Home / Posts Tagged "fermo amministrativo"

Continuano i controlli del reparto motorizzato del Servizio Sicurezza stradale della Polizia locale. Nei giorni scorsi lungo la S.S. 309 “Romea” è stato sottoposto a controllo un autoarticolato cipriota condotto da un camionista kazaco residente ad Atene. Grazie all’analisi dei tempi di guida effettuata con il software in dotazione agli specialisti del reparto Motorizzato, è risultato infatti che il conducente non avesse rispettato la durata minima dei riposi nelle ultime tre settimane, in violazione all’art. 174 del Codice della Strada.

 

L’uomo, che ha esibito anche documenti di trasporto incompleti, è stato sanzionato con la detrazione di 13 punti dalla patente ed il pagamento di 4.971 euro che sono stati versati in contanti. Il veicolo è stato sottoposto al fermo amministrativo di tre mesi.

 

 

Altri episodi

L’episodio è soltanto l’ultimo di una nutrita serie di controlli sul trasporto di merci effettuati dagli operatori del Reparto Motorizzato, che di recente hanno seguito un corso intensivo tenuto dai massimi esperti nazionali in materia di autotrasporto professionale.

 

Ad esempio, lo scorso 2 marzo, ultimo sabato di Carnevale, nell’isola del Tronchetto, gli agenti hanno sorpreso alla guida di un autobus con targa bulgara un rodigino, mentre effettuava il trasporto di passeggeri con la documentazione di bordo incompleta e senza aver comunicato al Ministero del Lavoro l’esercizio del cabotaggio in Italia: gli è stata comminata una sanzione amministrativa di 2.173 euro.

 

Domenica 3 febbraio, invece, all’intersezione tra via F.lli Bandiera e via Rossariol è stata sottoposta a controllo una “motrice” con targa bulgara condotta da un autista greco. Il veicolo risultava essere già stato oggetto di un controllo effettuato nel giugno dello scorso anno dalla Polizia Stradale di Padova che ne aveva disposto la sospensione dalla circolazione perché sprovvisto del certificato di revisione. L’autocarro è stato sottoposto ad ennesimo fermo di novanta giorni e il conducente ad una sanzione amministrativa minima di 1.400 euro.

 

Altre sanzioni hanno interessato nei due mesi precedenti conducenti stranieri e italiani per documenti compilati in modo irregolare, per assicurazioni non conformi o altre irregolarità.

Continuano, da parte della Polizia locale, le operazioni di controllo per combattere il trasporto abusivo di persone e cose verso i Paesi dell’Est, che registra, nei mesi estivi, un deciso incremento.

 

Nei giorni scorsi una pattuglia del Reparto motorizzato ha fermato sulla Tangenziale di Mestre, all’altezza dello svincolo di via Miranese, un furgone Mercedes immatricolato in Romania, proveniente da Roma e diretto appunto in quel Paese. A bordo del veicolo si trovavano 9 persone, mentre nel rimorchio c’era un carico di bagagli e di merci di varia tipologia. Il conducente, un rumeno quarantatreenne residente a Roma, che aveva inutilmente tentato di giustificare la presenza a bordo dei passeggeri con inesistenti vincoli di parentela, dovrà pagare, oltre alle relative spese, una sanzione di 4.130 euro per trasporto di persone e cose per conto terzi senza autorizzazione.

 

Il furgone e il suo rimorchio sono stati sottoposti al fermo amministrativo di tre mesi, mentre i passeggeri, rimasti appiedati con i loro bagagli, sono stati costretti a cercare altri mezzi di trasporto.

 

Nelle settimane scorse, precisamente il 13 luglio, sempre una pattuglia del Reparto motorizzato, sulla Rampa del Cavalcavia, all’altezza della Vempa, aveva fermato un autocarro immatricolato in Moldavia, proveniente da Brescia e diretto a Chisinau, in Romania, con a bordo persone e cose. Il conducente, un trentenne moldavo, senza fissa dimora in Italia, era stato sottoposto alle medesime sanzioni del pagamento di 4.130 euro e del fermo amministrativo del mezzo per tre mesi.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni