Home / Posts Tagged "APP"

Una App con previsioni meteo, situazioni fiumi, lavori in corso e pagamenti online

 

La nuova App, realizzata da Acque Risorgive, mette a disposizione di tutti i cittadini con un semplice tocco i servizi gestiti dal Consorzio di bonifica. Previsioni meteo aggiornate, aggiornamento costante sui cantieri aperti in tutto il comprensorio formato da 52 comuni, informazioni e pagamenti online senza doversi recare agli sportelli. Uno strumento digitale, semplice e intuitivo, scaricabile gratuitamente dagli App store di Apple e GooglePlay, digitando “Acque Risorgive”.

 

“Da tempo – spiega Francesco Cazzaro, presidente del Consorzio con sede a Mestre – siamo impegnati in una rivoluzione digitale che, sfruttando le enormi potenzialità che internet ci offre, renda più facile ai consorziati accedere ai molteplici servizi, tenersi informati sulla nostra attività e rapportarsi con il nostro personale per pratiche catastali e fissare appuntamenti evitando, soprattutto in questi tempi di restrizioni Covid, di dover uscire di casa. Nell’app confluiscono tanti servizi che Acque Risorgive è in grado di gestire in modalità online rappresentando oggi, sul panorama nazionale, un modello di eccellenza come hanno dimostrato alcuni premi e riconoscimenti che ci sono stati assegnati per le soluzioni offerte”.

 

Il Consorzio di bonifica, per rendere ancora più semplice l’utilizzo dell’applicazione Acque Risorgive, ha realizzato un video tutorial che spiega in maniera divertente quali sono i servizi a disposizione dei consorziati, come accedere, quali informazioni si possono avere. Dieci i tasti che, attraverso un tocco, fanno accedere alle pagine cantieri, servizi al contribuente, meteo, contatti, news, prenotazioni, azioni anti Covid, pubblicazioni, rete in gestione, oasi e aree verdi. Nella fascia bassa della schermata che appare sul proprio smartphone aprendo l’app, ci sono infine quattro tasti per accedere al proprio profilo (previa registrazione), telefonare al centralino, inviare una mail o consultare il sito web.

 

 

“Ringrazio l’azienda Evomatic di Rovigo che – osserva Carlo Bendoricchio, direttore di Acque Risorgive – ha saputo realizzare un’applicazione completa e semplice da utilizzare, rispondendo all’esigenze del Consorzio di bonifica. Ci auguriamo che siano numerosi i consorziati a scaricarla e utilizzarla e siamo curiosi di raccogliere anche le loro opinioni e magari anche consigli per poterla in futuro migliorare”.

POST TAGS:

Book lovers d’Italia e del mondo, unitevi. È nato un ambizioso progetto che ha bisogno del vostro aiuto per decollare.

Si tratta di Bybook, l’App di dating per chi ama i libri. In altre parole, un Tinder che richiama a sé gli amanti della lettura (single e non) con l’intento di far loro vivere un’avventura oltre le pagine del libro.

 

A differenza delle App di dating, Bybook si rivolge in primis agli over 30, con un pubblico di riferimento specifico tra i 35 e i 55 anni. Una fascia d’età che, secondo le stime, riguarda il 16% degli italiani che utilizzano App di incontri.

 

Il carattere assolutamente non frivolo di Bybook si conferma anche per il fatto che l’immagine del profilo di ogni utente non sarà una sua foto, bensì un avatar del libro la cui copertina rivela qualcosa di lui/lei.

 

L’App, al momento in fase di sperimentazione e il cui lancio avverrà presumibilmente a maggio, ha già una pagina Facebook e un sito in cui è possibile lasciare la propria mail e per i primi 1000 iscritti ci sarà uno straordinario omaggio. Affrettatevi allora, perché solo dalla metà di dicembre sono già state raccolte 300 adesioni!

 

 

Fonte: Il Messaggero

Con la prima biglietteria unica dematerializzata in Europa niente più code alle casse e viabilità più fluida

 

Oltre 20 milioni di turisti ogni anno. Un impatto troppo alto per la città di Venezia dove le code affollano i punti nevralgici e complicano la viabilità lungo le calli ed in prossimità delle principali biglietterie, per esempio quelle del trasporto pubblico.

 

Come collaborare a risolvere il problema? Una soluzione arriva dalla piattaforma MyPass, la prima biglietteria unica virtuale in Europa che ha scelto Venezia come città pilota di un progetto che presto coinvolgerà anche altre città italiane ed europee.

Parola d’ordine dematerializzazione. Grazie a MyPass tutti coloro che devono acquistare un biglietto a Venezia si trovano davanti alla possibilità di acquistarlo direttamente dal cellulare, saltando la coda ed evitando lunghe file alle biglietterie: musei, parcheggi, trasporto pubblico, tutto è a portata di click, per i residenti e per i turisti.
Scaricando l’App gratuita MyPass Venezia, disponibile su IOS e Android, da oggi ogni utente può accedere ad un’offerta multiservizi ricchissima. Dalla Biennale al Guggenheim, dal parcheggio dell’aeroporto Marco Polo a quello di Piazzale Roma, dalla Scuola Grande di San Rocco al trasporto pubblico… ogni biglietto è acquistabile on time o prenotando nelle date desiderate.

 

La App, disponibile in multilingua, è attiva da dicembre 2019 e negli ultimi mesi è cresciuta moltissimo: oltre 2000 download solo nell’ultima settimana e migliaia di biglietti acquistati inApp confermano che MyPass Venezia può realmente migliorare l’esperienza del visitatore e la vita della città, permettendo di eliminare fastidiose code e congestioni.

 

E’ la prima volta in Italia che un’unica App permette, con estrema semplicità e comodità, di prenotare e pagare un posto auto, i biglietti dei traghetti, dei musei e di tanti altri servizi, alle tariffe ufficiali o con minime commissioni di vendita. Il biglietto elettronico è memorizzato nell’App pronto per essere utilizzato per l’accesso diretto e può essere conservato, così da permettere all’utente un veloce riepilogo dei servizi fruiti e un controllo spese.

 

Il pagamento avviene in modo semplice, abbinando a sistema una qualsiasi carta di credito o prepagata ed è rapido e sicuro grazie al gateway Banca Sella, partner di MyPass.
In sintesi, l’App gestisce le tariffe delle diverse biglietterie configurandosi come un’unica biglietteria virtuale della città. Non solo: un po’ come un cittadino del posto MyPass suggerisce anche eventi, spettacoli e attrazioni fuori dalle solite rotte.

 

“La visione che ci anima – dice Guya Paganini, Ceo e Fondatore di MyPass – è quella di permettere al turista di organizzare al meglio il proprio tempo, portando con sè il ricordo di una visita, senza stress, alle infinite proposte di arte, architettura e musica di questa straordinaria città. Nello stesso tempo la nostra attenzione è rivolta anche alle strutture che oggi devono gestire flussi convulsi, disordinati e spesso critici di visitatori.

 

La nostra ambizione è nel motto che ci ispira: Empower every tourist, care for the city. Siamo molto fiduciosi che questa visione possa regalarci grandi soddisfazioni: ci hanno dato fiducia il parcheggio Marco Polo dell’Aeroporto, dove abbiamo brevettato una soluzione di accesso via BLE innovativa, poi la Collezione Peggy Guggenheim, Casa Tre Oci, la Scuola Grande di San Rocco, Vela – Venezia Unica e La Biennale 2019, per cui siamo felici ed orgogliosi di offrire ai numerosissimi visitatori attesi per la 58°edizione il nostro sistema unico di accesso alle varie sedi espositive”.

 

I principali plus di MyPass Venezia sono:

DEMATERIALIZZAZIONE. Niente più biglietti, tutto è a portata di smartphone.
MULTICANALITA’. Collegandosi all’App si possono acquistare biglietti, parcheggi, ticket per il servizio pubblico.
RISPARMIO. Acquistando tramite l’App non ci sono costi aggiuntivi e si può fruire di biglietti ridotti in molte strutture
VELOCITÀ. Tutti i servizi sono prenotabili o acquistabili on time, consentendo di saltare le lunghe code in biglietteria.

www.mypass.cc/venezia/

Un nuovo sistema per il monitoraggio e la segnalazione in tempo reale dell’arrivo di temporali o, in generale, di precipitazioni intense è stato messo a punto da ARPAV ed è ora disponibile per chiunque, scaricando una specifica “App ARPAV Temporali” sul proprio smartphone.

 

“Si tratta di un servizio in più reso al cittadino – ha spiegato l’assessore regionale all’Ambiente – perché sia
informato in anticipo su possibili fenomeni intensi e programmare così le sue attività, soprattutto quelle all’aria aperta. Nasce dalla possibilità data dai radar meteo in gestione all’ARPAV, che forniscono dati elaborati in modo automatico e in tempi molto brevi. È un sistema realizzato completamente in casa e le uniche spese vive sono quelle per l’utilizzo dei server necessari a consentire agli utenti di accedere al servizio”.

 

Alberto Luchetta, Direttore del Dipartimento Sicurezza del territorio di ARPAV, ha fatto presente che sul territorio veneto si registrano in media da 10 a 30 giorni con piogge intense (superiori a di 10 mm) nei mesi da maggio a settembre. Nel periodo dal 1993 al 2016 la media è salita localmente di 1 o 2 giorni nella parte settentrionale della regione. Le precipitazioni intense e di breve durata (con quantitativi massimi maggiori) interessano invece soprattutto le zone costiere.

 

Questa App non ha finalità di protezione civile ma rappresenta un utile ausilio per rimanere informati sull’evoluzione meteorologica nelle aree di interesse dell’utente.

Il sistema è basato sul telerilevamento dei radar ARPAV di Teolo e Concordia Sagittaria e anche sui dati forniti da quello di Monte Macaion (in Trentino Alto Adige), che vengono poi elaborati dai server.

 

Una volta scaricata, l’App consente di visualizzare le immagini e ricevere le notifiche per i comuni scelti dall’utente (fino a tre) con la possibilità di scegliere l’estensione dell’area (da 10 a 50 km) entro la quale si vuole ricevere l’avviso. Il sistema offre la possibilità di selezionare anche l’intensità della precipitazione (intensa o molto intensa) e l’intervallo tra le notifiche. Funziona anche su Bot Telegram ma si può selezionare un solo comune.

Un’APP dà la possibilità di girare per l’ospedale dell’Angelo di Mestre, guidando i pazienti e i visitatori dall’ingresso del nosocomio fino alle prenotazioni e anche nelle stanze dove devono recarsi per visite o altro.

Non solo, l’applicazione “MyHospitalSerenissima” guida le persone negli ambulatori, tra i reparti, tra i parcheggi e i negozi presenti nella struttura.

 

L’ospedale mestrino è il primo in Veneto a dotarsi di questa applicazione, scaricabile sul proprio smartphone.

Un sistema che permette anche di ridurre i tempi di attesa all’accettazione e all’accoglienza.

Ad oggi, sono già oltre 10.000 le persone che usufruiscono di questa applicazione.

Fonte: La Nuova Venezia

Dieta, che ossessione. C’è chi la tenta per qualche settimana, perdendo chili su chili prima di riesplodere. Chi elimina tutto: dalla pasta al formaggio, passando per la carne. Per poi rendersi conto che sedersi a tavola diventa una tortura. Chi invece entra in astinenza per un mese all’anno, sperando così di purificarsi. Ci sono libri, vademecum, suggerimenti di ogni tipo. Ma nessuno prima di oggi aveva proposto la dieta senza rinunce, la dieta che ti permette di continuare a mangiare esattamente le cose che ti piacciono.

 

Nasce a Rovigo e arriva a Valli di Chioggia, nel Veneziano, il “metodo Keyum®”, grazie al supporto di un rivoluzionario software nutrizionale che si basa sulla scomposizione bromatologica, scienza che studia la composizione chimica, le alterazioni e la conservabilità delle sostanze alimentari. In sostanza, sono state catalogate le etichette alimentari di settemila alimenti, reperibili sullo scaffale del supermercato, ed elaborate oltre quindicimila ricette diverse. Un esempio? Non troverete “un biscotto” ma la tipologia di biscotto di quella marca che vi piace. Il motivo è semplice: la composizione chimica di ogni prodotto cambia di marca in marca.

 

Il software nutrizionale Keyum® è in grado di elaborare piani alimentari sulla base del modello alimentare mediterraneo e grazie ad un calcolo esatto, preciso e minuzioso di tutti i componenti contenuti negli alimenti e nelle ricette, è possibile costruire una dieta personalizzata e su misura. Keyum®  è anche digital: offre la possibilità di consultare la dieta direttamente dallo smartphone, dal tablet o da qualsiasi dispositivo elettronico.

 

“Elaborando un programma alimentare che si basa su un calcolo esatto la persona interessata avrà sicuramente successo” spiega il fondatore del metodo, Paolo Braghin, noto imprenditore dal 1994 ed ex titolare di un centro fitness e tuttora atleta agonista. In pratica, l’algoritmo viene impostato con la quantità giornaliera di carboidrati, proteine, grassi e ogni altro nutriente, secondo il modello alimentare mediterraneo rispettando le esigenze della persona. Poi incrocia questi dati coi cibi scelti e emette come output il menù.

 

“La nostra chiave vincente è guidare il cliente in un percorso nutrizionale, senza troppe rinunce: mantenendo ciò che piace per soddisfare il palato e non solo”, spiega la dottoressa  Elisa Mancini, biologa nutrizionista, responsabile scientifica della piattaforma e membro del team scientifico di Keyum. “Chi l’ha detto che chi intraprende una dieta non può mangiare il cioccolato? Il trucco è intraprendere un percorso nutrizionale guidato da un professionista: mantenendo in un primo approccio ciò che più ci piace si  garantirà il risultato senza troppe fatiche; ciò è possibile grazie a una scomposizione dettagliata e minuziosa di tutti gli alimenti che introduciamo nella giornata”.

 

Grazie al lavoro svolto in collaborazione con il professore Enzo Spisni dell’Università Alma Mater di Bologna, il software nutrizionale è stato implementato, basandosi esclusivamente su contenuti presenti in pubblicazioni scientifiche internazionali di elevato profilo, con mappe di incompatibilità alimentari per un totale di 24 tra allergie ed intolleranze scientificamente dimostrabili ma anche in presenza di 18 specifici stati patologici quali i disturbi del tratto digerente (gastro intestinale). L’esperienza consolidata della dottoressa Mancini testimonia che l’elaborazione di piani nutrizionali mirati e personalizzati sia per soggetti sani o in sovrappeso o anche  in presenza di alcuni stati patologici, già diagnosticati, può determinare enormi benefici e miglioramenti.

 

E se questa è la parte “dedicata al benessere” del metodo Keyum®, va anche precisato che quest’ultimo ha un campo di azione a 360 gradi: è in grado di  soddisfare le esigenze dei vegetariani, dei vegani è in grado di garantire enormi risultati anche in ambito sportivo, per le differenti  discipline e a tutti i livelli. Sono infatti centinaia gli atleti tra ciclisti, triatleti, iron man, di nuotatori e rugbisti che usano l’algoritmo alimentare.

 

 

 

KEYUM IN PILLOLE

Il metodo Keyum® è stato inventato da Paolo Braghin, il quale ha messo a punto  con l’aiuto di una commissione medico-scientifica un software, unico in Europa, che definisce la dieta su misura mantenendo nel menù i piatti preferiti grazie ad una scomposizione bromatologica di settemila cibi e quindicimila ricette in continuo aggiornamento. Le sede centrale è a Boara Polesine, in provincia di Rovigo, ma ci sono uffici operativi anche a Bologna e Chioggia, nel Veneziano. La società è nata nel 2013, ad oggi vi lavorano nelle varie sedi una decina di persone. Nel corso degli anni, ha elaborato migliaia di diete per oltre diecimila persone, nel tre quarti dei casi per il mondo femminile. Tra chi segue il metodo, alcuni sportivi famosi nel territorio veneto: citiamo i triatleti Nicola Battocchio, Omar Bertazzo e Michele Aglio; i ciclisti Marcello Pavarin, Liam Bertazzo e Filippo Fortin; ma anche il rugbista Nicola Quaglio e gli atleti di Judo-Karate-Taekwondo Gabriele e Gianni Guglielmo. Dal punto di vista medico-sanitario, grazie alla revisione della piattaforma, effettuata in collaborazione con docenti dell’università Alma Mater di Bologna, il software è in grado di elaborare programmi nutrizionali anche in presenza 24 allergie ed intolleranze e 18 stati patologici, funziona ad esempio per attenuare e ridurre drasticamente i sintomi del reflusso gastrico, del gonfiore addominale, della stipsi e di alcune forme di mal di testa.

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni