Home / Posts Tagged "Calcio"

Rolando Maran è il 12esimo allenatore esonerato durante questo campionato 2019-2020. Tredicesimo cambio di gestione, visto che il Brescia ha rimosso il tecnico Eugenio Corini per ben due volte durante questa stagione in corso d’opera. Al suo posto è stato chiamato Walter Zenga, che nelle ultime stagioni aveva guidato il Venezia in serie B e il Crotone in A, nell’anno della retrocessione. Un dato interessante, questo dei tecnici esonerati, sia per l’elevato numero, ma anche perché troviamo in lista professionisti del calibro di Carlo Ancelotti, Eusebio Di Francesco, Vincenzo Montella e Walter Mazzarri; tecnici con un trascorso importante e con curriculum di tutto rispetto, che tuttavia hanno deluso le aspettative, durante questa anomala stagione di serie A. Il caso più eclatante resta probabilmente questo di Rolando Maran, visto che il Cagliari, specialmente durante la prima fase del girone di andata aveva ottenuto buoni risultati, sia durante le singole gare, sia in termini di classifica provvisoria e in divenire. Tuttavia per il tecnico trentino è stata fatale la sconfitta interna contro la Roma di Paulo Fonseca, che invece torna a vincere e a convincere, puntando a un piazzamento utile in termini di Champions League. 

 

La classifica in divenire per la stagione 2019-2020

Difficile tuttavia fare pronostici attendibili e non azzardati sul termine di questa stagione. Sicuramente la classifica attuale e provvisoria, penalizza il Brescia e premia la Lazio, ma ci sono troppi tasselli che devono ancora essere sistemati, e lo slittamento del calendario, ipotesi sempre più probabile, per via del Coronavirus Covid-19, sta rendendo il corretto svolgimento delle giornate di campionato, sempre più problematico. Non è un caso se alcuni tecnici, tra cui soprattutto Gennaro Gattuso del Napoli e Fabio Liverani del Lecce, si sono espressi duramente, nei confronti di certe scelte di vertice, sulle gare giocate e soprattutto su quelle rimandate. Il dato espresso dal campo ci dice però di tre squadre che sono in grande forma: Lazio, Atalanta e Napoli; il calendario, che secondo le fonti più attendibili potrebbe subire delle variazioni, per recuperare le gare non disputate durante le scorse settimane, diventa sempre più interessante per quanto concerne i pronostici e le scommesse sportive calcio inerenti a questo finale di stagione di serie A 2019-2020.

 

Per quanto si è visto durante le ultime uscite, la vera sorpresa è rappresentata proprio dalla formazione partenopea, che durante questa stagione non aveva ancora ottenuto tre vittorie consecutive in campionato. Lo score positivo degli azzurri diventa ancora più lungo, se si considerano le gare disputate in trasferta, dove il Napoli non perde, con la gestione Gattuso, dalla trasferta di Roma, contro la Lazio di Simone Inzaghi. La squadra ha avuto un cambio di rotta anche grazie al mercato di riparazione invernale, con l’arrivo di giocatori come Politano, Lobotka, ma soprattutto grazie all’acquisto di Diego Demme, ex-capitano dell’RB Lipsia, divenuto immediatamente una pedina fondamentale e irrinunciabile nel centrocampo del tecnico calabrese. Sono arrivate quindi prestazioni di livello e soprattutto risultati, dove non bisogna dimenticare il pareggio contro il Barcellona di Lionel Messi, risultato insperato durante alcuni frangenti di questa stagione, visto che il Napoli aveva perso gare contro squadre non eccelse come Lecce, Fiorentina e Bologna, tra l’altro tutte avvenute all’interno delle mura amiche dello stadio San Paolo. 

 

Lazio, Inter e Juventus in testa, ma è l’Atalanta che gioca il calcio più spettacolare 

Confermano il loro momento di forma anche Atalanta e Lazio, quest’ultima sembra avere le carte in regola per concludere una stagione importante, ai vertici del campionato e una sicura posizione valida per tornare a disputare la Champions League. La Lazio di fatto ha preso il posto che durante le stagioni precedenti era stato occupato da Napoli e Roma, mentre l’Inter è tornata a essere una squadra coesa e competitiva. C’è poi da dire di questa Atalanta di Gasperini che gioca un calcio molto dinamico e offensivo, come dimostrato dallo score complessivo, con ben 70 reti realizzate in 25 gare di campionato, per una media di 3 gol a partita. Un calcio spumeggiante che esalta e convince, non a caso anche nell’Europa che più conta. 

La gara è rimasta sullo 0-0 fino al 10° minuto di gioco, con gli ospiti che non sono riusciti a creare occasioni da rete e con i padroni di casa che hanno premuto sull’acceleratore, sprecando alcune ghiotte occasioni da rete con Imamovic e Tenderini.

 

L’Atletico è passato grazie a Imamovic, abile a segnare dopo una bella azione corale. Il goal, che ha acceso le polveri per i padroni di casa, ha spianato la strada a un tris di reti di Tenderini che hanno messo al sicuro il risultato. Il primo tempo è terminato sul 5-0, con doppietta di Imamovic.

 

Il secondo tempo è ripartito come era finito il primo, con gli ospiti in balia dell’atletico Nervesa che ha giocato a due tocchi e imposto il proprio gioco.

 

Spazio a un rigore a favore del Rovereto, parato però da Decrescenzo, che ha permesso ai padroni di casa di mantenere la porta inviolata.

 

La gara è terminata così sul risultato di 12-0 per i padroni di casa, che hanno dominato il match anche nel secondo tempo di gioco, pur con le assenze di Leandrinho e Youness per squalifica.

Complice il pareggio fra Pordenone e Merano, l’Atletico Nervesa si è portato al secondo posto in classifica, a soli 2 punti dalla capolista.

Nella 12^ giornata di Campionato Nazionale Serie B, l’Atletico Nervesa ha giocato un primo tempo stellare e battuto la capolista Merano, riaprendo i discorsi per il campionato.
Una gara che è partita subito con il piede giusto per i ragazzi di casa, che nei primi 10 minuti si sono portati sul 5 a 0 dominando in un lungo e in largo il match, con Spatafora che al rientro dopo l’infortunio ha sbloccato la gara con un gran destro a coronamento di uno schema su punizione eseguito da manuale dai ragazzi di mister Brusaferri.
Dopo pochi minuti, Tenderini su assist del solito Spatafora e Leandrinho con una doppietta hanno messo una seria ipoteca sulla gara.
I padroni di casa, anche dopo le rotazioni hanno mantenuto un ritmo altissimo e creato tante occasioni da rete con Leandrinho, Bellomo e Tenderini, che hanno messo alle corde il Merano.
Bellomo, dopo aver servito ottimi palloni, ha realizzato il goal del 5 a 0.
Il Merano è riuscito a segnare su tiro libero con Beregula abile a trafiggere l’ottimo Decrescenzo.
Tenderini e Leandrinho hanno segnato i goal, dopo delle grandi azioni corali, che hanno portato a 7 i goal realizzati dai padroni di casa.
Un primo tempo perfetto, terminato sul 7 a 1 per l’Atletico Nervesa che ha giocato a livelli altissimi.
Un secondo tempo che ha visto gli ospiti provare a riaprire il match e trovare due reti con Beregula: la prima su calcio d’angolo e la seconda con un gran tiro da dentro l’area.
L’Atletico Nervesa non ha sfruttato le occasioni avute e ha colpito tre legni con Leandrinho, che però sono stati solo il preludio al goal di Youness al 15′ del secondo tempo con un grande destro, in contropiede, nel goal che ha chiuso il match.
La gara è terminata sul risultato di 8 a 3 con i padroni di casa che hanno meritato 3 punti preziosi e che ora vedono ridotte le distanze dalle prime due squadre del campionato.
POST TAGS:

L’Atletico Nervesa 2014 comunica ufficialmente di aver acquisito le prestazioni del giocatore Leandrinho Alfonso dal CDM Futsal Genova di serie A1.

 

L’italo-brasiliano, originario di Passo Fundo, classe 1986 è cresciuto calcisticamente nel Caixeiral Campestre di Passo Fundo. In seguito ha giocato nel Nova Prata e nel 2007 è arrivato in Italia, al Marcianise, per giocare in serie A2. Successivamente, l’italo brasiliano veste le maglie di Pescara, Cus Chieti, Belluno, Aloha, Loreto Aprutino (segna 22 reti, suo record stagionale), Fuente Lucera (vince la Coppa Italia di serie A2), Corigliano, Luparense, Olimpus e, appunto, Milano C5 e Cdm Genova in serie A1.

 

Un giocatore che arriva dalla massima serie e che sicuramente porta qualità, mentalità e capacità tecniche al Team!

Un acquisto fortemente voluto dal nostro Presidente Enrico Furlan e dal nostro Vice Presidente Franco Furlan!

 

Il direttore Sportivo Matteo Parolin ci tiene a precisare: “Leandrinho è un giocatore di sicuro valore e che ha dimostrato in tutti questi anni di saper far la differenza in categorie come la serie A1 e A2, quindi potrà sicuramente alzare il tasso tecnico della nostra squadra, vedremo se ci saranno altre occasioni in questo mercato per rinforzare ulteriormente la nostra rosa”.

POST TAGS:

La nona giornata di girone B del Campionato nazionale di Serie B ha visto affrontarsi al Palasport di Arcade l’Atletica Nervesa e l’Arzignano.

 

Le due squadre hanno giocato a viso aperto e a ritmi altissimi i primi minuti di gioco, con i padroni di casa che hanno dovuto rinunciare a Spatafora, Youseff e Moustayne per infortunio e quindi senza centrali di ruolo in campo.

 

Un primo tempo dominato in lungo e in largo dai padroni di casa, che si è chiuso sul 2 a 0 e pur con qualche occasione sprecata, con Tenderini e Ayoub che solo davanti al portiere non riesce a segnare.

 

Apre le marcature Casagrande e raddoppia Tenderini di sinistro dopo una grande azione corale.

 

Il secondo tempo vede il Nervesa, in apertura di frazione, trovare il 3 a 0 con Imamovic in contropiede, abile a saltare Murga e a battere il portiere in uscita.

 

Gli ospiti fino a quel momento poco precisi e nervosi, provano la carta del quinto uomo e trovano, con Ranieri, il 3 a 1, mettendo alle corde un Nervesa stanco, avendo pochi cambi a disposizione di mister Regondi.

 

Bellomo, che si è sacrificato per molti minuti anche da centrale difensivo in questa gara, trova di destro dalla propria metà campo il 4 a 1, punendo il quinto uomo avversario.

 

Sempre con l’uomo di movimento in più l’Arzignano accorcia le distanze con Brancher per ben due volte e riaccende le speranze per gli ospiti, ma il match lo chiude Tenderini che, a pochi secondi dalla fine, segna il definitivo 5 a 3 dopo aver rubato palla e depositando la sfera in porta con il portiere lontano dai pali.

I primi minuti del match vedono le due squadre studiarsi a vicenda, con i padroni di casa che pur senza costruire nitide occasioni da rete mettono in difficoltà gli ospiti con una difesa molto arcigna.

 

La squadra di mister Regondi crea alcune occasioni da rete con Spatafora su calcio d’angolo e con Tenderini su azione ma non riesce a sbloccare la gara.

 

Nella seconda parte del primo tempo l’atletica Nervesa alza i ritmi e il baricentro e meritatamente segna due goal con Tenderini al 15 e al 17 minuto, abile a battere Vanin la prima volta con un pallonetto e la seconda di sinistro sul Anglino.

 

Nella ripresa mister Regondi fa ruotare tutti gli uomini a propria disposizione e dopo il terzo goal di Youness la gara si mette sui binari dell’Atletico Nervesa che amministra bene il match.

 

Il giovane Lirigzon si mette in luce con una tripletta, ben servito da Bellomo, dopo il suo primo goal di settimana scorsa.

 

Per la verità, Lirigzon, avrebbe segnato anche il quarto goal con un gran destro da fuori area che si stampa sulla traversa e cade in porta ma gli arbitri non hanno fischiato il goal.

 

Bellomo che al 18 minuto trova, con un gran sinistro, anche la gioia personale dopo aver servito tanti assist ai compagni.

 

Un’ottima prestazione per l’Atletico Nervesa che, senza subire goal, rimane a tiro delle prime della classifica.

Un match che si blocca subito e vede i padroni di casa andare già dopo tre minuti sul 3 a 0, con Tenderini e Bellomo abili a concretizzare la superiorità tecnica fra le due squadre.
Un primo tempo che si chiude con un netto 8 a 0, con mister Regondi che mette in campo tutti gli uomini a propria disposizione.
Da notare i primi goal in serie B per Lirigzon e Casagrande, che fin qui avevano avuto poche occasioni per mettersi in luce.
La ripresa vede i ritmi calare rispetto alla prima frazione e solamente Bellomo segna, dopo una bella azione il proprio terzo goal del match.
Gli ultimi minuti della gara vedono il palmanova sbloccare il tabellino e segnare con Contin in contropiede e con Langella, che su tiro libero batte il neo entrato Zambon  fissando il risultato sul 9 a 2.
Una buona prestazione per l’Atletico Nervesa, che con questa vittoria rimane incollato alle zone alte della classifica.

In campo Calcio Femminile FC Venezia e l’Asd Accademia Spal Ferrara per la gara valida del campionato di serie C

 

Il maltempo non ha fermato la partita della prevenzione che ieri ha visto sfidarsi Venezia Calcio Femminile e Accademia Spal Calcio Femminile sul campo di Marcon a sostegno della LILT di Venezia. Anche se il verdetto del campo è stato favorevole alla squadra di casa (4-2 il risultato finale) la partita della prevenzione ha avuto un unico positivo risultato, quello di aver coinvolto oltre 400 persone nella divulgazione dei corretti stili di vita e informato sull’importanza degli screening per la diagnosi precoce del tumore al seno.

 

Molte delle giocatrici in campo ieri sono protagoniste del video virale #giocadanticipo #scendincampoconlaprevenzione.

 

Scopo del progetto in cui l’evento si inserisce è stato infatti quello di combattere il tumore al seno con la partecipazione. Il progetto è nato in seno al Gruppo Centro di medicina e Casa di cura Villa Maria, rete di strutture sanitarie private e convenzionate da oltre 35 anni, che lo ha pensato e condiviso con tutti i partner.

 

Al pubblico è chiesto di vedere il video e condividerlo, oltre a farsi il selfie della prevenzione per ribadire #giocadanticipo #scendincampoconlaprevenzione hashtag della campagna.

 

La campagna ha fatto leva anche su altri due pilastri: eventi informativi e divulgativi come le partite di calcio. Grazie alla collaborazione, siglata in un preciso protocollo, della lega Nazionale Dilettanti, alcune delle partite di serie C del campionato femminile si giocano in questo campionato proprio nel nome della prevenzione e della LILT. Queste partite si giocano infatti con la finalità di raccogliere fondi per le delegazioni LILT provinciali. La partita di ieri tra Venezia e Spal è stata una di queste.

Appuntamenti calcistici: in campo con la LILT

Nelle scorse settimane si sono giocate per la prevenzione le partite di calcio tra Vicenza – Spal, domenica 13 ottobre, allo stadio di via Baracca; tra Padova – Vicenza, domenica 20 ottobre allo stadio Appiani, e tra Vittorio Veneto – Perugia, domenica 27 ottobre allo stadio Barison Permac.

Domenica 10 novembre alle 14 si giocherà l’ultima partita allo stadio comunale di Villorba, tra Villorba e Belluno.

Combattere il tumore al seno con la partecipazione, facendo in modo che siano sempre più persone a parlarne, spingendo le dirette interessate a fare la diagnosi precoce, superando paure e pigrizia, perché stare ferme non vale, bisogna agire.

 

Nasce da queste considerazioni il progetto di sensibilizzazione del Gruppo Centro di medicina e Casa di cura Villa Maria, rete di strutture sanitarie private e convenzionate da oltre 35 anni, subito sposato dalle Lilt provinciali di Ferrara, Padova, Treviso, Venezia, Vicenza, culminato con la produzione del video “Gioca d’anticipo! scendi in campo con la prevenzione”, dove oltre 70 giocatrici di 6 squadre di diverse categorie di Veneto ed Emilia Romagna ci hanno messo la faccia.

 

Campagna in collaborazione con la lega Nazionale Dilettanti

Al pubblico è chiesto di vedere il video e condividerlo, oltre a farsi il selfie della prevenzione per ribadire i due hashtag ufficiali della campagna: #giocadanticipo #scendincampoconlaprevenzione.

 

La campagna fa leva anche su altri due pilastri: eventi informativi e divulgativi come le partite di calcio. Grazie alla collaborazione, siglata in un preciso protocollo, della lega Nazionale Dilettanti, alcune delle partite di serie C del campionato femminile si giocano in questo campionato proprio nel nome della prevenzione e della Lilt. Queste partite si giocano infatti con la finalità di raccogliere fondi per le delegazioni Lilt provinciali.

 

Domenica 3 novembre, alle 17, allo stadio comunale di Marcon scendono in campo il Calcio Femminile FC Venezia e l’Asd Accademia Spal Ferrara per una gara di campionato di serie C, che vale anche come raccolta fondi pro Lilt di Venezia.

 

Ogni incontro viene aperto dai volontari Lilt presenti per la divulgazione delle buone prassi della diagnosi precoce, che in questo caso significa per la donna in età a rischio sottoporsi all’esame strumentale della mammella, ovvero mammografia, ecografia e visita.

 

Una partita disputata ad alto ritmo da entrambe le squadre, quella giocatasi ieri tra Nervesa e Maccan. Il primo tempo si è chiuso sull’1 a 1 con il primo vantaggio realizzato dal Nervesa su una bella azione manovrata, con Tenderini che imbecca Imamovic solo davanti al portiere avversario.
Il pareggio di Zocchi è arrivato a pochi secondi dalla fine della prima frazione, su un rimessa laterale. I difensori ospiti non si sono posizionati correttamente e sono stati puniti.
La ripresa è iniziata molto combattuta con occasioni da ambo le parti, e con Decrescenzo costretto agli straordinari per mantenere in partita la propria squadra.
Con un gran sinistro su azione e un tiro libero, Spatafora ha regalato alla sua squadra 3 punti importantissimi in classifica. Ora per l’Atletico Nervesa restano solamente due punti di distacco dalle capoliste del campionato.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni