Home / Posts Tagged "Incidente"

Incidente mortale ieri, poco dopo le 18, in una attività commerciale edile nel canale della Scomenzera a Venezia, dove si è rovesciato un muletto e un minore è rimasto schiacciato ed è deceduto. Il ragazzo era in compagnia di un altro giovane, rimasto illeso.

 

Sono intervenute le squadre dei vigili del fuoco del distaccamento della Marittima di Venezia e quelle di Treviso e Mestre con l’autogrù.

 

Intervenuto anche il personale medico del Suem. Sul posto la Polizia municipale, la Questura, i Carabinieri e la Capitaneria di Porto per accertare come mai i due ragazzi si trovassero all’interno della grande aerea di commercio edile.

Questa mattina a Campocroce di Mogliano Veneto si è verificato un grave incidente sul lavoro: Michele Ferrazzo, 53 anni, è rimasto asfissiato.

L’incidente mortale è avvenuto nella ditta Euro 5, specializzata in stoccaggio dei cereali, mentre Ferrazzo si trovava all’interno di una fossa per stoccaggio. Il decesso è stato causato dai fumi dell’ammoniaca usata per la disinfestazione.

Sono intervenuti i vigili del Fuoco e i tecnici dell’Ulss 2, che indagano sulle cause insieme ai carabinieri di Mogliano.

 

Fonte: Oggi Treviso

Ieri sera, alle 18 circa, lungo il passante di Mestre tra i caselli di Scorzè e Preganziol si è verificato un incidente.

Due auto si sono scontrate e una è finita di traverso sulla carreggiata. Due i feriti soccorsi dal personale del SUEM.

Sono intervenuti i vigili del fuoco di Mestre che hanno messo in sicurezza le due auto. Sul posto anche il personale ausiliario dell’autostrada e la Polizia Stradale.

Le operazioni di soccorso sono terminate intorno alle 20.

POST TAGS:

Ieri sera, alle 17, si è verificato un incidente in via Righi a Mestre tra una moto e un’autovettura. I due conducenti sono stati trasportati all’ospedale dell’Angelo in codice giallo.

L’incidente ha provocato il blocco del traffico sul Ponte delle Libertà in direzione di Mestre con gravi disagi per i pendolari.

 

Quella di via Righi è una situazione di particolare gravità specialmente nelle ore di maggior traffico nonostante sia stato messo un limite alla velocità.

 

Problema notevole in via Righi è anche il poter montare sui mezzi di trasporto pubblici che arrivano alle fermate pieni dei turisti saliti a Mestre e diretti a Venezia. La cosa è assolutamente impossibile per un disabile.

 

Fonte: Venezia Today

Filca Cisl e Fillea Cgil: “Necessaria la formazione continua dei lavoratori”

 

Schiacciato da un robot. È morto così, poco dopo le 6 di questa mattina, lunedì 27 agosto, Shpejtim Gashi, dipendente della 3B di Salgareda, azienda leader nella produzione di pannelli di legno. 44 anni, sposato, con tre figli, di origini kosovare e residente a Ponte di Piave, Gashi era un operaio specializzato, capomacchina, con 20 anni di esperienza in azienda. L’incidente è avvenuto a inizio turno, poco dopo le 6. Rsu, organizzazioni sindacali e direzione aziendale si sono riunite nel corso della mattinata e hanno concordato di sospendere l’attività della 3B per tutta la giornata.

 

Non si può morire così, nel primo giorno di lavoro al rientro dalle ferie – affermano Marco Potente e Mauro Visentin, segretari generali rispettivamente di Filca Cisl Belluno Treviso e Fillea Cgil Treviso -. Siamo vicini alla famiglia del lavoratore e a tutti i suoi colleghi, sconvolti per quanto accaduto. Gashi era un lavoratore esperto, che conosceva bene la macchina su cui lavorava. Da una prima ricostruzione, è emerso che si trovava in una zona interdetta, ma saranno gli organi ispettivi e la Magistratura ad accertare la precisa dinamica dell’incidente e le eventuali responsabilità. Noi, come organizzazioni sindacali, rilanciamo con forza la necessità della formazione continua dei lavoratori sulle tematiche inerenti la sicurezza, perché può succedere che l’esperienza porti ad un abbassamento dei livelli di attenzione e della percezione del rischio, soprattutto se si svolge un’attività da tanti anni e non è mai accaduto nulla”.

 

Allo stesso tempo, le organizzazioni sindacali ricordano che “3B è un’azienda in cui si lavora e si produce molto, con doppi turni e straordinari, per la necessità di far fronte ai tanti ordini e alla velocità di consegna”. “Agli operai è stato richiesto un importante impegno in termini di ore lavorative – sottolineano Potente e Visentin -, per questo all’inizio dell’anno abbiamo avviato una campagna di sensibilizzazione dei lavoratori sulla sicurezza e l’importanza dell’attenzione, organizzando un’assemblea ad hoc, chiedendo ai dipendenti di denunciare situazioni di rischio, di prestare maggiore attenzione durante lo svolgimento del lavoro e spingendo l’azienda a introdurre turnazioni di lavoro più leggere”.

Ieri sera in via Guglielmo Marconi a Mogliano si è verificato un grave incidente automobilistico. Una Panda è uscita autonomamente di strada e ha urtato un palo della luce. L’uomo alla guida, l’ottantenne moglianese Sergio Gionco, è deceduto per lo scontro. Sono intervenuti i vigili del fuoco di Treviso con l’auto scala e il personale del Suem. Il palo della luce è stato messo in sicurezza. Sul posto anche i carabinieri di Mogliano.

Prosegue l’opera di controllo del territorio nell’Isola del Lido di Venezia da parte della Polizia locale: nei giorni scorsi è stato effettuato un controllo mirato al commercio ambulante abusivo che si svolge lungo l’arenile. L’operazione ha portato al sequestro di 625 articoli di vario tipo offerti in vendita ai bagnanti.

 

Negli stessi giorni una pattuglia in servizio di Polizia stradale, nel corso di un normale controllo, ha sorpreso un automobilista che si stava mettendo alla giuda del proprio veicolo con un tasso alcolimetrico di 1,15 mg/litro, pari a quasi tre volte il tasso minimo consentito. L’uomo, a cui è stata ritirata la patente di guida, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria.

 

La Polizia locale ha inoltre rilevato un incidente stradale, che, per le violazioni commesse – sorpasso in intersezione, guida con l’uso del cellulare e mancato rispetto della distanza laterale in fase di sorpasso – ha portato a una sanzione amministrativa di 400 euro, alla decurtazione di 18 punti dalla patente, oltre che al suo ritiro.

La notte scorsa, poco dopo mezzanotte e mezza, i vigili del fuoco sono intervenuti lungo l’autostrada A27 qualche chilometro, dopo il casello di Treviso sud in direzione Venezia per un incendio di un’auto, causato da un precedente tamponamento tra tre vetture: deceduta una persona.

 

Le squadre accorse da Treviso e Mestre hanno spento la Fiat Punto dove purtroppo è rimasto bloccato all’interno l’autista, rimasto carbonizzato. Illesi i conducenti delle altre due auto.

 

Sul posto i sanitari del suem 118 il personale ausiliario dell’autostrada e la polstrada per la ricostruzione del sinistro. Al momento non sono ancora note le generalità del conducente dell’auto. Le operazioni di soccorso dei vigili del fuoco e messa in sicurezza del luogo sono terminate quasi all’alba.

Venerdì pomeriggio, a Caposile, un elicottero è precipitato e poi ha preso fuoco.

 

Nell’incidente è deceduto Paride Antoniazzi, 41 anni, di Motta di Livenza. Antoniazzi era il titolare, assieme alle sorelle, della nota azienda ATA Antoniazzi, che noleggia pullman.

 

Sul luogo sono intervenuti i vigili del fuoco di Jesolo e di San Donà di Piave.

 

Alle 5.45 circa, i vigili del fuoco sono intervenuti lungo la SS 14 Triestina, in località Montiron a Venezia, per lo scontro frontale tra due auto: feriti i due conducenti. I pompieri arrivati da Mestre hanno messo in sicurezza i mezzi ed estratto i due autisti, rimasti bloccati al posto di guida. I feriti sono stati stabilizzati dal personale del Suem 118 e portati in ospedale. Sul posto le forze dell’ordine per i rilievi del sinistro e la deviazione del traffico. Le operazioni di soccorso dei vigili del fuoco sono terminate dopo circa un’ora e mezza.

 

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni