Home / Posts Tagged "risparmio"

Con la prima biglietteria unica dematerializzata in Europa niente più code alle casse e viabilità più fluida

 

Oltre 20 milioni di turisti ogni anno. Un impatto troppo alto per la città di Venezia dove le code affollano i punti nevralgici e complicano la viabilità lungo le calli ed in prossimità delle principali biglietterie, per esempio quelle del trasporto pubblico.

 

Come collaborare a risolvere il problema? Una soluzione arriva dalla piattaforma MyPass, la prima biglietteria unica virtuale in Europa che ha scelto Venezia come città pilota di un progetto che presto coinvolgerà anche altre città italiane ed europee.

Parola d’ordine dematerializzazione. Grazie a MyPass tutti coloro che devono acquistare un biglietto a Venezia si trovano davanti alla possibilità di acquistarlo direttamente dal cellulare, saltando la coda ed evitando lunghe file alle biglietterie: musei, parcheggi, trasporto pubblico, tutto è a portata di click, per i residenti e per i turisti.
Scaricando l’App gratuita MyPass Venezia, disponibile su IOS e Android, da oggi ogni utente può accedere ad un’offerta multiservizi ricchissima. Dalla Biennale al Guggenheim, dal parcheggio dell’aeroporto Marco Polo a quello di Piazzale Roma, dalla Scuola Grande di San Rocco al trasporto pubblico… ogni biglietto è acquistabile on time o prenotando nelle date desiderate.

 

La App, disponibile in multilingua, è attiva da dicembre 2019 e negli ultimi mesi è cresciuta moltissimo: oltre 2000 download solo nell’ultima settimana e migliaia di biglietti acquistati inApp confermano che MyPass Venezia può realmente migliorare l’esperienza del visitatore e la vita della città, permettendo di eliminare fastidiose code e congestioni.

 

E’ la prima volta in Italia che un’unica App permette, con estrema semplicità e comodità, di prenotare e pagare un posto auto, i biglietti dei traghetti, dei musei e di tanti altri servizi, alle tariffe ufficiali o con minime commissioni di vendita. Il biglietto elettronico è memorizzato nell’App pronto per essere utilizzato per l’accesso diretto e può essere conservato, così da permettere all’utente un veloce riepilogo dei servizi fruiti e un controllo spese.

 

Il pagamento avviene in modo semplice, abbinando a sistema una qualsiasi carta di credito o prepagata ed è rapido e sicuro grazie al gateway Banca Sella, partner di MyPass.
In sintesi, l’App gestisce le tariffe delle diverse biglietterie configurandosi come un’unica biglietteria virtuale della città. Non solo: un po’ come un cittadino del posto MyPass suggerisce anche eventi, spettacoli e attrazioni fuori dalle solite rotte.

 

“La visione che ci anima – dice Guya Paganini, Ceo e Fondatore di MyPass – è quella di permettere al turista di organizzare al meglio il proprio tempo, portando con sè il ricordo di una visita, senza stress, alle infinite proposte di arte, architettura e musica di questa straordinaria città. Nello stesso tempo la nostra attenzione è rivolta anche alle strutture che oggi devono gestire flussi convulsi, disordinati e spesso critici di visitatori.

 

La nostra ambizione è nel motto che ci ispira: Empower every tourist, care for the city. Siamo molto fiduciosi che questa visione possa regalarci grandi soddisfazioni: ci hanno dato fiducia il parcheggio Marco Polo dell’Aeroporto, dove abbiamo brevettato una soluzione di accesso via BLE innovativa, poi la Collezione Peggy Guggenheim, Casa Tre Oci, la Scuola Grande di San Rocco, Vela – Venezia Unica e La Biennale 2019, per cui siamo felici ed orgogliosi di offrire ai numerosissimi visitatori attesi per la 58°edizione il nostro sistema unico di accesso alle varie sedi espositive”.

 

I principali plus di MyPass Venezia sono:

DEMATERIALIZZAZIONE. Niente più biglietti, tutto è a portata di smartphone.
MULTICANALITA’. Collegandosi all’App si possono acquistare biglietti, parcheggi, ticket per il servizio pubblico.
RISPARMIO. Acquistando tramite l’App non ci sono costi aggiuntivi e si può fruire di biglietti ridotti in molte strutture
VELOCITÀ. Tutti i servizi sono prenotabili o acquistabili on time, consentendo di saltare le lunghe code in biglietteria.

www.mypass.cc/venezia/

«Oggi abbiamo ottenuto dalla commissaria Vestager le rassicurazioni sperate; a Bruxelles si sta lavorando per consentire ai risparmiatori truffati di ottenere un risarcimento veloce e senza obbligo di fornire ulteriori prove. Sarebbe un grande risultato a favore dei tanti nostri concittadini che hanno perso i loro risparmi». Lo affermano i due deputati europei David Borrelli (Gruppo misto) e Isabella De Monte (S&D), che oggi al Parlamento europeo a Strasburgo hanno incontrato la commissaria europea alla Concorrenza Margrethe Vestager in merito alla questione aperta delle banche venete, del risparmio tradito e del Fondo di indennizzo ai risparmiatori.

 

La situazione

«Abbiamo illustrato a fondo la questione alla commissaria europea partendo innanzitutto dai drammatici aspetti sociali che questa amara vicenda porta con sé, ricordando che nella maggior parte dei casi le vittime non sono certamente degli speculatori; ma cittadini che si sono fidati di quelli che per anni erano stati i loro bancari di fiducia. Tra di loro ci sono persone che hanno perso tutto, inclusi molti anziani, oggi in grande difficoltà, che non hanno tempo da perdere».

 

Le risposte di Vestager

«Da parte di Margrethe Vestager abbiamo ricevuto massima attenzione e disponibilità, oltre alla rassicurazione che a Bruxelles si sta lavorando in modo concreto. La commissaria ci ha spiegato che sta predisponendo uno schema che consenta a specifiche fasce di risparmiatori di ottenere un risarcimento veloce basato su un automatismo; quindi senza obbligo di fornire le prove dell’avvenuta truffa. Tali fasce includono le persone fisiche e le microimprese, non gli investitori professionali».

 

Le richieste

«Abbiamo ribadito l’importanza di accelerare e procedere rapidamente per dare risposta alle tante persone che si battono e attendono giustizia da anni. Abbiamo inoltre chiesto alla commissaria che vengano adottate forme di rimborso semplificate; poiché alcuni risparmiatori non sono più in possesso di tutta la documentazione bancaria, tantomeno sono nelle condizioni di poterla richiedere ora agli istituti di credito falliti. È una vicenda sulla quale il trattamento non può essere iniquo. L’incontro si è concluso con l’impegno reciproco a rimanere in stretto contatto su questa vicenda».

Stasera alle ore 20.30, si spegneranno le luci per un’ora in molte piazze, strade e monumenti simbolo del Pianeta, rispondendo all’invito di “Earth Hour 2018 – l’Ora della Terra”, la grande mobilitazione globale organizzata dal WWF per promuovere il risparmio energetico e contrastare i cambiamenti climatici.

 

Anche la Città di Venezia aderisce all’evento, patrocinato quest’anno dall’Assessorato all’Ambiente, proponendo alcune iniziative.

Alle 19.30 partirà da Piazzale Roma e da Sant’Elena verso Piazza San Marco una passeggiata nordica aperta a tutti. L’arrivo dei partecipanti è previsto per le ore 20.15 nei pressi del Caffè Lavena.

 

Alle 20.30 si spegneranno le luci di Piazza San Marco e degli esercizi commerciali aderenti all’iniziativa mentre verranno accesi dei piccoli lumini che brilleranno nel buio disegnando il logo dell’evento. Un gesto simbolico per sensibilizzare persone e istituzioni al consumo energetico consapevole e contribuire alla costruzione di un futuro sostenibile.

Alla manifestazione collaborano l’associazione Piazza San Marco e l’associazione Nordic Walking Italy.

 

“Iniziative come questa – ha commentato l’assessore all’Ambiente, Massimiliano De Martin – sono occasioni preziose che ci invitano a non dare per scontato lo splendido Pianeta in cui viviamo. Insieme, siamo chiamati a tutelarlo e a custodirlo, anche attraverso piccole scelte quotidiane e consapevoli, perché possano continuare a goderne anche le generazioni future. Domani – ha aggiunto De Martin – spegneremo per una notte anche il faro Ramses II di Porto Marghera”.

 

Per saperne di più visita le pagine di Earth Hour e l’Ora della terra.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni