Home / Posts Tagged "estetista"

“IO SONO BELLA”, LE SPORTIVE DIVENTANO TESTIMONIAL DI BELLEZZA PER ACCONCIATORI ED ESTETISTE DI CONFARTIGIANATO

Modelle per un giorno per raccontare ad acconciatori ed estetiste le esigenze di bellezza della donna che pratica sport. Sei atlete professioniste della provincia di Treviso protagoniste di “Io sono bella”, lo speciale stage formativo sulla bellezza femminile promosso da Confartigianato Imprese Marca Trevigiana

 

TREVISO, 6 GIUGNO 2019 – Vengono dalle più diverse discipline, eppure sono accomunate dalla medesima esigenza: come conciliare la cura della bellezza con la pratica quotidiana dell’attività sportiva? Sono sei atlete professioniste della provincia di Treviso le protagoniste di “Io sono bella”, originale percorso formativo proposto dalle comunità acconciatori ed estetiste di Confartigianato Imprese Marca Trevigiana. Per un giorno, lunedì 10 giugno, alle ore 10 al BHR Treviso Hotel, saranno chiamate a vestire i panni di modelle per una dimostrazione tecnica di acconciatura e trucco, che avrà lo scopo di illustrare a una platea di professionisti del settore alcune soluzioni estetiche, pratiche e veloci, utili a far convivere sport e bellezza nella vita di tutti i giorni. Affidate alle cure di Ivone Santi, parrucchiere castellano con oltre 35 anni di esperienza, e Carlotta Meo, regional make-up artist de La Truccheria, la academy italiana di Make Up Forever, nella squadra di modelle d’eccezione figurano Barbara Pozzobon, atleta delle Fiamme Oro campionessa mondiale di nuoto di fondo, Luna Mendy, pluricampionessa italiana e argento europeo di kick-boxing, Soraya Paladin, ciclista del team femminile UCI Alè Cipollini, Micol Cavina, protagonista in questi giorni della conquista del primo storico scudetto di Iniziative Villorba Rugby, la pallavolista Valentina Fiorin e Silvia Marangoni, atleta della Polizia Penitenziaria, 11 volte campionessa mondiale di pattinaggio artistico.

 

Perché la scelta delle sportive come modelle per un corso di formazione per acconciatori ed estetiste? «Quello delle sportive è il settore certamente più difficile per i professionisti delle nostre categorie – spiegano gli ideatori di “Io sono bella”, Giannantonio Papa, Presidente della categoria degli acconciatori, e Nicla Marcolongo, Presidente del settore estetica sempre di Confartigianato – Il numero di donne che pratica sport è in crescita, perciò sempre più spesso ci troviamo di fronte a problemi di gestione della bellezza legati all’acconciatura, che non deve essere eccessivamente elaborata, al capello sfruttato, alla pelle sciupata: i nostri stilisti mostreranno come costruire acconciature e trucchi che evidenzino la bellezza senza togliere praticità e, soprattutto in questo caso, la necessità del lavaggio frequente».

 

«Ringraziamo le atlete che si sono messe in gioco per questo progetto – aggiungono – perché ci permettono di misurarci con esigenze reali, che appartengono alla vita quotidiana di tante donne: sono queste le figure con cui abbiamo bisogno di confrontarci per imparare e per crescere. Con gli stages “Io sono bella” vogliamo affinare la nostra capacità di essere vicini al mondo femminile e, pur prendendone sempre ispirazione, più lontani dal mondo patinato della moda e dello spettacolo. Un atto che rispetta le ultime evoluzioni di un mercato della bellezza che tende ad infrangere gli stereotipi, a mettere in luce le imperfezioni e a rispettare i tempi di vita delle donne».

 

L’iniziativa è finanziata dall’Ente Bilaterale dell’Artigianato Veneto, EBAV.

 

Per tutto il mese di marzo, il progetto “Quality of Life – Diritto dei Pazienti Oncologici” ha coinvolto le estetiste APEO, dedicando alle donne malate di cancro un trattamento estetico gratuito, con l’obiettivo di innalzare il benessere e la qualità della vita delle pazienti.

 

Lunedì 18 marzo l’Associazione Professionale di Estetica Oncologica (APEO) ha presentato alle estetiste di CNA questo suo progetto, nell’ambito del convegno “Prevenzione oncologica e benessere della donna”, organizzato da Fondazione Sanità onlus con CNA, a cui è intervenuto anche il direttore generale dell’Ulss 2 Marca Trevigiana Francesco Benazzi.

 

Nata su ispirazione di Umberto Veronesi, APEO ha lo scopo di insegnare alle estetiste come effettuare trattamenti di bellezza e di benessere su pazienti in terapia oncologica e migliorare la loro qualità di vita psicofisica.

 

«CNA crede – afferma il presidente trevigiano Alfonso Lorenzetto – che sia un valore aggiunto formare anche sul territorio di Treviso estetiste esperte di estetica oncologica per questo nei mesi scorsi ha ospitato, nella sede di Treviso, un corso di formazione sulla dermopigmentazione oncologica e sostiene la raccolta firme APEO per il riconoscimento del diritto di ogni paziente in terapia oncologica a “mantenere per quanto possibile il proprio stile di vita, a livello personale, famigliare e sociale”».

 

«L’obiettivo su cui si sta spendendo Fondazione Sanità onlus – spiega il presidente Oscar Trentin – è quello di veder inserite le estetiste formate, per trattare pazienti oncologici nelle equipe multidisciplinari della Sanità Pubblica che seguono la persona malata di cancro. Cosa che già avviene in alcune regioni come la Lombardia. In Veneto non ancora».

 

I benefici di offrire al paziente, oltre alla cura, anche dei percorsi legati al benessere psicofisico sono numerosi perché restituiscono alla persona serenità, qualità della vita, dignità personale. Molte cure contro il cancro producono effetti collaterali indesiderati quali problemi alla pelle e alle unghie.

 

Manicure e pedicure non vanno eseguiti come sull’unghia sana e tantomeno i massaggi (le estetiste APEO offrono due tecniche di massaggio specifiche per persone sotto trattamento oncologico, uno decontratturante e l’altro linfodrenante).

 

Un altro aspetto che rientra nell’estetica oncologica riguarda gli interventi di dermopigmentazione e, per le donne operate al seno, la ricostruzione dell’areola e del capezzolo.

 

«Il fatto di ricostruire il seno, l’areola e il capezzolo dà la possibilità alla donna, anche dal punto di vista estetico, di rivedersi come prima, quindi è un grande servizio che viene fatto alla persona – ha detto il direttore generale Francesco Benazzi nel suo intervento – Oggi più che mai la dermopigmentazione, che viene utilizzata non solo in oncologia ma come risposta a traumi importanti dove ci sono cicatrici deturpanti, è una soluzione che dà delle risposte alla medicina, alla chirurgia, alle patologie importanti.  Ringrazio la CNA di fare questi corsi. Questa iniziativa serve proprio a dirci che quello che state facendo serve anche alla Sanità Pubblica perché serve a far star bene la donna».

 

Il presidente di CNA Veneto Alessandro Conte ha sottolineato l’importanza del ruolo della prevenzione sanitaria in cui anche l’artigianato veneto è attivo attraverso l’ente SANI.IN.VENETO, che assicura assistenza sanitaria ai lavoratori dipendenti delle imprese artigiane della nostra regione. Conta 140 mila iscritti e 130 mila prestazioni erogate ogni anno.

 

Il governatore del Veneto Luca Zaia, che non ha potuto partecipare per impegni istituzionali, ha inviato un messaggio, letto a inizio convegno.  

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni