Home / Posts Tagged "raccolta porta a porta"

È partito questa mattina anche a Burano e a Mazzorbo il nuovo sistema di raccolta dei rifiuti porta a porta; questo interesserà le 2006 utenze delle isole, con 15 netturbini impiegati a coppie. Dalle otto gli ispettori Veritas erano già per le calli e campielli a informare i cittadini e a rassicurare l’utenza sulle corrette modalità di conferimento dei rifiuti.

 

Per avere il polso della situazione e verificare direttamente come andassero le prime ore di avvio della nuova modalità di conferimento; anche la consigliera comunale Francesca Rogliani insieme al Direttore per i servizi ambientali di Veritas, Federico Adolfo, si sono recati a Burano in sopralluogo.

 

Un’attività particolarmente importante considerate alcune resistenze della popolazione. “Siamo tutte persone educate, mettiamo il doppio sacchetto ai rifiuti – erano i commenti tra gli abitanti apparsi sull’uscio di casa alla vista dei netturbini. Teniamo ‘nette’ anche le strade. Prima puliamo fuori e poi in casa”.

 

 

L’iniziativa

“Quella di Burano è una realtà molto particolare – ha spiegato infatti Federico Adolfo – basta camminare per le calli per vedere quanto gli abitanti tengano alla cura e al decoro della loro isola e contribuiscano attivamente a tenerla pulita. Sono cittadini virtuosi ed era dal ’93 che si mettevano i rifiuti in strada o appesi ai ganci delle porte. Credo tuttavia che non ci sia motivo per cui il sistema non debba funzionare.

 

La nuova modalità di raccolta dei rifiuti, introdotta in tutto il centro storico di Venezia (Dorsoduro, San Polo, Santa Croce, San Marco, Cannaregio, Castello) e alla Giudecca ha portato risultati molto importanti nell’aumento della raccolta differenziata + 7%, nella diminuzione degli interventi di derattizzazione (-30%) e nella riduzione della presenza di gabbiani (ne sono rimaste 456 coppie delle 2000 presenti in passato).

 

 

La situazione

Va tuttavia considerato che a Burano la maggior parte delle case sta al piano terra, che le abitazioni sono piccole, non ci sono scale o sottoscala e le persone non hanno altri spazi per tenere i rifiuti se non la propria casa. Proprio per questo, con le valutazioni e i risultati dei prossimi giorni, potremo considerare eventuali azioni migliorative”.

 

Anche la consigliera Francesca Rogliani, che si è soffermata ad ascoltare le istanze dei cittadini, ha garantito un impegno dell’Amministrazione a monitorare il sistema di raccolta per ridurre al minimo il disagio ai cittadini. Quello che è certo è che non verrà tollerato l’abbandono di rifiuti per strada a disposizione di topi e gabbiani. Dopo un periodo iniziale di tolleranza, scatteranno le multe per chi non rispetta le nuove regole. Le sanzioni partiranno da 167 euro.

 

 

Il primo giorno

Già dal primo giorno di avvio il nuovo sistema sembra comunque ben assimilato dai buranelli. Molti hanno portato personalmente i rifiuti nei punti di raccolta in Fondamenta Santa Caterina, in Fondamenta dei Squeri e in Fondamenta Pizzo (all’incrocio con rio terà Pizzo) dove le barche – lo ricordiamo – stazioneranno da lunedì a sabato, dalle 6.30 alle 8.30, secondo il seguente calendario: lunedì, mercoledì, venerdì cartone e Tetrapak; martedì, giovedì e sabato vetro, plastica, lattine e metalli; dal lunedì al sabato rifiuto residuo.

 

Altri cittadini hanno invece aspettato che il netturbino suonasse alla porta di casa tra le 8.30 e le 12 e ritirasse i sacchetti con il rifiuto residuo e la differenziata del giorno. I rifiuti sono quindi stati caricati su motochiatta con compattatore, portati a Sacca Fisola e poi a Fusina pronti per essere smistati.

 

 

Prossimi obiettivi

Il prossimo obiettivo sarà l’estensione del nuovo sistema di raccolta anche nell’isola di Murano a partire dal 7 maggio. Dopodiché il traguardo successivo sarà la raccolta differenziata del rifiuto umido. “Un progetto che richiede sforzi organizzativi notevoli – commenta Adolfo – ma che una città come Venezia merita”.

Ha preso il via questa mattina anche a Castello la raccolta dei rifiuti porta a porta. Dopo Dorsoduro, San Polo, Santa Croce, San Marco e Cannaregio la nuova modalità di raccolta dei rifiuti è partita in un altro dei sestieri più popolati della città.

 

L’assessore all’Ambiente Massimiliano De Martin, insieme ai consiglieri Francesca Rogliani, Maurizio Crovato, Paolo Pellegrini, ha effettuato un sopralluogo nella mattinata nei Campi Santi Giovanni e Paolo, Santa Maria Formosa e zone limitrofe per monitorare personalmente i primi passi del nuovo sistema, le reazioni dei cittadini, l’attività degli operatori. Presenti anche una decina di ispettori ambientali per fornire informazioni sulle corrette modalità di conferimento dei rifiuti.

 

“Le persone hanno risposto in modo corretto, puntuale e preciso, – ha commentato l’assessore De Martin – anche se molti operatori commerciali hanno conferito in modo corretto la loro spazzatura, durante il sopralluogo abbiamo visto che qualcosa bisogna ancora fare per coloro che ancora lasciano i sacchi fuori dall’attività e soprattutto non attuano la raccolta differenziata. Spero che l’attività degli ispettori nei prossimi giorni porti a sensibilizzare sia gli esercenti sia i cittadini che non hanno capito la metodologia, ma sono convito che anche questa parte della città risponderà benissimo, così come hanno fatto gli altri sestieri”.

 

I cittadini dovranno portare i sacchetti con il rifiuto residuo e la differenziata del giorno nei punti di raccolta da lu­nedì a sabato, dalle 6.30 alle 8.30, secondo il calendario predefinito: lunedì, mercoledì, venerdì cartone e tetrapak; martedì, giovedì e sabato plastica, lattine e metalli; dal lunedì al sabato rifiuto residuo. In alternativa, potranno attendere che il netturbino suoni il campanello, tra le 8.30 e le 12 circa. Le barche di Veritas dove i cittadini di Castello potranno personalmente portare i rifiuti stazioneranno tra le 6.30 e le 8.30 nei 13 punti di raccolta predisposti: Rio di San Zulian (ponte della Malvasia), Campo San Giovanni e Paolo, Campo Santa Maria Formosa, Riva degli Schiavoni (fronte calle delle Rasse), Riva degli Schiavoni (altezza ponte della Pietà), Campo San Lorenzo, Campo Sant’Antonin, Rio della Ca’ di Dio (altezza calle delle Docce), Campo Santa Ternita, Fondamenta della Tana (altezza scuola Calvi), Fondamenta Sant’Isepo, Ponte Paludo (lato Sant’Elena), Rio dei Giardini (altezza calle Marafoni). Dopo un periodo iniziale di tolleranza di circa 10 – 15 giorni, scatteranno le multe per chi non rispetta le nuove regole. Le sanzioni per chi abbandona i rifiuti in strada partono da 167 euro.

 

Intanto continua a essere scaricata la nuova app “Scoasse”, l’applicazione, disponibile per IOS e Android, che propone due ‘percorsi’ differenziati, uno per i residenti (in italiano) e l’altro per gli ospiti (in inglese), e consente, una volta geolocalizzata la posizione dell’utente, di visualizzare immediatamente sulla mappa della città la posizione e gli orari dei 53 punti di raccolta dei rifiuti, di quelli di distribuzione dei sacchetti di carta per la differenziata e per la raccolta dell’olio da cucina usato, gli ecocentri, la fontane e i bagni pubblici. Tra i servizi offerti anche il calcolo del percorso per raggiungere la meta desiderata, una guida alla differenziata per imparare a smaltire i rifiuti in modo corretto, una mappa dei punti di raccolta sestiere per sestiere e un’opzione “Notifiche” che ricorda i giorni e gli orari per il conferimento ottimale.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni