Home / Posts Tagged "collegamento"

Per tutto il periodo di apertura della manifestazione, i due lati dell’Arsenale saranno accessibili via acqua grazie al servizio di navetta gratuito che metterà in relazione l’Arsenale Nord con il Giardino delle Vergini

 

 

Non solo architettura. Per l’intera durata della 16esima Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia, gli ospiti provenienti da tutto il mondo in arrivo in città e i residenti potranno riscoprire uno spazio pubblico di straordinario valore storico e architettonico, attraverso un collegamento acqueo gratuito. Per sei mesi, l’incantevole panorama della Darsena Grande e l’intero complesso dell’Arsenale diventa facilmente accessibile grazie al servizio di navetta gratuito che metterà in relazione l’Arsenale Nord con il Giardino delle Vergini. Due spazi pubblici liberamente accessibili da tutti, senza la necessità dell’acquisto di un biglietto di entrata.

 

 

Per tutto il periodo di apertura della Biennale Architettura quindi, i due lati dell’Arsenale saranno più facilmente collegati e fruibili nella loro circolarità. Dal 26 maggio al 25 novembre, lunedì esclusi (ad eccezione del 28 maggio, 13 agosto, 3 settembre e 19 novembre), uno shuttle acqueo collegherà ogni 20 minuti, tra le ore 11.00 del mattino e le 17.20 (ad eccezione del servizio delle ore 13,20) i due lati dell’Arsenale facilitando le connessioni anche con le linea del trasporto pubblico Actv in arrivo e partenza dalla fermata Bacini – Arsenale Nord e le linee in partenza e in arrivo alla fermata Giardini.
Inoltre, per tutto il mese di giugno, il servizio navetta, nelle giornate di venerdì e di sabato, verrà prolungato sino alle ore 19.20.
Infine, l’area dell’Arsenale Nord, affidata al Comune di Venezia e gestita da Vela Spa, è raggiungibile anche dalla Tesa 105, giungendo a piedi, lato Celestia, attraverso la passerella pedonale oppure in vaporetto con i mezzi Actv (linee 4.1, 4.2, 5.1, 5.2 fermata Bacini-Arsenale Nord).

 

Problemi per la realizzazione del raccordo ferroviario tra la stazione di Mestre e l’aeroporto di Tessera

Secondo il progetto, il collegamento dovrebbe partire dalla linea Venezia-Trieste, con il distacco di un nuovo ramo a binario unico per l’aeroporto, di lunghezza pari a 3.5 chilometri, all’altezza di Dese. Previsione di fine lavori: 2023.

 

Il progetto è stato approvato e i soldi, che ammontano a 400 milioni di euro, ci sono.

Sembrava cosa ormai fatta, ma manca la firma del ministro delle Infrastrutture nelle sue piene funzioni; cosa al momento irrealizzabile, causa la mancanza della nomina di un nuovo governo.

Tutto fermo quindi.

 

Il progetto in questione rientra in un disegno più vasto, che prevede di collegare anche altre città ai rispettivi aeroporti, come Bergamo, Genova e Roma Fiumicino, e a cui nel complesso sono stati destinati 680 milioni di euro.

Fonte: La Nuova Venezia

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni