Home / Posts Tagged "vademecum"

Domani sera a San Fior un vademecum per evitare le truffe, orientarsi nella scelta dell’operatore e imparare a leggere la bolletta

 

Mercato libero dell’energia e del gas: proseguono gli incontri organizzati dalla Federazione Pensionati Cisl Belluno Treviso – zona di Conegliano e dall’Adiconsum Venetoper informare i cittadini riguardo alle novità sul passaggio al mercato libero. Il prossimo appuntamento è fissato per domani, mercoledì 23 gennaio alle 20.15, nella sala polifunzionale del municipio di San Fior.
L’incontro è organizzato con la collaborazione dell’Associazione Anziani e il patrocinio del Comune. “Come leggere la bolletta e come orientarsi nella scelta dell’operatore nel mercato libero” è il titolo dell’iniziativa, che vedrà l’intervento di Walter Rigobon, presidente regionale di Adiconsum e di Franco Marcuzzo, referente per la zona di Conegliano della Cisl Fnp.

 

La legge della concorrenza approvata nel 2017 prevede la fine del mercato di tutela per l’energia elettrica e il gas dal 1° luglio 2020. Ciò significa che da quella data, i consumatori potranno scegliere a quale azienda affidarsi per i contratti della luce e del gas in un mercato libero, nel quale gli operatori lavoreranno in regime di piena concorrenzialità. Le imprese hanno già iniziato la campagna pubblicitaria per conquistare una fetta di mercato importante, tenendo conto che le famiglie che in Italia non hanno ancora scelto il mercato libero sono circa 20 milioni.

 

“Sarà una battaglia senza esclusione di colpi da parte dei venditori per trovarsi al primo luglio 2020 ben posizionate nel mercato libero e consolidare la loro capacità di vendita – spiega Walter Rigobon, presidente Adiconsum Veneto -. L’oggetto del desiderio resta, sempre e comunque, il consumatore, al quale già da tempo viene offerto un contratto con risparmi spesso non realistici o limitati nel tempo. Con l’attuale normativa le aziende devono provvedere a formulare una offerta che si chiama placet, che potrà essere confrontata nel sito di Arera (autorità di tutela) con altre presenti nel mercato. Il consumatore non ancora completamente informato di quello che rappresenta il mercato libero si trova quindi in una condizione di obiettiva difficoltà”.

 

“Sempre più anziani – riferisce Franco Marcuzzo, referente della zona di Conegliano della Fnp Cisl Belluno Treviso – ci chiamano per avere chiarimenti e per informarci che vengono contattati tramite il porta-a-porta da promoter di aziende del libero mercato che chiedono anche in maniera insistente copia delle bollette dell’Enel. I cittadini sono disorientati e temono di essere truffati o comunque di fare delle scelte senza le necessarie informazioni. Con Adiconsum abbiamo deciso di organizzare un percorso informativo con ha avuto finora un ottimo riscontro a livello di interesse e partecipazione. Dopo quelle di Mareno di Piave, Pieve di Soligo e di San Fior mercoledì, abbiamo già altre date in programma e siamo disponibili a organizzarne altre qualora i comitati comunali della Fnp ne evidenzino la necessità”.

 

Adiconsum ha anche preparato un vademecum per non incappare in truffe o contratti-capestro
• evitare di sottoscrivere di contratti a distanza (telefonici in particolare);
• prima di sottoscrivere un contratto accertarsi dei contenuti dello stesso e, in caso di dubbi, rivolgersi all’Adiconsum; 
• attendere l’approssimarsi del 30 giugno 2020 prima di scegliere un nuovo operatore;
• nell’eventualità di scelta prima del 30 giugno 2020 valutare, oltre al costo del prodotto, anche la qualità del servizio offerto, ad esempio verificando se nel territorio siano presenti o meno sportelli fisici per i consumatori;
• successivamente alla definizione della normativa, attualmente ancora in corso, valutare l’adesione a gruppi d’acquisto che saranno costituiti anche da Adiconsum.

Tornare e divertirsi a casa è sempre più semplice. Basta sapersi muovere tra navette, parcheggi e qualche regola da rispettare.

 

Far convivere contemporaneamente trenta, quarantamila persone in un’area di centomila metri quadri per cinque giorni di fila non è semplice. Ecco quindi alcune linee guida per vivere dentro l’Home Festival in serenità. Tutte le informazioni dettagliate sono comunque sul sito www.homefestival.eu, che presenta anche mappe specifiche per le aree di parcheggio e per la movimentazione delle navette, che quest’anno sono in collaborazione con Mom. In ogni caso, l’organizzazione chiede a tutti di rispettare le direzioni della segnaletica provvisoria che sarà installata e di eseguire gli ordini delle forze dell’ordine o degli addetti alla sicurezza attivi durante l’evento.

 

COME ARRIVARE
Per chi arriva in auto o in moto, il punto di riferimento è il casello autostradale Treviso Sud. Per chi arriva in treno o in bus, la stazione ferroviaria di riferimento è quella di Treviso centro, a pochi passi dalla stazione principale dei pullman. Per i residenti è vivamente consigliato l’utilizzo della bicicletta. Per gli amici che arrivano dall’estero la via più breve è atterrare all’aeroporto di Treviso, che dista ottocento metri dall’area del festival e garantisce collegamenti istantanei con le maggiori capitali europee grazie alle compagnie low cost e al vicino aeroporto di Venezia (30 chilometri).

 

I PARCHEGGI
Sono cinque le aree parcheggio previste per il festival, la mappa coi dettagli del percorso è su www.homefestival.eu. L’area P1, quella dietro il main stage, è parcheggio gratuito riservato ai disabili muniti dell’apposito contrassegno di invalidità e a chi ha prenotato il parcheggio del camping. Unico accesso da Viale della Serenissima. Sempre a ridosso dell’area, c’è anche il P2, riservato alla biciclette (non è custodito). A poca distanza, il P5, pensato per le moto: è il “Park moto Harley Davidson”, è gratuito ed è collocato in una laterale di via Canevare. Per chi non ha voglia di prendere la navetta, il suggerimento è quello di scegliere il P3, a pochi minuti a piedi dall’area. È parcheggio a pagamento, vi si arriva da viale della Serenissima. L’organizzazione consiglia comunque di prendersi per tempo e di valutare anche uno dei parcheggi P4, quelli serviti dalla navetta. Sono gratuiti e non custoditi, le indicazioni si trovano tra via Castellana e viale della Repubblica. Ma attenzione: in ogni caso, vietatissimo camminare a piedi sul cavalcavia di San Giuseppe.

 

NAVETTE MOM E TRENI SPECIALI
Nelle notti di venerdì 31 agosto e sabato 1 settembre sono previsti i treni speciali sulla tratta Treviso-Mestre con unica partenza alle ore 3.15 della notte. Dalle ore 00.30 alle 4.00 sarà disponibile una navetta shuttle diretta Home Festival-Stazione FS, frequenza ogni 30 minuti.

Per quanto riguarda il trasporto su gomma, oltre ai consueti servizi di trasporto pubblico (tutte le informazioni dettagliate nell’area “experience” del sito ufficiale dell’evento), quest’anno è prevista anche una navetta di Mom gratuita che collega il centro città al festival con tre fermate: stazione ferroviaria, Porta San Tomaso, dove è presente un’ampia fermata in sicurezza normalmente utilizzata per gli studenti, che può essere utilizzata dai residenti ma anche da chi parcheggia in zona Foro Boario (mille posti auto) e via Castellana (parcheggi identificati come P4, in zona Mercato Ortofrutticolo). Percorrenza stimata: 30 minuti. Mezzi a disposizione: due bus da 18 metri ad alta capienza (130 passeggeri ciascuno). Orari: tutti i giorni, da mercoledì a domenica, dalle 18 alle 4 del mattino; il servizio è raddoppiato da un bus di rinforzo nelle notti di venerdì e sabato, dalle 00,30 alle 3,00 (o fino cessate esigenze), per il raggiungimento della stazione ferroviaria.

 

IL REGOLAMENTO DEL FESTIVAL
Per la quiete di tutti, su alcune cose Home Festival non transige: chiunque entri in area è soggetto ad un regolamento che è pubblicato integralmente sul sito di Home Festival e che va rispettato per mantenere il diritto a rimanere all’interno del festival stesso ed usufruire dei relativi servizi. Sono norme basilari di convivenza che tutti dovranno rispettare, perché a casa ci si comporta bene!

 

I SERVIZI NELL’AREA E LE FAQ
In area è installato l’Info point, dove è possibile chiedere qualsiasi tipo di informazioni e dove sarà reperibile il magazine dell’Home Festival; questo è anche il punto di ritrovo degli oggetti smarriti. Tra i servizi presenti nell’area: cambio euro in token e rimborso, bancomat dove prelevare, punti di ricarica dello smartphone, armadietti guardaroba con lucchetto, fonti d’acqua fresca potabile e gratuita, assistenza sanitaria con un punto di primo soccorso dotato di ambulanze e personale specializzato, ampie zone attrezzate con toilette pratiche e igienizzate, test anonimi e gratuiti per il controllo dell’alcol, tabacchino, zone riservate alle persone portatrici di handicap. Nell’area sono infine presenti delle isole verdi per la sostenibilità, il riciclaggio e la raccolta differenziata. Per ogni dubbio sul sito internet è attiva una pagina dedicata alle domande più frequenti.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni