Home / Posts Tagged "scasso"

Continua con intensità l’attività di presidio del territorio da parte della Polizia locale nelle zone più sensibili della città, compresa Marghera. Sabato pomeriggio il dispositivo di sicurezza urbana, entrato in azione in abiti civili tra le via Rizzardi, Ulloa e limitrofe, e i piazzali Giovannacci e Sant’Antonio, ha intercettato, verso le 17.30, una coppia di etnia rom, una donna e un ragazzino che, nel percorrere via Rizzardi in direzione Mestre, concentravano l’attenzione su case e palazzi della zona, saggiando anche l’apertura di alcuni portoni.

 

I sospetti degli operatori di trovarsi dinanzi a topi d’appartamento sono stati corroborati dal fatto che i sospetti, al passaggio di una pattuglia della Guardia di Finanza, cambiavano subito direzione imboccando via Ulloa. A quel punto gli agenti di Polizia locale hanno deciso di intervenire bloccando i due e identificandoli.

 

La donna è risultata essere una 26enne di nazionalità croata, all’ottavo mese di gravidanza e con decine di precedenti specifici per furti in abitazione, mentre il ragazzino, suo fratello, di 11 anni, vanta anch’egli svariate denunce per furti in abitazione. Nessun dubbio sul fatto che entrambi stessero cercando di mettere a segno qualche colpo: la donna aveva con sé la classica plastica utilizzata per l’apertura delle porte d’ingresso degli appartamenti, mentre il ragazzino, incaricato della custodia degli strumenti di effrazione, custodiva 2 cacciaviti e una chiave inglese nello zaino.

 

Al termine degli accertamenti la 26enne è stata denunciata per possesso ingiustificato di strumenti da effrazione in concorso con il minore, non imputabile. Della sua situazione è stata informata l’Autorità giudiziaria minorile.

Ieri pomeriggio intorno alle 16.30, la Polizia locale ha tratto in arresto due giovani mestrini di 18 e 17 anni e ne ha denunciato un terzo di 14 anni, mentre tentavano di rubare un pattino elettrico che era stato assicurato a uno stallo per biciclette nella centralissima via Poerio.

 

I tre giovanissimi risulterebbero essere elementi della baby gang al centro di alcuni episodi di cronaca, anche recenti. A notarli e ad avvisare la centrale operativa della Polizia locale è stato un gruppo di coetanei a loro volta minacciati dai tre ladruncoli che, senza alcun timore di essere in pieno giorno e nel cuore della città, stavano tentando di scassinare il lucchetto del pattino elettrico con il cavalletto di una bicicletta.

 

 

Giunte sul posto in pochi minuti, tre pattuglie della sezione di Sicurezza urbana della Polizia locale hanno accerchiato i giovani sorprendendoli mentre ancora cercavano di tagliare il lucchetto del monopattino. Per due di loro, il maggiorenne di 18 anni e il 17enne, è scattato l’arresto in flagrante per il reato di tentato furto pluriaggravato. Il terzo componente della banda, di 14 anni, è stato invece denunciato alla Procura dei Minori. I tre giovani erano già noti alle forze dell’ordine per precedenti episodi legati a reati contro il patrimonio.

 

 

Quello di ieri è il secondo intervento di rilievo in pochi giorni degli agenti della sezione Sicurezza urbana della Polizia locale, che la settimana scorsa sono intervenuti per bloccare uno sfregiatore armato di coltello davanti alla mensa dei senzatetto di via Querini.

Ancora un risultato significativo nell’ambito dell’operazione “Rione sicuro”, posta in atto, a Mestre, dalla Polizia locale.

 

Nel pomeriggio di martedì sono state deferite all’autorità giudiziaria due rom croate: una ventinovenne (con un lungo elenco di precedenti di polizia per rapina, rapina impropria, furti e furti aggravati) e una ragazzina di 15 anni, con l’accusa di di possesso di strumenti da effrazione.

 

Le due giovani sono state fermate, dopo un lungo pedinamento, nella zona di via Piave. Avevano con sé un vero e proprio kit da scasso: un robusto cacciavite, una chiave inglese variabile ed un pezzo di plastica per l’apertura delle serrature.

 

Le donne erano tra l’altro riuscite, poco prima, a farsi invitare da un anziano, ignaro del pericolo a cui andava incontro, nella sua abitazione.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni