Home / Posts Tagged "etimologia"

La mostra, dedicata al famoso mantello veneziano, sarà ospitata da martedì 29 gennaio a domenica 3 febbraio all’interno della Sala Sinopoli del Teatro La Fenice di Venezia.

 

Lunedì 28 gennaio alle 17 è stata inaugurata con l’esposizione di 8 tabarri. Dal giorno successivo e per tutta la sua durata, la mostra farà parte del tradizionale percorso di visita con audioguida del teatro e sarà quindi visitabile tutti i giorni secondo le modalità e gli orari previsti per le visite.

 

L’esposizione è organizzata in collaborazione con il Tabarrificio Veneto, nuovo partner della Fondazione Teatro La Fenice.

 

Storicamente l’etimologia del termine tabarro è incerta e sembra risalire al latino tardo “tabardus”, “tabardum” per indicare variabilmente il mantello, la veste o la toga. L’uso del termine è particolarmente diffuso nel Veneto, risentendo della diretta influenza veneziana, spesso anche come sinonimo di cappa.

 

Il tabarro è una tipologia di antico mantello, ampio, rotondo, a ruota, in tessuto pesante spesso reso impermeabile. Veniva portato lungo fino al polpaccio o corto per andare a cavallo, scalzato successivamente dalla bicicletta. Di colore scuro, con bavero, ha un solo punto di allacciatura sotto il mento, un’unica cucitura sulla schiena e viene tenuto chiuso portando un’estremità sopra la spalla opposta in modo da avvolgerlo intorno al corpo.

 

Ogni modello ha una sua collocazione storica e geografica precisa, caratterizzata da antiche valenze funzionali, memori di un universo di simboli culturali ed etnici.

 

Fonte: Tabarrificio Veneto

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni