Home / Posts Tagged "Bassano del Grappa"

A Bassano del Grappa trionfano, a suon di record personali, Lorenzo Lachin (300 ostacoli), Thomas D’Este (2000) e Alvise Di Martiis (martello). Argenti per Giacomo D’Alessandro (martello) e David Desiba Gauze (lungo). Scatta il conto alla rovescia per i Tricolori di Rieti (6-7 ottobre) 

 

Tre ori, due argenti, una pioggia di primati personali. Il gruppo atletico Aristide Coin Venezia 1949 torna dai campionati regionali cadetti di Bassano del Grappa (Vicenza) con un bottino prezioso. La rassegna veneta, fondamentale incrocio della stagione giovanile, attesa dai campionati italiani di categoria, ha incoronato tre autentiche promesse della società mestrina.

 

Il primo a salire sul gradino più alto del podio è stato, sabato, Lorenzo Lachin, trionfatore nei 300 ostacoli in 41”13. Una grande prova, accompagnata da un nuovo record personale (19 centesimi di progresso) che ha portato Lorenzo alla soglia dei 41”.

 

 

Ieri, domenica, nella seconda giornata della rassegna, il gruppo atletico Coin ha festeggiato altre due vittorie. Merito di Thomas D’Este, dominatore nei 2000 metri in 5’55”71, sua miglior prestazione di sempre e uno dei risultati tecnici di maggior spessore dell’intera rassegna, e di Alvise Di Martiis, leader nel lancio del martello con 42.31, davanti al compagno di squadra (e d’allenamento, sotto la guida del tecnico Raffaele Sartorato) Giacomo D’Alessandro (41.05). Le misure realizzate a Bassano, anche nel loro caso, rappresentano il nuovo, ampio primato personale.

 

 

Sul podio regionale è salito anche David Desiba Gauze, secondo nel salto in lungo con 6.21 e un miglioramento di 14 centimetri sul primato personale. In campo femminile, ottima quarta piazza di Alice Boatto nel lancio del disco (27.76).

 

 

Archiviata la rassegna regionale, inizia il conto alla rovescia in vista dei campionati italiani di categoria, individuali e per regioni, che si terranno il 6 e 7 ottobre a Rieti. È l’ultima grande rassegna tricolore dell’annata su pista e gli atleti del Gruppo Atletico Coin hanno le carte in regola per ben figurare.

 

Ecco i risultati degli atleti del gruppo atletico Coin ai campionati regionali cadetti di Bassano del Grappa.

 

CADETTI.

300: 15. Tommaso Mattiuzzo 40”39.

1000: 11. Tommaso Mattiuzzo 2’52”40, 31. Marco Trevisanello 3’06”92, 33. Nicola Casarin 3’09”52.

2000: 1. Thomas D’Este 5’55”71, 9. Francesco Maniscalco 6’26”27, 15. Nicola Casarin 6’40”68, 19. Luca Casarin 6’54”23.

300 ostacoli: 1. Lorenzo Lachin 41”13.

Alto: 8. Ludovico Moschetta 1.68, 11. Luca Rebesco 1.60.

Lungo: 2. David Desiba Gauze 6.21 (+0.3).

Martello: 1. Alvise Di Martiis 42.31, 2. Giacomo D’Alessandro 41.05.

Giavellotto: 15. Riccardo Andriolo 34.36.

 

CADETTE.

Asta: 8. Alice Boatto 2.20.

Lungo: 26. Patrizia Simi De Burgis 4.16 (-2.1).

Disco: 4. Alice Boatto 27.76.

Lo scorso 18 maggio, il gruppo storico “La Grande Guerra” ha effettuato la tradizionale uscita mensile con destinazione Col della Beretta.

 

Dopo una piacevole camminata, un numeroso gruppo ha raggiunto l’Asolone. Posti incantevoli, teatri di sanguinose battaglie, nel passato. Ma il tempo e la vegetazione hanno cancellato quasi tutto. Quasi, perché un occhio esperto riesce ancora a notare i numerosi avvallamenti causati dai continui cannoneggiamenti.

 

Il pomeriggio è poi proseguito con un’interessante visita guidata a Bassano del Grappa.

Dopo il tour da record dello scorso anno, che ha registrato quasi 200 mila presenze e 16 tappe in tutta Italia, gli eventi manager Fabio Lazzari e Marco Bari annunciano i primi appuntamenti estivi tra Veneto e Piemonte. “Ci attende la stagione migliore di sempre, impennata di richieste da tutta Italia: il Veneto è la regione più colorata d’Europa”. La solidarietà per l’India.

 

L’Holi, il Festival dei colori, è diventato in pochissimo tempo un fenomeno sociologico che ha calamitato in Italia migliaia di persone da tutta Europa, rapite da quell’alchimia magica fatta di musica, divertimento e colori e carica di messaggi positivi di amore e fratellanza, manifesto della tradizionale festa indiana da cui il format prende ispirazione.

 

Fabio Lazzari e Marco Bari, i noti ideatori del festival multicolor, dopo il grande esito del tour 2017 che ha toccato sedici città e spiagge di tutta Italia registrando un sold out dopo l’altro per un totale di oltre 200 mila presenze, sono pronti ad annunciare le prime sei tappe del nuovo Holi on tour 2018. “Holi è un fenomeno che si è sviluppato in Veneto, che a livello europeo è la regione che più ama la tradizione indiana delle polverine colorate”, spiegano. “Il motivo? Forse il fatto che dopo tanto lavoro e grigio, i giovani hanno voglia di dimenticare tutto e colorarsi festeggiando. Ma adesso si sta diffondendo a macchia d’olio in tutta Italia, ci chiamano da tutte le città della penisola che vogliono farsi colorare”.

 

Il debutto sarà il 1 giugno sulla spiaggia di Cayo Blanco a Sottomarina, nel Veneziano, una delle capitali del divertimento estivo italiano e dove l’anno scorso il format ha registrato il sold out, per cui sarà un felice ritorno.

 

Il 2 giugno bis di tappe: nella spiaggia di Piazzale Zenith a Bibione e a Vercelli in Piazza Garibaldi.

 

Il summer tour prosegue il 9 giugno a Bassano del Grappa, nel Vicentino, all’Ama Music Festival che si terrà al Parco Ragazzi del ’99.

 

Il giorno dopo, il 10 giugno miriadi di arcobaleni sullo splendido parco di Villa Margherita, dove si svolge anche l’evento Street Food Garden.

 

E infine (per ora), il 16 giugno il grande ritorno allo Sherwood Festival di Padova, dove tutto è cominciato e dove la partecipazione ha sfondato ogni record con quasi 20 mila presenze l’anno scorso.

 

Oltre alla musica e al divertimento però, ciò che distingue l’Holi dagli altri format che lo imitano sull’onda della viralità del fenomeno, è lo scopo solidale dei due giovani manager. Fin dall’esordio del festival, Lazzari e Bari raccolgono fondi per la Fondazione Fratelli Dimenticati che aiuta i bambini audiolesi di un villaggio in India. La Fondazione Fratelli Dimenticati è una onlus di Cittadella, nel Padovano, che finanzia un progetto a Nandanagar, un villaggio nel Nord-Est dell’India dove nel 2006 è stata istituita la Ferrando School, un istituto che accoglie bambini audiolesi con l’obiettivo di intervenire precocemente nella diagnosi e nella cura della sordità attraverso percorsi terapeutici.

 

 

LA STORIA

Holi – Il Festival dei colori nasce alcuni anni fa dalle menti di due event manager veneti, Fabio Lazzari e Marco Bari, i primi a portare in Italia il format. L’Holi on tour si ispira alla tradizionale festa indiana e lo mixa con dj set dall’elettronica al rap del collettivo Riverbros. Degli esordi di Padova e Vicenza se n’è parlato molto sul web, con le foto del bacio diventate virali su Facebook e su Instagram.  Poi il format è diventato nazionale. Da Macerata a Bologna, passando per Firenze e Roma fino a Venezia e Trieste, ha toccato tutta Italia, dalle spiagge alle città. Il Festival è stato anche protagonista delle riprese del film “Forever Young” con l’attore Fabrizio Bentivoglio ed il fenomeno del selfie colorato è stato oggetto di studio sociologico. Una vera e propria moda che ha spopolato ovunque e che tappa dopo tappa ha registrato numeri di partecipanti da capogiro. In particolar modo, l’Holi Summer Tour 2017 ha raggiunto la quota record di quasi 200 mila presenze totali. www.holiontour.it

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni