Home / Posts Tagged "studi"

“Per l’alta formazione universitaria oggi è un giorno storico, che Regione e Università hanno costruito in piena sinergia fin dall’inizio. Un nuovo tassello di quella Treviso che vogliamo sempre più ‘piccola Atene’, culla di saperi, arte, cultura, storia, tradizioni”.

Con queste parole, il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, ha salutato l’avvio del corso completo di Medicina e Chirurgia dell’Università di Padova, sede di Treviso.

 

La svolta, che a regime porterà almeno 360 studenti a frequentare la facoltà “trevigiana”, è stata celebrata oggi, nella sala riunione dell’Ospedale Ca’ Foncello, dove il Governatore, il Magnifico Rettore dell’Università di Padova, Rosario Rizzuto, il Sindaco di Treviso Mario Conte, il Direttore Generale dell’Ulss 2 Francesco Benazzi, e molti ragazzi con i clinici loro docenti a Treviso hanno simbolicamente dato il via al corso del primo anno, già full con 60 adesioni, che Zaia e Rizzuto non hanno escluso possano arrivare a 80 “perché – hanno detto in coro – già si guarda avanti”.

 

Le sale che verranno utilizzate per il corso di Laurea sono 4: una in Ospedale (Sala Piarda presso CRAL); due presso la sede dell’Ordine dei Medici; una presso l’Ex Distretto Militare di Treviso.

 

“Sono sedi già prestigiose, ma provvisorie – ha tenuto a sottolineare Zaia – perché sta per arrivare la nuova Cittadella Sanitaria di Treviso, un vero Policlinico con attività di cura e di formazione, che sarà anche la vera casa, il campus, delle attività del corso di Medicina e Chirurgia”.

 

Zaia e Rizzuto hanno quindi firmato la pergamena celebrativa dell’avvio dell’attività e si sono poi intrattenuti con gli studenti presenti, particolarmente motivati e soddisfatti della scelta fatta.

L’internazionalizzazione della formazione, in un mondo dove lavoro e impresa guardano sempre più oltre i propri confini, non è solo un’opzione ma diventa ormai quasi una necessità. Studiare all’estero per un anno alle superiori è molto più che imparare perfettamente una lingua straniera: è la chiave che apre a nuovi mondi, trasmette il valore di saper apprezzare e avere prospettive diverse, potenzia la sicurezza di sé e l’auto-consapevolezza, dando l’opportunità allo studente che lo sceglie di costruire le basi per il proprio futuro personale e professionale.

 

Una tendenza in crescita anche in Veneto

Una tendenza che sta iniziando a crescere anche in Veneto dove si registra un incremento degli studenti che scelgono di frequentare una scuola superiore estera per un trimestre, un semestre oppure un intero anno. Sono circa 400 i ragazzi di quarta superiore che in questi giorni iniziano l’anno fuori regione. Numeri in crescita rispetto allo scorso anno ma ben lontani da quelli di altre regioni del Nord Italia, come il Piemonte, da cui partono circa 900 studenti ogni anno e la Lombardia che registra quasi 1500 partenze.

 

Secondo i dati forniti da YouAbroad, da oltre 10 anni leader del settore in Italia con sedi in 5 diverse città tra cui Verona, che si conferma una delle provincie più reattive del Veneto a pari merito con Padova con quasi il 40% delle partenze, seguita da Vicenza e Treviso (con circa il 10% a pari merito). Partono più ragazze che ragazzi, è ben il 74% la quota rosa contro il 26% dei maschi. I ragazzi veneti che scelgono di prendere parte all’High School Program, un programma riconosciuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca della Repubblica Italiana, sono prevalentemente quelli iscritti ad un Liceo (Scientifico 37%, Linguistico 27%, Psicopedagogico 11%, Classico 7%, Artistico 5%), il 13% quelli provenienti invece da un Istituto Tecnico.

 

Mariasole Rampin. Da Padova al Missouri

“Sono sempre di più le famiglie che si rivolgono a noi per organizzare l’anno di studio all’estero dei propri figli – dichiara Patrizia Groppo CEO di YouAbroad. – “Una crescita che trova spiegazione nei successi personali e professionali dei ragazzi che negli anni hanno scelto questo percorso.

Un esempio, proprio in Veneto, è quello di Mariasole Rampin del Liceo Scientifico Curiel di Padova. Dopo aver frequentato la Chadwick High School in Missouri, USA, è stata scelta per la sua dedizione e per i suoi successi scolastici come rappresentate del Liceo americano al National Academy of Future Physicians and Medical Scientists di Boston, il convegno nazionale che riunisce i migliori studenti di tutti gli Stati Uniti interessati a proseguire gli studi in campo medico scientifico”.

 

 

Studiare all’estero per un anno. Ecco dove informarsi in Veneto:

Un investimento che cambia la vita: il programma di studi di YouAbroad offre decine di destinazioni tra cui scegliere (le più gettonate: USA, Canada, Australia, Nuova Zelanda, Sudafrica, Regno Unito, Germania, Spagna e Nord Europa), 6 lingue, oltre 500 prestigiose scuole e un network selezionato di partner internazionali altamente qualificati e certificati. L’appuntamento per informarsi e conoscere tutte le possibilità che offre un soggiorno studio all’estero sono gli InfoDay di YuoAbroad, qui il calendario degli incontri in Veneto:

16 settembre ore 19.30 – Treviso, Hotel Maggior Consiglio – Str. Terraglio, 140

17 settembre ore 19.30 – Padova, Hotel NH Padova – Via Niccolò Tommaseo, 61

18 settembre ore 19.30 – Vicenza, Hotel De La Ville – Viale Verona, 12

19 settembre ore 19.30 – Verona, Crowne Plaza Verona Fiera – Via Belgio, 16.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni