Home / Posts Tagged "bonsai"

Fedeli al nostro spirito divulgativo relativamente alle eccellenze del territorio, questa volta siamo andati alla ricerca di una realtà che tutti noi conosciamo per nome ma che pochi forse hanno avuto l’opportunità di approfondire.

Si tratta dell’arte del bonsai che ha attraversato i confini di tutto il mondo.

 

A pochi chilometri da noi, a Mestre, c’è una realtà molto affascinante che forse non tutti conoscono, ma che noi abbiamo avuto il piacere di incontrare grazie a Decio Pianura, professionalmente legato a questo mondo verde da oltre dieci anni.

 

Originario di Pozzuoli, un paese vicino a Napoli, Decio vive a Mestre, dove si è trasferito diversi anni fa per un impiego nel cantiere navale.

Quando gli chiediamo come si è avvicinato a questa affascinante arte della coltura del bonsai, ci racconta che tutto ha avuto inizio durante un viaggio di lavoro in Giappone, dove si è interessato alla cultura orientale e si è appassionato alla coltura del bonsai.

 

Abbandonato quindi il suo impiego nel settore navale, ha deciso di intraprendere un percorso formativo con alcuni illustri maestri bonsaisti: questo per entrare in contatto con la storia e la filosofia del Paese del Sol Levante e apprendere le antiche regole dell’arte del bonsai giapponese tradizionale.

 

Ma non si è fermato qui. Oltre che allievo, Decio è diventato anche maestro e ora tiene numerosi corsi di formazione alla Scuola d’arte bonsai tradizionale.

 

Come ci spiega nel corso della nostra piacevole chiacchierata, l’arte del bonsai – una parola giapponese composta da bon, vaso, e sai, educare o coltivare – trae in realtà le sue vere origini dall’antica Cina, dove si ha modo di credere che le piante venissero coltivate in vaso per uso alimentare o medicinale. Solo in un secondo momento ci si rese conto che le piante così potate assumevano forme molto graziose e questa pratica (che in Cina prende il nome di penjing) cominciò a diffondersi.

 

Al di là del fattore puramente estetico, la coltivazione delle piante in miniatura è così spettacolare poiché fonde botanica, arte e filosofia zen in un’unica unità armonica, dando vita a una vera e propria opera d’arte.

 

Decio ci racconta infatti che coltivare un bonsai non significa solo potarlo e ricordarsi di bagnarlo, bensì accompagnare la pianta lungo tutto il suo processo di crescita.

Amore quotidiano, passione e rispetto della natura sono le parole d’ordine per un bravo bonsaista. E poiché ogni pianta è viva, ci ascolta e percepisce le attenzioni che le rivolgiamo, indispensabile è trasmetterle la nostra personalità, entrarci in sintonia e dedicarle le giuste cure.

 

“Il bonsai è un mezzo per crescere, l’artista riversa sulla pianta i suoi sentimenti più profondi”, dice. “Ogni coltivatore avrà modo di accorgersi che quanto dato alla pianta in qualche modo gli verrà restituito”.

 

Decio, da grande appassionato del suo secondo mestiere, nel 2014 decide di aprire un proprio sito, in cui racconta chi è, dove insegna, le origini del bonsai, e dove mette in vendita le proprie splendide creazioni.

 

Non possedendo infatti un negozio fisico, egli si fa conoscere attraverso il suo e-commerce, le fiere e i mercati a cui partecipa, e i vari workshop che promuove, in cui esorta i suoi studenti a divulgare il più possibile questa affascinante coltura.

 

 

Photo Credits: FB @pianurabonsai

Incontro gratuito con il maestro bonsai Paolo Morbiato giovedì 10 ottobre al Barbazza Garden Center di Treviso

 

Mentre sta per prendere il via una nuova stagione di Salotti Botanici e un ricco calendario di iniziative autunnali, il Barbazza Garden Center invita a una serata introduttiva sull’arte e la cultura del bonsai, giovedì 10 ottobre – dalle 20.30 alle 22.30 – nella serra storica all’ingresso del Garden di via San Pelajo 5 a Treviso.

 

Sarà Paolo Morbiato, istruttore Scuola d’Arte Bonsai, il protagonista dell’appuntamento intitolato “Verso Oriente alla scoperta dei Bonsai” (ingresso libero e gratuito).

 

Durante l’incontro, Morbiato presenterà brevemente anche il corso base Bonsai che terrà per quattro giovedì consecutivi, dal 17 ottobre al 14 novembre, sempre nella “serretta” di via San Pelajo in orari serali, che avrà un costo di euro 85 comprensivo di pianta da lavoro (ginepro), manuale e attrezzo da taglio (posti limitati – iscrizione obbligatoria).

 

Info: 0422.308301 – sito

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni