Home / Posts Tagged "istituzioni"

Riceviamo e pubblichiamo l’appello del gruppo cattolico Pescatori di Pace (IAI) alle istituzioni

 

Il gruppo cattolico dei Pescatori di Pace raccoglie le richieste di alcuni genitori e lancia un appello alle Istituzioni: “Non si pensa mai ai più piccoli: tenerli chiusi in casa è misura senza buonsenso”.

 

Il gruppo, già all’interno del gruppo Italia agli Italiani, formazione fondata da Roberto Fiore, lancia in queste ore un appello e chiede alle istituzioni misure di quarantena meno restrittive per i bambini. A farsi portavoce della questione sul territorio Gloria.

 

Callarelli, già volto di Forza Nuova alle recenti elezioni politiche: “Sono molte le famiglie che cominciano a risentire di queste misure drastiche. Parlando con alcune mamme emergono giorno dopo giorno le difficoltà del restare bloccati dentro le quattro mura domestiche. Da mamma mi sento di fare un appello urgente affinché le istituzioni prendano in seria considerazione la revisione delle misure restrittive: i bambini hanno bisogno di uscire di casa, di vivere, di godere della Natura e di stabilire relazioni sociali. Concedere loro una passeggiata al giorno, a piedi, in bicicletta, sul monopattino, concedere loro quattro calci ad un pallone in aree che per dimensioni consentono di mantenere comunque le misure minime di sicurezza, distanza di un metro ecc, è un atto minimo di buonsenso e un impegno che un politico non può non prendere. Come si concede la passeggiata agli animali non vedo perché non debba essere concessa ai bambini. Penso a chi vive in condominio e anche alle tante neo-mamme: è impensabile che le si lasci chiuse in casa, loro con i bambini, fosse anche per un’altra settimana. Il senso di responsabilità dei genitori farà sì che in tutta sicurezza loro possano tornare a vivere”.

 

Callarelli infine commenta: “Mi si permetta infine una considerazione: i bambini stanno già soffrendo l’assenza della scuola che pure a distanza non potrà mai sostituire quella con strumentazioni, rapporti umani e insegnanti qualificati. Inoltre gli esperti sono concordi nell’affermare che un eccessivo uso delle diavolerie hi tech creano scompensi e aggressività nei bambini. Tutto porta alla conclusione che nulla come l’aria aperta, dono di Dio, faccia bene al corpo e allo spirito. Ne va della crescita sana dei nostri figli: l’appello è quanto mai urgente”.

 

Lorenzo Damiano, fondatore dei Pescatori di Pace, già responsabile del gruppo europeo Apf (Alliance for Peace and Freeedom), infine, chiude: “I bambini sono il nostro tesoro. Si fa un gran parlare di controlli e sanzioni sempre più aspre ecc, dimenticandoci che siamo esseri umani e dimenticandoci del buonsenso. Mi fa specie che ad esempio le interruzioni di gravidanza restino attive come misure urgenti: l’aborto resta, come disse madre Teresa, il più grande distruttore di pace. Altro che “pericolose” passeggiate al sole”.

Oggi, 23 maggio, ricorre la Giornata della legalità, dedicata alla memoria di tutte le persone cadute vittime della mafia. Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani esprime un proprio pensiero in merito, proponendo di inserire tale ricorrenza in un programma di attività più ampio all’interno delle scuole.

 

 

Commemorare le stragi di mafia, come quella di Capaci o quella dei Georgofili, nell’ambito delle numerose iniziative scolastiche, che hanno luogo in tutto il Paese, è senz’altro lodevole, ma rischia di non raggiungere i risultati attesi, poiché, tali iniziative, vanno sempre inserite in ben più ampi progetti riguardanti la legalità.

 

La lotta a tutti i comportamenti deviati deve diventare un argomento di grande importanza all’interno delle scuole, qualcosa di imprescindibile nei programmi di studio dei giovani fin dalla tenera età per comprendere quanto sia importante la legalità e il rispetto delle regole. Certamente, la prima arma per combattere la mafia è non dimenticare, continuando a ripudiare l’illegalità in tutte le sue forme, da quelle più gravi a quelle più banali e semplici della vita quotidiana, come guidare senza le cinture o gettare rifiuti per terra. Il rispetto della legalità deve essere appreso con impegno e perseveranza. Dobbiamo renderci conto che parlare di legalità, partendo dal fenomeno mafioso, non è sempre una strategia corretta; ricordiamo infatti che la mafia è un fenomeno complesso che esige la conoscenza della storia di alcuni territori, ma anche di sofisticati meccanismi di corruzione dei sistemi economici e politici.

 

Il rischio concreto è che in queste giornate della memoria, si consegni agli studenti “un’antimafia retorica e parolaia”, come la definisce il Procuratore Roberto Scarpinato. Una narrazione tragica e, nello stesso tempo, semplice e pacificata, che si può riassumere nei seguenti termini: Giovanni Falcone e Paolo Borsellino furono assassinati perché, con il loro lavoro di integerrimi magistrati, culminato con il maxiprocesso, erano il simbolo di uno Stato che aveva sferrato un colpo mortale a Cosa nostra, mandando in frantumi, il mito della sua invincibilità. I carnefici, i portatori del male di mafia, sono stati identificati e condannati. Hanno i volti noti di coloro che l’immaginario collettivo ha già elevato a icone assolute e totalizzanti della mafia: Totò Riina e Bernardo Provenzano. Una minoranza che rappresenta il male, all’interno di una società costituita da un’assoluta maggioranza di onesti. Il male, dunque, è fuori di noi.

 

La realtà invece, è ben diversa, infatti la linea di confine non è mai così netta, e a sporcarsi le mani sono stati i colletti bianchi, politici, magistrati, vertici dei servizi segreti, avvocati, medici, commercialisti. Chi ha vissuto queste tragiche vicende di persona ne esce spesso spaesato, non potendosi riconoscere in una simile narrazione degli eventi. Ma anche gli studenti ne traggono una memoria superficiale.
Ecco che allora, potrebbe essere più utile spiegare in modo più approfondito, le ragioni storiche della nascita delle organizzazioni criminali, la relazione tra povertà di un territorio, l’assenza delle istituzioni e la proliferazione delle mafie. Ricordare per esempio, il maxiprocesso come un monumento giuridico, cosa accadeva prima e cosa è accaduto dopo di esso. Si potrebbe riflettere sui cambiamenti delle organizzazioni criminali e sulla loro presenza capillare in tutto il territorio nazionale.

 

Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani ritiene opportuno inserire la ricorrenza del 23 maggio in un programma di attività più ampio che consenta di:
– promuovere e rafforzare la consapevolezza che la legalità è il pilastro della convivenza civile
– mettere in sinergia le istituzioni, le associazioni, le agenzie educative del territorio in un percorso di convergenza verso la scuola
– proporre ai giovani delle figure di riferimento del passato e del mondo odierno.

– sviluppare nei giovani, il senso di responsabilità e delle conseguenze delle azioni scorrette come il progetto sperimentale “Aziende giuste”.
– conoscere la storia dei fatti drammatici che hanno interessato il nostro paese, e le conseguenze sul territorio, a livello economico, politico e sociale.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni