Home / Posts Tagged "leggere"

“Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni”, così pensava lo scrittore e filosofo Umberto Eco spiegando che la lettura è una sorta di immortalità all’indietro. E come dargli torto? Per molti, infatti, leggere un libro significa viaggiare con la mente ed esplorare epoche e luoghi sconosciuti.

 

Così la vede anche Holidu, il motore di ricerca per case vacanza, che ha deciso di stilare una classifica delle città più popolari nei libri, per viaggiare anche dal divano di casa! La classifica è stata stilata utilizzando le risorse di Google Books, che da più di 15 anni ha iniziato l’ambizioso progetto di “digitalizzazione della conoscenza umana”, presentato per la prima volta alla fiera del libro di Francoforte nel 2004.

 

Dai dati presenti su Google, emerge che nel corpus di testi in lingua italiana, più di 19mila testi sono stati pubblicati, scannerizzati e catalogati nello scorso anno! In questo fiume di parole, anche le nostre amate città italiane sono presenti, tra vicoli, quartieri e particolarità, che appartengono solo a certi luoghi. Ma quali sono le più popolari nei libri? Ecco la classifica!

 

 

1. Roma – 270.209 citazioni

“Il quartiere Trieste di Roma è, si può ben dire, un centro di questa storia dai molti altri centri. […] Del resto, la migliore descrizione che si può dare di qualunque posto è raccontare cosa vi succede, e qui sta per succedere qualcosa di importante.” – S. Veronesi, Il Colibrì

 

Il primo posto se lo aggiudica la capitale e non poteva essere altrimenti, Google stima infatti che proprio la città eterna sia la più citata tra le italiane in classifica, ben 270.209 volte! Qui diversi autori hanno ambientato il proprio romanzo, dai più classici, come Il Piacere di Gabriele D’annunzio, o il thriller contemporaneo Angeli e Demoni dello statunitense Dan Brown, fino a romanzi storici che narrano di una Roma lontana, come L’ultima legione di Valerio Massimo Manfredi. La capitale fa da protagonista di questi libri o da silente osservatrice delle vicende narrate, come accade ad esempio nell’ultimo romanzo di Alessandro Veronesi, Il colibrì, vincitore del Premio Strega 2020. Ognuno di questi libri racchiude un’idea o una sfaccettatura diversa di Roma e leggendoli, sarà possibile immergersi almeno un pochino nella sua storia! A Roma sarà tra l’altro possibile partecipare a numerosi eventi nel mese di ottobre, di persona o virtuali, dedicati ai libri, tra questi InQuiete, festival di scrittrici, che si svolgerà dal 24 al 25 ottobre e si concentrerà sul ruolo delle donne, e Librinfestival, kermesse letteraria con tanti eventi in programma e con cadenza annuale, nella quale vengono premiati anche scrittori e scrittrici.

 

 

2. Milano – 250.831 citazioni

“Era una delle tante giornate grigie di Milano però senza la pioggia, con quel cielo incomprensibile che non si capiva se fossero nubi o soltanto nebbia al di là della quale il sole, forse” – D. Buzzati, Un Amore

 

Al secondo posto troviamo Milano, con le sue vetrine chic e le guglie appuntite del suo Duomo. Qui la letteratura ha qualcosa di magico, tant’è che la capitale della moda è stata citata più di 250mila volta nei libri pubblicati l’anno scorso. Alcuni scrittori hanno fatto di Milano, lo scenario ideale per thriller mozzafiato, come Giorgio Scerbanenco e i suoi gialli della Quadrilogia di Duca Lamberti, o la scrittrice e poetessa Alda Merini e le sue poesie scritte dal Navigli sua amata città. Anche scrittori contemporanei hanno ambientato le peripezie dei propri personaggi a Milano, come Fabio Volo in E’ una vita che ti aspetto, anche se la citazione più importante, la città l’ha forse avuta proprio da Alessandro Manzoni nel celebre romanzo I Promessi Sposi. Questa città frenetica offre, inoltre, molti incontri per gli amanti della letteratura; nel mese di ottobre si celebra, infatti, il Festival delle lettere, dedicato alla scrittura epistolare e il Noir in festival, tra novembre e dicembre, dedicato al mondo del cinema e della letteratura del giallo e del mistero.

 

 

3. Torino – 103.443 citazioni

“Ah, io ricordo un tramonto, a Torino, nei primi mesi di quella mia nuova vita, sul Lungo Po, presso al ponte che ritiene per una pescaja l’impeto delle acque che vi fremono irose: l’aria era d’una trasparenza meravigliosa” – G. Pirandello, Il Fu Mattia Pascal

 

Al terzo posto troviamo Torino, città dal cuore forte e dallo spirito battagliero, menzionata più di 103mila volta nello scorso anno tra le pagine dei libri pubblicati in Italia. Qui più di uno scrittore ha trovato ispirazione, ambientando le vicende dei propri personaggi nei suoi meandri. Non solo Pirandello, con il suo Fu Mattia Pascal, ma anche Edmondo De Amicis con il suo capolavoro per ragazzi Cuore hanno trovato in questa città il set perfetto per le loro storie. Un altro successo recente è sicuramente il romanzo di Paolo Giordano, il più giovane vincitore del Premio Strega nel 2008 con La Solitudine dei numeri primi. Torino non solo è partecipe delle vicende narrate in questi e altri libri, ma è anche una città letteraria ed è possibile partecipare a diversi eventi che si svolgono annualmente. Tra questi ad esempio il Festival del Classico, che si svolge tra fine novembre e inizio dicembre, e Portici di carta, manifestazione di rilievo che quest’anno verrà annullata, pur restando un’installazione dedicata allo scrittore Luis Sepulveda.

 

 

4. Napoli – 78.288 citazioni

“Mi immaginavo che si rifugiasse in biblioteca […] o che vagasse per Napoli, facendo caso a ogni palazzo, a ogni chiesa, a ogni monumento, a ogni lapide. O che mescolasse le due cose: prima esplorava la città, poi frugava nei libri per informarsi.” – E. Ferrante, Storie della bambina perduta

 

Al quarto posto si trova la capitale partenopea, Napoli, che con il suo stile inconfondibile e folklore autentico si aggiudica più di 78mila citazioni letterarie nel 2019. La città è stata scelta da diversi scrittori nel tempo per i propri protagonisti, tanto da meritarsi un posto vicinissimo al podio. Una scrittrice che ha fatto delle strade di Napoli gli scenari perfetti della sua serie di romanzi è sicuramente Elena Ferrante, con la quadrilogia de L’amica geniale, a cui è stata ispirata anche una serie tv prodotta da HBO. Un altro classico è Così parlò Bellavista di Luciano De Crescenzo, nel quale Napoli fuoriesce con tutte le sue contraddizioni. Questa bellissima città è anche il luogo perfetto per gli amanti della cultura, non solo per la sua storia, ma anche grazie a festival dedicati ai lettori, tra questi ad esempio LectorInFabula, con più di 100 eventi pianificati sia dal vivo che in streaming.

 

 

5. Firenze – 66.749 menzioni

“Se sai dove guardare, Firenze è il paradiso.” – D. Brown, Inferno

 

Al quinto posto si trova Firenze, una città che non ha eguali a livello di cultura e arte e, anche per quanto riguarda la letteratura, non è certamente seconda a nessuna. Di questa città, infatti, Google ci dice che è stata citata quasi 67mila volte e sarà anche grazie ai suoi grandi scrittori del passato, Dante Alighieri, Boccaccio, Petrarca o Machiavelli, che anche quest’anno ha trovato un posto d’onore in classifica. Uno dei romanzi più avvincenti, che parte proprio da Firenze, è sicuramente il thriller La casa delle Voci di Donato Carrisi, o Inferno di Dan Brown, il quarto libro che segue le vicende del protagonista Robert Langdon. Generalmente Firenze ospita anche fiere e festival letterari, tra questi ad esempio è molto amato La città dei lettori, oppure attività organizzate da caffè letterari come Le Murate, dove si svolgono eventi tutto l’anno.

 

 

6. Bologna – 56.262 menzioni

“Quella che lei chiama Bologna, è un cosa grande, che va da Parma fino a Cattolica […] dove davvero la gente vive a Modena, lavora a Bologna e la sera va a ballare a Rimini […] è una strana metropoli.” – C. Lucarelli, Nuovi misteri d’Italia

 

Al sesto posto si trova il capoluogo emiliano romagnolo, città universitaria già celebrata da diversi cantautori della zona, apprezzata moltissimo anche in ambito letterario, tant’è che è stata menzionata più di 56mila volte lo scorso anno nei libri. Bologna ha davvero tutto ciò che si possa desiderare, buon cibo, bellissimi portici e una sensazione di familiarità, che travolge chiunque la visiti. Qui diversi scrittori hanno deciso di ambientare i propri romanzi, basti pensare ai gialli di Carlo Lucarelli, come Almost Blue, o un thriller dal carattere internazionale come Il broker di John Grisham. A Bologna ci si potrà far trasportare dalla lettura nelle bellissime biblioteche della città come la Salaborsa o l’Archiginnasio, nelle quali durante tutto l’anno vengono organizzati diversi eventi letterari per tutti gli amanti dei libri e della città!

 

 

7. Venezia – 49.773 citazioni

“Ti viene spontaneo toccarla. La sfiori, l’accarezzi, le dai buffetti, la pizzichi, la palpi. Metti le mani addosso a Venezia. Ti appoggi sui parapetti dei ponti. Le balaustre del ponte di Rialto sono state lucidate da milioni di mani.” – T. Scarpa, Venezia è un pesce

 

Solamente al settimo posto troviamo Venezia, forse una delle città più visitate e amate al mondo, che però non riesce ad aggiudicarsi il podio con le sue seppur numerosissime 49.773 citazioni nei libri pubblicati nel 2019. Diversi scrittori hanno ambientato le proprie vicende tra i famosissimi canali della città e hanno trovato un velo misterioso tutto da raccontare, come ad esempio Paolo Malaguti con il suo Ultimo carnevale a Venezia o Tiziano Scarpa con i suoi romanzi ambientati in città, tra questi Venezia è un pesce e Stabat Mater, che gli è valso il Premio Strega nel 2008. Il capoluogo veneto offre anche numerose attività letterarie, tra cui Il maggio dei libri con eventi, che sono stati prorogati fino a fine ottobre a causa della pandemia.

 

 

8. Padova – 30.910 citazioni

“Me ne innamorai talmente, che pensare di sposarci e farlo per davvero fu un tutt’uno. Anna Laura fu la mia damigella d’onore e la signora Ida mi confezionò un abito che fece parlare tutta Padova per mesi.” – G. Zucca, Assassinio all’Ikea

 

All’ottavo posto si trova la città veneta di Padova, con quasi 31mila citazioni nei libri pubblicati nel 2019. Qui diversi scrittori hanno trovato ispirazione, tra il Caffè Pedrocchi e la Cappella degli Scrovegni e i bellissimi scorci, che solo questa città sa regalare. Tra i vari scrittori, da citare spunta sicuramente la filosofa e scrittrice Giovanna Zucca, con i suoi thriller “parodia” improbabili, come Assassinio all’Ikea e Turno di notte. O la fumettista e scrittrice Paola Barbato, nello staff dei creatori di Dylan Dog, con il giallo Il filo rosso. Anche Padova organizza diversi eventi per gli amanti della lettura, tra questi La fiera delle parole, che si svolgerà per la prima volta online e ai cui eventi sarà possibile partecipare tramite Facebook e YouTube.

 

 

9. Bari – 26.394 citazioni

“E tutto si era svolto in quella trama di strade squadrate e regolari nelle quali, in certi pomeriggi deserti d’estate, quando c’era il maestrale, e l’aria era nitida, ogni angolo sembrava il punto di fuga verso un infinito pieno di promesse.” – G. Carofiglio, Né qui né altrove. Una notte a Bari

 

Il penultimo posto se lo aggiudica il capoluogo pugliese, con più di 26mila citazioni nei libri pubblicati nel 2019. Qui diversi scrittori si sono lasciati trasportare dalle onde del mare e dalla meraviglia architettonica di castelli e piazze di un altro tempo. Uno tra questi è Gianrico Carofiglio, ex magistrato e scrittore italiano, che ha scelto Bari più di una volta per ambientare le vicende dei suoi personaggi, ad esempio in Né qui né altrove. Una notte a Bari o nel giallo La misura del tempo, parte di una quadrilogia di successo, che segue i casi dell’avvocato Guerrieri. Anche la città di Bari ospita diverse manifestazioni e festival dedicati alla scrittura e alla lettura, uno di questi, che sarebbe dovuto svolgersi ad ottobre, è il Libri & Voci festival, che è stato rimandato all’anno prossimo.

 

 

10. Palermo – 25.518 citazioni

“E questa è la prima lezione che Ignazio impara: a Palermo, mezza frase può valere più di un discorso intero.” – S. Auci, I leoni di Sicilia

 

Chiude la classifica il capoluogo siciliano con più di 25.500 citazioni nei libri dell’anno scorso. Qui la letteratura si intreccia alla storia della città e al suo ricco patrimonio architettonico e artistico, ecco perché molti scrittori hanno deciso di ambientare i propri romanzi a Palermo. A partire da un classico come Il Gattopardo di Tomasi da Lampedusa, fino ad anni più recenti, che vedono la città protagonista in Ciò che inferno non è di Alessandro D’Avenia e ne I leoni di Sicilia di Stefania Auci, nel quale si seguono le vicende della famiglia Florio, trasferitasi dalla Calabria alla Sicilia, a cui è stata ispirata anche una serie tv. A Palermo vengono anche organizzati eventi letterari tra cui la fiera del libro di Capaci e Una marina di libri, entrambi hanno luogo nel mese di settembre.

Dopo la fortunata esperienza dello scorso anno con “Il Veneto Legge”, l’assessorato alla Cultura di Casale sul Sile promuove una nuova maratona di lettura nella giornata di venerdì 24 maggio (dalle 16.15 alle 17.30), in occasione della campagna nazionale di promozione della lettura “Il Maggio dei Libri.

 

Nel parco della scuola di Casale sul Sile, i volontari leggeranno dei passaggi in lingua araba e italiana tratti dal libro La zuppiera di Marzouk. Con l’occasione, la nuova mascotte della nostra biblioteca fa la sua prima apparizione ufficiale nel volantino dell’evento (in foto): il suo nome è Riccio Bembo ed è stato ideato e creato dalla nuova volontaria del servizio civile, Arianna Cicciò.

 

In caso di maltempo, l’evento sarà rinviato a data da destinarsi.

 

Oltre 700 ragazzi di tutte le scuole moglianesi saranno i “maratoneti della lettura”, 26 i circuiti, con 78 tappe, attraverso i quali i giovani lettori saranno attori-protagonisti delle letture ad alta voce sul tema “Leggere il paesaggio”

 

Sono oltre 700 i ragazzi delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado moglianesi che la mattina di venerdì 28 settembre, attraverso 26 circuiti itineranti – ciascuno costituito da 3 tappe di lettura della durata di circa mezz’ora – “invaderanno” uffici e spazi pubblici cittadini, diffondendo nei vari luoghi la lettura ad alta voce. Non passeranno inosservati questi studenti protagonisti dell’iniziativa poiché indosseranno tutti le pettorine del “maratoneta della lettura”.

 

“Leggere il paesaggio”: è questo il tema di questa seconda edizione di “Maratona di lettura – Il Veneto legge”, alla quale l’Amministrazione comunale ha nuovamente aderito, in collaborazione e con il sostegno dell’associazione culturale “Giuseppe Berto”, tra i testimonial dell’iniziativa regionale quale coordinatrice del comitato promotore del Premio Letterario nazionale “Giuseppe Berto”. Partner attiva della “Maratona di lettura” moglianese è la Biblioteca comunale, che ne ha curato l’organizzazione.

 

La “Maratona di lettura – Il Veneto legge” è promossa dall’Assessorato alla cultura della Regione del Veneto, in collaborazione con la sezione regionale dell’Associazione Italiana Biblioteche – AIB, l’Ufficio Scolastico Regionale, l’Associazione Librai Italiani, il Sindacato Italiano Librai Cartolibrai e l’IRVV – Istituto Regionale Ville Venete.

 

Quanto sia importante leggere è riconosciuto e attestato da studi scientifici. Fin da piccoli, favorisce la crescita cognitiva e lo sviluppo dell’immaginazione. Poi, con il passare del tempo, nei ragazzi e negli adulti aiuta ad ampliare i propri orizzonti, ad arricchire il proprio bagaglio culturale, a sognare. Ne siamo pienamente consapevoli e, come Amministrazione, sull’educazione alla lettura e sulle attività della Biblioteca abbiamo concentrato energie e risorse. I risultati non si sono fatti attendere in questi anni. Tuttavia, quello che ci ha portati a riformulare l’organizzazione della “Maratona di lettura” in questa seconda edizione è il potere empatico e la forza sociale della lettura: lasciarsi catturare da un racconto, vivere esperienze ed emozioni attraverso la lettura aiuta ad entrare più facilmente in relazione nella vita reale. Da qui l’idea di un coinvolgimento attivo degli studenti nello stimolare la comunità con le loro letture ad alta voce. Porte aperte ai “maratoneti della lettura”, quindi, in tutta la città, anche nei nostri uffici comunali”, hanno commentato il sindaco Carola Arena, insieme all’assessore alle Politiche educative, Daniele Ceschin e all’assessore alla Cultura, Ferdinando Minello.

 

A Mogliano saranno coinvolte le scuole primarie Collodi, Olme, Piranesi, Polo, Verdi, e Vespucci, le scuole secondarie di primo grado “Rita Levi Montalcini”, il Liceo Statale “Giuseppe Berto” e il Collegio Salesiano Astori, insieme alla Biblioteca scolastica “G. Rodari” e al gruppo di lettrici volontarie “Quante storie”.

 

Hanno offerto la loro disponibilità a costituire “Tappe di lettura” moltissimi esercizi pubblici e negozi moglianesi, lieti di accogliere i gruppi di studenti nelle 78 tappe in cui i “maratoneti della lettura” si alterneranno, per riscoprire il valore e l’emozione della lettura ad alta voce e del senso di comunità che ne deriva.

 

L’iniziativa regionale mira a coinvolgere innanzitutto scuole, biblioteche, librerie, ma si rivolge a tutti i cittadini che amano i libri e la lettura. L’obiettivo è di incoraggiare la collettività alla lettura,  quale strumento imprescindibile per la crescita personale, culturale e civile di ogni individuo. L’invito è rivolto in particolare agli studenti, per rafforzare in loro l’abitudine alla lettura e far vivere un’esperienza fondamentale per la loro crescita formativa e cognitiva.

 

Mogliano è uno dei numerosissimi comuni che hanno aderito, assieme a scuole, biblioteche, librerie, e anche semplici gruppi di cittadini, con oltre 761 eventi registrati nel sito  www.ilvenetolegge.it. Gli organizzatori hanno predisposto un elenco di quasi 200 opere tra cui poter scegliere, dai libri per i piccoli ai contemporanei e i grandi classici, con un occhio attento alle opere di autori veneti o ambientate in Veneto, per incontrare i gusti più diversi.

 

A Mogliano la scelta non poteva non coinvolgere Giuseppe Berto, tra gli autori letti dagli studenti del Liceo Berto, insieme a testi di Bettin, Malaguti e Molesini.

 

La chiusura dell’iniziativa moglianese sarà alle ore 11.30, in Piazzetta del Teatro, con una gran festa finale alla quale parteciperanno tutti i “maratoneti della lettura”, animata dallo sceneggiatore e cabarettista Davide Stefanato.

 

 

Questo il programma di venerdì 28 settembre a Mogliano:

 

SCUOLE PRIMARIE

TAPPE: 9.30-10.00 – 10.00-10.30 – 10.30-11.00

CIRCUITO 1: Scuola Marco Polo (classe 5^) Municipio/ufficio vicesindaco – piazza Donatori di Sangue/Distretto sanitario – via dalla Chiesa/Centro Anziani

CIRCUITO 2: Scuola Piranesi (classi 4^ e 5^) via de Gasperi/Biblioteca comunale – via dalla Chiesa/Centro Anziani – piazza Donatori di Sangue/Distretto sanitario

CIRCUITO 3: Scuola Verdi (classe 3^) Municipio/ufficio sindaco (ore 9.00) – via Terraglio/ufficio Cultura – Piazza Donatori di Sangue/mercato

CIRCUITO 4: Scuola Vespucci (classi 2^ e 5^) Collegio Salesiano Astori (entrata via Marconi) – via de Gasperi/Biblioteca comunale – piazzetta del Teatro/Punto Comune

CIRCUITO 5: Scuola Olme (1- classe 4^) via dalla Chiesa/Centro Anziani – Biblioteca Collegio Astori (entrata via degli Alpini) – via Terraglio/ufficio Cultura

CIRCUITO 6: Scuola Olme (2- classe 4^) piazza Donatori di Sangue/Distretto sanitario – piazzetta del Teatro/Punto Comune – piazza Caduti (lato fontana)

CIRCUITO 7: Scuola Collodi (1- classi 3^, 4^ e 5^)  via Terraglio/ufficio Cultura – piazza Caduti (lato fontana) – Collegio Salesiano Astori (entrata via Marconi)

CIRCUITO 8: Scuola Collodi (2- classi 3^, 4^ e 5^)  piazzetta del Teatro/Punto Comune – via Toti Dal Monte/Stazione ferroviaria  – Collegio Salesiano Astori (entrata via Marconi)

CIRCUITO 9: Scuola Astori (classi 5^) piazza Caduti (lato fontana) – via IV Novembre/Ufficio Postale – via de Gasperi/Biblioteca comunale

 

Tra i libri selezionati per le letture dei bambini delle scuole primarie: Mauro Corona, Storie del bosco antico,  Monica Coradazzi , Il patto di Caterina, Dino Buzzati, Il segreto del bosco vecchio, Annalisa Strada, Galileo Galilei esploratore del cielo, Italo Calvino, Marcovaldo, Gianni Rodari, Filastrocche in cielo e in terra, insieme a filastrocche inventate da loro sui temi “Il piacere di leggere” e “Il paesaggio intorno a noi”.

 

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO “RITA LEVI MONTALCINI”

TAPPE: 8.30-9.00 – 9.00-9.30 – 9.30-10.00

CIRCUITO 1:  via Toti Dal Monte/Stazione ferroviaria – Piazza Donatori di Sangue/mercato – via IV Novembre/Ufficio Postale

CIRCUITO 2: via Matteotti: La Sanitaria Moglianese – Farmacia Villa – Bar La Buvette

CIRCUITO 3: via Matteotti: Farmacia Villa – Bar Goppion – La Sanitaria Moglianese

CIRCUITO 4: via Don Bosco: Michielan abbigliamento bambini – Robe di Kappa – Benetton

CIRCUITO 5: via Don Bosco: Robe di Kappa – Benetton – Michielan abbigliamento bambini

CIRCUITO 6: via I. Svevo/Mr Bubbly – via Barbiero/Cantina Mazzariol – via Barbiero/Bar  Verdi

CIRCUITO 7: via Zermanesa/Mercerie e intimo Callegaro – piazza del Marinaio/Edicola Cartolandia – via Zermanesa/Vivaio Zorzetto Carla

CIRCUITO 8: via Roma: Panificio Rossi – Pasticceria alle Rose – Farmacia alla Marca

 

Letture da parte degli studenti di brani a scelta tratti dai libri in bibliografia.

 

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO COLLEGIO SALESIANO ASTORI

TAPPE: 9.30-10.00 – 10.00-10.30 – 10.30-11.00

CIRCUITO 1: Piazza Pio X: Market de Pieri – Cartoleria Pio X – La Parmigiana

CIRCUITO 2: via Toti Dal Monte/Stazione ferroviaria – via Toti Dal Monte/sottopasso ferroviario – via Pia/Maris Grotta di Sale

CIRCUITO 3: via Roma: Copisteria Multiservice – Macelleria Bellio – Supermercato Despar

CIRCUITO 4: via Marconi/Gelateria Anna – via Toti Dal Monte/Erboristeria Erba Matta – via Toti Dal Monte/Stazione ferroviaria

CIRCUITO 5: Galleria Avogadro – piazza Caduti/Pasticceria Le Dolcezze – piazza Caduti/fronte Municipio

 

Letture da parte degli studenti di brani a scelta tratti dai libri L’uomo che piantava gli alberi, di J. Giono

e I ragazzi di via Pal di F. Molnar.

 

 

LICEO STATALE “GIUSEPPE BERTO”

TAPPE: 9.30-10.00 – 10.00-10.30 – 10.30-11.00

CIRCUITO 1:  Piazza Donatori di Sangue/Mercato – Collegio Salesiano Astori (ingresso via Marconi) – Sottoportico Piazza Caduti/Pasticceria Le Dolcezze

“Le trasformazioni del paesaggio della terraferma veneziana”

Letture degli studenti dai testi di Gianfranco Bettin:  Petrolkimiko, Qualcosa che brucia, Avventure di Numero Primo

CIRCUITO 2: via Matteotti/totem passaggio pedonale – via Marconi/Gelateria Anna  – Galleria Avogadro

“Il paesaggio veneto sconvolto dalla Prima Guerra Mondiale”

Letture degli studenti dai romanzi di Paolo Malaguti, Sul Grappa dopo la vittoria e Prima dell’alba e di Andrea Molesini, Non tutti i bastardi sono di Vienna

CIRCUITO 3: via Gris/Cartoleria Antonella – via Gris/Libreria Mondadori – via IV Novembre/Ufficio Postale  

CIRCUITO 4:  piazza Duca d’Aosta/Edicola storica – via Gris/Foto Piovesan  – via Gris/Viola del Pensiero

“Suggestioni di paesaggio veneto nei romanzi di Giuseppe Berto”        

    

Letture degli studenti dai romanzi Il cielo è rosso e Anonimo veneziano.

Anche quest’anno Casale sul Sile partecipa alla Maratona di lettura promossa dalla Regione Veneto, in programma per venerdì 28 settembre. Nell’ottica di coinvolgere tutta la cittadinanza, si ricercano lettori volontari che abbiano piacere di dedicare 5/10 minuti alla lettura di un brano da noi proposto, in diversi luoghi e momenti della giornata, a seconda della disponibilità.

Se sei amante della lettura e dei libri, e se sei interessato a diventare lettore per un giorno, contatta la biblioteca di Casale sul Sile, scrivendo a [email protected] e indicando nome, cognome, telefono e orario in cui saresti disponibile a leggere.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni