Home / Posts Tagged "lupi"

Zanoni (PD), Guarda (AMP), Bartelle (M5S): “Lupi, esiste una soluzione a costo zero: nelle zone dove è presente, vietiamo la caccia alle specie oggetto di predazione”

 

“Sarà forse il caldo e le difficoltà nel prendere sonno, ma in questi giorni sul tema dei lupi se ne sentono di tutti i colori: liberalizzare la caccia, derogare alla tutela prevista dalla Direttiva Habitat, usare i proiettili di gomma, mettere i lupi in dei recinti, sterilizzarli, dotarli di radiocollari. Nel frattempo però le predazioni agli animali delle malghe continuano. Nessuno, tuttavia, ha preso in considerazione un sistema infallibile e a costo zero: vietare la caccia alle specie di animali selvatici oggetto di predazione come cervi, caprioli, mufloni e altro ancora”. A dirlo sono i consiglieri dell’Intergruppo per il benessere e la tutela degli animali e della natura Andrea Zanoni (PD), Cristina Guarda (Lista AMP) e Patrizia Bartelle (M5S) intervenendo nel dibattito sulle ‘misure di contenimento’ dei grandi predatori.

 

“Così facendo consentiremmo la convivenza del lupo, degli animali da allevamento e del turismo escursionista. Il lupo avrebbe a disposizione le prede naturali senza attaccare gli allevamenti e farebbe un’opera di selezione della specie predando i cuccioli meno forti, i soggetti più anziani o ammalati, aumentando contemporaneamente la potenzialità genetica delle specie predate irrobustendole. Oggi invece avviene il contrario, l’uomo attraverso la caccia abbatte i soggetti più belli anche per puro piacere o divertimento. Pensiamo per esempio ai concorsi del miglior trofeo dove il punteggio va dato agli animali con palco (ovvero le corna) più grande, a più punte o più sviluppato: uno studio Usa-canadese ha dimostrato che con il tempo le popolazioni di animali diminuiscono di taglia”.

 

“Perciò, anziché proporre soluzioni tanto fantasiose quanto inutili o addirittura dannose, senza perdere altro tempo si continui con le buone pratiche come la formazione dei cani pastori e sull’uso dei recinti elettrici e, contemporaneamente, si vieti di sparare agli animali selvatici nelle zone dove è presente il lupo. I cacciatori, visto che si sono mostrano particolarmente sensibili a questo problema diano così il loro contributo”.

POST TAGS:

La Regione Veneto ha inviato i propri tecnici a Gallio, sull’altopiano di Asiago, in sopralluogo all’allevamento preso di mira martedì scorso dall’assalto dei lupi, per verificare modalità della predazione e quantificare il danno subito

 

“Purtroppo l’allevatore dell’altopiano non aveva adottato le misure di prevenzione suggerite e finanziate dalla Regione – dichiara l’assessore, dopo aver preso visione della relazione tecnica e delle foto scattate – Il recinto in questione non era elettrificato, come quelli forniti dalla Regione, ma solo una rete di contenimento fatta con materiali non specifici, peraltro non allestita correttamente, viste le falle che hanno offerto un facile varco al passaggio del lupo. Anziché proteggere il gregge dal lupo, si è rivelata una gabbia mortale per le sue prede”.

 

 

“Capisco la paura, lo sconforto e la rabbia degli allevatori e dei malgari di fronte alle pecore sgozzate, ma ancora una volta – sottolinea l’assessore – devo rilevare l’incauto comportamento di chi non ha adottato le più elementari regole di prevenzione, né ha ritenuto opportuno chiedere di avvalersi dei nostri dispositivi, cioè recinti elettrificati e correttamente posizionati e cani da guardanìa”.

 

 

 

 

 

“Ricordo che il lupo è una specie protetta, tutelato allo stato attuale dalla legislazione nazionale ed europea – conclude l’assessore – In attesa che si costituisca il nuovo governo, al quale chiederemo di rivedere il piano nazionale di protezione del predatore almeno per le aree montane storicamente vocate alla pastorizia e all’allevamento, non resta che adottare le opportune misure di prevenzione. Misure che hanno dimostrato, là dove correttamente applicate, di essere un efficace deterrente di attacchi e predazioni”.

 

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni