Marca TrevigianaMogliano VenetoVideo

Il destino delle ville venete durante la guerra

2 minuti di lettura

Il ruolo delle sontuose ville di Mogliano Veneto durante la Prima Guerra Mondiale, militarizzate e trasformate in ospedali militari per accogliere i soldati feriti provenienti dal fronte.

TREVISO. Nel 1917, dopo la disfatta di Caporetto, Mogliano Veneto si trovò al centro degli eventi bellici della Prima Guerra Mondiale. La città, con le sue sontuose ville e la sua posizione strategica, divenne un importante centro militare, con le residenze nobiliari trasformate in ospedali militari per accogliere i soldati feriti provenienti dal fronte.

Tra le figure di spicco del periodo emerge quella del Duca d’Aosta, Emanuele Filiberto Duca d’Aosta (Genova 1869 – Torino 1931) che fu un generale italiano durante la Grande Guerra. Cugino di Vittorio Emanuele III, entrò a far parte dell’esercito nel 1905.

Il Duca d’Aosta, figura di grande prestigio nell’esercito italiano, svolse un ruolo fondamentale durante la Grande Guerra, guidando le truppe con coraggio e determinazione.

Villa Trevisanato a Mogliano Veneto divenne il comando della Terza Armata dove venivano prese le decisioni cruciali che avrebbero condotto alla vittoria del 4 novembre. Le strategie militari elaborate qui contribuirono in modo significativo alla svolta della guerra a favore delle forze italiane.

Nel XVIII secolo, la villa originariamente appartenuta ai patrizi Duodo, passò in seguito nelle mani di Giacomo Trevisanato, un mercante veneziano di spicco. Durante il XX secolo, per via di una crisi finanziaria, la proprietà fu ceduta alla famiglia Melich, per poi essere riacquistata dai Trevisanato. Nel 1946, divenne la proprietà della famiglia Zoppolato, i cui discendenti ne sono gli attuali proprietari.

Durante la Grande Guerra, dal novembre 1917, la villa fu trasformata in quartier generale della Terza Armata, comandata dal Duca d’Aosta, Emanuele Filiberto di Savoia. Questa storica residenza militare testimonia il suo ruolo cruciale nella storia italiana, essendo stata al centro delle operazioni durante il conflitto sul fronte del Piave.

La struttura della villa, a pianta quadrata, si estende su tre piani e presenta un design sobrio ma elegante. Una caratteristica balconata sovrasta il portale d’ingresso, mentre due finestre simmetriche completano la facciata principale. All’interno, i diversi livelli sono collegati da una scala interna.

Il giardino circostante, curato secondo lo stile all’inglese, fu progettato da Antonio Caregaro Negri e comprende un boschetto originale che contribuisce al fascino della proprietà. Nel complesso, la villa e le sue dipendenze rappresentano un esempio di architettura e design d’epoca, arricchito dalla sua storia e dalla sua importanza storica durante la Grande Guerra.

In riconoscimento di questo fondamentale contributo, il Duca d’Aosta decise di donare alla città il Labaro della Terza Armata, un simbolo di gloria e sacrificio che ancora oggi viene esposto con orgoglio nella sala consiliare del Municipio di Mogliano Veneto.

Questo gesto simbolico non solo onora il coraggio e la determinazione dei soldati che combatterono sul fronte, ma rappresenta anche il legame indissolubile tra Mogliano Veneto e la storia nazionale.

Attraverso i ricordi conservati in questa sala, la comunità continua a celebrare la sua storia di resilienza e speranza, rimanendo testimone del coraggio e della solidarietà che caratterizzarono quegli anni bui della storia italiana.

Ringraziamo il Comune di Mogliano Veneto per aver concesso gentilmente i diritti di utilizzo del presente filmato.

Articoli correlati
Le eccellenzeMarca TrevigianaSlide-mainTurismo

L'eccellenza al femminile: la storia di Dal Din, un viaggio tra terroir e passione

3 minuti di lettura
Il cuore delle colline di Valdobbiadene, culla del vino di qualità, custodisce una storia che merita di essere conosciuta: è la storia…
Marca TrevigianaSlide-mainSPECIALE ELEZIONI 2024Treviso

Esplosione centrale idroelettrica a Bargi: recuperati i corpi di due dispersi

1 minuti di lettura
I Vigili del Fuoco hanno recuperato i corpi di due persone dopo l’esplosione alla centrale idroelettrica di Bargi, portando il bilancio delle…
Marca TrevigianaSlide-mainSPECIALE ELEZIONI 2024Treviso

Azione a fianco di Copparoni sostiene Bortolato

1 minuti di lettura
Mogliano Veneto vede Azione a fianco dell’attuale vicesindaco, Giorgio Copparoni, esponente di Piazza Civica, a sostegno della ricandidatura di Davide Bortolato. MOGLIANO…