Home / Posts Tagged "diritti dei minori"

Lunedì 25 marzo alle ore 18.00, all’Auditorium della Scuola Media M. Hack, si svolgerà un incontro-testimonianza di una delegazione NATs provenienti dalla Fondazione Creciendo Unidos. L’iniziativa continuerà con una visita della delegazione in alcune scuole moglianesi

 

Nell’ambito del progetto “YA BASTA ai bambini soldato!” promosso da NATs per…Onlus, lunedì 25 marzo, alle ore 18.00 all’Auditorium G. Scala della scuola media M. Hack, in via Roma, si svolgerà un incontro-testimonianza aperto alla cittadinanza dedicato ai “Diritti dei minori”. L’iniziativa è promossa dall’Amministrazione comunale insieme al Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze moglianesi e a NATs per…Onlus, associazione di volontariato di Treviso. Il giorno  successivo, martedì 26, la delegazione Fondazione Creciendo Unidos insieme a Nats per…Onlus si recheranno nelle scuole primarie Collodi e Vespucci e nella scuola secondaria di primo grado M. Hack a incontrare gli alunni.

 

Le due delegate colombiane invitate per dare testimonianza sono Olga Lucia Diaz Rodriguez, educatrice della Fondazione Creciendo Unidos, e Tania Gisela Angel Pinzon, giovane ragazza lavoratrice che vive a Bogotà. Durante l’incontro le ospiti racconteranno la situazione attuale della Colombia, porteranno le loro esperienze di vita come bambine e adolescenti lavoratrici, il ruolo che questo vissuto ha avuto nel loro percorso di crescita, l’importanza del lavoro nel contesto in cui vivono, spiegheranno cosa realizza Fondazione Creciendo Unidos nel territorio colombiano. Questa Fondazione conta più di 25 anni di storia vicino alla popolazione vittima del conflitto armato colombiano e ai minori lavoratori di Bogotà e Cucuta (Colombia).

 

 

NATs per…Onlus è un’associazione di volontariato di Treviso, che opera per la promozione e la tutela dei diritti della persona, con particolare attenzione ai minori, favorendo opportunità educative, formative e di lavoro per il riscatto dalla marginalità sociale. Nasce e vive a sostegno dei movimenti NATs (Niños, Niñas y Adolescentes Trabajadores) e sostiene diversi progetti di cooperazione internazionale in Sud America e ha definito, nel tempo, una proposta formativa per promuovere nel territorio l’idea del protagonismo e del lavoro minorile in una logica educativa e di crescita, così come elaborata dai NATs.

 

 

I movimenti NATs (Niños, Niñas y Adolescentes Trabajadores – movimenti di bambini e adolescenti lavoratori organizzati), sono organizzazioni nate in Sud America a partire dagli anni ’70, autogestite dai minori che le compongono. I NATs promuovono la conoscenza dei diritti dei minori e il loro riconoscimento, in particolare combattono ogni forma di sfruttamento rivendicando il diritto ad un lavoro degno, ossia svolto nel rispetto degli altri bisogni del soggetto (formazione, tempo libero, salute) e che non leda lo sviluppo psico-fisico della persona. Il lavoro è visto non solo come possibilità di guadagno, ma anche come mezzo di crescita personale, come esperienza dotata di una sua valenza educativa, come azione di partecipazione attiva alla vita della società.

Tante iniziative per far conoscere meglio l’affido familiare

 

Per tutto il mese di maggio, nell’ambito della sessione primaverile di “Dritti sui Diritti”, l’oramai consolidata manifestazione per i diritti dei bambini, la città dialogherà sui temi dell’accoglienza.

 

Domani, venerdì 4 maggio, alle ore 18 in Calle Corte Legrenzi 26, a Mestre, sarà l’assessore comunale alla Coesione sociale Simone Venturini a dare il via al calendario delle iniziative, attività, eventi, incontri per adulti e bambini di “A maggio mi affido”, sul tema della solidarietà familiare diretta a bambini e ragazzi che vivono in contesti familiari fragili.

 

All’interno delle possibili forme di volontariato che i cittadini possono mettere a disposizione dei concittadini più piccoli, italiani e migranti, la solidarietà familiare è una delle più significative perché permette al bambino o al ragazzo di poter godere del sostegno educativo di una famiglia o di una singola persona che, per un periodo, lo affianca nel percorso di crescita. È in questo ambito che si colloca l’affido familiare che prevede ancora un passo ulteriore, ovvero l’accoglienza di un bambino o ragazzo nella propria casa per alcune ore del giorno, per alcuni giorni alla settimana e anche per un periodo più o meno lungo.

 

“A Maggio mi affido, – commenta l’assessore Venturini – attraverso l’impegno dell’Amministrazione comunale di Venezia e della Direzione Coesione sociale, Servizi alla persona e Benessere di comunità, insieme a numerosi soggetti del mondo dell’associazionismo, del volontariato e del terzo settore, si propone di far conoscere agli adulti e alle famiglie tutte le possibilità di poter aiutare bambini e ragazzi nella crescita. Possibilità che verranno raccontate e testimoniate, nelle diverse giornate, da persone e famiglie, a cui va la nostra gratitudine, che già hanno fatto, o stanno facendo, l’esperienza di essere solidali o affidatari”.

 

Sempre nel mese di maggio, da giovedì 10 a lunedì 14, si celebrerà anche il secondo anno dall’intitolazione della Riviera Diritti dei bambini, voluta dall’Amministrazione comunale, con una serie di attività e spettacoli direttamente rivolti ai più piccoli.

 

Per informazioni: Servizio Politiche Cittadine per l’Infanzia e l’Adolescenza

[email protected]it

 

Tel. 041 5420384

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni