (km 42) – Treno Centovalli – Locarno

 

Prima colazione in hotel e trasferimento a Domodossola.

Alle ore 10.25 partenza con il treno delle Cento Valli: il percorso del treno, con i 52 km di cui 32 in territorio italiano e quasi 20 in territorio svizzero, attraverso la Valle Vigezzo e le Centovalli attraversa paesaggi suggestivi dominati da montagne selvagge, corsi d’acqua e cascate lungo un percorso formato da 83 ponti e 31 gallerie. Completamente immerso nella natura, questo tracciato offre ai passeggeri la possibilità di osservare da vicino panorami mozzafiato. Arrivo alle ore 12.30 circa a Locarno e pranzo in ristorante.

Ore 16.15 imbarco e navigazione con battello sul Lago Maggiore. Si naviga a dolce ritmo ammirando la Rocca d’Angera e il celebre Santuario di Santa Caterina del Sasso posto a strapiombo sull’acqua, per poi raggiungere il centro lago ed ammirare le “perle del lago”, le isole Borromee: incantevoli isolotti, ricchissimi di giardini ove vengono coltivate piante e fiori di ogni specie e caratteristici i borghi in cui un tempo vivevano famiglie di pescatori. Arrivo a dopo circa due ore e rientro in hotel. Cena e pernottamento.

 

3° giorno, lunedì 2 settembre

Lago d’Orta, Isola San Giulio

Dopo colazione, partenza per il Lago d’Orta, con prima sosta a Orta San Giulio, uno dei borghi più belli d’Italia. Immergendosi nei suoi vicoli, disseminati di piccole botteghe e ristorantini si respira un’aria romantica e insieme decadente. Molte case hanno tetti vecchi e giardini incolti, abbandonati. Piccoli moli si affacciano sul lago azzurro e pulitissimo. Davanti a Orta San Giulio, dal lago infinito blu, emerge l’isola di San Giulio, un luogo mistico e raccolto, occupato quasi interamente da un monastero femminile. L’isola è raggiungibile in pochi minuti a bordo di piccole imbarcazioni a motore, sia da Orta San Giulio sia da Pella, sull’altra sponda del lago.

 

San Giulio è detta l’isola del silenzio: intorno all’abbazia si snoda infatti il Percorso del Silenzio e della Meditazione, in cui si possono incontrare molti cartelli che invitano alla spiritualità e alla riflessione. Noi visiteremo la sua splendida basilica.

 

Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio, rientro a Stresa. Cena anticipata e trasferimento al Palazzo dei Congressi per assistere al recital di Maurizio Pollini, un nome che non ha bisogno di presentazioni, lo spettacolo di questa sera mette a confronto tre autori che hanno toccato i vertici compositivi della loro epoca. L’op. 106 “Hammerklavier” di Beethoven è giustamente considerata una delle sonate più importanti della storia della musica e l’interpretazione del Maestro milanese è ritenuta di riferimento assoluto. Un’ altra composizione in programma “…sofferte onde serene…” di Luigi Nono, per pianoforte e nastro magnetico scritta nel 1976 e dedicata a Maurizio e Marilisa Pollini, è particolarmente preziosa e di rara esecuzione e ben rappresenta il magistero del compositore veneziano. I Tre Intermezzi op. 117 di Brahms, scritti in tarda età nel 1892, suggeriscono un ritorno al romanticismo giovanile, dimostrando il suo “debito” compositivo ai Maestri del primo Ottocento.

Rientro in hotel e pernottamento.

 

4° giorno: martedì 3 settembre

Colazione in hotel. In mattinata trasferimento al porto e imbarco sul Battello che ci porterà a visitare due delle tre isole Borromee: visita all’Isola Bella, nota anche come “isola inferiore” o “isola di sotto” fino al 1632 era uno scoglio roccioso occupato da un minuscolo villaggio di pescatori, solo nel 1632 Carlo III Borromeo iniziò la costruzione di un palazzo enorme dedicato alla moglie, Isabella D’Adda.

Ingresso e visita a Palazzo Borromeo.

Proseguimento e sosta all’isola dei Pescatori conosciuta anche come Isola Superiore, è l’unica ad essere stabilmente abitata. Larga 100 metri per 350 di lunghezza, ospita un piccolo centro abitato con una piazzetta, caratteristici vicoli stretti, il lungolago e la via principale.

Al termine della visita, rientro in battello a Stresa. Pranzo in ristorante o in hotel . Nel pomeriggio partenza per il viaggio di rientro. Arrivo a destinazione in serata.

 

Quota individuale di partecipazione in camera doppia: € 690,00

minimo 25 partecipanti

 

4 giorni \ 3 notti dal 31 agosto al 3 settembre  

(Grand Hotel Dino, Grand Hotel Bristol, Hotel Simplon, Hotel Splendid):

Supplemento singola (max 4 € 90,00) oltre la 4^ € 150,00

 

Assicurazione annullamento viaggio (malattia improvvisa con certificato medico) € 30,00

 

LA QUOTA COMPRENDE:  

• Viaggio in autopullman g.t.,

• sistemazione in camere doppie con servizi privati in hotel formula roulette Zacchera Hotels a Stresa o Baveno

• tassa di soggiorno

• trattamento di pensione completa, dal pranzo del primo giorno al pranzo dell’ultimo giorno

• acqua minerale ai pasti

• visite guidate come da programma,

• ingressi: Villa Reale di Monza, Palazzo Borromeo, Battello Lago Maggiore e Lago D’Orta, biglietto treno Centovalli

• biglietto concerto Maurizio Pollini (€ 71,50 non rimborsabile)

assicurazione medico-bagaglio Axa Assistance, massimale Italia € 1000,00 tasse e percentuali di servizio.

 

LA QUOTA NON COMPRENDE: mance, extra di carattere personale in genere, tutto quanto non espressamente indicato nella voce ‘la quota comprende’

Inoltre:

• Eventuali cancellazioni, se non sostituite entro la data di emissione dei biglietti aerei comporteranno le seguenti penalità:

• 25% della quota di partecipazione + biglietto concerto sino a 30 giorni lavorativi prima dell’inizio dei servizi;

• 30% della quota di partecipazione + biglietto concerto, sino a 21 giorni lavorativi prima dell’inizio dei servizi;

• 50% della quota di partecipazione + biglietto concerto sino a 11 giorni lavorativi prima dell’inizio dei servizi;

• 75% della quota di partecipazione + biglietto concerto sino a 3 giorni lavorativi prima dell’inizio dei servizi.

Nessun rimborso dopo tale termine per chi non si presenta alla partenza o rinuncerà durante.

 

DOCUMENTI: CARTA D’IDENTITÀ IN CORSO DI VALIDITÀ

PAGAMENTI: ACCONTO € 200,00 AL MOMENTO DELLA CONFERMA. SALDO 1 MESE PRIMA DELLA PARTENZA.

 

Per info e prenotazioni rivolgersi a:

348.9025425 (Paolo)

348.7265243 (Claudio)

Fiaticorti, festival internazionale del cortometraggio indetto dal Progetto Giovani del Comune di Istrana (TV), con la pubblicazione del nuovo bando dà avvio all’edizione 2019 e celebra il proprio ventennale.

 

 

L’EVENTO

 

È una manifestazione voluta, organizzata e pensata da un gruppo di giovani under 30; essa si distingue tuttavia per la storia ormai ventennale. Fiaticorti è infatti il primo festival di cortometraggi della provincia di Treviso, uno dei due più antichi del Veneto – nato in concomitanza con Circuito Off -, e tra i più longevi a livello nazionale. Oggi in Italia i festival dedicati ai cortometraggi sono circa 200, e Fiaticorti in questo panorama è una tra le manifestazioni più conosciute e ambite. In vent’anni hanno partecipato al concorso circa 8 mila cortometraggi, rappresentando ben 120 paesi del mondo.

 

IL VENTENNALE

 

Fiaticorti raggiunge l’importante traguardo dei vent’anni – spiega Maria Grazia Gasparini, sindaco del Comune di Istranae non possiamo che esserne molto fieri, anche perché si tratta di un progetto nato e portato avanti con professionalità e passione dai cittadini più giovani del nostro comune. È inoltre un festival che coinvolge numerose realtà del territorio e non solo, creando reti e sinergie in continua espansione”.

 

IL BANDO

 

Il bando di partecipazione all’edizione Fiaticorti 20 è stato appena pubblicato e prevede come di consueto tre sezioni: Fiaticorti, dedicata a cortometraggi di genere vario; FiatiComici, riservata a cortometraggi di genere comico, satirico o demenziale; e Premio FiatiVeneti, per filmati realizzati da autori residenti in Veneto (a quest’ultima sezione di gara la partecipazione è automatica per autori residenti in Veneto o filmati dedicati al Veneto). Indipendentemente dalla sezione, il tema è libero e la durata delle pellicole non può superare i venti minuti. Ogni autore, inoltre, può iscrivere una sola opera per sezione e ogni cortometraggio può concorrere per una sola categoria.

 

Sono ammesse opere realizzate dopo il 1° gennaio 2018, iscrivibili attraverso le piattaforme Festhome.com, Filmfreeway.com, ClickForFestivals.com, Movibeta.com entro il 31 agosto 2019 (https://www.fiaticorti.it/iscrizione).

 

 

PREMI

 

Una giuria di esperti e operatori del settore esaminerà le opere ammesse al concorso e assegnerà i premi:

 

  • Premio Fiaticorti, al miglior cortometraggio;
  • Premio FiatiComici, al miglior cortometraggio comico;
  • Premio FiatiVeneti, al miglior cortometraggio sezione FiatiVeneti;
  • Miglior interprete Fiaticorti, alla miglior attrice o attore dei cortometraggi in gara.

 

La premiazione avverrà a novembre 2019 e sarà preceduta dalla rassegna dei corti selezionati dalla direzione artistica guidata da Bartolo Ayroldi Sagarriga (orari e luoghi verranno successivamente comunicati). Il vincitore del Premio Fiaticorti riceverà la somma di 500,00 euro.

 

Il concorso è realizzato con il patrocinio  della Regione Veneto e della Provincia di Treviso, in collaborazione con Associazione Vertigo, Pro Loco comunale di Istrana, 51° Stormo dell’Aeronautica militare. Il concorso Fiaticorti rientra nel circuito RetEventi della Provincia di Treviso.

 

Fiaticorti è stato istituito nel 2000 sull’onda di un’opportunità nascente, girare video home made: una scelta lungimirante se si pensa a quanta strada è stata fatta in questa direzione (dai video girati con i telefoni cellulari al videogiornalismo partecipativo). Ma l’identità del festival, fedele a quella del classico cineforum anni Settanta, è sempre rimasta la stessa, con la volontà di trasmettere la cultura e la passione per i cortometraggi, scegliendo di non affiancare eventi collaterali di diverso genere.

 

Non solo, Fiaticorti dall’edizione 2011 ha assunto anche una valenza pedagogica. Durante le serate di rassegna il pubblico non assiste soltanto alla visione dei cortometraggi; anzi, sarà invitato a partecipare ad un vero e proprio laboratorio di analisi cinematografica volto a valorizzare gli aspetti espressivi, stilistici e contenutistici; talvolta – soprattutto da parte di un pubblico meno esperto – possono non essere colti. Tale approfondimento favorisce uno scambio di opinioni e valutazioni tra il pubblico in sala, la giuria e gli organizzatori.

 

 

LE COLLABORAZIONI

 

Il festival collabora con altre manifestazioni venete. Tra queste: il Premio Vincenzoni di Treviso, il Festival del Viaggiatore di Asolo, e nel 2017 ha collaborato a Fotogrammi veneti – i giovani raccontano promosso dai Comuni di Quinto, Istrana, Paese e Morgano in provincia di Treviso e finanziato dalla Regione del Veneto per la realizzazione di una serie di cortometraggi con focus sul Veneto. Inoltre con “Ciak si gira” sono stati organizzati corsi rivolti ai giovani del territorio, con la partecipazione del direttore artistico di Fiaticorti, Bartolo Ayroldi Sagarriga.

 

 

PER INFO

sito: www.fiaticorti.it,

mail: [email protected]

I Village People, la leggendaria band famosa in tutto il mondo, saliranno sul palco di Suoni di Marca Festival 2019 il prossimo 29 luglio.

L’ingresso sarà gratuito. La manifestazione si svolgerà dal tardo pomeriggio a notte fonda, nella splendida cornice delle Mura di Treviso, nell’area compresa tra Porta SS. Quaranta e Porta Caccianiga.

 

Suoni di Marca Festival 2019 si terrà quest’anno dal 19 luglio al 4 agosto e vedrà la partecipazione di molti artisti famosi, tra i quali Max Gazzè, Alberto Fortis, Nada, Eugenio Bennato, Anna Calvi e Bandabardo.

 

Fonte: La Tribuna

Incontri, dibattiti, una mostra e il lancio del concorso letterario Teen Noir dedicato ai ragazzi dai 13 ai 19 anni 

 

Treviso Giallo ha chiuso la prima edizione del festival dedicato al genere romanzo giallo e noir con mille presenze spalmate nei tre giorni di incontri e dibattiti.

 

Buona la risposta da parte del pubblico anche per la mostra dedicata all’illustratore della Marsilio Fabio Visintin, che da 20 anni realizza le immagini delle copertine dei libri per la collana Farfalle, dal titolo “Come nasce la copertina di un libro giallo e noir?”. Tra il pubblico presente all’inaugurazione della mostra (sabato 13 aprile) gli studenti del Liceo Duca degli Abruzzi.

 

 

Una dichiarazione del sindaco di Treviso Mario Conte

«Siamo molto contenti di aver ospitato il Festival Treviso Giallo, che è riuscito a catturare l’attenzione di tantissimi visitatori e appassionati di scienza, criminologia e letteratura», ha affermato Mario Conte, sindaco di Treviso.

 

Il Festival Treviso Giallo diventerà un punto di riferimento nel panorama delle rassegne letterarie a livello nazionale, e presto anche internazionale visto che sono già state annunciate per la prossima edizione collaborazioni con altri Paesi e festival», ha continuato Lavinia Colonna Preti, assessore ai Beni culturali e Turismo del Comune di Treviso. «C’è un’enorme curiosità ed interesse verso generi letterari come il giallo e il noir che spesso vengono affrontati con un approccio limitato e limitante».

 

 

Gli incontri più partecipati

Altra sala gremita quella per l’incontro dedicato a “Giallo Veneto” con gli autori Stefano Masini (Come ai nostri debitori, Linea Edizioni), Fulvio Luna Romero (Prosecco Connection, Laurana) Alberto Toso Fei (Misteri del Veneto di Linea Edizioni) e il Collettivo Norah Gelbe (Un mare di luppolo, Il Prato).

 

Sold out invece per “Giallo e investigazione” con l’ex magistrato Carlo Nordio e i big del genere letterario e noir: Roberto Ricciardi (Detective dell’arte di Rizzoli), Rosa Teruzzi (Non si uccide per amore, Sonzogno) e Pablo Trincia (Veleno, Einaudi).

 

Successo per le visite guidate gratuite di Treviso Noir, organizzate da Banca Mediolarum, che ha quadruplicato i tour guidati alla scoperta degli angoli più misteriosi di Treviso, arrivando ad attivare anche una lista d’attesa.

 

 

Il concorso Teen Noir della Linea Edizioni

«Abbiamo ricevuto la risposta positiva ed entusiasta da parte di molte persone intervenute. Per noi è un forte segnale di quanto sia importante in questo specifico momento storico per il nostro territorio puntare a leggere e interpretare la società contemporanea anche attraverso la letteratura e attraverso un genere letterario che in sé offre la chiave di lettura di molti aspetti della società contemporanea», ha spiegato Lisa Marra, organizzatrice responsabile della casa editrice Linea Edizioni.

 

Infine a partire dal 20 aprile è online il regolamento per partecipare al concorso Teen Noir, il concorso ideato da Treviso Giallo in collaborazione con la casa editrice Linea Edizioni per raccogliere racconti gialli e noir di ragazzi dai  13 ai 19 anni.

 

 

Info

Il festival dedicato al giallo e al noir, con valenza scientifica, è stato organizzato dall’Associazione Accademia della Marca Trevigiana, con il patrocinio di MiBAC – Ministero per i beni e le attività culturali, Regione del Veneto, Città di Treviso e in collaborazione con le Università degli Studi Ca’ Foscari Venezia, Università degli Studi di Trieste, Università IULM Milano, Università degli Studi dell’Aquila, Università degli Studi di Udine.

 

La valenza scientifica del Festival Letterario è supportata anche dalla presenza del Comitato scientifico composto dai maggiori esponenti e docenti delle Università e del mondo scientifico italiano: Elvio Guagnini (emerito Università di Trieste è il Presidente del Comitato), Sergia Adamo (Università di Trieste), Giulio Marra (già Università Ca’ Foscari Venezia), Pierluigi Granata (Università dell’Aquila), Francesco Sidoti (Università dell’Aquila), Fabrizio Fornari (Università di Chieti-Pescara).

 

Chi l’avrebbe mai detto? Coachella Music Festival nacque nel 1999 e il flop fu clamoroso, tanto che l’anno successivo non si tenne, salvo poi palesarsi nel 2001 sempre a Indio, in California.

 

E venerdì 13 ci risiamo, il Festival musicale più hippie del momento ha riaperto e si è riproposto come una sfida che, con la grande provocazione musicale, ci regalerà una vetrina che detta tendenze, stile e mood con il suo personalissimo gusto.

 

La grande provocazione musicale si diceva, gli headliner di quest’anno sono Childish Gambino, i Tame Impala e la splendida Ariana Grande, che brillerà sul palco domenica e poi Billie Elish, Janelle M., the 1975 e Blackpink.

 

Cosa ci riserverà quest’anno Coachella? Dove chi conta non può non esserci, dove tutto è glamour, giovane e appassionato e la musica fa da sfondo al costume, inno perentorio di una generazione.

 

Contaminazioni allo stato puro, evoluzioni nello stile ed evanescenza, un certo tipo di rivoluzione creativa non può che nascere dai nostri talenti, in questo caso la musica, la moda e l’arte che, come in una sorta di melting pot proveranno a dipingere questo meraviglioso Festival con la tavolozza dell’artista curioso e intelligente.

 

Ma un pericolo aleggia, malcelato, nell’aria, riuscirà la musica a riprendersi di diritto lo scettro della protagonista autentica? O vivrà defilata, tra influencer, foto e condivisioni per attrarre business?

 

 

Mauro Lama

La visita guidata alla Treviso Noir fa il bis. A pochi giorni dall’apertura delle iscrizioni all’iniziativa promossa da Banca Mediolanum per rendere omaggio al Festival Treviso Giallo i 40 posti gratuiti disponibili sono già esauriti. Tanto che l’ente organizzatore ha deciso di raddoppiare. Oltre alla visita di sabato 13, sono aperte le iscrizioni per domenica 14 (sempre alle 19.00).

 

 

La durata della visita è di un’ora e mezza con una guida turistica autorizzata che farà scoprire leggende e misteri di Treviso.

 

 

Le terre trevigiane celano spiriti di dolci fanciulle e di prelati, discendenti dei Collalto, anime dannate della dinastia degli Ezzelini e creature misteriose di un antico bosco veneziano. Esperienze emozionanti, un percorso misterioso che farà scoprire i tanti segreti di Treviso, luoghi evocativi e secoli di storia, a volte macabra e a volte curiosa.

 

 

Quale migliore occasione per intraprendere un percorso misterioso alla scoperta dei tanti segreti di Treviso?

 

 

L’itinerario prevede la partenza da piazza Pola – piazza Duomo (dove si consumò l’eccidio della famiglia di Ezzelino) e prosegue verso le carceri, contrada della Morte, leggenda dell’ulivo, via Cornarotta, via Inferiore, piazza S. Vito, Portico Oscuro, via Palestro, Pescheria, via S. Agostino, S. Caterina (assassinio di Rizzardo da Camino), Fiume Sile (leggenda Cornaro), Giardini S. Andrea (delitto contessa Onigo) e via Collalto (leggenda di Bianca di Collalto), per fare ritorno a piazza Pola.

 

 

Il Festival sarà aperto al pubblico con ingresso gratuito fino a esaurimento posti ed è unico nel suo genere in ambito nazionale; questo per l’impostazione scientifica che lo caratterizza e offre un approfondimento del genere giallo e noir che lo proietta a fianco dei maggiori festival europei.

 

Per informazioni:

Punto Mediolanum, p.zza Pola 12 – Treviso

0422 590151

[email protected]

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni