Home / Posts Tagged "auronzo"

Sabato 7 e domenica 8 settembre nuovo appuntamento con la rassegna di eventi al femminile del comune delle Tre Cime di Lavaredo. Al centro delle due giornate, iniziative dedicate alla salute, in particolare alla prevenzione del cancro al seno, con visite senologiche ed ecografia gratuite e l’esibizione delle Donne in Rosa sulle Dragon Boat sul lago di Santa Caterina

 

Dopo il successo dello scorso weekend, torna ad Auronzo di Cadore “Dolomitike – la montagna delle donne”, con un nuovo finesettimana ricco di appuntamenti al femminile. Sabato 7 e domenica 8 settembre la rassegna, realizzata dal Comune insieme al Consorzio Turistico Tre Cime Dolomiti e all’agenzia E20, propone un programma dedicato alla salute e in particolare alla prevenzione del cancro al seno, attraverso una serie di iniziative che vedranno protagoniste le “guerriere”, le donne che hanno affrontato la malattia.

 

Guerriere come le Donne in Rosa che si cimenteranno nella prova di canottaggio su Dragon Boat nel lago di Santa Caterina, organizzata da Dragon Boat Italia in collaborazione con Venice Canoe & Dragon Boat. Provenienti da Gorizia, Venezia e Mestre, da Padova, da Milano e da Torino, sono donne operate al seno che arriveranno ad Auronzo nella giornata di venerdì, per dare vita nelle mattinate di sabato e domenica a due giorni di gare sulle canoe di origine cinese, la cui pratica è considerata un’efficace terapia riabilitativa postoperatoria e per questo è diventata anche uno strumento di sensibilizzazione sulla malattia. Domenica, insieme al programma delle Donne in Rosa, si svolgeranno anche le prove per equipaggi spontanei di donne provenienti dal Cadore, che possono iscriversi scrivendo a [email protected] o ad [email protected].

 

«È la terza volta, dopo il 2013 e il 2015, che le Donne in Rosa tornano ad Auronzo di Cadore – spiega Andrea Bedin, presidente di Dragon Boat Italia – Il vero protagonista di questo evento è il messaggio di vita e di coraggio che ognuna di loro trasmette. Il momento clou delle gare, in tal senso, sarà alle 12,30 di domenica con la Cerimonia dei Fiori: gli equipaggi scendono in acqua e uniscono le imbarcazioni; quindi, dopo un momento di riflessione, tutte le donne lanciano in aria fiori e petali per ricordare le loro compagne che non ci sono più».

 

Nella giornata di sabato altro importante appuntamento si terrà al Dolomitike Village, presso lo Stadio del Ghiaccio, dove sarà parcheggiato il “Camper in rosa”: all’interno del mezzo, messo a disposizione dall’agenzia E20, le dottoresse Laura Renon, chirurgo senologo presso l’Ospedale San Martino di Belluno, e Elena Fabbro, radiologo, effettueranno gratuitamente visite senologiche ed ecografia mammaria per donne dai 30 ai 50 anni (fascia d’età per la quale il sistema sanitario nazionale non prevede l’accesso gratuito ai servizi di prevenzione).

 

Nella stessa giornata, il Village offrirà spazio a tante associazioni che porteranno testimonianza delle proprie attività sociali: insieme alle sezioni provinciali di LILT(Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori) e ADOS (Associazione Donne Operate al Seno) e all’Associazione Cucchini, gruppo nato in memoria del professor Francesco Cucchini, storico primario radiologo dell’ospedale di Belluno, che offre vari tipi di assistenza ai malati oncologici e alle loro famiglie, saranno presenti tra le altre RYLA (Run Your Life Again), la onlus delle donne runner operate al seno, e “La forza e il sorriso”, il laboratorio di bellezza per le donne operate di cancro, presso il cui standla consulente d’immagine Flora Sbardellotto darà consigli sul make-up, capelli, abbigliamento. Presente, infine, anche la Farmacia San Pietro di Cadore con la dottoressa Silvia Fracasso, che illustrerà alcune strategie di salute e prevenzione.

 

La veneziana, iridata di corsa in montagna long distance nel 2017, è autrice di un gran finale e schianta la concorrenza. Prima vittoria femminile nella storia della manifestazione. Sul podio assoluto anche il trevigiano Ivan Geronazzo e il bellunese Nicola Tonet.

 

 

Woman power alla 47.ma edizione della Camignada poi siè refuge, la storica gara di corsa in montagna proposta dalla Sezione Cadorina di Auronzo del Club alpino italiano. Ieri, sul tracciato di 35 chilometri da Misurina ad Auronzo, con passaggi ai rifugi Auronzo, Lavaredo, Locatelli e Pian di Cengia e transiti ai laghi di Cengia, in Val di Cengia e Val Marzon, si è infatti imposta Silvia Rampazzo.

 

 

La veneziana di Noale, ingegnere ambientale, campionessa mondiale di corsa in montagna long distance nel 2017, ha portato a termine la propria fatica in 2h56’02”, iscrivendo il proprio nome nell’albo d’oro assoluto della Camignada. Una vittoria, la sua, che rappresenta un unicum nella storia della manifestazione e che è maturata nel finale quando, a due chilometri dal traguardo, ha raggiunto e superato Ivan Geronazzo, il trevigiano che fino ad allora aveva guidato la corsa ma che ha pagato il finale pianeggiante. Rampazzo davanti a tutti, dunque, con Geronazzo a 13″ e il bellunese del Comelico Nicola Tonet a completare il podio assoluto, staccato di 2’40”. Il podio maschile ha visto il terzo posto di un altro bellunese, Tiziano Gandus mentre su quello femminile insieme alla Rampazzo son salite la trevigiana Silvia Serafini e la bellunese Francesca Di Sopra.

 

 

1140 i concorrenti al via, celebrando Paul Grohmann

La 47.ma Camignada ha conosciuto, ancora una volta, una grande partecipazione: i concorrenti partiti dalle sponde del lago di Misurina sono stati infatti 1140. Una bella soddisfazione per la storica manifestazione auronzana che quest’anno ha presentato una novità nella prima parte del tracciato. Una novità legata alla celebrazioni per i 150 anni dalla prima ascensione per la via normale alla Cima Grande di Lavaredo, ascensione compiuta dall’alpinista viennese Paul Grohmann il 21 agosto del 1869. Per onorare la memoria di Grohmann, dopo il via da Misurina la Camignada non è salita per il consueto sentiero ma ha percorso il sentiero 105, dedicato proprio a Grohmann, sentiero che tocca la malga Rinbianco, la Val de l’Arghena e Forcella Col di Mezzo prima dell’arrivo al rifugio Auronzo. Si è trattato di una novità che ha allungato il tracciato di 1 un chilometro e mezzo e che ha incontrato il favore dei partecipanti.

 

Il prossimo anno tornerà la Val Giralba

Quest’anno, nonostante gli sforzi profusi da numerosi volontari nella realizzazione di un sentiero alternativo a quello reso impraticabile dalle frane verificatesi nell’estate del 2015, la Val Giralba non si è potuta percorrere. Nel 2020, però, sarà la volta buona per tornare sul tracciato originale e quindi toccare anche i rifugi Comici e Carducci, oltre ad Auronzo, Lavaredo, Locatelli e Pian di Cengia. «La tempesta Vaia dello scorso autunno ha causato non pochi problemi al nostro territorio ma ora i problemi sono risolti e tra qualche giorno la Val Giralba sarà riaperta» ha promesso il sindaco di Auronzo Tatiana Pais Becher. «Quindi nel 2020 la Camignada tornerà sul tracciato storico. Una bella notizia per questo evento che costituisce un patrimonio importante per tutta la comunità auronzana».

 

I risultati

Classifica maschile: 1. Ivan Geronazzo (AlpStation team trail) 2h56’15”; 2. Nicola Tonet (Atletica Comelico) 2h58’44”; 3. Tiziano Gandus 2h59’51”; 4. Samuele Majoni (Atletica Cortina) 3h02’29; 5. Apollonio Larese Filon (Us Tre Cime Auronzo) 3h02’38”; 6. Giovanni Corà (Aim Gsd) 3h4’45”; 7. Ivano Molin (Team Scarpa) 3h08’21”; 8. Dario Betton 3h12’54”; 9. Riccardo Noro (Cai Rovigo) 3h14’35”; 10. James Gray (Inghilterra) 3h15’17”.

 

Classifica femminile: 1. Silvia Rampazzo (Tornado) 2h56’02”; 2. Silvia Serafini (Tornado) 3h17’55”; 3. Francesca Di Sopra (Atletica Comelico) 3h23’05”; 4. Marianne Moretti (Atletica Cortina) 3h48’03”; 5. Valentina Michielli (Body Evidence) 3h50’38”.

 

La Camignada Kids

Intanto, sabato 3 agosto, con partenza e arrivo al palazzo del ghiaccio di Auronzo, si è svolta la terza Camignada Kids, manifestazione per bambini e ragazzi da 0 a 13 anni, memorial Enrico Vecellio Taiarezze. Sono stati duecento i piccoli podisti che si sono cimentati sul tracciato di 3 chilometri attorno al lago di Santa Caterina.

 

Per tutte le informazioni sulla Camignada si rimanda al sito.

In settembre, l’associazione sportiva Strada Facendo – Nordic Walking Treviso organizza un lungo weekend in località Auronzo di Cadore.

 

Programma

Venerdì 13 settembre
Ore 15.30-17.00 – Lezione Nordic Walking livello base
Aperta anche a chi non conosce il Nordic Walking. Prove pratiche per sperimentare i benefici del Nordic Walking.

Ore 16.30-18.00 – Lezione Nordic Walking livello sport.
Per praticanti più esperti. Riscaldamento, rinforzo e defaticamento con i bastoncini. Con dott. Andrea De Blasio.

Ore 18.00-19.00 – Raccontando Miti e leggende delle Dolomiti del Cadore – La foresta di Somadida
Incontro con l’autore del libro del Consorzio Turistico Tre Cime Dolomiti, Valentino Larese.

Ore 21.00-23.00 circa – Camminata Nordic Walking in notturna, seguendo il tracciato del torrente Ansiei!

 

Sabato 14 settembre
Ore 9.30-12.30 – Camminata Nordic Walking nel bosco di Somadida

Ore 15.30-17.30 – Workshop di Stretching energetico dei meridiani
Workshop teorico-pratico per approfondire le qualità dell’elemento fuoco, associate all’estate.

Ore 18.00-20.00 – Il Nordic Walking per il recupero dal cancro alla mammella
Conferenza con il dott. Andrea De Blasio (INWA International Trainer; Dipartimento di Medicina e Scienze dell’invecchiamento, Università “G. D’Annunzio” di Chieti-Pescara). Perché l’attività fisica e l’esercizio fisico sono importanti per la prevenzione del cancro e per il recupero dal trattamento del cancro? Un intervento mirato a comprendere come il Nordic Walking aiuta la donna in particolar modo nella gestione.

 

Domenica 15 settembre
Ore 9.30-14.30 – Camminata Nordic Walking: Le Tre Cime di Lavaredo
Una camminata ai piedi delle Tre Cime di Lavaredo, le montagne con la la forma caratteristica a “tre dita di dolomia” che si ergono verso il cielo.

Ore 15.30-17.00 – Donna e sport: la sana alimentazione
Conferenza con la dott.ssa Maddalena Matturro, nutrizionista. Spiegazioni e suggerimenti semplici e pratici per una corretta alimentazione della donna sportiva nei diversi momenti della vita.

Ore 17.30-18.30 – Consegna dei fondi raccolti alle associazioni destinatarie e conclusione giornate

 

Info utili

Evento aperto a tutti. Parte del ricavato verrà devoluto al Centro Antiviolenza Telefono Rosa di Treviso.
Iscrizioni entro il 1° settembre.

 

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni